Translator
Translator

Monumenti più famosi in Kenya


Fort Jesus, Mombasa
Fort Jesus, Mombasa

 

Monumenti più famosi in Kenya

                                Se vuoi esplorare la storia del Kenya attraverso i secoli, ci sono una serie di monumenti storici in Kenya tra cui edifici, palazzi e parchi consacrati dal tempo dove puoi conoscere il glorioso passato del Kenya. La presenza di questi monumenti del Kenya ti accompagnerà in una passeggiata attraverso la ricca storia del Paese.

Naked Justice Boy, Nairobi
Naked Justice Boy, Nairobi

 

Il Ragazzo nudo della giustizia

                               Molte persone hanno visto la statua che si trova fuori dalla Corte Suprema a Nairobi. È conosciuto con molti nomi, il più popolare è "Onyango", un nome Luo che collega il ragazzo con il pesce. Il suo nome originale è "Hamilton Fountain". Durante il regno di Sir Robert Brooke, un governatore coloniale britannico in Kenya, questo famoso monumento in Kenya fu eretto in onore dell'avvocato Alexander George Hamilton, morto nel 1937. Doveva ritrarre la giustizia come nuda, scivolosa e senza paura, come il ragazzo nudo. È stato commissionato dalla moglie dell'avvocato, Gertrude Hamilton. Questa è la terza replica, la precedente è affondata nell'oceano durante il transito e un'altra è stata rubata.


Tom Mboya Statue, Nairobi
Tom Mboya Statue, Nairobi

 

La statua di Tom Mboya

                               Nel 2011, il monumento a Tom Mboya è stato eretto lungo Moi Avenue a Nairobi in onore di Tom Mboya. Era un ministro keniota assassinato nel 1969. Il monumento si erge a una ventina di metri dal luogo in cui fu assassinato Mboya e a non meno di dieci metri dal suolo. Sin dalla sua inaugurazione, la posizione di questo monumento nazionale in Kenya si è rivelata uno dei luoghi di ritrovo più popolari all'interno del CBD di Nairobi. È popolare tra i fan di Gor Mahia che si radunano lì per cantare e ballare dopo i giochi, e altre persone che si siedono ai suoi piedi mentre passano il tempo.


Dedan Kimathi Statue. Nairobi
Dedan Kimathi Statue. Nairobi

 

La statua di Dedan Kimathi

                               Lungo Kimathi Street, la statua di Dedan Kimathi si trova di fronte all'Hilton Hotel di Nairobi. Questo importante monumento in Kenya è stato costruito in memoria del feldmaresciallo Dedan Kimathi. Dedan Kimathi, nato il 31 ottobre 1920, è stato un combattente per la libertà che ha combattuto contro il dominio coloniale britannico in Kenya negli anni '50 ed è morto il 18 febbraio 1957. Poco dopo essere stato giustiziato dal governo coloniale britannico, è stato successivamente catturato, riconosciuto colpevole. La statua in bronzo del feldmaresciallo Dedan Kimathi è stata rivelata al pubblico nel centro di Nairobi nell'anniversario della sua esecuzione. La sua statua è in insegne militari, con un fucile nella mano destra e un pugnale nell'altra, che rappresenta l'ultima arma che ha tenuto nelle sue lotte.


Nyayo Monument, Nairobi
Nyayo Monument, Nairobi

 

Monumento a Nyayo

                               Questo monumento si trova nel Parco Uhuru a Nairobi. È stato eretto per commemorare i 10 anni di governo dell'ex presidente Daniel Arap Moi nel 1988 e i 25 anni di indipendenza. Una volta è stata una caratteristica della banconota da 100 scellini e per costruirla sono stati spesi 18 milioni di scellini. Alla cerimonia hanno partecipato presidenti di 10 paesi e per l'evento sono stati spesi oltre 300 milioni. Molte persone che l'hanno vista come un simbolo di repressione e dittatura, la statua è stata una rovina per loro. Raila Odinga, che allora si trovava nella FORD Kenya, ha promesso di distruggere questo famoso monumento in Kenya una volta che il partito sarebbe salito al potere.


Jomo Kenyatta Monument, Nairobi
Jomo Kenyatta Monument, Nairobi

 

Monumento a Jomo Kenyatta

                               Questo è probabilmente uno dei monumenti più noti del paese, avendo punteggiato il dorso della valuta keniota per molto tempo. La statua di Jomo Kenyatta non è altro che un capolavoro di uno scultore britannico di 80 anni di nome James Butler. Questo antico monumento in Kenya è stato scolpito nel 1969 e inaugurato nel 1973. Mzee Jomo Kenyatta è stato il primo presidente della Repubblica del Kenya ed è celebrato come un vero figlio dell'Africa. È considerato il padre della nazione keniota. Con ogni dettaglio intatto, la statua in bronzo fuso è stata interamente realizzata in Inghilterra ed è stata poi spedita dall'Inghilterra in container a Mombasa ed è stata poi portata in camion a Nairobi e installata nella sua posizione attuale. Questo monumento si trova fuori dal Kenyatta International Conference Center (KICC)a Nairobi.


Vasco da Gama Pillar, Malindi
Vasco da Gama Pillar, Malindi

 

Il pilastro di Vasco Da Gama

                               Essendo stato costruito nell'anno 1498, si dice che questo sia uno dei monumenti più antichi del Kenya e della storia africana. Sulla costa di avere una croce in cima, fu distrutta dai leader musulmani. Questa croce che hanno preso come una facciata per promuovere il cristianesimo, ma in seguito le è stato permesso di stare in piedi. Questo monumento iconico in Kenya si trova nella contea di Kilifi a Malindi, sormontato da una croce in pietra di Lisbona, ricostruito nel XVI secolo dopo essere stato abbattuto. Vasco Da Gama è stato il primo a navigare direttamente dall'Europa all'India ed è stato un esploratore e navigatore portoghese. Per i portoghesi stabilire un impero coloniale di lunga durata in Asia, la sua scoperta della rotta marittima per l'India lo rese possibile.


War Memorial Monument,  Nairobi
War Memorial Monument, Nairobi

 

Monumento ai caduti in guerra

                               “Nel ricordo delle truppe native africane che combatterono; ai portatori che erano le mani e i piedi dell'esercito e a tutti gli altri uomini che hanno servito e sono morti per il loro re e paese nell'Africa orientale nella Grande Guerra, 1914-1918. Se combatti per il tuo paese, anche se muori, i tuoi figli ricorderanno il tuo nome”. Queste parole emotive sono incise sul monumento, dove rimarranno in memoria dei giorni in cui gli uomini hanno messo a rischio la loro vita per combattere per un corso che non doveva essere il loro. Questo monumento di guerra in Kenya si trova lungo Kenyatta Avenue a Nairobi. I tre uomini africani rappresentano un facchino, un ascari e un portatore di armi, ma nessuno di loro è identificato per nome o grado. Nel 1924, dallo scultore britannico James Alexander Stevenson, fu progettato probabilmente in memoria di coloro che combatterono per i colonizzatori britannici a vario titolo indistintamente.


Koobi Fora Prehistoric Site, Lake Turkana
Koobi Fora Prehistoric Site, Lake Turkana

 

Sito preistorico di Koobi Fora

                               “Per chi è curioso di conoscere l'uomo primitivo e come viveva, questo è il posto migliore. Il Koobi Fora, una formazione geologica costituita da sedimenti lacustri e fluviali della sponda orientale del lago Turkana, si trova sulla sponda orientale del lago Turkana. Questo monumento naturale in Kenyaregistra strumenti di pietra (strumenti Olduwan) risalenti a 2 milioni di anni fa. Questi strumenti Oldowan sono scheggiati in due direzioni per formare strumenti semplici, ruvidi e per tutti gli usi in grado di tagliare, raschiare o tagliare e fatti di ciottoli di quarzo, quarzite o basalto. Qui è stato trovato anche uno scheletro di 6 milioni di anni di un "ragazzo Turkana" di 11 anni! Lasciati incuriosire dalle impronte di antenati umani risalenti a 1,5 milioni di anni fa. È affascinante conoscere la lunghezza dei piedi dei nostri antenati e i passi che hanno fatto (brevi o lunghi) e come le impronte differiscano da una specie di uomo primitivo all'altra.


Mau Mau Monument, Nairobi
Mau Mau Monument, Nairobi

 

Monumento Mau Mau

                               Memoriale alle vittime della tortura e dei maltrattamenti nell'era coloniale 1952-1960 è il nome ufficiale del Mau Mau Memorial. La scultura mostra un combattente Mau Mau portato cibo da una donna combattente durante la lotta per la libertà nella foresta, progettato ed eseguito dal famoso artista Kevin Oduor. Questo monumento più popolare in Kenya è stato lanciato dal governo del Regno Unito al Freedom Corner di Uhuru Park, a Nairobi. È stato il risultato di un accordo extragiudiziale per i veterani di Mau Mau che sono stati torturati e detenuti durante lo stato di emergenza dal 1952 al 1960. È stato ufficialmente aperto al pubblico il 12 settembre 2015.


Silver Jubilee Monument, Nairobi
Silver Jubilee Monument, Nairobi

 

Monumento al giubileo d'argento

                               Questo monumento commemora il 25° anniversario dell'indipendenza. È stato ufficialmente aperto dal secondo presidente del Kenya Daniel Toroitich arap Moi nel 1988 all'Uhuru Park di Nairobi. Molti leggono la politica in questa statua, come la maggior parte delle statue commissionate in questo periodo. Si diceva che KANU stesse cercando di legittimarsi come partito al governo e la commissione di statue per suscitare la simpatia del pubblico era un mezzo. Questo monumento imperdibile in Kenya è ancora in piedi ed è aperto al pubblico.


Fort Jesus, Mombasa
Fort Jesus, Mombasa

 

Fort Jesus

                               E’ uno dei monumenti principali del patrimonio culturale costiero del Kenya, ma soprattutto testimonia oltre 400 anni di storia swahili. Non stupisce quindi che l’Unesco abbia attribuito all’antica roccaforte portoghese, il riconoscimento di Patrimonio Mondiale dell’Umanità. Un riconoscimento importante anche sotto il profilo strettamente economico perché ora Fort Jesus potrà ora ricevere aiuti più consistenti per la sua conservazione a beneficio non solo del popolo keniota, ma anche per le generazioni future.

Costruita dai portoghesi tra il 1593 e il 1596 su progetto dll'architetto italiano Giovanni Battista Cairati per proteggere il porto e la città di Mombasa, la rocca ha visto nei secoli l’avvicendarsi delle dominazioni straniere: portoghese prima, poi omanita e inglese. Oggi, all'interno delle mura si può vedere tutta una fila di cannoni, allineati davanti all'edifico principale. Quest'ultimo racchiude un piccolo museo che raggruppa oggetti ritrovati su una nave arenata, appartenente al popolo arabo e musulmano. Vi si scoprono anche alcune bacheche sulla vita dei kenioti, il loro villaggio e le loro usanze. Più volte alla settimana è organizzato uno spettacolo di suoni e luci. Il forte ospita infatti anche un museo che illustra le tradizioni Swahili e le testimonianze della presenza di cinesi, indonesiani, malesi e indiani in città. Una botola da accesso ad una sala sotterranea dove gli schiavi venivano fatti ingrassare prima di essere trasferiti verso le coste arabe o nelle piantagioni di chiodi di garofano a Zanzibar. Tutte le sere, poi, alle 19 è possibile assistere ad uno spettacolo di suoni e luci che ricorda la tumultuosa storia del forte.

Tra gli altri siti che potrebbero ottenere il prestigioso riconoscimento c’è anche la Città Vecchia di Mombasa con il suo ricco patrimonio architettonico e culturale. E’ caratterizzata da vicoli con case dalle facciate rovinate talvolta ornate da splendide mosciarabeie ligneee (balconi in legno protetti dalle persiane). Qui l’atmosfera è permeata dal vociare della popolazione locale e dai rumori provenienti dalle botteghe artigiane. Tra la quindicina di moscheee che sembrano gareggiare ad esporre il proprio minareto, spicca la moschea più antica della città, la Moschea Mandhry, risalente al 1570. Una sosta al vecchio porto dei Sambuchi è d’obbligo per poi proseguire verso il mercato del pesce e la Moschea Dawudi Bohra.


Kit Mikayi, Kisumu
Kit Mikayi, Kisumu

 

Kit Mikayi

                               Kit Mikayi, un monumento di pietre e la sua leggenda

Un singolare monumento naturale da cui si domina un paesaggio incantevole, in una zona poco frequentata dal turismo di massa in Kenya, ma che sta diventando luogo d'interesse storico e paesaggistico. Kit-Mikayi è una imponente formazione rocciosa alta settanta metri sulla strada che dalla città di Kisumu porta alla cittadina di Bondo nel Kenya occidentale, poco distante dal Lago Vittoria. Dopo trenta chilometri, arrivando da Kisumu, si prende la strada per Bondo e dopo un chilometro si vede il cancello di una scuola elementare, la N’gop Ngeso Primary School. Kit-Mikayi nel dialetto dei “Luo”, l’etnia autoctona, significa "Pietre della prima moglie" o "First Wife Rocks".
La leggenda di Kit Mikayi narra che molti secoli fa c’era un vecchio di nome Ngeso che era in grande sintonia con le pietre. Ogni giorno, quando si svegliava al mattino, era solito entrare nella grotta all' interno della pietra e rimanervi tutto il giorno, costringendo la moglie a portargli la colazione e il pranzo. L' anziano si innamorò appassionatamente di questa pietra al punto che la gente chiedeva spesso alla moglie dove si trovava, e lei rispondeva sconsolata che lui era andato alla sua prima moglie (Mikayi) da cui il nome “pietra della prima moglie” (Kit Mikayi). Un' ulteriore spiegazione di questa singolare formazione rocciosa è che secondo le sue caratteristiche e componenti, la struttura rappresenta la famiglia poligama della tradizione Luo che aveva la casa della prima moglie (Mikayi) costruita più avanti tra il lato destro era la casa della seconda moglie (Nyachira), mentre la casa della terza moglie (Reru) è stata costruita sul lato sinistro della casa.
Per molto tempo, questa pietra è stata un luogo sacro per gli abitanti del villaggio, nonché luogo di culto e di riti tribali di iniziazione.
Gli abitanti locali che vivono intorno alle pietre sono conosciuti come il clan “Kakello”.
Il sito è associato a sacrifici e molte leggende di epoca precristiana.
Kit-Mikayi oggi è un punto di interesse turistico regionale.
E' anche diventato un popolare luogo di pellegrinaggio locale per i seguaci della setta “Legio Maria” che si trovano al cospetto della roccia per pregare e digiunare per diverse settimane alla volta.
La roccia sorge in una zona ricca di attrazioni, non lontana dalla più famosa Ndere Island, nota per la presenza di fauna selvaggia, il birdwatching, ippopotami, coccodrilli del Nilo e impala.


Lamu-Fort, Lamu Island
Lamu-Fort, Lamu Island

 

Forte di Lamu

                               Lamu Fort è una fortezza nella città di Lamu nel nord-est del Kenya . Originariamente situato sul lungomare, il forte oggi si trova in una posizione centrale nel paese, a circa 70 metri (230 piedi) dal molo principale sulla riva.
Il forte di Lamu fu costruito tra il 1813 e il 1821 con l' assistenza dell'Oman . Inizialmente fornì una base da cui gli Omani consolidarono il loro controllo sulla costa dell'Africa orientale, ma in seguito la città perse la sua importanza economica. Durante il periodo coloniale britannico , e dopo l'indipendenza del Kenya, il forte fu utilizzato come prigione. Oggi ospita un museo ambientale e una biblioteca, ed è spesso utilizzato per eventi comunitari.
Lamu Fort è una struttura difensiva eretta all'angolo sud-est dell'antica città di pietra di Lamu. Il forte fu costruito accanto alla Moschea Pwani, la più antica moschea conosciuta di Lamu, con origini nel XIV secolo. Il forte originariamente si trovava sul lungomare, che poi correva lungo la via principale della città, ma da allora si è ritirato.
Thomas Boteler, che visitò Lamu nel 1823, descrisse il forte come "un grande edificio quadrato, con una torre ad ogni angolo, ma costruito in modo così leggero che con ogni probabilità lo scarico del suo ordigno a nido d'ape avrebbe presto portato l'intero tessuto a terra. " Aveva un "grande ingresso a volta ... [e] consisteva in tre piani di balconi, sostenuti all'interno da archi . Il capitano WFW Owen, che visitò allo stesso tempo, notò che il forte era "un centinaio di metri quadrati, e circondato da mura alte da quaranta a cinquanta piedi."
Oggi il forte si trova in una posizione centrale nel paese. Si trova a circa 70 metri (230 piedi) dal molo principale sulla riva. Il forte oggi è un massiccio edificio in pietra a due piani. La struttura tozza e potente contrasta con l'elegante architettura swahili degli altri edifici della città.
La costruzione del forte sembra essere stata iniziata da Fumomadi , sultano di Pate Anche il leader Mazrui Abdalla bin Hemed, in una difficile alleanza con Pate, fu coinvolto nella costruzione. Fu costruito un piano, ma con la morte di Funomadi nel 1809 la costruzione fu interrotta. Nel 1812 Lamu ottenne un'inaspettata vittoria nella battaglia di Shela sulle forze di Pate e Mombasa . La continua minaccia li ha spinti a chiedere aiuto all'Oman. Said bin Sultan, Sultano di Mascate e Oman(r. 1804-1856), si dice che abbia contribuito alla rinnovata costruzione, iniziata nel 1813 e completata intorno al 1821.
Il sultano Sayyid Said bin Sultan inviò un governatore a Lamu intorno al 1814. Fornì una guarnigione protettiva di soldati Baluchi . Secondo Boteler, la guardia principale consisteva in "una ventina di soldati di Moscato, sdraiati sulle panche di pietra su entrambi i lati, con l'occhio intento al vuoto, e armati dei loro scudi, spade e picche. Un vasto assortimento di micce, sospese dalle pareti sopra di loro, somigliavano a quelli usati dai primitivi uomini armati di piccolo calibro in Inghilterra."  Tuttavia, la sicurezza offerta dal forte incoraggiò la costruzione intorno ad esso durante il XIX secolo, inclusa una vetrina.
L'importanza di Lamu nell'arcipelago di Lamu crebbe a spese di Pate negli anni che seguirono la costruzione del forte. Il Sultano usò il Forte di Lamu come base per sconfiggere i ribelli Mazrui a Mombasa e per stabilire il controllo sulla costa dell'Africa orientale. Trasferì la capitale del suo sultanato a Zanzibar . Persa la sua importanza strategica, Lamu decadde presto in importanza economica rispetto a Mombasa e Zanzibar.
Lamu Fort è stato trasformato in una prigione nel 1910 dall'amministrazione coloniale britannica.  Negli anni '50 i detenuti di Mau Mau furono tenuti nel forte. Il forte continuò ad essere usato come prigione dopo l'indipendenza del Kenya fino al 1984. Fu poi dato ai Musei Nazionali del Kenya , che convertirono il forte in un museo con l'aiuto dell'Agenzia svedese per la cooperazione allo sviluppo internazionale . Il Forte di Lamu è stato dichiarato monumento programmato il 15 maggio 1984.  Il restauro è stato eseguito con cura. Una mostra temporanea è stata inaugurata nel 1993.
Il forte oggi comprende un museo con una mostra al piano terra che si occupa principalmente di conservazione ambientale. Il cortile è utilizzato dalla comunità locale per incontri, matrimoni e spettacoli pubblici. Ci sono uffici, laboratori e un'officina al secondo piano e una struttura congressuale che è disponibile per l'affitto.Il forte ospita una biblioteca con un'eccellente collezione di poesie swahili e materiale di riferimento su Lamu. I bastioni del forte offrono vedute panoramiche della città.


Great Mosque of Gedi
Great Mosque of Gedi

 

Le rovine di Gedi

                               Le Rovine di Gedi sono uno dei grandi misteri del Kenya. Situata in una posizione idilliaca sull'Oceano Indiano e sepolta nel profondo di una foresta lussureggiante, si pensava che la città fosse stata fondata all'inizio del XIII secolo, sebbene prove concrete sfuggano alla maggior parte degli scienziati. Ma ciò che ha davvero sconcertato i ricercatori è il misterioso abbandono e l'incredibile sviluppo della città consolidata.
Rimangono in piedi oggi numerose case in mattoni di corallo, un palazzo e un'imponente moschea. Tuttavia, non è solo la qualità delle rovine a stupire i visitatori, ma anche la natura avanzata dell'insediamento. Gedi era per molti versi una città molto avanzata con strade, acqua corrente e servizi igienici con sciacquone.
Correggendo l'ipotesi che l'Africa fosse molto indietro rispetto al resto del mondo prima del colonialismo, Gedi era un ambiente urbano cosmopolita e gli archeologi hanno trovato vasi cinesi Ming, vetro veneziano e altri manufatti provenienti da tutto il mondo. Questo pot-pourri di storia è una chiara prova che gli abitanti musulmani della città costiera del Kenya hanno commerciato pesantemente con culture al di fuori della propria e hanno sviluppato un mondo incredibile che ora è stato profondamente decomposto dalle foreste tropicali.
Gli scavi sono avvenuti dal 1948 e l'intera area è protetta come parco nazionale in Kenya.


Jumba la Mtwana Mosque, Mtwapa Creek
Jumba la Mtwana Mosque, Mtwapa Creek

 

Le rovine di Jumba la Mtwana

                               Il nome completo Jumba la Mtwana significa in swahili "la grande casa dello schiavo". All'interno di quest'area sono sopravvissute in condizioni riconoscibili quattro moschee, una tomba e quattro case. Queste case includono la Casa del Cilindro, La Casa della Cucina, La Casa delle Molte Piscine, che aveva tre fasi, e la Grande Moschea. Gli abitanti di questa città erano principalmente musulmani, come testimoniano una serie di moschee in rovina.
Non ci sono documenti storici scritti della città, ma prove ceramiche hanno dimostrato che la città era stata costruita nel XIV secolo ma abbandonata all'inizio del XV secolo. La datazione si basa sulla presenza di alcuni brandelli di prima porcellana blu e bianca con celadon lung-chuan, e l'assenza di qualsiasi mercanzia cinese successiva.
È molto probabile che la posizione strategica del sito sia stata scelta per la presenza di acqua dolce, l'esposizione alle brezze di Nord Est e Sud Est che manterrebbero la gente fresca e la sua posizione sicura da attacchi esterni via mare poiché non aveva porto, quindi più grande le navi dovevano ancorarsi lungo la costa o spostarsi probabilmente nel torrente Mtwapa. Si possono quindi solo intuire le ragioni della sua eventuale diserzione, ovvero l'interruzione del commercio, l'invasione ostile o la mancanza di approvvigionamento idrico. Anche se è necessario proseguire la ricerca su questo.
Lo sgombero e lo scavo delle rovine furono effettuati per la prima volta nel 1972 da James Kirkman al fine di datare gli edifici, il periodo di occupazione e consolidare gli edifici che rischiavano di crollare. Dieci anni dopo, nel 1982, Jumba la Mtwana è stato dichiarato monumento nazionale. Così Jumba è legalmente protetto dall'Antiquities and Monuments Act, capitolo 215 delle leggi del Kenya.
Jumba la Mtwana, un pittoresco villaggio in rovina, si trova nel distretto di Kilifi, nella provincia costiera. Il sito si trova a circa 15 chilometri a nord di Mombasa, sopra e sopra la spiaggia, a circa 1000 metri a nord della foce del torrente Mtwapa; A 4 chilometri dalla strada Mombasa-Malindi e si estende lungo la riva per una distanza di circa 300 metri e 250 metri nell'entroterra. La sua posizione geografica sulla mappa è alla griglia di riferimento 855641 del foglio di mappa 198/4, Kenya Survey Map.


Mnarani Ruins,Kilifi
Mnarani Ruins,Kilifi

 

Le rovine di Mnarani

                               Il sito fu occupato per la prima volta all'inizio del XIV secolo, ma la prima moschea; la Grande Moschea non fu costruita fino al 1425 d.C. Poco dopo furono intrapresi degli ampliamenti, seguiti da importanti sforzi di ricostruzione più tardi nel XV secolo in seguito al crollo dell'edificio precedente.
Vicino alla prima moschea c'è una moschea più piccola che, prima della sua costruzione, esisteva nella sua posizione una moschea molto simile ma più piccola; le fondamenta del suo Mihrab possono ancora essere viste ad est dell'attuale Mihrab. La moschea originale fu costruita intorno al 1475, mentre la moschea successiva intorno al 1500; ciò è evidente dalla presenza di un piatto portoghese nella cisterna, indicando così che le modifiche finali alle moschee non furono probabilmente completate prima del XVI secolo. Mnarani fu infine distrutta dai Galla all'inizio del XVII secolo e le prove archeologiche sembrano confermarlo.
Queste rovine furono pubblicate per la prima volta nel marzo 1929 nella Gazette Notice No.170 come "Rovine di Mnarani" e successivamente confermate come Monumenti nella Gazette Notice No.457. Successivamente, sono stati elencati prima il 15 giugno 1935 nella Gazzetta Ufficiale n.445 e poi ancora al cap.215 del 1962 Revised Subsidiary Legislation. Così ad oggi sono conosciuti come Rovine di una vecchia moschea nel foglio della mappa di Kilifi 198/2.
Manarani è un luogo panoramico e tranquillo che merita una visita ed è un ottimo sito per picnic.
Le rovine di Mnarani si trovano nel distretto di Kilifi, nella provincia costiera. Si affaccia sul torrente Kilifi dal lato sud, a circa 200 metri dalla strada Mombasa – Malindi. Le rovine costituite da due moschee e un gruppo di tombe. Rientra nella griglia di riferimento 936 970 sul foglio di mappa 198/2.


Sito preistorico di Ologesailie
Sito preistorico di Ologesailie

 

Sito preistorico di Ologesailie

                               Olorgesailie è una formazione geologica situata in Africa orientale, contenente un gruppo di siti archeologici del Paleolitico inferiore. Si trova sul fondo della Rift Valley orientale, in Kenya meridionale, tra due vulcani spenti, il monte. Olorgesailie e Oldonyo Esakut 60 kma sud-ovest di Nairobi, in Kenya, lungo la strada che conduce al lago Magadi. Olorgesailie è famoso per il ritrovamento di numerose amigdale acheuleane e di resti di macellazione di animali. Secondo il National Museums of Kenya, i ritrovamenti sono molto importanti per l'archeologia, la paleontologia e la geologia.
I reperti furono scoperti per la prima volta dal geologo britannico John Walter Gregory nel 1919, ma fu solo nel 1943 che gli scavi iniziarono seriamente sotto la direzione di Mary e Louis Leakey , con l'assistenza di prigionieri di guerra italiani in libertà vigilata. I lavori sono continuati lì fino al 1947. Glynn Isaac ha ripreso gli scavi negli anni '60 per la sua tesi. Negli anni '80, la ricerca è stata continuata da Richard Potts della Smithsonian Institution in collaborazione con i Musei nazionali del Kenya.
Gli strumenti umani sono i più importanti di tutti gli oggetti storici della zona. Caratteristici del periodo acheuleano sono le abbondanti asce a mano, realizzate da ominidi tra circa 600.000 e 900.000 anni fa [7] lungo quella che allora era la riva di un lago ora prosciugato. Sono stati trovati anche fossili di vari animali, compresi quelli di specie estinte di ippopotami, elefanti, zebre, giraffe e babbuini, probabilmente macellati con l'aiuto delle asce.
Nel giugno 2003, un team guidato da Potts ha scoperto un osso frontale in situ, Altre parti del piccolo cranio (designato KNM-OL 45500) sono state trovate nei mesi successivi. L'osso frontale ha da 900.000 a 970.000 anni e probabilmente apparteneva all'Homo erectus , rendendolo così il primo fossile umano trovato nel sito. I resti fossili si trovavano allo stesso livello stratigrafico di due asce e diverse scaglie, vicino a densi depositi di asce.
Nel 2018 sono state trovate prove risalenti a circa 320.000 anni fa a Olorgesailie dell'emergere precoce di comportamenti complessi e moderni, probabilmente associati al primo Homo sapiens , tra cui: il commercio e il trasporto a lunga distanza di risorse (come l'ossidiana), l'uso di pigmenti, e l'eventuale realizzazione di punti proiettili. L'emergere di questi comportamenti, è stato osservato dagli autori di tre studi del 2018 sul sito, corrisponde approssimativamente ai primi resti fossili di Homo sapiens dall'Africa (come a Jebel Irhoud , Marocco e Florisbad , Sud Africa) datati intorno al stesso periodo, e si suggerisce che comportamenti complessi siano iniziati in Africa intorno al periodo della comparsa dell'Homo sapiens.

Parti da Nairobi alle 7:30 dall'hotel di Nairobi per Olorgesailie, risalendo i pendii delle colline di Nong prima di scendere nella Great Rift Valley e nella terra dei Masai. Il sito era una volta un accampamento di cacciatori sul bordo di un lago ora scomparso. L'area è stata ben scavata e una guida esperta è disponibile per accompagnarti in un'affascinante passeggiata. C'è un piccolo museo sul sito. Procedi verso il Lago Magadi, un'incredibile distesa di soda cristallina sulla superficie di un lago multicolore poco profondo. Mettiti comodo e fai un pranzo al sacco. Quindi fai una passeggiata intorno al lago per vedere uccelli e fenicotteri. Rientro a Nairobi nel pomeriggio. Arrivo e rientro in hotel.
Il piccolo ma eccellente museo del sito di Olorgesailie è stato recentemente rinnovato e ospita mostre sull'evoluzione umana, strumenti in pietra e formazione del sito. Una passerella in legno rialzata è stata costruita attorno a un'impressionante esposizione in situ di strumenti in pietra e fossili di animali, tutti risalenti a 1,2 milioni di anni fa. Inoltre sul sito c'è una grande ombra per picnic e quattro cottage da campeggio, che possono essere affittati su base self-help. La zona può essere molto calda.
Il Lago Magadi si trova nel sud del Kenya. Questo lago di soda di 104 kmq è completamente circondato da vaste saline naturali. Queste pianure calde e soffocanti impediscono agli animali di raggiungere il lago alcalino al suo centro. Per questo motivo, migliaia di fenicotteri scendono ogni anno sul lago per nidificare su cumuli di fango sopraelevati sul bordo del lago, al riparo da potenziali predatori. Le sorgenti d'acqua dolce sulla riva del lago attirano una miriade di altri uccelli.


Parco Nazionale di Sibiloi
Parco Nazionale di Sibiloi

 

Parco Nazionale di Sibiloi

Sibiloi National Park, per gli amanti dell'avventura e dell'antropologia.

                               Il Parco Nazionale di Sibiloi si trova sulla sponda nord-orientale del Lago Turkana nel nord del Kenya. Istituito nel 1973 dal governo del Kenya per la protezione della fauna selvatica e dei siti paleontologici, copre 1.570 km 2 (610 miglia quadrate ) ed è noto a livello internazionale per i suoi fossili . È stato inserito nell'elenco dei patrimoni dell'umanità dell'UNESCO nel 1997 come parte dei parchi nazionali del lago Turkana.
Il Parco Nazionale di Sibiloi si trova sulle sponde selvagge e frastagliate del Lago Turkana - la culla dell'umanità - Sibiloi ospita importanti siti archeologici tra cui Koobi Fora dove i resti fossili hanno contribuito alla comprensione dell'evoluzione umana più di qualsiasi altro sito nel continente . L'area è caratterizzata da habitat semidesertici e pianure aperte fiancheggiate da formazioni vulcaniche tra cui il Monte Sibiloi, dove sono visibili i resti di una foresta pietrificata.

Il parco è stato chiamato per il Monte Sibiloi in vista a Allia Bay sul perimetro sud. Vi si trova anche la sede del parco del Kenya Wildlife Service, l'autorità amministratrice; campeggio e strutture per soggiorni brevi per i visitatori; e il Museo Koobi Fora. Koobi Fora Spit con le strutture del Centro di ricerca Koobi Fora si trova a nord, ma è accessibile tramite visite guidate. I resti più famosi del parco sono l' Australopithecus e i primi fossili di Homo . Questi sono stati spostati a Nairobi , ma nel museo sono esposti fossili non umanoidi.


UN VIAGGIO INDIETRO NEL TEMPO FINO ALLA CULLA DELL'UMANITÁ
Nel 1972 il Governo keniota dichiaró l’area ad Est del Lago Turkana, compresa tra il fiume Tulor Bor a nord e Allia Bay a sud, parco Nazionale con il nome di Sibiloi.
Il Sibiloi National Park si estende per circa 20 Km sulle sponde orientali del Turkana e per oltre 50 Km da nord a sud, comprendendo piu di 1000 chilometri quadrati di un territorio formato pricipalmente da strati di rocce sedimentarie e ceneri vulcaniche e altri paesaggi mozzafiato. L'area è caratterizzata da un habitat semi-desertico e da pianure aperte fiancheggiate da formazioni vulcaniche tra cui il Monte Sibiloi, dove si possono vedere i resti di una foresta pietrificata che dovrebbe risalire a circa 6 milioni di anni fa.
Tra le maggiori attrazioni del Parco c’e il lago Turkana che oltre ad essere il più salino dei grandi laghi africani é anche il più grande lago desertico permanente del mondo. Il Turkana è un laboratorio eccezionale per lo studio delle specie vegetali e animali. Il parco funge da scalo per gli uccelli acquatici migratori ed è un importante luogo di riproduzione per il coccodrillo del Nilo, l'ippopotamo e una varietà di serpenti velenosi oltre a 350 varietá di uccelli acquatici e terrestri.
Le caratteristiche geologiche e la vicinanza al lago Turkana fanno del parco Sibiloi un sito incontaminato e unico per la conservazione dei fossili e dei manufatti preistorici, concentrati nell’area della penisola di Koobi Fora.
A Koobi Fora sono stati fatti numerosi ritrovamenti paleontologici, e queste scoperte si sono rivelate fondamentali per comprendere la storia evolutiva della specie umana.
La prima persona che intuí l’importanza paleontologica di Koobi Fora fu Richard Leaky ed é grazie alle diverse spedizioni organizzate successivamente alla sua “scoperta” in cui vennero alla luce straordinari ritrovamenti fossili, che i paleontologi riuscirono a ricostruire sempre piú precisamente il complesso enigma dell’evoluzione umana.
Inizialmente sono stati rinvenuti numerosi resti di Australopitecus Robustus e successivamente resti fossili attribuiti a Homo Habilis e Homo Erectus. Altri ritrovamenti fossili tra i più innovativi sono stati i resti di una tartaruga gigante di 3 milioni di anni, lo scheletro di un elephas recki - un pachiderma antenato e un coccodrillo lungo 45 piedi chiamato "Behemoth" ( si contano più di 100 siti archeologici ).
L'impeccabile tesoro della storia umana è completato da una spettacolare varietà di flora, come i boschi di commiphora, euforbia e rosa del deserto.
Il sito è circondato da comunità con culture tradizionali molto ricche e incontaminate: i Turkana, i Gabra e i Dassanach. Durante la stagione secca estrema é possibile incontrare, nelle aree circostanti altre tribú nomadi come Samburu e Rendille.
Come si raggiunge:
Il Parco del Sibiloi si trova a circa 800 km a nord di Nairobi.
In aereo: I voli commerciali operano sulla pista di Lodwar.
Sono comunque operative altre piste a Marsabit, Loiyangalani, Kalokol e North Horr.
Il cancello d’ingresso principale é il Karsa gate, altri secondari sono Allia bay e Koobi fora.
Il parco è a tre giorni di macchina da Nairobi via Marsabit e North Horr, o Maralal e South Horr, in alternativa, si può viaggiare su strada da Nairobi a Kalokol, sulle rive occidentali del lago, via Kitale e Lodwar. Si raccomanda di viaggiare in convoglio.


Siyu Fort
Siyu Fort

 

Il Forte di Siyu

                               Siyu è l'unica città che ha costruito un proprio forte, a differenza di Mombasa e Lamu, dove i forti sono stati costruiti da stranieri. La tradizione orale indica che il forte fu costruito da uno dei leader di Siyu, Bwana Mataka, il cui nome completo era Mohammed Ishaq bin Mbarak bin Mohamed bin Oman Famau nel 19° secolo per salvaguardare i residenti di Siyu dalla dominazione degli arabi dell'Oman. Ricostruì anche gran parte della città, tra cui un bel palazzo in pietra per se stesso, di cui sono ancora visibili i resti.
Questo forte costruito in corallo con una piccola moschea al suo interno, è stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale nel 1958 come "Monumento Nazionale". Oltre all'imponente forte, Siyu ospita i resti di magnifiche tombe e moschee, mentre l'attuale villaggio è ancora noto per il suo artigianato in pelle ben consolidato, tra cui sandali, cinture e sgabelli.

Il forte di Siyu si trova nel distretto di Lamu, provincia costiera nell'isola di Pate, in un punto di fronte alla città di Siyu, attraverso il canale di marea, che taglia in due l'isola in piena. Si trova a circa 25 km a nord-est della città di Lamu ed è raggiungibile in barca da Lamu, lungo un lungo torrente fiancheggiato da mangrovie che è navigabile solo con l'alta marea.


Ingresso Grotta Mau-Mau
Ingresso Grotta Mau-Mau

 

La Grotta Mau-Mau

                               Situata vicino a Nanyuki , a circa 199,2 km a nord-est di Nairobi [1] nella provincia centrale del Kenya , la grotta dei Mau Mau è stata utilizzata come nascondiglio dai combattenti per la libertà kenioti durante la rivolta dei Mau Mau dal 1952 al 1960. Si trova a circa 18 km a sud dell'equatore all'interno del fitto Parco Nazionale del Monte Kenya

La grotta fu scoperta nel 1953 dai combattenti per la libertà Mau Mau che combattevano il governo coloniale britannico subito dopo la dichiarazione dello stato di emergenza nel 1952. Fu bombardata dalle forze britanniche nel 1959 dopo che la posizione fu ottenuta da un membro dell'Esercito Land and Freedom. Circa 200 persone hanno perso la vita nella grotta durante il bombardamento e i loro resti sono ancora visibili tra le macerie. È stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale nel 2003 dai Musei del Kenya e dichiarato monumento nazionale.