Translator
Translator

Grotte del Kenya


Monte Suswa. Alba sul cratere
Monte Suswa. Alba sul cratere

La caverna nel suo intrinseco significato, come luogo di rifugio millenario per l'uomo ed altre specie, ha suscitato riflessioni, idee e teorie filosofiche fin dai tempi delle prime civiltà urbanizzate. Le grotte furono il primo rifugio dell'uomo e alcune di esse restarono certamente a lungo sede di culti arcaici.

Grotte, uno spettacolo naturale da scoprire!
Un’imperdibile occasione per ammirare dei luoghi naturali più sorprendenti del Kenya.


Grotte del Monte Suswa (Mount Suswa Caves)
 
Mount Suswa Caves
Mount Suswa Caves
 
Il monte Suswa, un massiccio doppio cratere vulcanico, è una delle montagne meno conosciute nelle aree di conservazione del Kenya.

A soli 50 km da Nairobi, è stato descritto da molti come il miglior viaggio di una giornata dalla capitale keniota. Questo piccolo vulcano doppio craterizzato si trova molto vicino al ben noto Monte Longonot. Anche se non impressionante dall'esterno o dalla strada principale per Narok, il Monte Suswa è una delle montagne più spettacolari della Rift Valley, in quanto comprende un sistema di crateri a doppio cono con un diametro di ben 12 km, una vasta rete di grotte di ossidiana (vetro vulcanico) e una varietà di animali e piante selvatiche.
Suswa è un magnifico vulcano estinto nella Rift Valley. È famoso per le numerose grotte situate lungo i suoi pendii. Tutte sono facili da accedere, nessuna è troppo lunga o complessa e nessuna attrezzatura o conoscenza speciale è necessaria per esplorare questi luoghi.

L'attrazione principale a Suswa sono le grotte vulcaniche, ci sono oltre 30 ingressi alle grotte che semplicemente emergono dal terreno. Le grotte si trovano sul bordo esterno del cratere. Potrebbe essere necessario chiedere indicazioni per trovarle.
Le grotte sono costituite da sistemi di tubi di lava, formatisi in un periodo di recente attività vulcanica. Sono completamente differenti dalle grotte di calcare. I tubi di lava sono relativamente rari e si ritiene che siano stati formati quando la lava fusa, del tipo e della viscosità corretta (lava pahoehoe), scorreva lungo un pendio con un angolo ideale. Gli strati esterni si raffreddarono e si solidificarono, ma il nucleo continuò a scorrere e in alcuni casi abbandonò completamente il tubo lasciando un vuoto.
Le grotte custodiscono numerose caratteristiche insolite come funi di lava, banchi di basalto, stalattiti e stalagmiti di lava e una varietà di formazioni secondarie. Queste ultime sono prodotte dal deposito di minerali disciolti nelle acque sotterranee. Le formazioni secondarie sono eccezionalmente belle nella caverna 35A sul Suswa dove si trovano stalattiti e stalagmiti molto insolite e bellissime. Molte di queste formazioni sono abbastanza fragili e si deve prestare molta attenzione a non toccarle.
 
Queste spettacolari grotte, di circa 10 m di altezza ed abbastanza larghe in molti punti, sono le preferite per gli appassionati di speleologia.Portate una buona torcia e un sacco di batterie. Non andate da soli, i bambini devono farsi accompagnare dagli adulti, ci sono pericolosi dislivelli (oltre 10 m) in certi luoghi. Le grotte sono straordinarie, le loro pareti hanno una struttura bizzarra come la pasta stirata dalla lava in ritirata.

L'area è gestita dalla Suswa Conservancy e il campeggio è permesso. Ci sono un certo numero di punti sensazionali per accamparsi dove ci si sente totalmente isolati. Occorre rifornirsi di molta acqua e di legna da ardere, considerando inoltre che di notte non si vedono luci su tutto l'orizzonte.
Oltre alle tasse per ogni persona, per ogni veicolo e per il campeggio, da pagare alla Suswa Conservancy, i locali vi potrebbero chiedere una sovrattassa avanzando il fatto che campeggiate su un'area privata di loro proprietà.
 
La fauna selvatica comprende giraffe, gazzelle di Thomson, zebre, saltarupi (oreotraghi), leopardi, genette, babbuini e iraci. Le grotte sono piene di pipistrelli. Quanto alla sicurezza è consigliabile procurarsi almeno una guardia notturna e diurna per il campo, oltre ad una guida durante le escursioni; il personale è di facile reperimento tra i locali.

 

Grotte Kitum (Kitum Cave)
 
Kitum Cave
Kitum Cave
 
Kitum è il nome di una grotta che si trova sul Monte Elgon e si immette per 200 metri all'interno della montagna, un vulcano spento quasi al confine tra Kenya e Uganda.
Questa grotta era nota in tutto il mondo a causa di accadimenti avversi: persone che sono entrate sono morte a causa di una malattia emorragica terribile, probabilmente correlata a Ebola e al virus Marburg.

Si garantisce che questa grotta è un serbatoio naturale di questi virus.

La Riserva Nazionale del Monte Elgon, un vulcano spento 4321 m di altitudine, ai limiti della Great Rift Valley ed al confine tra l'Uganda e il Kenya, ha come attrazione principale una serie di quattro grotte: Kitum Makingeni, Chepnyalil e Ngwarisha, accessibili ai turisti.

Kitum la misteriosa grotta sul fianco orientale del Monte Elgon, è la più profonda e si estende in senso orizzontale per 200 metri nel cuore della montagna. Nella lingua Masai, il suo nome significa "luogo di cerimonie".

Queste grotte sono un luogo di riunione preferito dagli elefanti. La leggenda narra che queste caverne sono cimiteri dove gli elefanti si riuniscono a morire. La verità è che, come Kitum, le grotte sono costituite da molle cenere vulcanica ed altre rocce, ed ogni sera, grandi gruppi di elefanti amano avventurarsi nelle profondità nella grotta per nutrirsi dei ricchi giacimenti di sale. Per questo fenomeno notturno hanno guadagnato il nome di "elefanti sotterranei".

A queste "riunioni" partecipano anche bufali, scimmie e altri animali per leccare le pareti di sale della grotta. Il sale è essenziale nella dieta degli animali e la cava di Kitum è uno dei pochi posti al Monte Elgon, dove si possono riunire. Un'altra leggenda dice che la grotta è stata scavata per centinaia di migliaia di anni da elefanti usando le loro zanne per estrarre il sale (speleogenesi elefantiaco). Nella grotta vi è anche un profondo crepaccio, in cui giovani elefanti sono caduti e sono morti.

Ebola e il virus chiamato Marburg sono recentemente emersi sotto forma di epidemie periodiche. Una teoria dice che il virus Ebola si rifugia nella grotta Kitum. È possibile che in questa grotta dimorino, portatori del virus Ebola attraverso il loro guano (il virus può essere propagato anche attraverso l'inalazione di guano in polvere). La grotta di Kitum è stata considerata come la possibile origine di Ebola, perché due persone nel 1980 hanno contratto virus di Marburg dopo aver visitato la grotta e nel 1987 un ragazzo danese di 15 anni si è ammalato ed è morto.

Un altro motivo che fa sospettare che i pipistrelli siano vettori del virus, è che una fabbrica piena di pipistrelli in Sudan sembra essere stata la fonte di focolai di Ebola nel 1976 e nel 1979. Richard Preston ha scritto un libro intitolato "Hot Zone" ("The Hot Zone"), in cui menziona l'epidemia del virus di Marburg in Germania causato dalla importazione di scimmie africane e focolai di Ebola in Congo, Sudan e Reston (Virginia U.S). Né la letteratura scientifica, né la stampa, né Richard Preston hanno mai menzionato il nome della società importatrice, Litton Bionetics, fornitore leader di scimmie alle US Army.

In Africa vengono identificati come una specie di vampiri, o come spiriti del male, coloro che soffrono di questa malattia.

In un primo momento, si pensava che fossero posseduti da convulsioni dovute a febbre alta e vomito di sangue.

Inoltre, gli uomini infettati con Ebola, secondo leggende popolari, potrebbero trasformarsi in scimmie, orango, scimpanzé e perfino pipistrelli. E oggi, sembra che un ultimo "focolaio" venga da uno sciamano, scrive la rivista "Science". A quanto pare, uno sciamano aveva cercato di curare un bambino di due anni che soffriva di Ebola e che nessuno conosceva. Lo sciamano fece diversi rituali attraverso il sangue e fu così che avvenne il contagio. Inoltre, al funerale c'erano 14 donne addette alla pulizia del corpo che a loro volta si sono infettate diffondendo così la malattia.

Quando la grotta Kitum è stata scoperta in Kenya, si è pensato che i graffi e i solchi lasciati sulle pareti fossero il frutto del lavoro degli antichi egizi in cerca di oro o diamanti. Ma non era così, no. La formazione della grotta ha una origine molto più strana.

 

Grotte degli schiavi a Shimoni (Shimoni Slave Caves)
 
Shimoni Slave Caves
Shimoni Slave Caves
 
Le meravigliose grotte coralline di Shimoni nella contea di Kwale sono una testimonianza vivente dei giorni oscuri della schiavitù sulla costa orientale dell'Africa.
Prima che gli antischiavisti fermassero ill traffico di esseri umani circa due secoli fa, le grotte di Shimoni, situate in un sonnolento villaggio sul lungomare, a circa 70 km a sud di Mombasa sulla strada Mombasa-Lunga Lunga, furono utilizzate come luoghi d'attesa per schiavi catturati nell'entroterra.
A pochi metri dal sito sorge lo Shimoni Slave Museum gestito dai Musei Nazionali del Kenya.
 
Nel 2010 l'Ambasciata statunitense ha sponsorizzato il restauro di una vecchia residenza del commissariato distrettuale coloniale costruita nel 1885 e abbandonata negli anni '80, con l'obiettivo di attirare turisti provenienti dall'America.
Il museo raccoglie gli artefatti culturali della popolazione locale dei Digo e altri raccolti dalle zone costiere dell'Africa orientale, come Pemba e Zanzibar, che sono stati i centri dell'infame Arab Slave Trade dall'8° al 19° secolo.
 
Gli storici stimano che almeno otto milioni di schiavi provenienti dall'Africa furono spediti in quel periodo.
Il folklore locale vuole che la gente, cercando di sfuggire ai predoni cacciatori di schiavi, inizialmente utilizzassero queste formazioni naturali per nascondersi.
Le grotte furono anche un luogo sacro usato dagli anziani di Kaya per le preghiere e per offrire sacrifici molto prima dell'invasione dei commercianti di schiavi.
Vecchie manette di ferro, casse di legno, catene arrugginite e borchie di metallo ben conservate nelle grotte raccontano la sconfortante storia degli africani vittime della tratta degli schiavi.
Le grotte sono lunghe cinque chilometri.
Questo sito storico è gestito da un'organizzazione basata sulla comunità e apre le porte ai turisti dalle 8.00 alle 18.00 ogni giorno ad una tariffa accessibile.
Le guide spiegano chiaramente ai visitatori la triste storia dei loro antenati, indicando come i padroni degli schiavi accatastarono le loro vittime in attesa dei dhows prima che venissero traghettati.
"Le carovane arabe di shiavi hanno agito in collusione con le loro controparti africane per catturare e guidare schiavi dall'interno prima di essere portati qui in attesa di essere trasportati altrove. Molti sono morti mentre sono stati torturati o castrati ", dice Ayub Masumbuko, una guida turistica che opera dal sito.
Gli schiavi catturati dalle comunità locali furono portati prima sui mercati principali di schiavi a Mombasa, Bagamoyo, Kilwa, Zanzibar e Pemba, da dove sono stati spediti in luoghi che sono gli odierni Yemen, Arabia Saudita, Turchia, India, Cina e Iran.
Gli schiavi furono utilizzati anche come portatori per le spedizioni che trasportavano avorio e altri beni dall'entroterra.
Per coloro che vogliono un flashback della storia di questo paese sul lungomare, questo sito è un invito incredibile.

 

Grotta Mau-Mau (Mau-Mau Cave)
 
Mau Mau Cave
Mau Mau Cave
 
Situata vicino a Nanyuki, a circa 199 km a nord-est di Nairobi nella provincia centrale del Kenya, la Mau Mau Cave è stata usata come nascondiglio da parte dei liberi combattenti kenioti durante l'insurrezione dei Mau Mau dal 1952 al 1960. Si trova a circa 18 km a sud dell'equatore all'interno del famoso Parco Nazionale del Monte Kenya.
 
La caverna è stata scoperta nel 1953 dai combattenti Mau Mau per la libertà che combatterono il governo coloniale britannico subito dopo la dichiarazione dello stato di emergenza nel 1952. È stata bombardata dalle forze britanniche nel 1959 dopo che la posizione è stata ottenuta da un membro della Land and Freedom Army. Circa 200 persone hanno perso la vita nella grotta durante il bombardamento e i loro resti si possono ancora vedere tra le macerie. È stata dichiarata monumento nazionale nel 2003 dai Musei Nazionali del Kenya.

 

Grotta del Leviatano (Leviathan Cave)
 
Leviathan Cave
Leviathan Cave
 
Leviathan Cave, nota anche come Grotta del Leviatano, è un tubo di lava nel Kenya orientale scoperto nel 1975. Anche se è stato segmentato dal movimento delle placche tettoniche, la lunghezza complessiva delle campate del tubo di lava è di 11,5 km. È il tubo di lava più lungo e più profondo in Africa.
Leviathan Cave si trova nel parco nazionale delle Chyulu Hills, ai margini del deserto di Nyiri, che si trova a nord-ovest del Parco Nazionale di Tsavo West.
Negli anni '80, Leviathan Cave è stato il terzo tubo di lava più lungo conosciuto al mondo. Tuttavia, le indagini moderne hanno trovato più recenti tubi più lunghi e hanno trovato passaggi più lunghi di tubi già noti.
Leviathan Cave è ancora il tubo più lungo in Africa, ma è solo l'undicesimo tubo di lava più lungo del mondo.
 
La Grotta di Leviathan è suddivisa in due sezioni, il Leviathan Superiore e il Leviathan Inferiore. Il Leviathan Superiore è lungo 9.152 m, con una profondità di 408 m. Il Leviathan Inferiore è lungo 2.071 m, con una profondità di 70 m. Questi segmenti sono considerati separatamente quando si classifica la lunghezza del Leviatano, secondo lo standard internazionale. Come tutte le grotte costituite da tubi di lava, la Grotta di Leviathan è stata formata da lava calda che scorreva sotto una crosta raffreddata .

 

Grotte del Paradiso Perduto (Paradise Lost Caves)

 
Paradise Lost Caves
Paradise Lost Caves
 
Le Paradise Lost Caves sono un sistema di grotte situato nella contea di Kiambu, in Kenya. Sono state scoperte ufficialmente da Joseph Mbai e da alcuni suoi braccianti sulla sua proprietà nel 1996. Una spedizione dei Musei Nazionali del Kenya ha scoperto resti umani risalenti a 8000-12000 anni fa, insieme a manufatti dell'ossidiana (vetro vulcanico) della tarda età della pietra. Le grotte sono dotate di illuminazione elettrica per le escursioni, ma può essere difficile attraversarle poiché diventando molto strette in certi punti.

 

 

Qui trovate l'elenco delle grotte più affascinanti in Kenya.

Grotte del Kenya in ordine alfabetico:

 

Kitum Cave

 

Leviathan Cave

 

Mau Mau Cave

 

Paradise Lost Caves

 

Shimoni Slave Caves

 

Suswa Cave