Translator
Translator

Monte Ol Donyo Sabuk


Kilimambogo
Kilimambogo

 

Ol Donyo Sabuk (in Maasai), o Kyanzavi in Kamba, è una montagna e una cittadina ad essa adiacente e vicina a Thika, in Kenya. La città si trova nella divisione Kyanzavi, nella contea di Machakos.
Il picco del monte Ol Donyo Sabuk, così chiamato dai pastori Maasai, che significa "grande montagna", ha una altezza di 2.145 metri. Il nome Kamba Kyanzavi significa "montagna di nzavi" o fagioli Lablab (Lablab purpureus).
Kilimambogo, (un altro nome della montagna, che in lingua Kikuyu significa "montagna del bufalo") ha due parti, Kilima - che significa "collina o montagna" in swahili e mbogo che significa "bufalo" in molte lingue bantu. Per inciso, la parte boscosa della montagna ha una grande popolazione di bufali. Bufalo si chiama Nyati in swahili e Mbogo in lingua Kikuyu. La città si trova ai margini della contea di Machakos.


Lord William Northrup MacMillan è stato il primo uomo bianco a stabilirsi qui, e tutto il resto che è accaduto da allora è in gran parte attribuito a lui (vedi note sotto: Lord William Northrop MacMillan). La città è piuttosto polverosa, a causa della deforestazione e del terreno sconnesso, situazione aggravata da piogge occasionali. Tuttavia, l'area è adorna di una bellezza selvaggia.

La città si trova a circa 18,5 km a est-sud-est di Thika, lungo la strada Thika- Garissa (strada A3). Percorrendo Garissa Road dalla città di Thika, ci sono piantagioni di ananas su entrambi i lati, accentuate da piccole sacche di eucalipto. A circa 18 chilometri a est di Thika, c'è un incrocio che va a sud, con i contrassegni del Kenya Wildlife Service. Sarà un viaggio di 3 chilometri da qui alle famose Fourteen Falls, descritte come uno dei luoghi più spettacolari del Kenya. Vicino al fiume si trova il St. Johns Kilimambogo Teachers College e l'ospedale Immaculate Heart of Mary Mission. La città di Donyo Sabuk è a un chilometro da Fourteen Falls, proprio di fronte al fiume Athi, con un incrocio che conduce al parco giochi, e l'altro alla grande casa di Donyo Sabuk.

Più in basso, oltre la base montuosa di 2.145 m, si trova la città di Donyo Sabuk, una città che ha mantenuto molte cose che Lord MacMillan ha lasciato in eredità alla zona. Qui le feste continuano fino a tarda notte e ci sono un certo numero di "gruppi di ragazzi", dove la chitarra a scatola, che utilizza una scatola di sigari vuota come risonatore, è ancora in voga. Questa città musicale è la città natale del defunto musicista Kamba Kakai Kilonzo e della band di ragazzi Gä'thika ancora attiva.

Vicino alla vetta si trova la tomba di Lord MacMillan, sua moglie e il loro cane. Inoltre, c'è una tomba in più di una Louise, che ha iniziato a lavorare per i MacMillan quando aveva 13 anni fino alla sua morte.
Ci sono cinque città all'interno dell'ex Juja Ranch, quello che una volta era uno dei più grandi ranch del Kenya. La zona rurale è una comunità multietnica in fattorie di proprietà di persone che erano ex abusivi e dei suoi braccianti. La cima della montagna si trova all'interno di un parco giochi e il resto è parzialmente di proprietà della famiglia Kenyatta.

Sir William Northrup MacMillan
William Northrup MacMillan era un miliardario e filantropo americano che possedeva importanti fattorie nell'Africa orientale britannica. La sua scarsa comprensione della semplice realtà è stata più che compensata dalle sue ambizioni esagerate e dalle sue leggendarie eccentricità. L'angoscia dei suoi schiaccianti fallimenti è pari solo allo spirito indomabile con cui ha affrontato un fallimento agricolo dopo l'altro. Nel 1905 acquisì un contratto di locazione di 99 anni su 4.000 ettari, 32 km a nord della città che alla fine divenne Juja Farm. Nel 1905 costruì la Juja House con cinque camere da letto nella proprietà. La casa principale è stata seguita da un bungalow con tre camere da letto del direttore, un bungalow con due camere chiamato "il buco di Lucie (Lucy)" e altri tre bungalow che ospitavano l'ufficio postale e telegrafico e stanze per autisti e giardinieri. Le case erano dotate di elettricità e acqua corrente e di un sistema fognario. Fu in questa casa che MacMillan ospitò il suo amico ed ex presidente americano Theodore Roosevelt oltre al "compagno di merende" e primo ministro britannico in tempo di guerra Sir Winston Churchill. La casa, oltre che da bordello per gli amici, tra cui la coppia Karen Dinesen/Bror Blixen, ed il presunto terzo incomodo Denys Finch Hatton, fungeva anche da prigione durante la seconda guerra mondiale. Negli anni successivi Juja Farm sarebbe diventata un luogo popolare per le troupe cinematografiche.


Parco nazionale Ol Donyo Sabuk
Il nome di questo parco fondato nel 1967, Ol Donyo Sabuk, significa "grande montagna" in Maasai. Si trova a 65 km a nord di Nairobi e offre un'eccellente e chiara visuale di Nairobi e di altre zone di pianura. Le specie di fauna selvatica che possono essere avvistate qui includono bufali, scimmie colobo, babbuini, bushbuck, impala, cefalofo e un'abbondante avifauna.
Il Parco Nazionale Ol Donyo Sabuk è un comune viaggio di un giorno da Nairobi, a soli 65 km di distanza. La montagna è la vetta più alta del parco e copre 20,7 km². È particolarmente attraente per gli escursionisti o le famiglie che desiderano un po' di libertà ed esercizio, fuori dai loro veicoli. Un approccio al parco è tramite le Fourteen Falls sul fiume Athi. L'attrazione del parco, oltre la sua bellezza, sono le vedute sia del Monte Kenya che del Kilimanjaro. Brulica di selvaggina tra cui babbuini, colobi, tragelafi striati, impala, cefalofi e molti uccelli. Mentre il nome "Ol Donyo Sabuk" è Maasai, e significa "grande montagna", la parola Sabuk è stata erroneamente tradotta da molti scrittori col significato di "bufalo", mentre in realtà i Maasai chiamano il bufalo Olosowan. Oggi, circa 250 bufali vagano per le piste. I tradizionalisti Kikuyu chiamano la montagna anche Kea-Njahe, conosciuta come la "Montagna della Grande Pioggia", una delle case minori di Ngai (il supremo Dio nella religione monoteistica delle tribù Kamba, Kikuyu e Maasai del Kenya).
La montagna solitaria sale a 2.145 m da un'area altrimenti pianeggiante. La ripida salita richiede un veicolo 4x4. Vicino alla vetta si trovano le tombe di Sir William Northrup MacMillan (1872-1925) e di sua moglie Lady Lucie.

Tom Mboya
Fu qui, nel 1930, che nacque e crebbe uno dei politici più pittoreschi del Kenya, Tom Mboya, quando suo padre lavorava nell'allora fattoria di sisal come bracciante. Sebbene l'ambientazione non sia in una valle, questo circuito comprendeva un chip principale del famoso set Happy Valley. Tom Mboya ha frequentato la Kilimambogo Primary School, un'istituzione sponsorizzata da un missionario cattolico, all'interno del più ampio St. Johns Kilimambogo Teachers College.

Regione di Kilimambogo
Questa è una regione metropolitana di Nairobi, che va dall'area di Kwa Mwaura e Munyu Mweu, nella contea di Matungulu North Ward Machakos, a Gatuanyaga vicino alla città di Thika, nella contea di Kiambu e indietro attraverso Juja Farm fino a Koma. Le aree all'interno della regione hanno nomi locali, Kyanzavi è il nome popolare per la regione di Ukamba. L'area è ricca di cultura, con quasi tutte le tribù e le culture keniote da esse rappresentate.

Wanjiku Kahore (Maendeleo)
Wanjiku Kahore era un'importante donna d'affari in Kenya durante il protettorato dell'Africa orientale. Era il 1960 quando arrivò nel ranch da Kinyui. Aveva raggruppato i suoi pochi averi, che includevano un'attività di stoffe allora ambita, facendo un grande ingresso distintivo e influenzando ciò che avrebbe trasformato Ol Donyo in un famoso centro commerciale. Wanjiku era sposata con un colono del Sud Africa, e insieme trasformarono Ol Donyo in un famoso centro commerciale e zona agricola durante l'era coloniale.
Sir William ha condiviso i suoi piani di coltivazione con Wanjiku. Hanno collaborato insieme nella coltivazione di caffè, ananas e sisal. Data la numerosa popolazione e la mole di lavoro esistente, vide enormi opportunità di business che hanno caratterizzato la città fino alla fine degli anni '70. La gente del posto nella sua città natale l'ha onorata e l'ha soprannominata Maendeleo (un termine swahili che significa "sviluppo") perché a Wanjiku piaceva l'espansione delle attività agricole. Lo status di Ol Donyo Sabuk era una rappresentazione diretta dello stato degli affari finanziari della gente del posto. Wanjiku era proprietaria di terreni in Masaku, tra cui Tala, Kangundo, Kawethei, Kakuyuni e molti altri.
Wanjiku ha guidato i negoziati alla conferenza di Londra tra i membri africani kikuyu e i coloni bianchi britannici per regolare il processo di assegnazione della terra negli altopiani che il popolo kikuyu rivendicava come propri. Ha gettato le basi per l'agricoltura di sisal in Kenya e ha spinto il governo coloniale a stabilire e riformare le leggi del Kenya Sisal Board (un organismo incaricato di sovrintendere all'agricoltura e alla produzione di sisal in Kenya). Successivamente è stata insignita dei premi perché era l'unico esportatore di sisal in tutta l'Africa orientale. È stata anche membro e co-fondatrice del Kenya African Union Party (KAU) e del Kenya African National Union Party (KANU) che hanno portato all'indipendenza dell'autogoverno del Kenya.

Il castello di MacMillan
Più a est di Ol Donyo l'edificio che era la casa di MacMillan, un forte per definizione, ha più di tre quarti della casa sotto chiave. Una parte di essa ospita la Muka Mukuu Farmer's Co-operative Society Ltd. una cooperativa di agricoltori. Il terreno intorno alla casa è attualmente utilizzato per la produzione di ananas.
Coprendo un terreno sufficiente per tre campi da basket, gli abitanti del villaggio hanno passato più di un secolo a chiedersi perché una coppia che non aveva figli avesse costruito una dimora così grande. L'edificio è così grande che Lord MacMillan e sua moglie avrebbero trascorso un anno in un'ala della casa, per poi migrare nell'altra nella seconda metà dell'anno. La gente del posto deve ancora capire come trarre vantaggio da un sito di attrazione turistica così ovvio.

Club House (Kilavu)
Le prime notorietà del ranch catturarono l'immaginazione di molte persone durante la prima guerra mondiale, quando il castello fungeva da ospedale militare per gli ufficiali britannici. Le feste sfrenate tenute nel castello, dove il famigerato cane sciolto colonnello Ewart Scott Grogan guidò le orge di condivisione delle mogli, sono spettacoli che hanno attratto i media internazionali. Quindi il castello fu battezzato "Kilavu" dai giovani del posto, che significa "Club House" in Kamba. Ma gli anziani non sono esattamente dello stesso parere dichiarando di sapere cosa dovevano aspettarsi coloro che lavoravano o si recavano nella grande casa: il grande fardello che l'uomo nero portava in mezzo alle gambe doveva soddisfare le voglie contro natura del padrone e dei suoi ospiti!
Le biografie di Grogan che potete leggere sulla carta stampata non sono solo controverse, ma inveritiere. Nella pagina dedicata a Lord MacMillan avrete modo di capire meglio la situazione che la stampa vuol ancor oggi nascondere.


Fourteen Falls
L'area delle Fourteen Falls è protetta e attrezzata con un'area picnic. Ha importanza storica e religiosa sia per i residenti che per gli immigrati asiatici. Gli asiatici usano il sito per attività ricreative e riti spirituali, smaltendo la cenere delle cremazioni nel fiume nella convinzione che andrà fino in India attraverso l'Oceano Indiano, fungendo quindi da santuario. Altri vengono per svago, mantenendo il tema della Happy Valley introdotto per la prima volta da Lord MacMillan. Come Lord MacMillan, la comunità adiacente, alcuni dei quali sono discendenti delle persone che l'avventuriero ha portato qui, coltiva ancora la terra. Fourteen Falls si trova poco lontano dalla città di Thika. Le cascate sono geograficamente situate ad un'altitudine di circa 1400 metri sul livello del mare.

Ol Donyo Sabuk National Park
Ol Donyo Sabuk National Park
MacMillan Castle
MacMillan Castle
Ol Donyo Sabuk Mountain
Ol Donyo Sabuk Mountain
Fourteen Falls
Fourteen Falls