Translator
Translator

Roditori del Kenya


Porcospini
Porcospini

I Roditori (Rodentia) sono l'ordine di mammiferi più numeroso in termini di numero di specie ascritte (probabilmente non in termini di biomassa), comprendente circa il 43% delle specie totali di mammiferi attualmente esistenti, più altrettanti taxa estinti. Il loro successo è probabilmente dovuto alla piccola taglia, al breve ciclo riproduttivo e all'abilità di rosicchiare e mangiare un'ampia varietà di cibo.
Di questo ordine fanno parte specie assai conosciute e dall'areale molto esteso, come ratti, topi e scoiattoli, così come specie rare e dall'areale assai circoscritto.
Il nome "roditore" deriva dal verbo latino rodere ("rosicchiare"), in riferimento all'abitudine che accomuna tutti gli appartenenti all'ordine.

I roditori hanno distribuzione cosmopolita, in quanto se ne trovano popolazioni stabili ed autoctone in ogni angolo della Terra, ad eccezione dell'Antartide (dove tuttavia possono essere stagionalmente presenti ratti o topi al seguito delle spedizioni scientifiche). I roditori, assieme a pinnipedi e chirotteri, sono gli unici mammiferi placentati presenti in Oceania senza essere stati introdotti dall'uomo.
Nell'ambito del proprio areale, le varie specie di roditore colonizzano gli habitat più disparati, dal deserto alle aree paludose e acquitrinose: pur non esistendo roditori marini, esiste invece un buon numero di specie strettamente acquatiche ed in generale tutti i roditori sono buoni nuotatori. Alcune specie generaliste, come topi e ratti, hanno ampliato in maniera esponenziale il proprio areale vivendo a stretto contatto con l'uomo, al punto di risultare dannose per il loro numero eccessivo.

Di seguito troverete le specie reperibili in Kenya.


Istrice crestato del Kilimangiaro
Istrice crestato del Kilimangiaro

Istrice africano

Clicca qui


Ratto talpa argenteo

Ratto talpa argenteo - Silvery mole-rat (Heliophobius argenteocinereus)
Ratto talpa argenteo - Silvery mole-rat (Heliophobius argenteocinereus)

Il Ratto talpa argenteo o Ratto talpa setoso (Heliophobius argenteocinereus), Silvery mole-rat in inglese, è una specie di talpa dell'Africa orientale che si trova nel Kenya meridionale, in Tanzania, nella Repubblica Democratica del Congo sud-orientale, Mozambico e Malawi. Solitario e aggressivo, si sa poco della sua ecologia o del suo comportamento. È monotipico nel genere Heliophobius. Una specie comune, l'Unione internazionale per la conservazione della natura l'ha classificata come "meno preoccupante".

Questo è un topo talpa di taglia media con una pelliccia grigio-argento morbida e setosa. La testa è più chiara intorno agli occhi, ai lati del viso e al muso, e alcuni individui hanno una piccola macchia bianca sulla fronte. Gli incisivi lunghi e leggermente curvi si trovano fuori dalle labbra. Le parti superiori della testa e del corpo vanno dal grigio-argento al marrone chiaro, la pelliccia è lunga fino a 25 mm (1 pollice) e le parti inferiori sono grigio-argento chiaro. I piedi e gli artigli non sono ingranditi per scavare e sono pallidi, con una frangia di peli rigidi attorno al margine delle dita. La coda è di colore pallido ed è inferiore al 10% della lunghezza della testa e del corpo. In Malawi, la dimensione dei maschi è circa il 15% più grande delle femmine, ma altrove c'è poco dimorfismo sessuale.

La talpa argentata è originaria del Kenya, della Tanzania, della Repubblica Democratica del Congo, del Mozambico e del Malawi nell'Africa orientale. Il suo habitat tipico è il bosco erboso aperto, così come i prati sub-montani e i pendii rocciosi ad altitudini fino a 2.200 m (7.220 piedi). È adattabile ai tipi di suolo, essendo accettabili sia terreni sabbiosi che i cosiddetti "terreni di cotone nero".

Come altri ratti talpa, la specie vive sottoterra in una tana che scava con i suoi incisivi. Come la maggior parte degli altri ratti talpa, è solitario. La dieta è vegetariana e consiste in gran parte di radici, bulbi e cormi, in particolare le radici delle leguminose Dolichos spp. e Vigna spp., con Vigna che è un alimento chiave che lo attrae in un'area. Talvolta i campi agricoli vengono invasi e le radici vengono mangiate. Si impegnano nella coprofagia, consumando fino a dodici cordoni fecali (faecal pellets). I loro prodotti alimentari vengono raccolti sottoterra per mezzo di un lungo passaggio di alimentazione che corre parallelo alla superficie e si estende in un caso per oltre 100 m (300 piedi). Piuttosto più in profondità nel terreno, a circa 30 cm (12 pollici), c'è una camera di nidificazione contenente una palla vuota di erbe, bucce di mais e bucce di radice. Ancora più in profondità, a circa 50 cm (20 pollici), c'è un foro per la fuga dal pericolo. Ci sono anche camere per la conservazione del cibo e tane cieche che vengono utilizzate come latrine.
I topi talpa argentei sono territoriali e abbastanza aggressivi, scacciando altri topi talpa. Quando messi alle strette, adottano una posizione difensiva con la testa rovesciata e gli incisivi esposti. L'allevamento avviene in diversi periodi dell'anno in diverse parti dell'areale. Il corteggiamento può essere piuttosto vocale ed è iniziato dal maschio, che segue la femmina, annusando la sua regione genitale. Quando viene accettato, si fronteggiano e bloccano i denti o si mordicchiano delicatamente con i loro incisivi allungati prima di accoppiarsi. Il periodo di gestazione è compreso tra 87 e 101 giorni e la dimensione della cucciolata è solitamente compresa tra due e cinque.


Topo talpa nudo

Il Topo talpa nudo -  Naked mole-rat (Heterocephalus glaber)
Il Topo talpa nudo - Naked mole-rat (Heterocephalus glaber)

Il Topo talpa nudo, Eterocefalo glabro (Heterocephalus glaber), noto anche come Cucciolo di sabbia, Naked mole-rat o Sand puppy in inglese, è un roditore scavatore originario di parti dell'Africa orientale. È strettamente imparentato con i blesmoli (noti anche come ratti-talpa africani o blesmols, sono roditori scavatori della famiglia Bathyergidae) ed è l'unica specie del genere Heterocephalus della famiglia Heterocephalidae. Il ratto talpa nudo e il ratto talpa Damaraland (Fukomys damarensis) sono gli unici conosciuti mammiferi eusociali, il livello più alto di organizzazione sociale che si realizza per alcune specie animali. Ha una serie di tratti fisici molto insoliti che gli consentono di prosperare in un ambiente sotterraneo duro ed è l'unico termoconformatore (che si acclimata alle temperature ambientali circostanti) dei mammiferi, quasi interamente ectotermico (a sangue freddo) nel modo in cui regola la temperatura corporea.
Il topo talpa nudo manca di sensibilità al dolore nella sua pelle e ha tassi metabolici e respiratori molto bassi. Mentre in precedenza si considerava appartenere alla stessa famiglia di altre talpe africane, Bathyergidae, indagini più recenti lo collocano in una famiglia separata, Heterocephalidae. La talpa nuda è anche notevole per la sua longevità e la sua resistenza al cancro e alla mancanza di ossigeno.

Gli individui tipici sono lunghi da 8 a 10 cm (da 3 a 4 pollici) e pesano da 30 a 35 grammi (da 1,1 a 1,2 once). Le regine sono più grandi e possono pesare ben oltre 50 grammi (1,8 once), la più grande raggiunge gli 80 grammi (2,8 once). Sono ben adattati alla loro esistenza sotterranea. I loro occhi sono piuttosto piccoli e la loro acuità visiva è scarsa. Le loro gambe sono sottili e corte; tuttavia, sono molto abili nel muoversi sottoterra e possono spostarsi all'indietro più velocemente che possono andare avanti. I loro denti grandi e sporgenti sono usati per scavare e le loro labbra sono sigillate appena dietro i denti, impedendo di riempirsi la bocca di terra durante lo scavo. Circa un quarto della loro muscolatura viene utilizzato per chiudere le mascelle mentre scavano, all'incirca la stessa proporzione che viene utilizzata nella gamba umana. Hanno pochi peli (da cui il nome comune) e la pelle rugosa rosa o giallastra. Mancano di uno strato isolante nella pelle.

Il topo talpa nudo si adatta bene alla limitata disponibilità di ossigeno all'interno dei tunnel del suo habitat tipico. Ha polmoni sottosviluppati e la sua emoglobina ha una elevata affinità per l'ossigeno, aumentando l'efficienza dell'assorbimento di ossigeno. Ha una respirazione e un metabolismo molto bassi per un animale della sua taglia, circa il 70% di quello di un topo, quindi utilizza l'ossigeno in modo minimo. In risposta a lunghi periodi di fame, il suo tasso metabolico può essere ridotto fino al 25%.
La talpa nuda sopravvive per almeno 5 ore in aria che contiene solo il 5% di ossigeno; non mostra segni significativi di sofferenza e continua la normale attività. Può vivere in un'atmosfera all'80% di CO2 e 20% di ossigeno. In atmosfera a zero ossigeno, può sopravvivere per 18 minuti apparentemente senza subire alcun danno (ma nessuno è sopravvissuto a un test di 30 minuti). Durante il periodo anossico perde conoscenza, la sua frequenza cardiaca scende da circa 200 a 50 battiti al minuto e la respirazione si interrompe a parte sporadici tentativi di respirazione. Quando è privato dell'ossigeno, l'animale utilizza il fruttosio nella sua glicolisi anaerobica, producendo acido lattico. Questa via non è inibita dall'acidosi come accade con la glicolisi del glucosio. Ad aprile 2017, non era noto come la talpa nuda sopravviva all'acidosi senza danni ai tessuti.
La talpa nuda non regola la sua temperatura corporea nel tipico modo dei mammiferi. Sono termoconformatori piuttosto che termoregolatori in quanto, a differenza di altri mammiferi, la temperatura corporea tiene traccia della temperatura ambiente. Tuttavia, è stato anche affermato che "la talpa nuda ha una temperatura e un ritmo di attività distinti che non sono associati alle condizioni ambientali". La relazione tra il consumo di ossigeno e la temperatura ambiente passa da un tipico schema poichilotermico (condizione degli organismi viventi la cui temperatura corporea varia molto nel tempo, il suo contrario è chiamato omeotermia) a una modalità omeotermica quando la temperatura è di 29° C o superiore. A temperature più basse, le talpe nude possono utilizzare la termoregolazione comportamentale. Ad esempio, i topi talpa nudi freddi si stringono insieme o cercano parti poco profonde delle tane riscaldate dal sole. Al contrario, quando diventano troppo caldi, i topi talpa nudi si ritirano nelle parti più profonde e più fresche delle tane.

La pelle dei ratti talpa nudi è priva di neurotrasmettitori nelle loro fibre sensoriali cutanee. Di conseguenza, i topi talpa nudi non provano dolore quando sono esposti ad acido o capsaicina (un alcaloide responsabile della maggior parte della "piccantezza"). Quando vengono iniettati con la sostanza P, un tipo di neurotrasmettitore, la segnalazione del dolore funziona come negli altri mammiferi ma solo con la capsaicina e non con gli acidi. Si propone che questo sia un adattamento all'animale che vive in alti livelli di anidride carbonica a causa di spazi abitativi scarsamente ventilati che causerebbero l'accumulo di acido nei loro tessuti corporei.
La carenza di sostanza P dei ratti talpa nudi è stata anche collegata alla mancanza del prurito e del comportamento graffiante indotto dall'istamina tipici dei roditori.

I topi talpa nudi hanno un'elevata resistenza ai tumori, anche se è probabile che non siano del tutto immuni ai disturbi correlati. Un potenziale meccanismo che scongiura il cancro è un gene "sovraffollamento", p16 , che impedisce la divisione cellulare una volta che le singole cellule entrano in contatto (noto come "inibizione del contatto"). Le cellule della maggior parte dei mammiferi, compresi i ratti talpa nudi, subiscono l'inibizione del contatto tramite il gene p27 che impedisce la riproduzione cellulare a una densità cellulare molto più elevata rispetto a p16. La combinazione di p16 e p27 in cellule di ratto talpa nude è una doppia barriera alla proliferazione cellulare incontrollata, uno dei tratti distintivi del cancro.
Nel 2013, gli scienziati hanno riferito che il motivo per cui i topi talpa nudi non si ammalano di cancro può essere attribuito a un "acido ialuronico a massa molecolare estremamente elevata" (HMW-HA) (una sostanza zuccherina naturale), che è più di "cinque volte più grande" rispetto a quello negli esseri umani inclini al cancro e negli animali da laboratorio suscettibili al cancro. Il rapporto scientifico fu pubblicato un mese dopo come articolo di copertina della rivista Nature. Pochi mesi dopo, lo stesso gruppo di ricerca dell'Università di Rochester ha annunciato che i ratti talpa nudi hanno ribosomi che producono proteine estremamente prive di errori. A causa di entrambe queste scoperte, la rivista Scienceha chiamato il topo talpa nudo "Vertebrato dell'anno" per il 2013.
Nel 2016 è stato pubblicato un rapporto che registrava i primi tumori maligni mai scoperti in due ratti talpa nudi, in due individui. Tuttavia, entrambi i ratti talpa nudi erano nati in cattività negli zoo, e quindi vivevano in un ambiente con il 21% di ossigeno atmosferico rispetto al loro naturale 2-9%, che potrebbe aver promosso la tumorigenesi.
Anche la talpa cieca delle alture del Golan (Spalax golani) e la talpa cieca delle montagne della Giudea (Spalax judaei) sono resistenti al cancro, ma con un meccanismo diverso.

Anche la talpa nuda è interessante perché è straordinariamente longeva per un roditore delle sue dimensioni (fino a 32 anni) e detiene il record per il roditore vivente più longevo. Il tasso di mortalità delle specie non aumenta con l'età, e quindi non è conforme a quello della maggior parte dei mammiferi (come spesso definito dalla legge di mortalità di Gompertz-Makeham). I ratti talpa nudi sono altamente resistenti al cancro e mantengono una funzione vascolare sana più a lungo durante la loro vita rispetto ai ratti a vita più breve. Il motivo della loro longevità è dibattuto, ma si pensa che sia correlato alla loro capacità di ridurre sostanzialmente il loro metabolismo durante i periodi difficili, e quindi prevenire i danni indotti dall'invecchiamento da stress ossidativo. Questo è stato definito come "vivere la loro vita a impulsi". La loro longevità è stata anche attribuita alla "stabilità proteica". A causa della loro straordinaria longevità, fu messo in atto uno sforzo internazionale per sequenziare il genoma della talpa nuda. Una bozza del genoma è stata resa disponibile nel 2011 con una versione migliorata rilasciata nel 2014. Il suo numero somatico è 2n=60. Un ulteriore sequenziamento del trascrittoma ha rivelato che i geni correlati ai mitocondri e ai processi di riduzione dell'ossidazione hanno livelli di espressione elevati nel ratto talpa nudo rispetto ai topi, il che può contribuire alla loro longevità.
Sono stati confrontati i trascrittomi di riparazione del DNA del fegato di esseri umani, ratti talpa nudi e topi. La durata massima della vita di esseri umani, ratti talpa nudi e topi è rispettivamente c. 120, 30 e 3 anni. Le specie più longeve, gli umani e le talpe nude, hanno espresso i geni di riparazione del DNA, inclusi i geni centrali in diversi percorsi di riparazione del DNA, a un livello superiore rispetto ai topi. Inoltre, diversi percorsi di riparazione del DNA negli esseri umani e nei ratti talpa nudi sono stati regolati in su rispetto ai topi. Questi risultati suggeriscono che una maggiore riparazione del DNA facilita una maggiore longevità e sono anche coerenti con la teoria del danno al DNA dell'invecchiamento.


Le femmine in riproduzione diventano femmine dominanti, di solito, fondando nuove colonie, combattendo per la posizione dominante o subentrando una volta che la femmina in riproduzione muore. Queste femmine riproduttive tendono ad avere corpi più lunghi di quello delle loro controparti non riproducenti della stessa larghezza del cranio. Le misurazioni delle femmine prima che diventassero riproduttive e dopo mostrano un aumento significativo delle dimensioni del corpo. Si ritiene che questo tratto non si manifesti per differenze morfologiche preesistenti, ma per l'effettivo raggiungimento della posizione femminile dominante. Come per le femmine riproduttive, anche i maschi riproduttivi sembrano essere di taglia più grande rispetto alle loro controparti non riproduttive, ma non così tanto come nel caso delle femmine. Questi maschi hanno anche contorni visibili dei testicoli attraverso la pelle dei loro addomi. A differenza delle femmine, di solito ci sono più maschi in riproduzione.

L'habitat sotterraneo della talpa nuda impone dei vincoli al suo ritmo circadiano. Vivendo nell'oscurità costante ed essendo attiva sia di giorno che di notte, dorme diverse volte per brevi periodi di tempo.
Il topo talpa nudo è originario delle parti più secche delle praterie tropicali dell'Africa orientale, prevalentemente dell'Etiopia meridionale, del Kenya e della Somalia.
Cluster con una media di 75-80 individui vivono insieme in complessi sistemi di tane negli aridi deserti africani. I sistemi di tunnel costruiti da ratti talpa nudi possono estendersi fino a 3-5 chilometri (2-3 miglia) di lunghezza cumulativa.

La talpa nuda è il primo mammifero scoperto a mostrare eusocialità, il livello più alto di organizzazione sociale. Questa struttura eusociale è simile a quella che si trova nelle formiche, nelle termiti e in alcune api e vespe. Solo una femmina (la regina) e da uno a tre maschi si riproducono, mentre il resto dei membri della colonia funzionano come lavoratori. La regina e i maschi riproduttori sono in grado di riprodursi a un anno di età. I lavoratori sono sterili, con i più piccoli che si concentrano sulla raccolta del cibo e sulla manutenzione del nido, mentre i lavoratori più grandi sono più reattivi in caso di attacco. Le femmine che non si riproducono sembrano essere soppresse dal punto di vista riproduttivo, il che significa che le ovaie non maturano completamente e non hanno gli stessi livelli di alcuni ormoni delle femmine in riproduzione. D'altra parte, c'è poca differenza nella concentrazione di ormoni tra maschi in riproduzione e non in riproduzione. Negli esperimenti in cui la femmina riproduttiva veniva rimossa o moriva, una delle femmine non riproduttive prendeva il sopravvento e diventava sessualmente attiva. I membri non riproduttivi della colonia sono coinvolti nella cura cooperativa dei piccoli prodotti dalla femmina in riproduzione. Ciò avviene attraverso i lavoratori che impediscono ai cuccioli di allontanarsi, cercare cibo, pulirsi, contribuire all'estensione dei tunnel e tenerli al caldo.


I rapporti tra la regina e i maschi riproduttori possono durare molti anni; le altre femmine sono temporaneamente sterili. Le regine vivono da 13 a 18 anni e sono estremamente ostili ad altre femmine che si comportano come regine o producono ormoni per diventare regine. Quando la regina muore, un'altra femmina prende il suo posto, a volte dopo una violenta lotta con le sue concorrenti. Una volta stabilita, il corpo della nuova regina espande lo spazio tra le vertebre nella sua spina dorsale per diventare più lunga e pronta a sopportare i cuccioli.
La gestazione è di circa 70 giorni. Una cucciolata varia in genere da tre a dodici cuccioli, ma può arrivare a ventotto. La dimensione media della cucciolata è di undici. In natura, i topi talpa nudi di solito si riproducono una volta all'anno, se la cucciolata sopravvive. In cattività si riproducono tutto l'anno e possono produrre una cucciolata ogni 80 giorni. I giovani nascono ciechi e pesano circa 2 grammi (0,07 once). La regina li allatta per il primo mese, dopodiché gli altri membri della colonia li nutrono con pappa fecale fino a quando non sono abbastanza grandi da mangiare cibo solido.

I lavoratori più piccoli si concentrano sull'acquisizione di cibo e sulla manutenzione dei tunnel, mentre i lavoratori più grandi sono più reattivi in caso di attacchi. Come in alcune specie di api, i lavoratori sono divisi lungo un continuum di comportamenti differenti delle caste operaie invece che in gruppi distinti. Alcuni funzionano principalmente come minatori, espandendo la vasta rete di tunnel all'interno del sistema di tane, e alcuni principalmente come soldati, proteggendo il gruppo dai predatori esterni. Esistono due metamorfosi di ratti talpa nudi lavoratori, i "lavoratori frequenti" o semplicemente "lavoratori" che svolgono frequentemente compiti come il foraggiamento e la costruzione del nido e i "lavoratori sporadici" o "disperdenti" che mostrano una sovrapposizione di ruoli con i "lavoratori frequenti", ma svolgono a un ritmo molto più lento pur mangiando più cibo. I lavoratori sono sterili quando non c'è un nuovo ruolo riproduttivo da ricoprire.

L'endogamia è un fenomeno comune tra i ratti talpa nudi all'interno di una colonia. La consanguineità prolungata è solitamente associata a una forma fisica inferiore. Tuttavia, la dispersione degli appartenenti alla colonia, anche verso altri territori, ha rivelato un meccanismo di esogamia oltre all'evitamento della consanguineità. I "disperdenti" sono morfologicamente, fisiologicamente e comportamentalmente distinti dai membri della colonia e cercano attivamente di lasciare la loro tana quando si presenta un'opportunità di fuga. Questi sono dotati di generose riserve di grasso per il viaggio. Sebbene posseggano alti livelli di ormone luteinizzante, i "disperdenti" sono interessati solo all'accoppiamento con femmine provenienti da colonie straniere piuttosto che con la regina della loro colonia. Mostrano anche poco interesse a lavorare in cooperazione con i membri della colonia nella loro tana natale. Quindi, la metamorfosi disperdente che contraddistingue il dispersore, influisce favorevolmente lo scambio di individui e materiale genetico tra due colonie altrimenti separate.


Le dimensioni delle colonie variano da 20 a 300 individui, con una media di 75.

I ratti talpa nudi femmine riproduttivamente attive tendono ad associarsi a maschi non familiari (di solito non parenti), mentre le femmine riproduttivamente inattive non discriminano. La preferenza delle femmine riproduttivamente attive per i maschi non familiari è interpretata come un adattamento per evitare la consanguineità. La consanguineità è evitata perché normalmente porta all'espressione di alleli recessivi deleteri.

I topi talpa nudi si nutrono principalmente di tuberi molto grandi (che pesano fino a mille volte il peso corporeo di un tipico topo talpa) che trovano nel sottosuolo durante le loro operazioni di estrazione. Un singolo tubero può fornire a una colonia una fonte di cibo a lungo termine, che dura per mesi, o addirittura anni, poiché mangiano l'interno ma lasciano l'esterno, consentendo al tubero di rigenerarsi. I batteri simbionti (sono definiti simbionti quei batteri che colonizzano un determinato organismo apportandogli un certo vantaggio, commensali quelli che non arrecano né danni né vantaggi, e patogeni quelli che danneggiano l'organismo) nel loro intestino fermentano le fibre, consentendo alla cellulosa altrimenti indigeribile di essere trasformata in acidi grassi volatili.
Talvolta le talpe nude mangiano anche le proprie feci. Questo potrebbe essere parte del loro comportamento eusociale e un mezzo per condividere gli ormoni dalla regina.

I topi talpa nudi sono predati principalmente dai serpenti, in particolare il Serpente dal becco rossiccio e il Boa di sabbia keniota, oltre a vari rapaci. Sono più vulnerabili durante la costruzione di tumuli e l'espulsione del terreno in superficie.

I topi talpa nudi non sono minacciati. Sono diffusi e numerosi nelle regioni più aride dell'Africa orientale.


Ratto gigante del Gambia

Ratto gigante africano (Cricetomys gambianus)
Ratto gigante africano (Cricetomys gambianus)

Il Ratto gigante del Gambia o Ratto gigante africano (Cricetomys gambianus) è un roditore notturno, simile a un ratto, diffuso in gran parte dell'Africa, dal Senegal al Kenya e dall'Angola al Mozambico. È fra i roditori più grandi del mondo.
Il nome scientifico Crycetomis si deve alle tasche guanciali che ricordano quelle dei criceti. Il ratto gigante non è tuttavia un criceto, e neppure un ratto, ma appartiene a una distinta famiglia di roditori muroidi endemica dell'Africa, Nesomyidae.

L'aspetto generale del ratto africano è molto simile a quello del Ratto norvegese, fatta eccezione soprattutto per le tasche guanciali in cui può accumulare cibo, come i criceti, e per le dimensioni considerevolmente maggiori: un esemplare adulto è lungo fra i 60 e i 90 cm (compresa la coda che da sola è 30–40 cm) e può arrivare a pesare fino a 2,8 kg (la media è 1,5 kg per il maschio e 1 kg per la femmina), e avere tasche guanciali così capienti da contenere una grande quantità di provviste. Ha una vista molto debole e, per contro, olfatto e udito molto sviluppati.
Il ratto gigante può vivere in diversi ecosistemi, tant'è che lo si ritrova in gran parte dell'Africa, a diverse latitudini e altitudini. L'unica regione dell'Africa subsahariana da cui è assente sono le foreste del Congo RD, da cui è stato respinto da un competitore più adatto, il ratto di Emin (Cricetomys emini). Lo si trova di solito nelle foreste e nel sottobosco, ma costruisce la propria tana anche frequentemente nei termitai abbandonati.

Il ratto gigante è un animale sociale, e vive in colonie composte in genere da una ventina di individui. I maschi sono territoriali e reciprocamente aggressivi.
Costruisce tane sotterranee dotate di diverse camere collegate da cunicoli; una principale viene usata per dormire, le altre sono dedicate all'immagazzinamento del cibo.
È onnivoro, e si nutre di vari generi di piante, insetti, granchi e lumache, mostrando una predilezione per i frutti e la corteccia di alcuni tipi di palma.
Il ratto gigante raggiunge la maturità sessuale a 5-7 mesi; una femmina può generare 4-5 cucciolate all'anno, ognuna delle quali può comprendere fino a 6 piccoli.

Il ratto africano, soprattutto se addestrato fin da giovane età, familiarizza facilmente con l'uomo, è intelligente e ha un carattere mite e socievole, cosa che lo rende particolarmente adatto come animale da compagnia. Il suo commercio può però essere pericoloso in quanto è una specie potenzialmente invasiva; in Florida, per esempio, esiste una popolazione di ratti africani in libertà che viene considerata una potenziale minaccia per l'ecosistema di Key Largo e delle Everglades; anche nei quartieri popolari di New York recentemente si è scoperta una colonia di Ratti Giganti del Gambia che si sono adattati a vivere nell'habitat dei ratti di città. L'importazione è proibita negli Stati Uniti dal 2003, a causa di una epidemia di vaiolo delle scimmie che in quell'anno si è diffusa nel Midwest causando numerosi contagi ma senza mietere vittime.

La ONG APOPO, con sede in Belgio e in Tanzania, conduce da anni un progetto di addestramento dei ratti giganti che sfrutta il loro olfatto per la ricerca di mine anti-uomo e focolai di tubercolosi. I ratti addestrati dall'APOPO sono stati impiegati con successo, tra l'altro, nello sminamento di diverse zone di Mozambico, Angola, Thailandia, Laos, Vietnam e Cambogia, dove sono stati appositamente importati dall'Africa.
Pesano sensibilmente meno dei cani utilizzati per lo sminamento, e si fanno quindi preferire perché non fanno esplodere le mine. Il loro addestramento è inoltre molto meno costoso di quello dei cani. Per questo prezioso contributo, i ratti giganti sono conosciuti anche come HeroRats (ratti eroi).


Hylomyscus kerbispeterhansi

Mappa delle località di raccolta per gli esemplari di Hylomyscus
Mappa delle località di raccolta per gli esemplari di Hylomyscus

L'Hylomyscus kerbispeterhansi è un roditore della famiglia dei Muridi endemico del Kenya.
Roditore di piccole dimensioni, con la lunghezza della testa e del corpo tra 80 e 103 mm, la lunghezza della coda tra 108 e 158 mm, la lunghezza del piede tra 18 e 22 mm, la lunghezza delle orecchie tra 17 e 22 mm e un peso fino a 39 g.
La pelliccia è lunga, soffice e fine. Le parti dorsali sono grigio ardesia con la punta dei peli rosso-brunastra e dei peli più lunghi bruno-nerastri in particolare sulla groppa, i fianchi gradualmente assumono un colore bruno-rossastro chiaro, mentre le parti ventrali sono grigio-biancastre. Le orecchie sono marroni scure. I piedi sono corti e stretti, il dorso delle zampe è ricoperto di corti peli marroni chiari, con gli artigli ricoperti da ciuffi di peli bianchi. La coda è più lunga della testa e del corpo, è marrone scura e priva di peli, eccetto un ciuffo di peli lunghi all'estremità. Le femmine hanno un paio di mammelle ascellari e due paia inguinali.
È una specie arboricola e notturna.
Le femmine danno alla luce 3-5 piccoli alla volta.
Questa specie è conosciuta soltanto sulla catena del Monte Elgon, nel Kenya occidentale, ai confini con l'Uganda, nelle Cherangani Hills e nella Scarpata Mau. Vive nelle foreste sopra i 2.300 metri di altitudine.
Questa specie, essendo stata scoperta solo recentemente, non è stata sottoposta ancora a nessun criterio di conservazione.


Ratto di palude africano

Ratto di palude africano (Dasymys incomtus)
Ratto di palude africano (Dasymys incomtus)

Il Ratto di palude africano (Dasymys incomtus) è un roditore della famiglia dei Muridi diffuso nell'Africa centrale, orientale e meridionale.
Roditore di medie dimensioni, con la lunghezza della testa e del corpo tra 137 e 192 mm, la lunghezza della coda tra 119 e 160 mm, la lunghezza del piede tra 31 e 35 mm, la lunghezza delle orecchie tra 15 e 24 mm e un peso fino a 218 g.
La pelliccia è lunga, soffice e arruffata. Le parti superiori sono nero-grigiastre, la testa è più scura, quasi completamente nera, mentre le parti ventrali sono grigie con la punta dei peli bianco-giallastra. La testa è larga, il muso è relativamente corto e ricoperto di lunghe vibrisse, gli occhi sono piccoli. Le orecchie sono larghe e rotonde, prive di peli esternamente e ricoperte di piccoli peli nella parte interna. Le zampe sono marroni chiare. Gli artigli sono biancastri con la punta nera. La coda è lunga circa quanto la testa ed il corpo, è ricoperta di scaglie ed è uniformemente marrone scura.
È una specie notturna e semi-acquatica. Costruisce i nidi nelle depressioni lungo le sponde di paludi e corsi d'acqua. Sono spesso associati ai ratti di palude del genere Otomys.
Si nutre di steli succulenti di piante semi-acquatiche, parti di canne e talvolta di insetti.
Le femmine danno alla luce 2-9 piccoli durante la stagione umida.
Questa specie è diffusa dal Camerun fino al Kenya ad est e il Sudafrica a sud. Vive nelle foreste, savane, paludi e praterie fino a 1.800 metri di altitudine.


Ratto di canna

 Ratto del bambù africano (Thryonomys swinderianus)
Ratto del bambù africano (Thryonomys swinderianus)

Thryonomys è un genere di roditori, unico della famiglia dei Trionomidi, comunemente noti come Ratto di canna.
Al genere Thryonomys appartengono roditori di grandi dimensioni, con lunghezza della testa e del corpo tra 350 e 610 mm, la lunghezza della coda tra 65 e 260 mm e un peso fino a 9 kg.
Il cranio è massiccio e presenta un rostro corto e largo, creste sopra-occipitali ben sviluppate, un processo para-occipitale allungato e una bolla timpanica ridotta. La mandibola è di tipo istricognato, il foro infra-orbitale è grande e la disposizione del muscolo massetere è di tipo istricomorfo. Sono presenti quattro denti masticatori su ogni semi-arcata. Gli incisivi superiori sono larghi, robusti, arancioni ed attraversati longitudinalmente da tre profondi solchi, caratteristica unica tra tutti i roditori africani. I molari hanno le radici e la corona moderatamente elevata, la loro superficie occlusale è abbastanza complessa, con almeno tre creste trasversali, due rientranze sul lato esterno e una su quello interno, invertite nei molari inferiori.
Il corpo è robusto, con la testa massiccia e ottusa, gli occhi relativamente piccoli, le narici disposte in alto e gli arti brevi. La pelliccia è lunga, densa e ruvida, priva di sotto-pelliccia e composta da setole appiattite, attraversate longitudinalmente da solchi e disposte in gruppi di cinque o sei. Le parti dorsali sono bruno-giallastre o bruno-grigiastre brizzolate, mentre le parti ventrali sono grigiastre o biancastre. Le orecchie sono corte ed arrotondate. Le zampe hanno le tre dita centrali ben sviluppate fornite di artigli robusti, le due dita più esterne sono corte o rudimentali e prive di artigli. Il palmo e le piante sono prive di peli. La coda è alquanto corta, cosparsa di peli e rivestita di scaglie. Le femmine hanno due o tre paia di mammelle laterali.
Si tratta di roditori terricoli diffusi in tutta l'Africa sub-sahariana.
Il genere comprende 2 specie.
Thryonomys gregorianus - Ratto di canna minore - Forme più piccole, coda relativamente più corta, i solchi sono disposti su tutta la superficie anteriore degli incisivi.
Thryonomys swinderianus - Ratto di canna maggiore - Forme più grandi, coda relativamente più lunga, i solchi sono disposti soltanto nella metà più interna della superficie anteriore degli incisivi.


Scoiattolo del sole del Gambia

Scoiattolo del sole del Gambia (Heliosciurus gambianus)
Scoiattolo del sole del Gambia (Heliosciurus gambianus)

Lo Scoiattolo del sole del Gambia (Heliosciurus gambianus) è una specie di roditore della famiglia Sciuridae, genere Heliosciurus.
Si trova in Angola, Benin, Burkina Faso, Repubblica Centrafricana, Ciad, Repubblica Democratica del Congo, Costa d'Avorio, Eritrea, Etiopia, Gambia Ghana, Guinea, Guinea-Bissau, Kenya, Liberia, Nigeria, Senegal, Sierra Leone, Sudan, Tanzania, Togo, Uganda e Zambia . Il suo habitat naturale è la savana boscosa .
Lo scoiattolo del sole del Gambia ha una lunghezza della testa e del corpo compresa tra 170 e 240 mm (6,7 e 9,4 pollici) e una coda compresa tra 180 e 260 mm (7,1 e 10,2 pollici). Il pelo è di colore variabile, ma di solito è grigiastro con un aspetto brizzolato. C'è un anello grigio più chiaro intorno all'occhio e anche la gola e le parti inferiori sono pallide. La coda è audacemente inanellata in bianco e nero, ci sono circa quattordici anelli.
Lo scoiattolo del sole del Gambia si trova in tutta l'Africa tropicale, la sua gamma si estende dal Senegal e dal Gambia, all'Etiopia e al Kenya. Una popolazione separata è più a sud in Angola e Tanzania. Abita savana boscosa e altri prati con alberi sparsi, che si muovono tra i rami ma a volte scendono a terra. Abita anche piantagioni e altre aree coltivate.
Lo scoiattolo del sole del Gambia è una specie di prateria comune con una vasta gamma e una presunta grande popolazione totale. Non è stato valutato l'andamento della popolazione ma non sono state riconosciute particolari minacce; è in grado di adattarsi ad habitat modificati dall'uomo ed è presente in numerose aree protette.


Scoiattolo del sole dalle zampe rosse

Scoiattolo del sole dalle zampe rosse (Heliosciurus rufobrachium)
Scoiattolo del sole dalle zampe rosse (Heliosciurus rufobrachium)

Lo Scoiattolo del sole dalle zampe rosse (Heliosciurus rufobrachium) è una specie di roditore della famiglia Sciuridae, genere Heliosciurus, comunemente noto anche come la mangusta mangia-granchio e lo scoiattolo del sole dalle zampe rosse isabelline.
È originario dell'Africa tropicale occidentale e centrale, dove il suo areale si estende dal Senegal a ovest, attraverso la Nigeria e la Repubblica del Congo fino all'Uganda e alla Tanzania a est. Le sue naturali habitat sono umide di pianura subtropicali o tropicali foreste e umida savana. Si pensa che questa specie sia comune e ha una distribuzione molto ampia, quindi l'Unione internazionale per la conservazione della natura ha valutato il suo stato di conservazione come "meno preoccupante".
Lo scoiattolo del sole dalle zampe rosse si trova in Benin, Burundi, Camerun, Repubblica Centrafricana, Repubblica Democratica del Congo, Costa d'Avorio, Guinea Equatoriale, Gambia, Ghana, Guinea, Guinea-Bissau, Kenya, Liberia, Nigeria, Ruanda, Senegal, Sierra Leone, Tanzania, Togo e Uganda, ma non a sud del fiume Congo. Si trova in habitat con alberi di grandi dimensioni in cui può arrampicarsi, in foreste primarie e secondarie umide, piantagioni, alberi isolati in savane e giardini.
Lo scoiattolo del sole dalle zampe rosse è diurno e foraggia nei piani superiori e medi di grandi alberi. La dieta consiste principalmente di frutta e semi, ma si mangiano anche vegetazione verde e artropodi; molto tempo viene speso a foraggiare lungo i rami e sondare nelle fessure gli insetti e le loro larve. In cattività, questi scoiattoli catturavano e mangiavano uccelli introdotti nelle loro gabbie e mangiavano anche uova di uccelli.
Questi scoiattoli vengono solitamente osservati da soli o in coppia, ma sembrano essere gregari poiché sono stati visti pulirsi a vicenda e riposare fianco a fianco. La nidificazione avviene in buchi in tronchi e rami che sono rivestiti da ramoscelli con le foglie verdi ancora attaccate. L'allevamento avviene due volte l'anno e di solito nascono due piccoli in ogni cucciolata.


Scoiattolo del sole Zanj

Scoiattolo del sole Zanj (Heliosciurus undulatus)
Scoiattolo del sole Zanj (Heliosciurus undulatus)

Lo Scoiattolo del sole Zanj (Heliosciurus undulatus) è una specie di roditore della famiglia Sciuridae, genere Heliosciurus, dell'Africa orientale.
Lo scoiattolo del sole Zanj è un grande scoiattolo con un corpo fulvo grigiastro e una lunga coda ad anelli. Il pelo sulla parte superiore del corpo, compresa la coda, è grigio fulvo brizzolato con bande grigie, ciascun pelo termina con una fascia subterminale bianca. La parte inferiore è biancastra o pallida rossastra. La testa ha un colore simile alla pelliccia dorsale ma con sfumature rossastre. La coda è lunga, il 20% più lunga della testa e del corpo, ed è sottile segnata da 10-14 bande nere che si alternano a bande chiare. Esiste una variazione geografica in tutto il suo areale con gli animali che si trovano nell'entroterra in altitudine sono i più scuri e ricchi di colore mentre quelli del nord del suo areale sono più chiari mentre le popolazioni meridionali sono più spente e più grigie. La lunghezza media della testa e del corpo è di 233 mm (9,2 pollici) e la lunghezza media della coda è di 281 mm (11,1 pollici).
Lo scoiattolo del sole Zanj si trova nel Kenya sud-orientale e nella Tanzania nord-orientale, comprese le isole di Mafia e Unguja, l'isola principale di Zanzibar, ma non a Pemba.
Lo scoiattolo del sole Zanj è stato principalmente registrato da foreste costiere e foreste di gallerie fluviali , ma è stato anche registrato al di sotto dei 2.000 m (6.600 piedi) sul livello del mare sul Monte Kilimanjaro.
Poco si sa della biologia dello scoiattolo solare Zanj ma è onnivoro che mangia frutta, foglie, semi, germogli e datteri di palma. Gli insetti sono importanti durante la stagione.
Le foreste costiere abitate dagli scoiattoli del sole Zanj sono minacciate dall'autorizzazione per l'espansione dell'agricoltura, la combustione del carbone e l'estrazione di legna da ardere, incendi incontrollati, disboscamento insostenibile, insediamento umano e pratiche minerarie distruttive. Non è noto come questi fattori abbiano influenzato questa specie, quindi l'IUCN attribuisce lo stato di Date Deficient. Si verifica in diverse aree protette, tra cui il Parco Nazionale Arabuko Sokoke e il Parco Nazionale Jozani Chwaka Bay a Unguja.


Scoiattolo selvatico di Boehm

Scoiattolo di Boehm (Paraxerus boehmi)
Scoiattolo di Boehm (Paraxerus boehmi)

Lo Scoiattolo di Boehm (Paraxerus boehmi) è una specie di roditore della famiglia Sciuridae, genere Paraxerus, che si trova in Burundi, Repubblica Democratica del Congo, Kenya, Ruanda, Sud Sudan, Tanzania, Uganda e Zambia. I suoi habitat naturali sono la foresta umida di pianura subtropicale o tropicale, la foresta montana umida subtropicale o tropicale e la savana umida.


Scoiattolo cespuglio a strisce

Scoiattolo cespuglio a strisce (Paraxerus flavovittis)
Scoiattolo cespuglio a strisce (Paraxerus flavovittis)

Lo Scoiattolo cespuglio a strisce (Paraxerus flavovittis), Striped bush squirrel in inglese, è una specie di roditori della famiglia Sciuridae, genere Paraxerus, che si trova in Kenya, Malawi, Mozambico e Tanzania. I suoi habitat naturali sono savana umida e piantagioni.


Scoiattolo ocra

Scoiattolo ocra (Paraxerus ochraceus)
Scoiattolo ocra (Paraxerus ochraceus)

Lo Scoiattolo ocra (Paraxerus ochraceus) è una specie di roditori della famiglia Sciuridae, genere Paraxerus, che si trova in Kenya, Somalia e Tanzania. Il suo habitat naturale è la savana secca.


Scoiattolo rosso

Scoiattolo rosso (Paraxerus palliatus)
Scoiattolo rosso (Paraxerus palliatus)

Lo Scoiattolo rosso o scoiattolo costiero dal ventre rosso (Paraxerus palliatus) è una specie di roditore della famiglia Sciuridae, genere Paraxerus, che si trova nella boscaglia e nella foresta lungo la costa orientale dell'Africa.
È originario della Somalia, Kenya, Tanzania, Malawi, Mozambico, Zimbabwe e Sud Africa. Le sue naturali habitat sono foresta subtropicale o tropicale secca, foresta di pianura umida subtropicale o tropicale, e boscaglia secca subtropicale o tropicale.


Scoiattolo gigante della foresta

Scoiattolo gigante della foresta (Protoxerus stanger)
Scoiattolo gigante della foresta (Protoxerus stanger)

Lo Scoiattolo gigante della foresta (Protoxerus stangeri) o Scoiattolo di Stanger, Forest giant squirrel o Stanger's squirrel in inglese, è una specie di roditore della famiglia Sciuridae, genere Protoxerus, che si trova in Angola, Benin, Burundi, Camerun, Repubblica Centrafricana, Repubblica del Congo, Repubblica Democratica del Congo, Costa d'Avorio, Guinea Equatoriale, Gabon, Ghana, Kenya, Liberia, Nigeria, Ruanda, Sierra Leone, Tanzania, Togo e Uganda. I suoi habitat naturali sono foreste e piantagioni umide subtropicali o tropicali.
Lo scoiattolo gigante della foresta è il più grande scoiattolo arboricolo in Africa con una lunghezza della testa e del corpo di circa 300 mm (12 pollici) e una coda folta di lunghezza simile. La testa è grande e arrotondata con potenti muscoli delle guance. I peli brunastri sulla sommità della testa e sulla nuca sono punteggiati di bianco dando un aspetto brinato. Le orecchie sono piccole, e quasi glabre. La colorazione del corpo è piuttosto variabile nella vasta gamma dell'animale. La pelliccia è corta e rigida; le parti superiori sono di colore marrone medio brizzolato o giallo, i singoli peli hanno basi nere, fusti gialli e punte nere. Il petto è bianco e le parti inferiori sono quasi glabre mostrando la pelle giallastra. Gli arti sono compatti e forti. La coda è lunga e folta e il blocco bianco e nero a volte non è chiaramente visibile.
Lo scoiattolo gigante della foresta è originario dell'Africa tropicale occidentale e centrale. La sua gamma si estende dalla Sierra Leone al Kenya occidentale, e verso sud fino all'Angola settentrionale e alla Tanzania settentrionale. È una specie di pianura con un limite altitudinale massimo di circa 2.000 m (6.600 piedi). Si trova nella foresta primaria, nella foresta secondaria e nella foresta marginale, nonché nelle piantagioni e nei terreni agricoli e nei giardini con alberi. Normalmente si trova negli strati superiori della chioma, scendendo solo occasionalmente al livello del suolo.
Lo scoiattolo gigante della foresta è solitario e diurno. Si nutre principalmente di frutti e semi di alberi e liane; può rompere le noci dure di Panda oleosa, Coula edulis, Klainedoxa gabonensis, Elaeis e Irvingia. La dieta include anche altro materiale vegetale e una piccolissima percentuale di insetti. Lo scoiattolo ha un raggio d'azione di pochi ettari e sembra evitare altri scoiattoli o allontanarli da un albero dove si nutre. Le vocalizzazioni includono due tipi di chiamate di allarme. Questo scoiattolo è predato da aquile e altri grandi rapaci.
Il nido è realizzato in una cavità di un albero con un ingresso attraverso il quale lo scoiattolo può entrare. Il materiale di nidificazione è costituito da ramoscelli con le foglie verdi ancora attaccate. Lo scoiattolo emerge intorno all'alba e torna al nido molte ore dopo. Il comportamento riproduttivo di questo scoiattolo non è stato studiato ma di solito ha cucciolate di uno o due giovani.
Il lato superiore della coda ha larghe barre trasversali nere e strette barre bianche mentre la parte inferiore ha strisce longitudinali di uguale dimensione in bianco e nero. La coda viene utilizzata per la segnalazione e quando viene visualizzata verso l'alto il segnale differisce da quando viene visualizzata verso il basso.
Lo scoiattolo gigante della foresta non è generalmente una specie comune. In alcune parti del suo areale si è cacciato per carne di animali selvatici, ma in generale non sembra fronteggiare eventuali minacce particolari. La distruzione degli habitat si sta verificando in alcune parti del suo areale, ma sembra in grado di adattarsi agli habitat artificiali in una certa misura e l' Unione Internazionale per la Conservazione della Natura ha valutato il suo stato di conservazione come "meno preoccupante". Sono riconosciute dodici sottospecie.


Scoiattolo di terra a strisce

Scoiattolo di terra a strisce (Xerus erythropus)
Scoiattolo di terra a strisce (Xerus erythropus)

Lo Scoiattolo di terra a strisce (Xerus erythropus), Striped ground squirrel in inglese, è una specie di scoiattolo originario dell'Africa appartenente alla famiglia Sciuridae, genere Xerus. Esistono sei sottospecie.

È uno scoiattolo di terra moderatamente grande con pelliccia marrone-sabbia o marrone scuro con una striscia laterale bianca e parti inferiori biancastre. Gli adulti vivono da soli o in coppia in una semplice tana con un nido centrale, foraggiando, per lo più a terra, semi, noci e radici e nascondendo il cibo in eccesso sotto le pietre. Questa è una specie comune con una vasta gamma e l'Unione internazionale per la conservazione della natura ha valutato il suo stato di conservazione come "meno preoccupante".

Gli scoiattoli di terra a strisce sono scoiattoli di terra moderatamente grandi, che vanno da 22 a 29 centimetri (da 8,7 a 11,4 pollici) di lunghezza, con una coda che, da 19 a 26 centimetri (da 7,5 a 10,2 pollici), è lunga quasi quanto il corpo. Gli adulti pesano tra 0,5 e 1 chilogrammo (1,1 e 2,2 libbre). Hanno un mantello di pelo corto e ispido, e sono da sabbia chiara a marrone scuro su gran parte del corpo, con parti inferiori biancastre, quasi glabre. Una sottile striscia di puro pelo bianco corre lungo i fianchi dalle spalle alle anche. La coda ha peli molto più lunghi di quelli del corpo, che si aprono a ventaglio ai lati, e sono multicolori lungo la loro lunghezza, presentando un aspetto brizzolato. Le orecchie sono piccole e il muso lungo, con un naso sporgente, quasi appuntito. Gli arti sono pallidi, con piedi grandi e artigli lunghi e dritti. Possono essere distinti dagli scoiattoli di terra del Capo e di montagna, altrimenti simili, dal fatto che le femmine scoiattolo di terra a strisce possiedono tre paia di capezzoli, anziché solo due.

Gli scoiattoli di terra a strisce si trovano in tutta l'Africa a sud del Sahara e a nord della foresta pluviale tropicale. Si trovano dalla costa atlantica a ovest fino all'Etiopia e al Kenya a est, essendo assenti nel Corno d'Africa. Abitano foreste aperte e savane, spesso vicino a terreni coltivati e, agli estremi del loro areale, macchia costiera e regioni semidesertiche. Fossili attribuiti alla specie sono stati identificati in Etiopia.
Attualmente sono riconosciute sei sottospecie:
Xerus erythropus erythropus - Africa occidentale, dalla Mauritania alla Repubblica Centrafricana, piccola popolazione relitta nelle pianure di Souss in Marocco
Xerus erythropus chadensis - Niger orientale , Nigeria e Camerun , Ciad meridionale e Sudan centro-occidentale
Xerus erythropus lacustris - Congo settentrionale
Xerus erythropus leucombrinus - Uganda orientale , Sudan sudorientale, Etiopia , Eritrea e Kenya settentrionale
Xerus erythropus limitaneus - Sudan sudoccidentale e parti limitrofe del Ciad e della Repubblica Centrafricana
Xerus erythropus microdon - Kenya meridionale

Gli scoiattoli di terra a strisce sono erbivori diurni e trascorrono quasi tutta la loro vita a terra, sebbene siano in grado di arrampicarsi nei cespugli per raggiungere il cibo. Mangiano una serie di semi, noci, radici, e colture come la manioca, yam, fiocchi di cotone, arachidi, e Patata dolce. Occasionalmente possono integrare la loro dieta con uova, insetti e altri piccoli animali. I loro predatori includono servali, sciacalli, uccelli rapaci e vipere comuni.
Si nutrono in aree domestiche di circa 12 ettari (30 acri) con terreno semi-arido, ma le loro aree si sovrappongono e fanno frequenti incursioni nelle aree circostanti in cerca di cibo. Contrassegnano i loro territori usando ghiandole odorose sulle loro guance, che strofinano su pietre e tronchi d'albero, anche se non sembrano difenderli dagli intrusi.
Gli scoiattoli trascorrono la notte nelle tane, che scavano con i loro grandi artigli. Le loro tane sono generalmente di struttura semplice, con un nido centrale a meno di un metro sotto la superficie, un unico tunnel d'ingresso e alcuni tunnel ciechi che raggiungono quasi la superficie. Questi ultimi sono usati come vie di fuga, permettendo allo scoiattolo di sfondare rapidamente in superficie; il tunnel di ingresso principale è spesso bloccato anche da un accumulo temporaneo di sporcizia durante la notte. Le tane possono anche contenere depositi di cibo, sebbene siano più comunemente situati a una certa distanza e nascosti sotto pietre o foglie morte. Seppelliscono anche la loro urina, ma non il loro letame.
Gli scoiattoli di terra a strisce vivono da soli, o in coppia, e salutano gli altri membri della loro specie annusandosi l'un l'altro naso a naso. Si muovono con un'andatura saltellante, fermandosi spesso per annusare o guardarsi intorno e facendo salti più lunghi quando hanno bisogno di muoversi più velocemente. Normalmente tengono la coda orizzontalmente quando si muovono, o in posizione verticale quando sono fermi. Possono emettere un suono simile a quello di altri scoiattoli.
Il corteggiamento consiste nell'inseguimento e le cucciolate sono da due a sei giovani. Possono vivere fino a sei anni in cattività.

Lo scoiattolo di terra a strisce è una specie comune in gran parte della sua vasta gamma. È una specie adattabile e non sono state identificate minacce particolari e l'Unione Internazionale per la Conservazione della Natura ha valutato il suo stato di conservazione come "di minore preoccupazione".


Scoiattolo di terra senza strisce

Scoiattolo di terra senza strisce (Xerus rutilus)
Scoiattolo di terra senza strisce (Xerus rutilus)

Lo Scoiattolo di terra senza strisce (Xerus rutilus), Unstriped ground squirrel in inglese, è una specie di roditore (ordine Rodentia) della famiglia Sciuridae, genere Xerus. Si trova a Gibuti, Eritrea, Etiopia, Kenya, Somalia, Sudan, Tanzania e Uganda. I suoi habitat naturali sono savana secca e arbusti secchi subtropicali o tropicali.

Lo scoiattolo di terra senza strisce è di colore brunastro o fulvo con una parte anteriore di colore più chiaro. Come suggerisce il nome, lo Xerus rutilus si differenzia dalle altre specie di scoiattoli di terra africani per non avere strisce bianche longitudinali dorsali. L'occhio è circondato da peli bianchi (tutti i peli sono ruvidi nei campioni osservati). La loro piccola testa e il loro corpo misurano in media 225,8 millimetri (8,89 pollici) di lunghezza con una lunghezza media della coda di 172 mm (6,8 pollici). Questa coda è piatta in apparenza. Il peso corporeo varia in base agli studi e agli habitat e varia da 257,7 a 420 grammi (da 9,09 a 14,82 once). La lunghezza del piede posteriore è di 35–49 mm con una scatola cranica che misura solo 24–25 mm. La lunghezza della mandibola è variabile nell'intervallo da 31,0 a 33,9 mm.

Lo Xerus rutilus è un membro della tribù Xerini, ma differisce dal gruppo Xerus daamsi (specie estinta). Entrambi sono separati e distinti dall'equivalente nordafricano Atlantoxerus. La lunghezza delle vibrisse e le dimensioni del cervello sono entrambi più piccole di quelle degli scoiattoli arborei della regione, ma sono simili ad altri scoiattoli terrestri.
Nessun dimorfismo sessuale significativo è stato notato in Xerus rutilus.

Lo scoiattolo di terra senza strisce è endemico in Etiopia, Kenya, Somalia, Sudan, Tanzania, Gibuti, Eritrea e Uganda e probabilmente esiste in Somalia. I suoi habitat naturali includono savana secca (arida) e arbusti secchi subtropicali o tropicali. Le popolazioni occupano molte regioni sovrapposte con il suo gruppo gemello, lo scoiattolo a strisce (Xerus erythropus), nell'Africa nord-orientale. Lo Xerus rutilus scava e occupa tane in condizioni generalmente aride.

Gli scoiattoli di terra senza strisce sono diurni con una dieta onnivora composta da foglie, frutti degli alberi (Adansonia digital, Baobab africano), semi (Commiphora e alberi di acacia), altri materiali vegetali e insetti. Studi dimostrano che lo Xerus rutilus non è influenzato dai tannini velenosi e in una certa misura mangia cibi contenenti ossalici. Xerus rutilus ha dimostrato di essere esclusivamente efficiente nella sua capacità di procurarsi il cibo. Questa capacità non è diminuita in una varietà di ambienti diversi, compresi quelli con una scorta di cibo da scarsa a moderata.

Gli Xerus rutilus sono principalmente solitari. Vivono in sistemi di tane con uno o due adulti con aree domestiche sovrapposte. In tempi di pericolo lo scoiattolo di terra senza strisce può tuffarsi in una tana straniera per sicurezza. Gli scoiattoli di terra senza strisce consentono agli scoiattoli non residenti di entrare nelle loro tane, comprese quelle di altre specie (Xerus erythropus). Trascorrono la maggior parte delle ore di veglia fuori dalle tane, ma le utilizzano per dormire e ripararsi dagli elementi. Si muovono abbastanza spesso durante il giorno, ma rimangono sedentari.

Sebbene non sia territoriale, esiste una gerarchia di dominanza con scoiattoli maschi che dominano sulle femmine e sugli scoiattoli più giovani. Lo Xerus rutilus dimostra il dominio tramite vocalizzazione, esibizioni di coda e affondi fisici.

Gli scoiattoli di terra senza strisce generalmente risiedono in condizioni aride calde e compensano esibendo una termoregolazione comportamentale. Dopo periodi di foraggiamento in zone calde, si ritirano all'ombra e si sdraiano sul terreno ombreggiato per rinfrescarsi.


Scoiattolo volante dalla coda squamosa di Lord Derby

Scoiattolo volante dalla coda squamosa di Lord Derby (Anomalurus derbianus)
Scoiattolo volante dalla coda squamosa di Lord Derby (Anomalurus derbianus)

Lo Scoiattolo volante dalla coda squamosa di Lord Derby (Anomalurus derbianus), Lord Derby's scaly-tailed squirrel in inglese, è un roditore anomaluride originario dell'Africa. Prende il nome da Edward Smith-Stanley, 13° conte di Derby.

Lo scoiattolo dalla coda squamosa di Lord Derby appartiene alla famiglia degli Anomaluridi (Anomaluridae), genere Anomaluri (Anomalurus) e vive nelle foreste pluviali tropicali e subtropicali dell'Africa occidentale e centrale. Si trova in Angola, Camerun, Repubblica Centrafricana, Repubblica del Congo, Repubblica Democratica del Congo, Costa d'Avorio, Guinea Equatoriale, Gabon, Ghana, Kenya, Liberia, Malawi, Mozambico, Nigeria, Sierra Leone, Tanzania, Uganda e Zambia. Le sue naturali habitat sono asciutti subtropicali o tropicali foreste e boschi di pianura umide subtropicali o tropicali. È minacciato dalla perdita di habitat.

Lo scoiattolo dalla coda squamosa di Lord Derby è notturno e dorme nei nidi nelle tane degli alberi. Vivono da soli o in coppia. Si muovono estendendo la loro membrana e scivolando da un albero all'altro. Sono stati registrati voli fino a 250 metri (820 piedi). Useranno le squame sul fondo della coda per aiutarsi ad arrampicarsi sugli alberi. Gli scoiattoli volanti dalla coda squamosa di Lord Derby sono principalmente erbivori, mangiano materia vegetale come foglie, corteccia, noci verdi, frutta e fiori.


Springhare dell'Africa orientale

Springhare dell'Africa orientale (Pedetes surdaster), Amboseli NP, Kenya
Springhare dell'Africa orientale (Pedetes surdaster), Amboseli NP, Kenya

Lo Springhare dell'Africa orientale (Pedetes surdaster), letteralmente Lepre di primavera dell'Africa orientale, East African springhare in inglese, non è strettamente imparentato con la lepre, che è un lagomorfo, ma è un membro dei Pedetidi (Pedetidae), una famiglia di roditori. Noti anche come lepri saltatrici, sono roditori simili a lepri, o più ancora a piccoli canguri. Pedetes surdaster è stato riconosciuto come specie distinta dallo Springhare dell'Africa meridionale (Pedetes capensis) in base a differenze genetiche, morfologiche ed etologiche. Pedetes capensis del Sud Africa ha meno cromosomi (2n = 38) rispetto al Pedetes surdaster che ha (2n = 40) e alcune altre variazioni genetiche. La specie è stata confermata nel 2005.

A differenza dello Springhare sudafricano (Pedetes capensis), la seconda e la terza vertebra cervicale sono fuse in questa specie.

Questa specie si trova nel Kenya centrale e meridionale e nella maggior parte della Tanzania. Un solo esemplare è stato registrato in Uganda vicino al confine con il Kenya, sul Monte Moroto. Si trova dal livello del mare fino ad un'altitudine di oltre 2.000 m.

Lo Springhare dell'Africa orientale assomiglia a un piccolo canguro e ha le dimensioni di un coniglio. È di colore marrone medio, ha grandi orecchie erette, zampe anteriori molto corte e zampe posteriori lunghe e potenti. Si muove in limiti fino a 2 m e ha una lunga coda orlata di peli neri che fornisce l'equilibrio. Può sedersi sulle anche come uno scoiattolo.

Lo Springhare dell'Africa orientale è notturno e trascorre la giornata in un vasto sistema di tane. Vive in habitat erbosi semiaridi. La dieta è costituita dalle parti verdi di piante, radici e altre sostanze vegetali e, occasionalmente, insetti.


Ghiro dalle orecchie piccole

Ghiro dalle orecchie piccole (Graphiurus microtis) -  Small-eared dormouse
Ghiro dalle orecchie piccole (Graphiurus microtis) - Small-eared dormouse

Il Ghiro dalle orecchie piccole (Graphiurus microtis), Small-eared dormouse in inglese, è una specie di roditore della famiglia dei Ghiridi (Gliridae). Si trova in Angola, Botswana, Eritrea, Etiopia, Kenya, Lesotho, Malawi, Mozambico, Namibia, Sud Africa, Sudan, Eswatini (Swaziland), Tanzania, Zambia e Zimbabwe.


Ghiro di Kellen

Ghiro di Kellen (Graphiurus kelleni) - Kellen's dormouse
Ghiro di Kellen (Graphiurus kelleni) - Kellen's dormouse

Il Ghiro di Kellen (Graphiurus kelleni), Kellen's dormouse in inglese, è una specie di roditore della famiglia dei Ghiridi (Gliridae). È originario dell'Africa tropicale dove il suo areale si estende dal Gambia e dal Senegal al Kenya e alla Tanzania. Le sue naturali habitat sono asciutti subtropicali o tropicali foreste e umida o secca savana .
Il ghiro di Kellen ha una lunghezza della testa e del corpo compresa tra 75 e 150 mm (3,0 e 5,9 pollici) e una coda folta da 50 a 110 mm (da 2 a 4 pollici). Le parti superiori sono grigie, marroni o fulve, le parti inferiori sono chiare e la testa ha orecchie grandi e una maschera scura che circonda gli occhi.

Il ghiro di Kellen è originario dell'Africa tropicale occidentale, centrale e orientale a sud del deserto del Sahara. Si trova in Angola, Benin, Burkina Faso, Camerun, Repubblica Democratica del Congo, Etiopia, Gambia, Ghana, Kenya, Malawi, Mali, Mozambico, Niger, Nigeria, Senegal, Somalia, Sud Sudan, Sudan, Tanzania, Togo, Uganda, Zambia e Zimbabwe. Occupa una serie di habitat tra cui foreste secche e savana sia umida che secca.

Il ghiro di Kellen è un animale attivo, che si arrampica sugli alberi e si avventa sulla sua preda vivente, che include insetti e altri invertebrati, piccoli vertebrati, uova di uccelli e carogne. La sua dieta comprende anche semi e frutta. È notturno e costruisce un nido in cui si ritira durante il giorno. A parte brevemente nella stagione riproduttiva, è un animale per lo più solitario. Emette una serie di vocalizzi striduli, inclusi segnali di avvertimento e segnali di comunicazione, ma poco si sa del suo comportamento.
Il ghiro di Kellen è una specie comune conosciuta da una serie di tipi di habitat. Ha una gamma molto ampia e non sono state identificate minacce specifiche, quindi l'Unione internazionale per la conservazione della natura ha valutato il suo stato di conservazione come "meno preoccupante".


Ratto talpa dell'Africa nord-orientale

Ratto talpa dell'Africa nord orientale - Northeast African mole-rat (Tachyoryctes splendens)
Ratto talpa dell'Africa nord orientale - Northeast African mole-rat (Tachyoryctes splendens)

Il Ratto talpa dell'Africa nord-orientale (Tachyoryctes splendens), Northeast African mole-rat in inglese, è una specie di roditore della famiglia degli Spalacidi (Spalacidae) e si trova in Etiopia, Somalia e Kenya nordoccidentale. I suoi habitat naturali sono foreste montane umide subtropicali o tropicali, savana secca, arbusti d'alta quota e praterie. Vive un'esistenza solitaria sottoterra e produce una piccola cucciolata due volte l'anno, nelle due stagioni delle piogge. Alcune autorità tassonomiche raggruppano questa specie, insieme a una serie di altre nel genere, nel qual caso viene utilizzato il nome inglese East African mole-rat (Ratto talpa dell'Africa orientale).

La talpa dell'Africa nord-orientale è originaria delle zone montuose dell'Etiopia, della Somalia e del Kenya nordoccidentale. Si trova ad altitudini fino a 3.300 metri (10.800 piedi) in Etiopia e fino a 3.000 metri (9.800 piedi) in altre parti del suo raggio. È una specie adattabile e in grado di vivere in una vasta gamma di habitat tra cui savana, foresta tropicale umida, terreni agricoli, pascoli, piantagioni di caffè e giardini.

La talpa dell'Africa nord-orientale è una specie fossoriale e vive una vita solitaria in una rete di tane. I topi talpa africani usano principalmente i denti sporgenti, il naso e la sommità della testa per scavare canali sotterranei. Alcuni ricercatori hanno scoperto che i loro sistemi olfattivi hanno una superficie maggiore e sono altamente complessi, un tratto evoluto che potrebbe essersi verificato a causa del loro stile di vita di vivere in una comunità con meno individui.
Le talpe femmine diventano sessualmente mature a circa 120 giorni e il tempo medio tra le cucciolate successive è di circa 173 giorni. La dimensione media delle cucciolate è di circa due. L'arrivo dei giovani è sincronizzato con la metà delle stagioni delle piogge che si verificano da aprile a luglio e di nuovo da novembre a dicembre. A volte le aree in cui vive questo topo talpa possono essere allagate. I test hanno dimostrato che quando ciò accade, il ratto talpa dell'Africa nord-orientale può nuotare per due minuti o più, camminare in superficie fino a 80 metri (260 piedi) a 7 metri (23 piedi) al minuto e scavare una nuova tana. I ricercatori hanno ipotizzato che le inondazioni potrebbero incoraggiare l'animale a disperdersi in nuove aree e che il terreno umido faciliterebbe lo scavo della nuova tana.
Possono produrre segnali sismici battendo la testa contro il soffitto dei loro tunnel per comunicare. Questi segnali possono essere veloci, probabilmente per l'identificazione degli individui, o lenti, forse come avvertimento.


Mianzini talpa-topo

Il Mianzini talpa-topo o Mianzini afro talpa-topo (Tachyoryctes annectens), Mianzini African mole-rat in inglese, è una specie di roditore della famiglia Spalacidae endemica per il Kenya. I suoi habitat naturali sono savana secca, pascoli e giardini rurali. Alcune autorità tassonomiche lo considerano conspecifico con il Ratto talpa dell'Africa orientale.


Talpa africana delle montagne di Aberdare

La Talpa africana delle montagne di Aberdare (Tachyoryctes audax), Aberdare Mountains African mole-rat in iglese, è una specie di roditore della famiglia Spalacidae endemica per il Kenya. I suoi habitat naturali sono foreste montane umide subtropicali o tropicali e praterie d'alta quota subtropicali o tropicali. Alcune autorità tassonomiche lo considerano conspecifico con il Ratto talpa dell'Africa orientale.


Ratto talpa demone africano

Ratto talpa demone africano - Demon African mole-rat (Tachyoryctes daemon)
Ratto talpa demone africano - Demon African mole-rat (Tachyoryctes daemon)

Il Ratto talpa demone africano (Tachyoryctes daemon), Demon African mole-rat in inglese, è un vero animale della famiglia degli Spalacidi. Come altri topi talpa, vivono in tane sotterranee che scavano usando i denti e le teste simili a pale. A differenza di molti dei loro cugini, tuttavia, i ratti talpa demoniaci sono creature solitarie.

Vogliono essere lasciati soli. Una talpa demoniaca che si avvicina troppo al territorio di un altro verrà cacciata via in modo aggressivo colpendo la testa. È una forma di comunicazione sismica o vibrazionale. L'udito e la vista non sono di grande utilità nelle tane sotterranee, quindi animali sotterranei come il topo talpa demone hanno trovato un altro modo per far conoscere la loro presenza. Un gruppo di ricercatori guidato da Ema Hrouzková dell'Università della Boemia meridionale, Repubblica Ceca, ha recentemente descritto i segnali sismici prodotti dai ratti talpa demoniaci. La ricerca è stata pubblicata nel numero di settembre del Journal of Ethology .

Michael Rogers Oldfield Thomas (1909) ha osservato che il daemon era "notevolmente più piccolo che in T. ibeanus" e poteva essere distinto da T. ankoliae per la sua cresta sagittale lineare e da T. ruddi per i suoi "zigomi più bruscamente e ampiamente espansi". Le relazioni genetiche tra il T. daemon, T. naivashae (a nord del confine Kenya-Tanzania) e T. ruddi (Kenya sudoccidentale, Monte Elgon, Uganda sudoccidentale e Tanzania nordoccidentale) dovevano essere valutate per determinare se ogni singola specie fosse rappresentata. La distribuzione ed ecologia di T. daemon sul Monte Kilimanjaro vengono recensiti da Grimshaw ed altri (1995). I record distributivi provengono da Hollister (1919) e Swynnerton e Hayman (1951), che hanno anche elencato il demone come specie. Questi ultimi autori hanno registrato le specie dalla Tanzania nordoccidentale, ma tali eventi rappresentano probabilmente T. ruddi (si veda quel resoconto). Alcune autorità tassonomiche lo considerano conspecifico con il Ratto talpa dell'Africa orientale.


Ratto talpa keniota

Ratto talpa keniota - Kenyan mole-rat (Tachyoryctes ibeanus)
Ratto talpa keniota - Kenyan mole-rat (Tachyoryctes ibeanus)

Il Ratto talpa africano keniota o Ratto talpa keniota (Tachyoryctes ibeanus), Kenyan African mole-rat o Kenyan mole-rat in inglese, è una specie di roditori della famiglia degli Spalacidi. È endemica per il Kenya. I suoi habitat naturali sono la savana secca, la savana umida, i terreni coltivabili, i pascoli, le piantagioni, i giardini rurali, le aree urbane e l'ex foresta fortemente degradata.
Alcune autorità tassonomiche lo considerano conspecifico con il ratto talpa dell'Africa orientale.
Distribuzione GC Hickman : S Kenya, vicino a Nairobi e margine occidentale delle pianure di Athi.


Talpa africana Naivasha

La Talpa africana Naivasha (Tachyoryctes naivashae), Navivasha African mole-rat in inglese, è una specie di roditori della famiglia Spalacidae. È endemica per il Kenya. I suoi habitat naturali sono foreste montane umide subtropicali o tropicali, savana umida, terreni coltivabili e pascoli. Alcune autorità tassonomiche lo considerano conspecifico con il Ratto talpa dell'Africa orientale.


Ratto talpa re africano

Il Ratto talpa re africano, Ratto talpa re, o Ratto talpa alpino, (Tachyoryctes rex), King African mole-rat in inglese, è un roditore scavatore nel genere Tachyoryctes della famiglia Spalacidae. Si trova solo in alto sul Monte Kenya, dove è comune. Descritta originariamente come una specie separata correlata alla talpa africana delle montagne di Aberdare, (T. audax) nel 1910, alcuni la classificano come la stessa specie del Ratto talpa dell'Africa orientale, (T. splendens).
È una specie brunastra molto grande, con la lunghezza della testa e del corpo che va da 222 a 268 mm (da 8,7 a 10,6 pollici). I giovani sono scuri con macchie bianche irregolari sulle parti inferiori. L'animale costruisce grandi tane e forse tumuli associati e mangia le radici delle piante.

Nel 1909, John Alden Loring raccolse l'olotipo durante la spedizione africana Smithsonian-Roosevelt guidata da Theodore Roosevelt. L'anno successivo, Edmund Heller descrisse la specie come Tachyoryctes rex; pensava che fosse strettamente correlato a un'altra specie keniota, T. audax. Nel 1919, Ned Hollister fornì ulteriori informazioni utilizzando più materiale e affermò la relazione tra T. rex e T. audax. Notò che i due erano simili nella colorazione, ma che il T. rex era molto più grande; secondo Heller, T. audax è di colore leggermente più scuro. Dal 1974, alcuni lavori tassonomici hanno incluso T. rex e molte altre specie di Tachyoryctes in T. splendens, anche se senza valutazione dei caratteri distintivi delle specie precedentemente riconosciute. La Lista Rossa IUCN del 2009 segue questa disposizione, ma la terza edizione del 2005 di Mammal Species of the World descrive il T. rex come una "specie distintiva".

Il Tachyoryctes rex è una specie molto grande con una pelliccia soffice. È bruno-rossastro sopra e marrone più chiaro sotto. La punta del muso e la gola sono nere e un'area intorno alla bocca è bianca. I piedi sono marroni, ma le dita sono bianche. La coda è scura sopra e biancastra sotto. I maschi sono più grandi delle femmine. Gli animali giovani hanno il pelo scuro, con alcune aree bianche irregolari sulle parti inferiori. Negli animali giovani, l'area della corona dei molari è piccola, ma cresce con l'usura in età adulta fino a raggiungere un massimo, dopodiché si restringe di nuovo. L' iride è grigio-marrone scuro. In 14 esemplari, la lunghezza della testa e del corpo è da 222 a 268 mm (da 8,7 a 10,6 pollici), la lunghezza della coda è da 54 a 80 mm (da 2,1 a 3,1 pollici), la lunghezza del retropiede è da 29 a 33 mm (da 1,1 a 1,3 pollici) e il cranio (condilobasale) la lunghezza è da 47 a 57 mm (da 1,9 a 2,2 pollici).
In confronto a quelle dei Tachyoryctes audax, le ossa nasali sono più grandi e hanno angoli ai lati.
Il Tachyoryctes annectens, che è quasi altrettanto grande, ha denti e nasali più piccoli; nel T. rex, il basioccipitale è più ampio e la parte posteriore della mandibola (mascella inferiore) è meglio sviluppata e ha la capsula dell'incisivo posta più in avanti.

Il Tachyoryctes rex si trova sul versante occidentale del Monte Kenya, in Kenya, a 2.600 a 3.350 m (8.500 a 11.000 piedi) di altitudine. È comune in un'area limitata, al margine superiore della foresta di bambù e al margine inferiore della brughiera. Una femmina trovata il 5 ottobre aveva un grande embrione. T. rex costruisce grandi tumuli con diametri fino a 6 m (20 piedi). Alcuni hanno interpretato invece questi tumuli come costruiti dalle termiti. Da quei tumuli, le tane possono estendersi fino a 50 m (160 piedi) ed essere profonde fino a 1 m (3,3 piedi). Una camera è utilizzata per la minzione e la defecazione e per immagazzinare la materia vegetale; produce una notevole quantità di calore. In altre camere, T. rex costruisce grandi nidi d'erba. L'animale mangia le radici delle piante. La sua presenza si traduce in un cambiamento nella vegetazione sui tumuli, che hanno meno erbe e più piante legnose, sia perché l'animale mangia le radici delle piante, sia perché il terreno è alterato.


Embi talpa africana

L'Embi talpa africana (Tachyoryctes spalacinus), Embi African mole-rat in inglese, è una specie di roditori della famiglia Spalacidae endemico in Kenya. I suoi habitat naturali sono foreste montane umide subtropicali o tropicali, savana umida, terreni coltivabili, pascoli, piantagioni e ex foreste fortemente degradate.
Alcune autorità tassonomiche lo considerano conspecifico con il Ratto talpa dell'Africa orientale.


Talpa africana di Storey

La Talpa africana di Storey (Tachyoryctes storeyi), Storey's African mole-rat in iglese, è una specie di roditori della famiglia Spalacidae endemica per il Kenya. Il suo habitat naturale è la prateria di pianura secca subtropicale o tropicale.
Alcune autorità tassonomiche lo considerano conspecifico con il Ratto talpa dell'Africa orientale.


Topo rampicante africano montano

Il Topo rampicante africano montano (Dendromus insignis), Montane African climbing mouse in inglese, è una specie di roditore della famiglia Nesomyidae. Si trova nella Repubblica Democratica del Congo, Kenya, Ruanda, Tanzania e Uganda.

I topi rampicanti africani montani hanno un pelo corto e morbido da marrone a bruno-rossastro con una striscia scura al centro della schiena e parti inferiori grigio scuro o grigiastre. Hanno code che possono raggiungere il 133% della loro lunghezza della testa e del corpo, che si assottigliano e sono ricoperte di squame e peli corti.
I topi rampicanti africani montani hanno un tipico arco zigomatico con uno stretto forame infraorbitario, dovuto alla prominenza dei muscoli masseteri inferiori posizionati anteriormente, con il risultato di soli tre molari e incisivi superiori scanalati.
Gli arti posteriori del topo rampicante africano montano sono allungati, con le zampe posteriori altamente specializzate per l'arrampicata. Il Dendromus insignis ha un cuscinetto per il piede prossimale interno ridotto e una primo dito ridotto con un artiglio.
Il topo rampicante africano montano è una delle specie più grandi del genere Dendromus, con una lunghezza della testa e del corpo compresa tra 76 mm e 90 mm e un peso da 7-20 g, fino al 20% più grande delle altre specie di Dendromus. Inoltre, la loro testa è relativamente grande rispetto ad altri generi di roditori, rappresenta circa il 27% della loro lunghezza della testa e del corpo e si traduce in file molari più lunghe.

Il topo rampicante africano montano evita la predazione essendo notturno, usando le sue zampe posteriori ben adattate per arrampicarsi su ramoscelli ed erbe dense e le sue lunghe zampe posteriori per produrre lunghi salti fino a 45 cm. La sua agilità di arrampicata è utilizzata per contribuire alla sua dieta insettivora e granivora e consente ai nidi di essere fuori terra.

La sua gamma di habitat si estende attraverso le zone montuose ma generalmente dimorano nelle zone brughiere e alpine. Sono stati documentati in un'ampia gamma di località di alta quota, comprese altitudini fino a 4240 m. Al di sotto dei 2000 m, la prateria incontra la foresta montana, e Dendromus insignis si trova meno comunemente, poiché la fitta vegetazione facile da scalare è ridotta.


Topo rampicante di Brants

Il Topo rampicante di Brants (Dendromus mesomelas), Brants's climbing mouse in inglese, è una specie di roditore della famiglia Nesomyidae. Si trova in Botswana, Repubblica Democratica del Congo, Kenya, Malawi, Mozambico, Namibia, Sud Africa, Tanzania e Zambia. I suoi habitat naturali sono foreste montane umide subtropicali o tropicali, savana secca, vegetazione arbustiva di tipo mediterraneo e praterie d'alta quota subtropicali o tropicali.


Topo rampicante delle castagne

Topo rampicante delle castagne (Dendromus mystacalis)
Topo rampicante delle castagne (Dendromus mystacalis)

Il Topo rampicante delle castagne (Dendromus mystacalis), Chestnut climbing mouse in inglese, è una specie di roditore della famiglia Nesomyidae. Si trova in Angola, Repubblica Democratica del Congo, Etiopia, Kenya, Lesotho, Malawi, Mozambico, Ruanda, Sud Africa, Eswatini, Tanzania, Uganda, Zambia e Zimbabwe. I suoi habitat naturali sono la savana secca e savana umida.


Topo grasso minuscolo

Topo grasso minuscolo (Steatomys parvus)
Topo grasso minuscolo (Steatomys parvus)

Il Topo grasso minuscolo (Steatomys parvus), Tiny fat mouse in inglese, è una specie di roditore della famiglia Nesomyidae . Si trova in Angola, Botswana, Etiopia, Kenya, Mozambico, Namibia, Sud Sudan, Tanzania, Uganda, Zambia e Zimbabwe.
I suoi habitat naturali sono arbusti secchi subtropicali o tropicali e praterie secche subtropicali o tropicali di pianura.
Predilige zone sabbiose e coltivate, colline rocciose, boschi aperti e pianure erbose. La profondità della sua tana varia tra un minimo di 40 cm e un metro; la tana contiene pochi passaggi, con una camera centrale piena di fibre ed erba.

Il topo grasso minuscolo fa parte di un insieme di piccoli mammiferi nei boschi di acacia aperti. Il roditore più numeroso in questo habitat è l'Arvicante del Nilo (Arvicanthis niloticus), seguito dal topo multimammato del Natal (Mastomys natalensis). Sono anche numerosi I toporagni del genere Crocidura spp., così come i topi grassi (Steatomys spp.), i gerbilli (Gerbilliscus spp.), i topi arboricoli (Dendromus spp.), i ratti con la sacca (Saccostomus spp.) e i topi del sottogenere Nannomys.

Nei boschi di Terminalia, caratterizzati dagli alberi Terminalia mollis e Combretum molle e vari arbusti, si trova una diversa comunità di piccoli mammiferi. Qui il topo multimammato del Natal è la specie più comune, come numerosi sono il topo grasso minuscolo, il topo delle rocce del Kaiser (Aethomys kaiseri) e il topo dei prati striato berbero (Lemniscomys barbarus).

Il topo grasso minuscolo ha una gamma molto ampia in gran parte dell'Africa centrale e meridionale. Si presume che la popolazione sia numerosa e sembra essere stabile. Per questi motivi, l'Unione Internazionale per la Conservazione della Natura ha valutato lo stato di conservazione di questo topo come "meno preoccupante".


Ratto criceto minore

Il Ratto criceto minore o Ratto dalla coda lunga (Beamys hindei), Lesser hamster-rat o long-tailed pouched rat in inglese, è una specie di roditore della famiglia Nesomyidae. Si trova in Kenya e Tanzania. Il suo naturale habitat è pianura umide subtropicali o tropicali foreste. È minacciato dalla perdita di habitat.


Ratto dal sacchetto di Emin

Ratto con la sacca di Emin (Cricetomys emini)
Ratto con la sacca di Emin (Cricetomys emini)

Il Ratto con la sacca di Emin (Cricetomys emini), noto anche come Ratto con la sacca africano, Emin's pouched rat o African pouched rat in inglese, è un grosso topo della superfamiglia dei Muroidi (Muroidea). È imparentato con Cricetomys gambianus, il ratto dal sacchetto del Gambia. Entrambe le specie appartengono ai Cricetomys, il genere dei ratti col sacco giganti.
Sono così chiamati in quanto posseggono delle pieghe della mucosa orale situate a livello delle guance, degli spazi virtuali pressoché invisibili quando vuote. Preferiscono consumare la maggior parte del pasto in tranquillità e al sicuro all’interno della propria tana e a fare scorta per i periodi in cui la disponibilità di risorse alimentari è minore. A tal fine, questi roditori miomorfi immagazzinano temporaneamente grandi quantità di cibo all’interno della loro bocca; man mano che vengono riempite, le tasche guanciali si dilatano fino alla dimensione di due noci e una volta raggiunto il limite i roditori torneranno nella loro tana per alimentarsi e mettere da parte quello che non avranno consumato.
Questi animali sono stati introdotti nel commercio di animali esotici, ma sono stati banditi dal CDC e dalla FDA dopo un'epidemia di vaiolo delle scimmie. Sono facilmente addomesticabili.

Sono originari dell'Africa e si trovano lungo i margini delle foreste e lungo le pianure. I ratti con il marsupio di Emin sono in realtà arrampicatori migliori dei loro cugini ratti con il marsupio più conosciuti del Gambia. Questi ratti con le sacche sono chiamati per avere i sacchetti delle guance molto simili a un criceto .
Il ratto con la sacca di Emin e il ratto con la sacca del Gambia hanno alcune differenze fisiche molto evidenti:
I ratti con il marsupio di Emin hanno una netta linea di differenza di colore tra la parte inferiore dell'addome e la parte superiore del corpo. L'addome è grigio / bianco, mentre la parte superiore del corpo è marrone scuro. La coda ha una punta bianca. I ratti con il marsupio del Gambia hanno un colore bruno-grigiastro che è abbastanza uniforme in tutto il corpo, diventando solo gradualmente più chiaro sull'addome.
ratti con il marsupio di Emin hanno un aspetto molto snello e muscoloso. Hanno un aspetto piuttosto snello e sono ottimi arrampicatori. I Gambiani sono un po 'voluminosi, dall'aspetto rozzo e sono stati segnalati come meno "arboricoli" degli Emin.
I ratti in sacca di Emin tendono a pesare meno ed essere leggermente più piccoli dei ratti in sacca del Gambia.

Entrambe le specie furono introdotte nel commercio di animali esotici. Sfortunatamente, molti spacciatori e allevatori non sono riusciti a riconoscere la differenza nelle due specie e alcuni hanno persino provato a riprodurle insieme. Ci sono state segnalazioni di successo e altre segnalazioni di prole che muore alla nascita. Entrambe le specie sono talvolta tenute come animali domestici, ma i maschi possono essere territoriali rispetto ad altri della stessa specie.


Ratto dal sacchetto del Gambia

Ratto con il marsupio del Gambia (Cricetomys gambianus)
Ratto con il marsupio del Gambia (Cricetomys gambianus)

Il Ratto con la sacca del Gambia (Cricetomys gambianus), noto anche come Ratto con la sacca gigante africano, Gambian pouched rat o African giant pouched rat in inglese, è un grosso topo della superfamiglia dei Muroidi (Muroidea). è una specie di ratto con la sacca notturno del genere Cricetomys, nella famiglia Nesomyidae. La specie è tra i più grandi Muroidi del mondo, cresce fino a circa 0,9 metri (3 piedi) di lunghezza inclusa la coda che costituisce la metà della sua lunghezza totale. È diffuso nell'Africa sub-sahariana, spaziando geograficamente dal Senegal al Kenya e dall'Angola al Mozambico (sebbene sia assente da gran parte della Repubblica Democratica del Congo, dove è presente il ratto con la sacca di Emin) e in altitudine dal livello del mare a 2.000 metri (6.600 piedi).
Il ratto dal sacchetto del Gambia viene talvolta tenuto come animale domestico, ma alcuni sono fuggiti dalla prigionia e sono diventati una specie invasiva in Florida. Il CDC e la FDA negli Stati Uniti ora vietano l'importazione di questa specie perché è accusata dell'epidemia di vaiolo delle scimmie nel 2003.

Il ratto con il marsupio del Gambia ha una vista molto scarsa e quindi dipende dai suoi sensi dell'olfatto e dell'udito. Il suo nome deriva dalle grandi sacche a forma di criceto sulle guance. Non è un vero topo ma fa parte di un ramo africano di roditori muroidi. In genere pesa tra 1 e 1,4 chilogrammi (2,2 e 3,1 libbre). Nella sua nativa Africa, il ratto Il ratto col marsupio vive in colonie fino a venti, di solito nelle foreste e nei boschetti, ma anche comunemente nei termitai. È onnivoro, si nutre di verdure, insetti, granchi, lumache e altro, ma apparentemente preferendo frutti e semi di palma.
A differenza dei ratti domestici, ha le guance come un criceto. Questi sacchetti per le guance gli consentono di raccogliere diversi chilogrammi di noci a notte per la conservazione sotterranea. Riempie i suoi sacchetti così pieni di noci di palma da dattero da riuscire a stento ad attraversare l'ingresso della sua tana. La tana è costituita da un lungo passaggio con vicoli laterali e diverse camere, una per dormire e le altre per ripostiglio. Il ratto con il marsupio del Gambia raggiunge la maturità sessuale a 5-7 mesi di età. Ha fino a quattro cucciolate ogni nove mesi, con un massimo di sei piccoli in ogni figliata. I maschi sono territoriali e tendono ad essere aggressivi quando si incontrano.

Il ratto con il marsupio del Gambia è attualmente utilizzato in esperimenti di psicologia presso la Cornell University negli Stati Uniti per indagare la sua utilità nella rilevazione della tubercolosi in campioni di espettorato umano.

I ratti con il marsupio del Gambia sono diventati una specie invasiva nella Grassy Key in Florida, dopo che un allevatore privato ha permesso agli animali di fuggire. Si ritiene che questo roditore africano fuori misura sia anche responsabile dell'epidemia di vaiolo delle scimmie del 2003 negli Stati Uniti, dopo averlo diffuso ai cani della prateria acquistati come animali domestici. Nel 2003, il CDC e la FDA degli Stati Uniti hanno emesso un ordine che impedisce l'importazione dei roditori in seguito alla prima epidemia segnalata di vaiolo delle scimmie. Sono state colpite circa 20 persone.

Un'impresa sociale tanzaniana fondata da due belgi, APOPO , addestra ratti con il marsupio del Gambia a rilevare mine terrestri e tubercolosi con il loro olfatto altamente sviluppato. I ratti addestrati con il marsupio sono chiamati HeroRATS . I ratti sono molto più economici da addestrare rispetto ai cani che rilevano le mine; un topo richiede $ 7.300 per nove mesi di addestramento, mentre un cane costa circa $ 25.000 per la formazione.
Nel 2020 un ratto eroe ha ricevuto una medaglia d'oro PDSA, l'equivalente animale della George Cross, diventando il primo ratto a ricevere il premio da quando l'ente di beneficenza ha iniziato a onorare gli animali 77 anni fa. Finora 'Magawa' ha rilevato 39 mine terrestri e 28 pezzi di ordigni inesplosi, sgombrando oltre 141.000 metri quadrati [1.517.712 piedi quadrati] di terra, prevenendo molti feriti e morti, nei suoi 4 anni di carriera.


Ratto dal sacchetto di Mearns

Il Ratto con la sacca di Mearns (Saccostomus mearnsi), Mearns's pouched mouse in inglese, è una specie di roditore della famiglia Nesomyidae. Si trova in Etiopia, Kenya, Somalia, Tanzania e Uganda. I suoi habitat naturali sono savana secca, arbusti aridi subtropicali o tropicali, deserti caldi e terreni coltivabili.


Ratto dalla criniera

Ratto dalla criniera (Lophiomys imhausi)
Ratto dalla criniera (Lophiomys imhausi)

Il Ratto dalla criniera (Lophiomys imhausi) o Ratto crestato, Maned rat o Crested rat in inglese, è un roditore dell'Africa orientale notturno, dal pelo lungo e dalla coda folta che somiglia superficialmente a un porcospino.

Il corpo del topo dalla criniera può crescere fino a 14 pollici (360 mm) di lunghezza o 21 pollici (530 mm) dalla testa alla coda. Il mantello è costituito da peli di guardia lunghi, argentati e neri su un sottopelo denso, lanoso, grigio e bianco, con la faccia e gli arti che hanno una corta pelliccia nera. Una criniera di peli fasciati in bianco e nero più lunghi e grossolani si estende dalla sommità della testa dell'animale appena oltre la base della coda. Questa criniera è delimitata da un'ampia striscia di peli bordata di bianco che copre un'area di pelle ghiandolare. Gli arti anteriori e posteriori hanno una corta pelliccia nera. Gli anteriori sono grandi e il primo dito degli anteriori non ha un artiglio mentre le dita dalla seconda alla quinta hanno un artiglio ben sviluppato.
Quando l'animale è minacciato o eccitato, la criniera si erge e questa striscia si separa, esponendo l'area ghiandolare. I peli in quest'area sono normali sulle punte, ma per il resto sono spugnosi, fibrosi e assorbenti. Il topo è noto per spalmare deliberatamente questi peli con il veleno della corteccia dell'Acokanthera schimperi, su cui mastica, creando così un meccanismo di difesa in grado di ammalare o addirittura uccidere i predatori che tentano di morderlo.
Il ratto dalla criniera differisce dai tipici Muridi per avere la fossa temporale coperta da una sottile lastra di osso, clavicole rudimentali e un alluce opponibile. La superficie dorsale del cranio è ricoperta da piccole sporgenze ossee che gli conferiscono un aspetto ciottoloso. Le proiezioni sono di 0,3 mm di diametro e sono separate ogni 0,3 mm. Per questi motivi, è stato reso il tipo di una famiglia; la sua dentatura, invece, è tipica dei Cricetini. La formula dentale è 1/1, 0/0, 0/0, 3/3, per un totale di 16 denti. Le cuspidi dei molari sono disposte biserialmente e collegate medialmente da creste longitudinali di smalto.

La sua dieta in natura consiste in gran parte di foglie, frutta e altro materiale vegetale, ma è noto per mangiare carne, cereali, ortaggi a radice e insetti in cattività. Il cibo viene mangiato sedendosi sulle anche e usando le zampe anteriori per portare gli alimenti alla bocca. È l'unica specie della super famiglia Muroidea il cui stomaco è altamente compartimentato. Lo stomaco contiene cinque sezioni anatomicamente separate che somigliano superficialmente alla configurazione saccolata caratteristica degli artiodattili ruminanti. In virtù delle sue grandi dimensioni e biomassa, il ratto dalla criniera può essere uno dei pochi roditori muroidi che può ospitare una microflora simbiotica nel foregut (la parte anteriore del tubo digerente dei vertebrati, tra la cavità buccale e il dotto biliare) e trarre profitto metabolicamente dalla fermentazione gastrica della cellulosa.

L'habitat del ratto dalla criniera varia da quasi il livello del mare, in Etiopia e Somalia, alle foreste e ai boschi più aridi degli altopiani di Somalia, Etiopia, Sudan, Tanzania, Uganda e Kenya. Tuttavia, sono stati trovati resti fossili fino a nord di Israele. Si trovano spesso in aree rocciose o in tronchi d'albero cavi e buchi lungo le cime degli anfratti, e sono stati trovati anche nidificanti tra le rocce su pareti rocciose.

Poiché il ratto dalla criniera è una creatura solitaria, non si sa molto sulle pratiche riproduttive della specie. La dimensione della cucciolata è di uno a tre piccoli. I giovani sono leggermente pelosi alla nascita, segni bianchi e strisce nere sul corpo sono visibili dopo nove giorni. Al tredicesimo giorno gli occhi si aprono. Il pelo è sufficientemente lungo perché la cresta possa essere erettile il ventesimo giorno. I neonati diventano mobili entro il ventitreesimo giorno e vengono svezzati entro il quarantesimo.


Topo spinoso

Topo spinoso di Wilson (Acomys wilsoni)
Topo spinoso di Wilson (Acomys wilsoni)

Il termine Topo spinoso, Spiny mouse in inglese, si riferisce a qualsiasi specie di roditore del genere Acomys. I topi spinosi sono piccoli mammiferi con code nude e squamose. Tuttavia, i loro cappotti sono dotati di peli di guardia insolitamente rigidi simili alle spine di un riccio; questa caratteristica è la fonte del nome comune, topo spinoso.
Nonostante la loro somiglianza anatomica con i membri del genere Mus, le prove genetiche suggeriscono che i topi spinosi africani potrebbero essere più strettamente correlati ai gerbilli che ai topi comuni.

Genere Acomys - Topi spinosi
Le specie diffuse in Kenya:
Il topo spinoso ardente, Acomys ignitus
Il topo spinoso di Kemp, Acomys kempi
Il topo spinoso di Louise, Acomys louisae
Il topo spinoso di Percival, Acomys percivali
Il topo spinoso di Wilson, Acomys wilsoni

Sebbene i topi spinosi africani abbiano avuto origine nei deserti dell'Africa, sono spesso tenuti come animali domestici esotici in altre parti del mondo, in particolare nelle nazioni occidentali come gli Stati Uniti. Nel commercio di animali domestici, sono più comunemente indicati come topi spinosi egiziani o, più semplicemente, topi spinosi. Sebbene questi animali siano simili a topi e ratti domestici, la coda di un topo spinoso è molto più delicata. Pertanto, il topo spinoso non dovrebbe mai essere raccolto per la coda e dovrebbe essere maneggiato con cura per evitare lesioni da avulsione. La loro dieta è anche piuttosto difficile da mantenere perché i loro corpi hanno strane reazioni a determinati alimenti.

A causa della loro origine desertica, i topi spinosi prosperano a temperature elevate e dovrebbero essere mantenuti intorno ai 27° C (81° F). Questi animali sono molto socievoli e dovrebbero essere sempre ospitati in gruppo quando possibile. Poiché i topi spinosi sono inclini all'obesità, è importante fornire ampio spazio e arricchimento ambientale per incoraggiare l'esercizio.

La durata della gestazione è compresa tra 38 e 42 giorni. Le cucciolate normalmente consistono da 2 a 3 cuccioli, ma le femmine possono avere fino a 6 cuccioli in una singola cucciolata. Altre femmine all'interno del gruppo sociale possono assistere nel processo di parto e prendersi cura dei neonati. I cuccioli nascono con gli occhi aperti; inizieranno a lasciare l'area di nidificazione intorno ai 3 giorni di età. I piccoli vengono svezzati tra le 5 e le 6 settimane e raggiungono la maturità sessuale tra le 6 e le 9 settimane. Una femmina può concepire durante tutto l'anno e può produrre fino a 9 cucciolate in un anno. La durata della vita dei topi spinosi è di 4-7 anni. La madre può rimanere incinta subito dopo aver partorito.
È stato recentemente scoperto che una specie di topo spinoso ha un ciclo mestruale che li renderebbe importanti come organismo modello per lo studio delle mestruazioni e dei disturbi riproduttivi, poiché Mus musculus, il comune topo da laboratorio, non ha le mestruazioni.

La stabulazione in cattività di topi spinosi a metà degli anni '60 ha scoperto la loro sensibilità allo sviluppo del diabete. Cioè, i topi spinosi venivano tenuti come animali domestici e mantenuti con cibo per uccelli composto da semi di zucca, sesamo e girasole ricchi di grassi. Questa dieta era associata a obesità, glucosuria e chetosi. Ulteriori studi, presso l'Istituto di Biochimica di Ginevra, hanno rivelato che i topi spinosi manifestano una bassa capacità di secrezione di insulina, una bassa risposta al glucosio e un debole rilascio di insulina nella prima fase, nonostante l'ipertrofia e l'iperplasia del tratto pancreatico. In particolare, non mostrano il sintomo comune dell'insulino-resistenza.

Tutte le specie studiate di topi spinosi, Acomys kempi, Acomys percivali, ecc. sono in grado di rilasciare la pelle in modo autotomico quando vengono catturati da un predatore. Ad oggi, i topi spinosi sono gli unici mammiferi conosciuti per farlo. Possono rigenerare completamente il tessuto cutaneo rilasciato o danneggiato in altro modo, ricrescendo follicoli piliferi, pelle, ghiandole sudoripare, pelo e cartilagine con poche o nessuna cicatrice. Si ritiene che i geni di rigenerazione corrispondenti potrebbero funzionare anche negli esseri umani.
In un articolo di ricerca pubblicato il 16 maggio 2017 su eLife, un team dell'Università del Kentucky ha descritto il ruolo dei macrofagi nella rigenerazione epimorfica: "I macrofagi sono necessari per la rigenerazione epimorfica nei topi spinosi africani". Il sottotipo di macrofagi trovato nei topi spinosi africani produce una risposta immunitaria diversa rispetto al sottotipo che provoca cicatrici.

Poiché i topi spinosi sono altamente prevalenti in tutta l'Africa e roditori sono noti per essere portatori di malattie, un'istruttoria per verificare se i topi spinosi possono trasportare la malattia è stato fatto in Egitto nel 1912. In questa indagine si è stabilito che Acomys ospitava solo un decimo di il numero di pulci rispetto ai ratti selvatici ed è quindi di scarsa importanza per la diffusione della malattia.


Ratto dal pelo arrugginito

Ratto dal pelo arrugginito (Lophuromys sikapusi)
Ratto dal pelo arrugginito (Lophuromys sikapusi)

Il Ratto dal pelo arrugginito (Lophuromys sikapusi), Rusty-bellied brush-furred rat in inglese, è una specie di roditore della famiglia Muridae. Si trova in Angola, Benin, Camerun, Repubblica Centrafricana, Repubblica del Congo, Repubblica Democratica del Congo, Costa d'Avorio, Guinea Equatoriale, Gabon, Ghana, Guinea, Kenya, Liberia, Nigeria, Sierra Leone, Tanzania, Togo e Uganda. I suoi habitat naturali sono foreste di pianura umide subtropicali o tropicali, praterie di pianura umide o allagate stagionalmente subtropicali o tropicali, terreni coltivabili e pascoli.

La gamma delle specie di Lophuromys sikapusi si estende dalla Sierra Leone alla Costa d'Avorio, Uganda, Angola settentrionale, Tanzania, Benin, Kenya occidentale e Zaire. Questa specie si trova anche sulla riva settentrionale del fiume Congo nello Zaire.
Tra i roditori Lophuromys, occupano la più vasta area geografica. Sono altamente flessibili per adattarsi a un'ampia gamma di habitat. La pianura tropicale e la terra subtropicale con un'umidità adeguata sono il loro habitat abituale. Dipendono da habitat terrestri erbosi umidi e sono assenti in terreni molto aridi o foreste chiuse. Questi roditori sono anche abitanti della savana.

I topi dal pelo arrugginito hanno un mantello di colore scuro con una pelliccia rigida. Il loro corpo è tozzo con gambe corte. Tra il maschio e le femmine c'è pochissimo dimorfismo sessuale. L'unico dimorfismo significativo è che i maschi sono di dimensioni maggiori rispetto alle loro controparti femminili. Un topo dal pelo arrugginito medio pesa da 45 a 90 grammi. Possiedono una coda corta rispetto alla maggior parte delle specie di roditori africani. Lophuromys sikapusi possiede un rapporto lunghezza testa-coda del corpo approssimativamente simile a quello di altri roditori africani. La lunghezza media della coda è di 69 mm e può essere al massimo di 82 mm. Il rostro ha l'aspetto di un toporagno. I loro rostri sono leggermente più lunghi della specie Lophuromys flavopunctatus. I loro denti hanno tre file di cuspidi, non solo due come si vede nei Cricetidae (la famiglia composta da Arvicole, Lemming e Ratti del Nuovo Mondo).

La dieta dei Lophuromys sikapusi è caratterizzata da insetti come formiche, rettili, semi, palme, fibre, invertebrati dal corpo molle e materiali vegetali che abbondano negli ambienti terrestri tropicali. Le loro risorse alimentari sono limitate dall'habitat asciutto. L'habitat asciutto può anche esporre questi roditori ai predatori privandoli del riparo di cui hanno bisogno. D'altra parte, la stagione delle piogge aumenta il tasso di malattie mentre aumenta l'abbondanza di fonti di cibo. Circa il 98% del cibo consumato viene utilizzato per mantenere una temperatura corporea costante. Solo il 2% viene utilizzato per la costruzione di nuovi tessuti. La dinamica energetica di questo animale è caratteristica dei roditori e dei mammiferi che perdono costantemente energia a causa della perdita di calore respiratorio. Pertanto, hanno bisogno di una fonte di energia elevata per mantenere una temperatura corporea stabile. L'apparato digerente di questa specie è unico. C'è una protuberanza distintiva lungo la grande curvatura dello stomaco. È considerato uno stomaco biloculare, che aiuta a digerire le diete a base vegetale. Consente l'adattamento a una varietà di fonti alimentari.

L'apparato digerente dei Lophuromys sikapusi, in particolare la struttura dello stomaco, è molto simile agli Onychomys. Lo stomaco del ratto dal pelo arrugginito non mostra disposizioni anatomiche della dieta insettivora. Si pensa che aiuti i giovani ad assorbire grandi quantità di latte nello stomaco durante il periodo di crescita. Lo stomaco del ratto dal pelo arrugginito è privo di ghiandole piloriche. Il loro ampio stomaco consente una miscelazione intensa del bolo dopo aver mangiato. Il loro stomaco mantiene anche un intervallo di pH relativamente alto, quindi l'enzima amilasi salivare può continuare a digerire carboidrati, amido e glicogeno dal cibo consumato. Quando l'assunzione di acqua è inadeguata a causa del clima secco nell'ambiente, questi roditori producono urina concentrata e materia fecale secca per trattenere l'acqua in modo che possano mantenersi idratati.

I Lophuromys sikapusi hanno un comportamento territoriale simile a molti roditori africani, che combattono se posti in prossimità di altri roditori. Ci sono danni fisici come orecchie strappate e code mutilate da lotte tra di loro. Questa specie di roditori preferisce stare da sola. Si è scoperto che specie come il ratto Mastomys sono concorrenti della specie Lophuromys.

Questo tipo di topi dal pelo spazzolato produce grandi cuccioli, ma generalmente piccole cucciolate. I piccoli crescono molto rapidamente e possono crescere da 8 a 20 grammi entro i primi cinque giorni dalla nascita. La quantità media di prole di ogni cucciolata è di due e può arrivare a quattro cuccioli. I piccoli topi dal pelo spazzolato e dal ventre arrugginito diventano attivi in quattro o sette giorni e i loro occhi iniziano ad aprirsi. La crescita del mantello è completata in una settimana dopo la nascita. I neonati pesano circa 25 grammi entro il decimo giorno. Hanno un periodo di gestazione di circa 21 giorni. Possono iniziare la riproduzione intorno ai 2 mesi di età.


Ratto dal pelo a macchie gialle

Il Ratto dal pelo a macchie gialle (Lophuromys flavopunctatus), Yellow-spotted brush-furred rat in inglese, è una specie di roditore della famiglia Muridae che si trova in Angola, Repubblica Democratica del Congo, Etiopia, Kenya, Malawi, Mozambico, Sud Sudan, Tanzania e Zambia. I suoi habitat naturali sono le foreste subtropicali o le foreste tropicali umide di pianura, le foreste montane umide subtropicali o tropicali e pascoli subtropicali o tropicali ad alta quota. La popolazione in Etiopia è isolata e può essere trovata ad altitudini fino a 4.500 m sul livello del mare.


Topo di Rudd

Topo di Rudd (Uranomys ruddi)
Topo di Rudd (Uranomys ruddi)

Il Topo di Rudd (Uranomys ruddi), Rudd's mouse in inglese, è un roditore della famiglia dei Muridi, unica specie del genere Uranomys. Questo animale è strettamente imparentato con i topi spinosi e i topi dal pelo spazzolato.
La sottospecie Uranomys ruddi ruddi è l'unica diffusa nel Kenya occidentale, Tanzania centro-settentrionale, centrale e centro-meridionale.
Roditore di piccole dimensioni, con la lunghezza della testa e del corpo tra 101 e 119 mm, la lunghezza della coda tra 55 e 68 mm, la lunghezza del piede tra 16 e 18 mm, la lunghezza delle orecchie tra 12 e 14 mm e un peso fino a 51 g.

Il cranio è robusto, il rostro è breve, la scatola cranica è ampia, le creste sopra-orbitali sono ben sviluppate, le ossa nasali sono larghe e molto corte. Il palato è ampio e si estende ben oltre gli ultimi molari, coprendo completamente la fossa mesopterigoidea. I fori palatali sono molto lunghi. La bolla timpanica è piccola e piatta. Gli incisivi sono proodonti, ovvero con le punte rivolte in avanti, eccetto che nella sottospecie Uranomys ruddi acomyoides, nella quale sono ortodonti, ovvero con le punte rivolte verso il basso.


Il corpo è simile a quello di un piccolo topo con gli arti brevi. La pelliccia è corta e ruvida, cosparsa di peli rigidi sulla schiena e la groppa. Le parti dorsali variano dal grigio al bruno-grigiastro, cosparse di peli marroni chiari e neri, passando gradualmente lungo i fianchi alle parti ventrali biancastre, talvolta con dei riflessi bruno-rossicce chiare. Il mento, la gola e le zampe sono bianchi. La testa è sottile e appuntita, gli occhi e le orecchie sono piccoli. I piedi sono corti e larghi, le tre dita centrali sono allungate, mentre l'alluce ed il quinto dito sono più corti. La coda è più corta della testa e del corpo, è brunastra, ricoperta di scaglie e di numerose piccole setole nerastre. Le femmine hanno tre paia di mammelle pettorali e tre paia inguinali.

È una specie terricola e notturna. Costruisce tane profonde 15 cm con due uscite, ognuna sormontata da un tumulo di terra e fornite di alcuni cunicoli ciechi lunghi 40 cm e di un nido di steli d'erba, ma non di depositi di provviste. Sono solitamente occupate da 2 adulti.
Si nutre principalmente di insetti.
Vive nelle savane umide, praterie e arbusteti. Si trova talvolta anche ai margini forestali, ma mai all'interno di esse.


Ratti vlei africani

Ratto vlei afroalpino del Monte Kenya (Otomys orestes)
Ratto vlei afroalpino del Monte Kenya (Otomys orestes)

I Ratti vlei africani, noti anche come Ratti di palude africani, African vlei rats in inglese, vivono in molte aree dell'Africa subsahariana. La maggior parte delle specie vive in paludi, praterie e habitat simili e si nutre della vegetazione di tali aree, integrandola occasionalmente con radici e semi. Il nome " vlei " si riferisce al termine sudafricano per sistemi idrici intermittenti, stagionali o perenni.
Questi ratti appartengono al genere Otomys, roditori di piccole e medie dimensioni che, a seconda della specie, gli adulti hanno una lunghezza della testa e del corpo tra 124 e 217 mm, la lunghezza della coda tra 55 e 150 mm e un peso fino a 255 g.
Gli Otomys sono roditori compatti con una tendenza a musi e zampe più corte rispetto ad altri tipi di ratti. Le code sono anche più corte della maggior parte dei Muridi, in genere tra un terzo e due terzi della lunghezza del corpo. Il colore del mantello varia a seconda delle specie, ma generalmente hanno il mantello da marrone a grigio tipico dei topi e di altri piccoli roditori selvatici. Le specie che vivono nelle regioni calde o temperate tendono ad avere orecchie insolitamente grandi per i Muridi, mentre alcune delle specie alpine hanno orecchie notevolmente più piccole.

Genere Otomys - Ratti vlei africani
Le specie diffuse in Kenya:
Ratto Angoni vlei, Otomys angoniensis
Ratto vlei di Barbour, Otomys barbouri
Ratto vlei di Dollman, Otomys dollmani
Ratto vlei del Monte Elgon, Otomys jacksoni
Ratto vlei della Tanzania, Otomys lacustris
Ratto vlei afroalpino, Otomys orestes
Ratto vlei tropicale, Otomys tropicalis


Ratti delle sabbie

Taterillo di Emin (Taterillus emini)
Taterillo di Emin (Taterillus emini)

I Ratti delle sabbie, noti anche come Gerbilli o Merioni, Desert rats in inglese, appartengono alla sottofamiglia dei Gerbillini (Gerbillinae), roditori Muridi che vivono nelle zone desertiche o semi-desertiche dell'Africa e dell'Asia.

Sono piccoli roditori con un peso che varia da 12 g del minuscolo gerbillo pigmeo a 250 g del merione di Sundevall (Meriones crassus).
Gli appartenenti a questa sottofamiglia hanno la forma del cranio tipica di alcuni gruppi di roditori saltatori, come i Dipodidi e gli Eteromidi, con una scatola cranica ampia, la bolla timpanica ed il mastoide notevolmente ingrossati, gli zigomi sottili e inclinati e un rostro stretto e delicato. Le ossa nasali si sviluppano oltre la linea degli incisivi superiori. Le placche zigomatiche sono tagliate superiormente e in alcune specie insolitamente rivolte in avanti. Il foro infra-orbitale è molto stretto, mentre sono presenti 2 paia di fori palatali. La mandibola ha un processo coronoide poco sviluppato, eccetto in un genere che ne è del tutto privo. Gli incisivi superiori sono solitamente attraversati da solchi longitudinali, eccetto nel genere Psammomys e in alcune specie del genere Gerbilliscus. Il terzo molare è fortemente ridotto, nel genere Desmodilliscus manca quello inferiore. Nel genere Rhombomys quelli superiori sono privi di radici e quindi a crescita continua. La struttura esterna del corpo è adattata alla vita terricola nelle zone desertiche, con un allungamento degli arti e una coda abbastanza lunga e densamente ricoperta di peli. Alcune forme sono evidentemente saltanti, mentre altre non presentano questa abitudine.

I Gerbillini sono ampiamente diffusi nelle zone desertiche e sub-desertiche dell'Africa settentrionale, del Sahel, del Corno d'Africa, dell'Africa orientale e meridionale, del Vicino Oriente, della Penisola Arabica e dell'Asia centrale fino alla Cina centro-settentrionale e all'India occidentale.

La sottofamiglia è suddivisa in 16 generi, di cui solo 4 in Kenya.

Genere Dipodillus
Le specie diffuse in Kenya:
Gerbillo di Botta, Dipodillus bottai
Gerbillo di Harwood, Dipodillus harwoodi

 

Genere Gerbillus
Le specie diffuse in Kenya:
Gerbillo imbottito, Gerbillus pulvinatus
Gerbillo minore, Gerbillus pusillus - Sinonimi: Gerbillus diminutus, Gerbillus percivali, Gerbillus ruberrimus

Genere Gerbilliscus
Le specie diffuse in Kenya:
Gerbillo di Boehm, Gerbilliscus boehmi
Gerbillo di Kemp, Gerbilliscus kempi
Gerbillo del bushveld, Gerbilliscus leucogaster
Gerbillo dalla coda nera, Gerbilliscus nigricaudus
Gerbillo di Phillips, Gerbilliscus phillipsi
Gerbillo dalla coda frangiata, Gerbilliscus robustus
Gerbillo della savana, Gerbilliscus validus

Genere Taterillus
Le specie diffuse in Kenya:
Taterillo di Emin, Taterillus emini
Taterillo di Harrington, Taterillus harringtoni


Ratti e topi del Vecchio Mondo

Topo dei prati striato tipico (Lemniscomys striatus)
Topo dei prati striato tipico (Lemniscomys striatus)

I Ratti e topi del Vecchio Mondo, Old World rats and mice in inglese, appartengono alla sottofamiglia dei Murini (Murinae), roditori appartenenti alla famiglia dei Muridi (Muridae). Questa sottofamiglia è la più numerosa della famiglia dei Muridi.

Le dimensioni variano dal minuscolo topo pigmeo subsahariano di soli 7 grammi negli esemplari adulti, al ratto delle cortecce gigante settentrionale che può raggiungere i 2,6 kg.

Questa sottofamiglia forma il più grande raggruppamento di specie tra tutti i roditori viventi, ed esibisce caratteristiche molto omogenee con variazioni evidenti solo nelle dimensioni e negli adattamenti ai vari tipi di ambiente, come quello terrestre, arboricolo o acquatico. Sebbene alcune forme siano specializzate nell'attività scavatrice, nessuna presenta modifiche morfologiche e fisiologhe alla vita fossoria come gli Spalacidi od alcuni generi della famiglia dei Cricetidi. I principali tratti comuni sono visibili nella forma dei molari, con una disposizione delle cuspidi a serie di tre, l'assenza di una cresta di smalto longitudinale tra le varie file e le cuspidi una opposta all'altra nei molari inferiori. Altre caratteristiche comuni sono presenti nella struttura cranica e comprendono il canale carotideo modificato e il tegmen tympani che non entra in contatto con la squama dell'osso temporale.
Il corpo è quello tipico di un topo o di un ratto, più raramente quello di un'arvicola o di un criceto, la testa è grande e presenta un muso generalmente appuntito, più allungato nelle forme insettivore, ricoperto densamente di vibrisse più o meno lunghe. Gli occhi sono spesso prominenti, le orecchie sono grandi, sebbene nelle forme acquatiche il padiglione auricolare sia poco sviluppato o praticamente assente, sostituito da una valvola all'entrata del meato uditivo. Le zampe anteriori hanno un aspetto comune, non sono mai ingrandite e possiedono cinque dita ben sviluppate munite ciascuna di artiglio, con il pollice spesso ridotto e provvisto di un'unghia. Le zampe posteriori invece variano notevolmente in funzione dello stile di vita come in tutti gli altri roditori e possono essere lunghe e sottili nelle specie terricole e saltatrici, corte, larghe, provviste di grossi cuscinetti plantari e talvolta con l'alluce opponibile nelle forme arboricole, lunghe, larghe, palmate o frangiate e con le piante squamose nelle forme acquatiche. La coda è sempre ben sviluppata, non è mai più corta della metà del corpo, è ricoperta completamente di scaglie dermiche disposte in file di anelli, nella maggior parte dei casi sovrapposte a quelle che seguono, fornite ciascuna di diversi peli che possono essere numerosi e lunghi su tutto l'organo in maniera tale da donarle un aspetto cespuglioso simile a quello degli scoiattoli, oppure limitarsi ad un pennacchio terminale. In alcune forme la parte terminale è liscia e provvista di capacità prensili. Il numero di mammelle presenti nelle femmine varia considerevolmente, da un solo paio inguinale fino a 12 paia visibili nel genere Mastomys, il più alto tra tutti i placentati.

La sottofamiglia dei Murini comprende attualmente circa 599 specie, suddivise in 134 generi di cui solo 17 in Kenya.

Genere Aethomys
Le specie diffuse in Kenya:
Ratto delle rocce rosso, Aethomys chrysophilus
Ratto di roccia di Hinde, Aethomys hindei
Ratto delle rocce del Kaiser, Aethomys kaiseri

 

Genere Arvicanthis
Le specie diffuse in Kenya:
Ratto dei prati dell'Africa orientale, Arvicanthis nairobae
Ratto africano dell'erba, Arvicanthis niloticus
Ratto dei prati di Neumann, Arvicanthis neumanni

Genere Colomys
Le specie diffuse in Kenya:
Ratto dei guadi africano, Colomys goslingi

Genere Dasymys
Le specie diffuse in Kenya:
Ratto di palude africano Dasymys incomtus

Genere Grammomys
Le specie diffuse in Kenya:
Ratto di boscaglia dalla testa grigia, Grammomys caniceps
Ratto boschivo, Grammomys dolichurus
Ratto di boscaglia gigante, Grammomys gigas
Ratto di boscaglia del Ruwenzori, Grammomys ibeanus
Ratto di boscaglia di Macmillan, Grammomys macmillani

Genere Hylomyscus
Le specie diffuse in Kenya:
Topo montano, Hylomyscus denniae
Topo stella, Hylomyscus stella

Genere Lemniscomys
Le specie diffuse in Kenya:
Topo dei prati striato di Buffon, Lemniscomys macculus
Topo dei prati ad una singola striscia, Lemniscomys rosalia
Topo dei prati striato tipico, Lemniscomys striatus
Topo dei prati a strisce di Heuglin, Lemniscomys zebra

Genere Mastomys
Le specie diffuse in Kenya:
Topo a mammelle multiple della Guinea , Mastomys erythroleucus
Topo multimammato del Natal, Mastomys natalensis
Topo multimammato nano, Mastomys pernanus

Genere Mus
Le specie diffuse in Kenya:
Topo di Sheikh Mahomet, Mus mahomet
Topo pigmeo sudafricano, Mus minutoides
Topo di Peters, Mus setulosus
Topo pigmeo di Thomas, Mus sorella
Topo delicato, Mus tenellus
Topo pigmeo dal ventre grigio, Mus triton

Genere Mylomys
Le specie diffuse in Kenya:
Ratto mulino, Mylomys dybowskii

Genere Myomyscus
Le specie diffuse in Kenya:
Topo di roccia di Brockman, Myomyscus brockmani

Genere Oenomys
Le specie diffuse in Kenya:
Ratto dal naso rosso comune, Oenomys hypoxanthus

Genere Pelomys
Le specie diffuse in Kenya:
Ratto di palude dai denti scanalati, Pelomys fallax
Ratto di palude dai denti scanalati di Hopkins, Pelomys hopkinsi

Genere Praomys
Le specie diffuse in Kenya:
Topo dalla pelliccia soffice dell'Africa orientale, Praomys delectorum
Topo dalla pelliccia soffice di Jackson, Praomys jacksoni
Topo dal pelo morbido di Misonne, Praomys misonnei

Genere Rhabdomys
Le specie diffuse in Kenya:
Topo di erba a quattro strisce, Rhabdomys pumilio

Genere Thallomys
Le specie diffuse in Kenya:
Ratto di Loring, Thallomys loringi
Ratto delle Acacie, Thallomys paedulcus

Genere Zelotomys
Le specie diffuse in Kenya:
Topo a testa larga di Ildegarda, Zelotomys hildegardeae