Translator
Translator

Hyrax Hill


Neolithic and Iron Age prehistoric site at Hyrax Hill, Nakuru
Neolithic and Iron Age prehistoric site at Hyrax Hill, Nakuru

 

Hyrax Hill è un sito preistorico vicino a Nakuru nella provincia della Rift Valley in Kenya . È uno sperone roccioso lungo circa mezzo chilometro, con un'altitudine di 1.900 metri sul livello del mare alla sua sommità. Il sito fu scoperto per la prima volta nel 1926 da Louis Leakey durante gli scavi nel vicino sito di sepoltura di Nakuru, e Mary Leakey condusse i primi importanti scavi tra il 1937 e il 1938. Ci sono due distinte aree di occupazione a Hyrax Hill: una che fu occupata durante il Neolitico Pastorale e la tarda Età del Ferro , e uno che fu occupato dai Sirikwa prima nell'età del ferro.
Hyrax Hill prende il nome dal hyrax , un piccolo mammifero che vive in zone rocciose. Gli Hyrax un tempo erano comuni nei crepacci rocciosi di Hyrax Hill, ma il loro numero è diminuito negli ultimi anni a causa della rapida urbanizzazione dell'area circostante.
Hyrax Hill è la sede del sito e del Museo Preistorico di Hyrax Hill.

Louis Leakey scoprì i resti di insediamenti preistorici a Hyrax Hill mentre scavava nella vicina Nakuru Burial nel 1926. All'epoca non lo scavò perché credeva che fosse un'occupazione recente ed era impegnato a lavorare in diversi altri siti. Louis Leakey tornò nella zona nel 1937 con sua moglie, Mary Leakey . Fu Mary Leakey che iniziò importanti scavi a Hyrax Hill. Scavò e nominò sia il Sito I che il Sito II tra il 1937 e il 1938. Non essendo disponibile alcuna tecnologia di datazione al carbonio, datare i siti era difficile all'epoca. Leakey descrisse erroneamente i "Sirikwa Holes" dell'età del ferro come un villaggio pre-età del ferro con "abitazioni a fossa". Gli scavi nel sito non sono stati ripresi fino a quando Hyrax Hill è stato ottenuto dai Musei Nazionali del Kenyanel 1965, momento in cui uno dei fori Sirikwa fu completamente scavato da Ron Clark e dal personale del museo per essere esposto al museo.

Hyrax Hill si trova vicino al lago Nakuru . Da 5000 a 6000 anni fa, durante l'occupazione del Sito I, un clima più umido significava che i livelli dei laghi erano fino a 100 metri più alti dei loro livelli attuali. Hyrax Hill era una penisola in questo momento, che si protendeva nel lato nord del lago. Gli occupanti avrebbero avuto accesso a una fornitura costante di acqua dolce, oltre che di pesce. Mary Leakey identificò l'antica spiaggia rocciosa del lago nei suoi scavi del 1938. La prima occupazione del Sito I si trova direttamente sull'antica spiaggia, ed è stata in grado di utilizzare questa e la relativa datazione per datare questa parte del sito.
I livelli dei laghi iniziarono a calare a partire da 3500 anni fa e l'area divenne una savana più aperta. L'ambiente più secco si adattava bene alla pastorizia usata dai successivi abitanti di Sirikwan del Sito II.

Sito I
"Sito I" è l'area di Hyrax Hill che fu occupata durante il Neolitico e la tarda età del ferro . Sebbene la prima occupazione del sito 5000 anni fa sia spesso indicata come "Neolitica" (una tendenza iniziata da Louis e Mary Leakey durante i primi scavi nella zona), non sono ancora state trovate prove per la coltivazione di colture o l'allevamento di animali alla prima occupazione del Sito I a Hyrax Hill. La parte del sito dell'età del ferro risale a circa 200 anni fa ed è costituita da diversi recinti in pietra e da un grande cumulo. Direttamente sotto questo strato c'era un precedente cimitero neolitico. Il cimitero neolitico era costituito da diversi bassi tumuli funerari formati da grandi blocchi di pietra. Molti degli individui sepolti nel sito furono smembrati.
Gli occupanti di questo periodo del sito fabbricavano ciotole di pietra macinata distintive e molte sono state trovate associate a sepolture femminili nel cimitero neolitico di Hyrax Hill e in altri siti della zona. Le ciotole di Hyrax Hill sono rotonde o oblunghe, particolarmente poco profonde e realizzate con una varietà locale di pietra facilmente accessibile. Poiché queste ciotole erano così distintive in molti siti della Rift Valley , gli archeologi hanno creato il termine "Cultura della ciotola di pietra" per comprendere la cultura neolitica che si credeva rappresentassero. Il termine "Stone Bowl Culture" non è molto usato oggi, essendo stato soppiantato da " Savanna Pastoral Neolitico ", una cultura che Christopher Ehretindica è stato probabilmente prodotto dai primi coloni Cushitic . In Kenya, il termine più ampio "Neolitico pastorale" si riferisce a siti archeologici contenenti un'industria litica della tarda età della pietra, allevamento di bestiame predominante e vasi di ceramica.
Il tipo di ceramica noto come "Nderit ware" si trova nel sito I. Si tratta di vasi arrotondati con una superficie molto strutturata di impronte a forma di cuneo, che si trovano comunemente nei siti neolitici dell'Africa orientale. Assomigliano a cestini.

Sito II
"Sito II" si trova sul lato nord-occidentale della collina di Hyrax, di fronte al sito I. Fu occupato prima nell'età del ferro rispetto al sito I. Le date al radiocarbonio hanno scoperto che il sito II fu occupato tra il XII e il XV secolo d.C. Il sito II fu occupato dai Sirikwa , un successivo gruppo di pastori di bestiame. La caratteristica principale di questo sito è una serie di tredici depressioni e tumuli sabbiosi a forma di ciotola. Queste depressioni, chiamate Sirikwa Holes , sono state deliberatamente costruite come recinti per assicurare il bestiame, e i bassi cumuli adiacenti a queste cavità sono stati creati dall'accumulo di sterco e rifiuti fuori dal recinto. Le spoglie di bovini , caprini epecore sono state trovate nel Sito II, molte delle quali mostrano segni di taglio e segni di uso umano. Gli scavi di John Sutton nel 1985 hanno trovato la mandibola di una specie equina , forse un asino . Gli scavi nel 1990 hanno identificato il bestiame come probabile appartenente alla specie Zebù . Ulteriori analisi hanno mostrato che le vacche femmine venivano macellate solo fino all'età dell'allattamento, indicando un'enfasi sulla produzione di latte. Questo scavo ha anche trovato i resti di un cane addomesticato, il primo mai trovato in un sito di Sirikwa. I cani domestici saccheggiatori probabilmente spiegano i segni di rosicchiare carnivori che sono stati trovati sulle ossa nel sito.
Zebù simili a quelli che sarebbero stati allevati dai Sirikwa.
Il sito II è stato erroneamente identificato come un sito tardo neolitico quando è stato scavato per la prima volta e Mary Leakey lo ha assegnato alla cultura neolitica "Gumban B" che Louis Leakey aveva identificato da precedenti scavi nell'area. Pochi siti dell'età del ferro erano stati scavati nella zona e non c'era un modo affidabile per Mary Leakey di datare il sito. Pochi manufatti in ferro sono mai stati trovati nel Sito II, il che ha ulteriormente confuso la data effettiva. Nel sito sono state trovate anche scaglie di ossidiana simili a quelle usate dalle culture precedenti. Non è noto se questi siano stati realizzati dagli abitanti del Sito II o dai precedenti abitanti del Sito I.
La ceramica trovata nel sito II è "ceramica Lanet" datata all'età del ferro. Consiste in bicchieri alti con bordi semplici, fondi arrotondati e decorazioni realizzate con impronte di corde. Questi hanno occasionalmente piccoli beccucci e manici arrotondati. La ceramica ha una caratteristica finitura "carta vetrata" e sono stati trovati alcuni vasi con ingombri rossi .

Resti archeologici sono stati trovati sulla collina al di fuori dei siti I e II. In cima alla collina c'è un'area bonificata, forse creata dai successivi abitanti del Sito I o dagli abitanti del Sito II. Mary Leakey lo descrisse come forse un cerchio di pietre o un forte.
Due tavole bao sono scolpite in affioramenti rocciosi sul lato nord della collina. Uno è solo parzialmente conservato, ma entrambi sembrano essere una versione a due file del gioco piuttosto che una versione a quattro file. Si pensa che siano associati all'abitazione del Sito II Sirikwa.

Durante le indagini sui siti archeologici in Kenya, Louis Leakey ha identificato i primi siti appartenenti al periodo neolitico . Ha chiamato questi siti "Gumban", in onore di piccoli abitanti della foresta nella mitologia kikuyu che si dice vivessero nell'area prima dei Kikuyu. Ha ulteriormente suddiviso la categoria nelle varianti "Gumban A" e "Gumban B". Leakey non intendeva insinuare che i Gumba fossero i creatori dei siti neolitici, ma intendeva che il termine si riferisse in senso lato a una cultura precedente ai moderni abitanti dell'area. Leakey usò questo termine durante gli scavi nel vicino luogo di sepoltura di Nakuru, e Mary Leakey continuò l'uso durante gli scavi di Hyrax Hill. Da allora il nome è caduto in disuso "Gumban B" è stato originariamente identificato come una cultura neolitica, ma è stato spesso erroneamente utilizzato per riferirsi a siti che ora sono correttamente datati all'età del ferro. All'epoca non esisteva un modo affidabile per datare i siti e Louis Leakey incluse accidentalmente frammenti di ceramica dell'età del ferro tra i manufatti "Gumban B" del sito di sepoltura di Nakuru prima dell'età del ferro. Pertanto, i siti dell'età del ferro come il sito II della collina di Hyrax sono stati associati ai siti neolitici "Gumban B" fino a quando non è stata sviluppata una cronologia più chiara dell'area.
I tipi di ceramica trovati a Hyrax Hill erano originariamente chiamati "Gumban A" e "Gumban B" da Louis e Mary Leakey quando furono scoperti per la prima volta a Hyrax Hill e al luogo di sepoltura di Nakuru. Questi termini caddero in disuso insieme al termine "Gumban". Il tipo di ceramica precedentemente noto come "Gumban A" è ora noto come "Nderit ware" e il tipo precedentemente noto come "Gumban B" è ora noto come "Lanet ware". Entrambi questi nomi si riferiscono ai luoghi in cui i tipi ceramici sono stati identificati per la prima volta.