Translator
Translator

Taita Hills


Taita Hills
Taita Hills

 

I monti Taita (in inglese Taita Hills), a volte anche scritte come Teita Hills , sono una catena montuosa situata nella contea di Taita-Taveta, nel Kenya sud-orientale, situati circa 50 km ad est del Kilimanjaro. Costituiscono l'estremità settentrionale della catena dei Monti dell'Arco Orientale.

Le colline sono costituite da tre massicci: Dawida, Sagalla nella parte meridionale del comune di Voi e Kasigau nel sud vicino al confine con la Tanzania.
Il massiccio di Dabida - o Dawida, dal popolo Taita (Wataita o Wadawida) un gruppo etnico keniota situato nella contea di Taita-Taveta che parlano Kidawida che appartiene alle lingue bantu - è il più grande e il più alto dei tre, con un'altitudine di 2.228 metri (7.310 piedi) sul livello del mare nella sua vetta più alta, Vuria. Dabida ha altri tre picchi principali: Iyale, Wesu e Susu.

Le colline Taita, con altre nelle montagne dell'Arco Orientale, si sono formate più di cento milioni di anni fa. Circa trenta milioni di anni fa, l'area era coperta da una vasta foresta pluviale. Durante un periodo più fresco e secco, circa dieci milioni di anni fa, le foreste di pianura furono convertite in savana, lasciando le catene montuose come "isole" dove le foreste tropicali continuarono a prosperare. L'isolamento di ogni catena montuosa ha portato a una grande quantità di endemismo e una flora e una fauna molto diverse. Alcune delle altre catene montuose sono ben ricoperte di foreste, ma le colline Taita conservano solo 6 km² (2,3 miglia quadrate) di foresta. Le colline Taita si ergono ripide dal Parco Nazionale dello Tsavo Ovest.

Le colline sono note per le loro foreste umide con una fauna e una flora uniche. Più di 20 specie endemiche di violette africane (ad esempio, Saintpaulia teitensis) si trovano esclusivamente in quella regione. Specie endemiche note sono il Tordo taita (Turdus helleri) e il Taita apalis (Apalis fuscigularis). Il Falco delle Taita (Falco fasciinucha) e l'Averla delle Taita (Lanius dorsalis) furono scoperti per la prima volta sulle colline ma si trovano anche altrove. Un anfibio del genere Boulengerula si trova solo nelle colline di Taita. Il Sagala ceciliano (Boulengerula niedeni) è un anfibio simile a un verme in pericolo di estinzione che vive nelle colline di Taita.

I nativi Taita vivono ai margini delle foreste e coltivano il suolo, il che è molto produttivo. Il cinquanta per cento delle foreste indigene è stato sostituito da piantagioni di alberi esotici tra il 1955 e il 2004. La regione è stata gravemente disastrata in passato e la foresta indigena rimanente fa ora parte di una riserva naturale, il Taita Hills Wildlife Sanctuary. Sulle pianure e sui contrafforti che circondano le colline, il terreno è prevalentemente utilizzato per la coltivazione e il pascolo. I più grandi frammenti di foresta si trovano nelle zone più inaccessibili. La terra è degradata dalla deforestazione, dall'abbassamento della falda freatica e dall'erosione del suolo. Le precipitazioni annuali variano da 500 mm (20 pollici) nelle pianure a più di tre volte questa quantità nella zona di montagna. Questa zona sperimenta due stagioni delle piogge: da marzo a maggio o giugno e da ottobre a dicembre, ma le precipitazioni sono molto variabili. Le foreste rimanenti sono sorprendentemente abbondanti con tutte le forme di vita. Le colline di Taita ospitano il Galagone dalle orecchie piccole o Galagone gigante settentrionale (Otolemur garnettii) e l'Irace arboricolo raro, ma localmente abbondante (Dendrohyrax sp.)