Translator
Translator

Siti storici sulla costa del Kenya


 

Panoramica dei siti storici sulla costa

                               Per il visitatore occasionale, Fort Jesus, Gedi Ruins, Jumba la Mtwana, Takwa Ruins e Siyu Fort sono forse i siti storici più interessanti e suggestivi della regione costiera del Kenya, tuttavia, questi sono tra le dozzine di luoghi ben studiati e siti storici accessibili lungo la costa. Alcuni dei siti storici trovati qui sono composti da antiche città di insediamento e gruppi periferici di tombe.
In Kenya vi è una collezione di siti storici, che si trovano principalmente lungo la costa, molti dei quali su terreni privati e consiste di antiche moschee, rovine, palazzi, case, mura con porte e tombe. Tutti i siti storici trovati in Kenya sono protetti ai sensi del Capitolo 215 delle Leggi del Kenya: Ordinanza sulla conservazione degli oggetti di interesse archeologico e paleontologico.

Mappa dei siti storici lungo la costa di Kwale
Mappa dei siti storici lungo la costa di Kwale

 

Siti storici a Kwale County

                               Al momento, la bellissima spiaggia di Diani è quella che è più riuscita ad attirare i viaggiatori a Kwale, eppure c'è molto di più nella contea dei chilometri di spiaggia perfetta. Alcune rovine di siti storici a causa del loro isolamento e della invasione della vegetazione sono difficili da localizzare e raggiungere.

 

Vumba Kuu

                               Vumba Kuu era una città swahili del XIV e XV secolo, abbandonata alla fine del XVI secolo dalla sua popolazione che si trasferì a Vanga e sull'isola di Wasini.
Il vecchio sito storico di Vumba Kuu si trova vicino al confine Kenya-Tanzania (Lunga-Lunga) ed al torrente Mchamalale (o Mchongo). Il sito stesso è densamente ricoperto di vegetazione, sebbene gran parte dell'area circostante sia coltivata. Un canale e la bassa marea dividono il sito in due parti: una sezione occidentale, una piccola parte della quale è in Tanzania, e una zona orientale più piccola dove si trova una moschea. Vumba Kuu, che letteralmente significa la capitale di Vumba, data la sua origine al 1204 d.C. in coincidenza con l'arrivo dei membri della famiglia Bani Nabhani da Pate, governanti di Oman dal 1154 al 1624, e l'ascesa del dominio omanita.
Sette sultani seguirono il primo uomo sul trono a Vumba Kuu prima del regno di Mwana Chambi Chandi Ivoo sovrano di Vumba Kuu durante la guerra Vumba-Shirazi che avrebbe avuto luogo nel 1615 circa.
Parte dell'archeologia di Vumba risale al 1600. Rimangono ancora le mura dell'antico borgo e della città storica. L'area suggerita dalla curva della cinta muraria potrebbe raggiungere i sette acri, ma se si include il lato orientale l'area totale potrebbe raddoppiarsi.
Tutto ciò che resta della moschea sono i muri crollati della sua sezione sud-orientale, tra cui: un muro sud, rovinato a bassa altezza; una cisterna ad est della musalla, anche se non si vede traccia di un'anticamera; un pozzo a sud della parete di fondo, con adiacente una cisterna, più piccola dell'altra. Come anzidetto, tradizionalmente si dice che Vumba Kuu sia stata fondata nel 1204, come data per l'arrivo dei Nabhani a Pate e per la fondazione di Tumbatu, la terza più grande isola dell'arcipelago di Zanzibar, in Tanzania, dopo Unguja e Pemba.


 

Le rovine di Vanga

                               18 km a sud della città di Lunga Lunga si trova Vanga, una piccola città di pescatori di case per lo più di fango e paglia disposte lungo una serie ordinata di strade nord-sud. La città è in riva al mare, con accesso al mare attraverso un ampio canale che è fiancheggiato da mangrovie. Vanga è l'insediamento più a sud del Kenya e, contrariamente alle aspettative, questo villaggio è un tesoro di rovine storiche. Piccole tombe sono sparse in tutta Vanga, una di queste ha un piccolo pilastro alto circa 2 m, con la base di una tazza di ceramica europea del XIX secolo in cima. Secondo un rapporto del National Museums of Kenya "Vanga era solo un piccolo villaggio di pescatori quando Diwan Sheikh vi si trasferì da Wasini intorno al 1821". Alcune delle altre rovine elaborate includono quelle lasciate dall'epoca britannica.


 

Kagugu

                               Questo è un sito nelle mangrovie situato a pochi minuti a piedi da Vanga. Lì, su un'altura erbosa sul livello del mare, un isolotto lungo circa 200 metri per circa 100 metri di larghezza, si trovano una cisterna isolata e, un po' più a nord, una moschea in rovina. Presso la cisterna si trova una raccolta di mille ceramiche ottocentesche. La moschea si trovava all'estremità nord dell'altura erbosa, ma l'estremità nord della struttura è stata portata via dall'azione delle maree. "La natura nascosta di questo sito suggerisce che 'Kagugu' si trova lì per motivi difensivi".


Tomba di Iaarus. Isola di Wasini
Tomba di Iaarus. Isola di Wasini

 

Isola di Wasini

                               L'isola Wasini, lunga 7 km e larga 3 km, si trova a soli 900 metri a sud della penisola di Shimoni. Il cantiere navale di Shimoni è tradizionalmente il punto di partenza per l'isola. La cittadina di Wasini situata sul lato nord-occidentale dell'isola è il suo approdo principale. L'isola ha una popolazione di circa 4.000 abitanti principalmente di tre comunità di pescatori - Wadigo, Washirazi e Wavumba - che convive in questo luogo da sogno dove la vita è cambiata molto poco negli ultimi decenni. A Wasini Island ci sono cinque moschee, tre delle quali sono ancora in uso, tombe associate e rovine di alcune case di pietra. Da ovest a est le moschee: Msikiti wa Mira Mwiyuni, Msikiti Mdogo, Msikiti wa Ijumaa, Msikiti wa Kale e Msikiti wa Mgodo. La moschea occidentale, Msikiti wa Mira Mwiyuni, si dice che sia stata costruita da un certo Mkulu wa Mwenyi Mkuu della famiglia al-Ba Urii; si dice che sia venuto da Pate. All'angolo sud-ovest della moschea ci sono sei tombe, che si dice siano quelle di Mkulu wa Mwenyi Mkuu e dei suoi parenti.

La moschea orientale, Ksikiti wa Kgodo, come Ksikiti wa Kira Mwiyuni, si dice sia stata costruita da Mkulu wa Mwenyi Mkuu. L'altra moschea inutilizzata di Wasini, Msikiti wa Kale, è ora in rovina. Si pensa che sia stata costruita dall'agente di Ahmed bin Muhammad, il governatore Mazrui di Mombasa. Ksikiti wa Ijumaa fu costruita da Diwan Hasan, figlio di Diwan Ruga, e completata nel 1161 o 1162. Vicino al lungomare si trova la tomba di Iaarus, che si dice fosse considerato un mago e sulla cui tomba si diceva che i Digo pregassero per la pioggia. Oggi è ricordato come un uomo religioso e un lebbroso, al quale le persone, per lo più marinai, andavano a chiedergli di pregare per loro o per i loro problemi. La tomba ha brevi pilastri alle estremità est e ovest, con monumenti murari centrali sulle pareti laterali e i gradini terminano agli angoli con terminali conici in alto all'estremità est e terminali cilindrici a ovest. Le sue facciate sono decorate con ciotole e piatti blu e bianchi. C'è una lapide sulla tomba che è datata 1279.

"Dietro Msikiti wa Ijumaa ci sono 26 tombe. 13 sono disposte in tre gruppi e un'unica tomba si trova nell'angolo sud-est della moschea. 5 tombe, o meglio quattro tombe e una lapide, si trovano all'interno di un complesso dalle alte mura con un portale ad arco meridionale. Un altro gruppo di circa 4 tombe si trova all'interno di un altro complesso adiacente a sud-ovest, il cui accesso orientale è ora bloccato da una tomba a cavallo della porta. Le ultime 4 tombe sono a sud e ad est delle altre e non sono circondate da un muro di cinta".


 

Cimitero di Chambocha, Wasini

                               Sul lato sud dell'isola Wasini, vicino alla frazione di Nyuma ya Maji, si trova il cimitero di Chambocha; il luogo di sepoltura del popolo di Wasini. Il motivo per cui il cimitero si trova così lontano dal villaggio è semplicemente perché non c'è una zona senza pietra più vicina. Al cimitero, ci sono circa 50 tombe nella fitta boscaglia. Le tombe sono piccole, solitamente singole. Le facciate hanno spesso finestre o nicchie e talvolta targhe, ciotole e piatti. Per giunta, alcune lapidi avevano iscrizioni, sebbene ora siano per lo più illeggibili.


 

Pongwe

                               A pochi chilometri a ovest di Kidimu ci sono le rovine conosciute semplicemente come Pongwe. I suoi unici resti sono le rovine di una piccola moschea ora situata a circa 20 metri all'interno della linea di alta marea, ai margini delle mangrovie. Misura circa cinque metri di lunghezza e quattro metri di larghezza; sebbene la muratura non superi da nessuna parte l'altezza di un metro, la struttura era senza dubbio una moschea: tracce del mihrab si possono vedere a nord, e probabilmente c'era una cisterna a sud.


 

Hurumuzi (Hormuz)

                               Il sito di Hurumuzi, probabilmente il vecchio Hormuz (Ormuz), si trova a circa 30 minuti a piedi a ovest-sud-ovest di Pongwe, attraverso dense concentrazioni di mangrovie. Il sito si trova su una piccola collinetta erbosa che sovrasta le mangrovie circostanti. Si possono vedere alcuni frammenti di ceramiche locali e alcune pietre intorno che avrebbero potuto appartenere una volta alle strutture. L'edificio principale è una piccola moschea a camera singola, a cui si accede da una porta all'estremità sud del muro est, e forse da un'altra nel muro sud. Le pareti nord, est e sud-est delle mura si ergono; la metà ovest e sud-ovest sono cadute. C'è un'unica colonna rettangolare al centro della stanza.


 

Shirazi

                               Shirazi, noto anche come Kifundi, è un grazioso paesino ai margini di un canale marittimo a circa 3 km dall'autostrada. Circa 100 metri o meno a sud del villaggio di Shirazi ci sono una moschea e una o più tombe in una fitta boscaglia. Ci sono due pozzi, uno a sud della moschea che è ancora utilizzato dalla gente del villaggio, e un vecchio pozzo nella boscaglia a est della moschea. La moschea è in condizioni estremamente rovinate, tutti i muri e la qibla sono caduti tranne una breve porzione del muro nord. All'esterno si vede che il muro nord raggiunge un'altezza di circa due metri, a dimostrazione che la moschea è profonda tra le macerie. La musalla centrale misura circa 4,60 metri di larghezza per 6,90 metri di lunghezza. C'è una nicchia all'estremità est del muro nord e una piccola finestra all'estremità ovest. Il mihrab era incorniciato da un architrave che nelle sue facce inferiori era semplice. Probabilmente c'era un capitello, al di sotto del quale la facciata sembra essere semplice. A 200 metri a nord di Shirazi, a circa 150 metri dalla linea dell'alta marea, si trova una seconda moschea, in rovina.


 

Rovine di Munge

                               Le rovine di Munge sono costituite da due moschee, una su una collina che si affaccia su una piccola spiaggia e sul mare e l'altra a circa mezzo chilometro dal mare in alcuni shambas. La moschea Munge nello shambas è costruita su una piccola collina e si affaccia sul terreno circostante per un metro o due. La moschea è composta da una camera centrale, stanze di fianco orientale e occidentale, una camera meridionale e un'area delimitata da un muro periferico occidentale. A circa 9 metri a nord-ovest del mihrab c'è un pozzo che non sembra essere utilizzato. Alcune sezioni della moschea sono ancora in piedi, così come il mihrab, sebbene questo si inclini precariamente verso nord.


 

Rovine di Gazi

                               Gazi era nel diciannovesimo secolo il quartier generale di Mbarak bin Rashid al Kazrui, il cui palazzo con una porta di legno intagliato può essere visto ancora oggi. A circa 3 km a sud-est di Gazi c'è una moschea in rovina nella fattoria Khan. Sembra che fosse un tipo a tre stanze, con un'anticamera orientale larga circa 2,60 me una stanza occidentale larga circa 2,20 metri che fiancheggiava la musalla, che misura 3-5 metri di larghezza per 7,6 metri di lunghezza. Sezioni abbastanza basse del muro orientale della tribuna musalla per indicare che c'erano due porte nella musalla. Il lato occidentale è più sbriciolato anche se a sud si può vedere una sezione del muro della musalla.


 

Rovine di Galu

                               Le rovine di Galu sono un grande complesso murario simile nel design a Tumbe, sebbene si trovi su una collina piuttosto che sul mare. È un recinto murato, approssimativamente quadrato, con portali occidentali e orientali. L'ingresso ovest è in condizioni leggermente migliori dell'altro ma entrambe le strutture rivelano una planimetria di due stanze. La prima struttura era a due piani, come probabilmente era la seconda. All'interno del complesso si trova un pozzo situato a circa metà strada tra i corpi di guardia; è ancora in uso. Al centro delle pareti nord e sud c'erano bastioni circolari salienti con fori posti per consentire il fuoco di infilata attraverso le pareti nord e sud.


 

Moschea di Ukunda

                               I resti di questa unica moschea possono essere trovati vicino al grande albero di baobab protetto da decreto presidenziale a Ukunda. Si tratta di una struttura con stanze orientali e probabilmente occidentali che fiancheggiano la musalla e con un'altra stanza a sud. La musalla misura 5-20 metri di larghezza per 8,95 metri di lunghezza; la stanza orientale è larga circa 2,10 metri. Una sezione del muro orientale sopravvive e suggerisce che c'erano due porte orientali che si aprivano in quella camera. All'estremità nord-ovest della moschea c'è una tomba, appena fuori dal muro nord.


Vista della Moschea Kongo a Tiwi Beach
Vista della Moschea Kongo a Tiwi Beach

 

Moschea di Kongo

                               Conosciuta anche come Moschea di Tiwi, questa Masjid araba del XIV secolo originariamente conosciuta come Diani Persian Masjid, è considerata una delle più antiche dell'Africa orientale. La maggior parte delle sue insolite copula o volta a botte sono rimaste quasi intatte per molti secoli. Sorprendentemente, la Moschea Kongo è ancora utilizzata quotidianamente come comunità Masjid. Questa antica Masjid, situata vicino all'incantevole spiaggia di Tiwi e allo splendido torrente paesaggistico dove enormi alberi di baobab fanno da sentinella, rappresenta lo stile delle prime moschee islamiche. Le stanze laterali erano coperte da cupole e le tre stanze posteriori erano coperte da quattro volte a botte longitudinali. Le porte sono semplici arcate, come nel mihrab, che si apre senza ornamenti dal piano del muro in un'abside non decorata. Questo disegno mihrab austero è stato visto nella moschea in riva al mare a Munge e, nel nord di Lamu, nella moschea del pilastro a Shanga. “Ad ovest della moschea ci sono cortili murati, ea nord ci sono cinque o più tombe, etichettate AE sull'illustrazione allegata. Le tombe B, C e D sono interessanti perché hanno cordoli basali, ma più particolarmente perché sono piuttosto grandi e sono approssimativamente quadrate, o misurano leggermente più lunghe sui lati est e ovest che sui lati nord e sud. Solo la tomba B era rivestita di pannelli, solo sul lato est, sopra la quale c'era un fregio di nicchie ". La tomba C potrebbe essere stata una tomba a gradini. Si trova vicino all'Amani Tiwi Beach Resort. ma più particolarmente perché sono piuttosto grandi e sono approssimativamente quadrati, o misurano leggermente più a lungo sui lati est e ovest che sui lati nord e sud. Solo la tomba B era rivestita di pannelli, solo sul lato est, sopra la quale c'era un fregio di nicchie ". La tomba C potrebbe essere stata una tomba a gradini. Si trova vicino all'Amani Tiwi Beach Resort. ma più particolarmente perché sono piuttosto grandi e sono approssimativamente quadrati, o misurano leggermente più a lungo sui lati est e ovest che sui lati nord e sud. Solo la tomba B era rivestita di pannelli, solo sul lato est, sopra la quale c'era un fregio di nicchie ". La tomba C potrebbe essere stata una tomba a gradini. Si trova vicino all'Amani Tiwi Beach Resort.


 

Moschea di Twiga

                               Non lontano a nord-est delle rovine della "Moschea e case di Kirima", e a pochi metri dalla strada tra l'autostrada e il Twiga Lodge, c'è una piccola moschea in rovina popolare come la moschea Twiga. Una parte del muro sud è in piedi, ma tutti gli altri sono caduti. Una parte della qibla sopravvive sotto un albero, le cui radici si intrecciano in tutta la muratura. La sua facciata è caduta, ma sembra che ci siano stati diversi ordini di rientranze sotto un capitello. All'angolo nord-est del masjid c'è una tomba con una finestra ad arco. Si trova a 510 metri a sud di Tiwi Beach.