Translator
Translator

Riserva Forestale Arabuko Sokoke


Riserva Forestale Arabuko Sokoke
Arabuko Sokoke Forest, Kenya
Riserva Forestale Arabuko Sokoke
Riserva Forestale Arabuko Sokoke

 

 

 

Arabuko Sokoke Forest Reserve

Mappa Riserva Forestale Arabuko Sokoke
Mappa Riserva Forestale Arabuko Sokoke

 

INFORMAZIONI GENERALI

Questa piccola riserva forestale nel distretto di Kilifi, con solo 6 km², è una piccola parte del più grande tratto di foresta costiera indigena che sopravvive oggi in Africa orientale. La foresta Arabuko Sokoke ("foresta stretta/fitta"), con 358 km², si estende nella regione da nord di Kilifi a Gede (Gedi), a sud di Malindi, e nell'entroterra verso la città di Jilore. La foresta conserva il paesaggio che un tempo copriva tutta la fascia adiacente alla linea di costa dell'Oceano Indiano. Questo gioiello della natura è stata dichiarato la seconda foresta più importante in Africa per la conservazione degli uccelli, ed è attualmente in esame per il rango di patrimonio dell'umanità.
I tesori di questa foresta sono stati già apprezzati durante la colonizzazione inglese, quando il luogo è stato dichiarato Riserva della Corona. Nel 1977 è stato ulteriormente protetto come Riserva della foresta, e nel 1991 una piccola parte è stata classificata Parco Nazionale, principalmente per proteggere due specie di mammiferi rari in via di estinzione, il Cefalofo di Aders e il Toporagno elefante dal dorso dorato, oltre a sei specie di uccelli.
Quando il parco è stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale, nel 1991, gli abitanti nativi erano in gran parte insoddisfatti, dal momento che la foresta era un blocco per lo sviluppo agricolo delle risorse del territorio, risorse che avrebbero potuto, forse, aiutare la malconcia economia della regione. Un sondaggio ha rivelato che il 96% della gente del posto non gradiva la presenza della foresta ed un 54% sosteneva la sua completa eliminazione. La fame di terra, la scarsa disponibilità di risorse e delle colture a rischio incursioni da parte della fauna selvatica pongono un futuro incerto per uno spazio naturale unico al mondo.
Le iniziative intraprese da allora hanno fatto la Arabuko Sokoke Forest un modello eccezionale di sviluppo sostenibile. Puntare sull'equilibrio tra l'utilizzo delle risorse forestali e la conservazione, ha unito il Dipartimento delle foreste e il Kenya Wildlife Service per lanciare il Arabuko-Sokoke Forest Management Team (ASFMT). L'obiettivo di questo gruppo è quello di evitare l'abuso di tratti forestali per usi miopi a favore delle comunità locali, perseguendo allo stesso tempo un ruolo per la foresta come un "booster" di economia della regione. D'altra parte, il Kipepeo Butterfly Farm Project ha rilanciato l'economia nazionale in modo tale che, nel 1998, una nuova indagine ha rivelato che l'84% degli abitanti ha sostenuto la conservazione delle foreste.
Insieme con la vicina Mida Creek, Arabuko Sokoke ospita una grande diversità biologica, con un sacco di rare specie di uccelli, farfalle, anfibi e piante. Alberi della regione hanno tradizionalmente fornito le comunità locali di legna da ardere, medicinali, pali, legname e sculture in legno.

ACCESSO

Arabuko Sokoke si trova a 120 km a nord di Mombasa, lungo la strada costiera, in direzione di Malindi B8. Dopo aver superato Kilifi, alberi di anacardi che si affacciano sulla strada rivelano una delle fonti di ricchezza della regione, la fabbrica di anacardi a Kilifi. Allontanandosi dalla città, gli alberi della gomma annunciano la foresta imminente. L'ingresso del parco si trova in una deviazione a sinistra della strada principale, a 1,5 km prima della strada per Watamu e Gede. L'ufficio del Arabuko Sokoke Kenya Wildlife Service si trova nelle vicinanze. Tratti del parco possono essere esplorati a piedi, dopo aver consultato la guida naturalista del parco. Si consiglia di prenotare la visita il giorno prima ed iniziare la passeggiata la mattina presto.
Per visitare la riserva, il modo migliore è quello di prendere la C103 da Malindi, la strada che porta verso est al Parco Nazionale Tsavo Est. Il percorso può essere fatto in auto, in bicicletta (un'ora), in autobus (uno al giorno) o da matatu (diversi ogni giorno). Tracce della riserva sono percorribili in auto, a piedi o in sella a una mountain bike, anche se alcuni tratti sono di sabbia e la pedalata diventa quasi impossibile. È necessario procedere con riserve idriche.
Dalla C103 ci sono due piste che attraversano la foresta per terminare nella strada costiera Kilifi-Malindi, la B8. La C103 si avvicina alle rive del fiume Galana/Sabaki prima di entrare nel bosco Arabuko Sokoke. La prima traccia inizia nella città di Kakayuni, a 12 km al largo di Malindi, che copre un percorso 10 km prima di morire in mezzo alla strada principale. Questa pista attraversa terreni forestali marginali, il che la rende meno interessante. La seconda traccia lascia la C103 poco prima di raggiungere la città di Jilore, situata sopra una piega del fiume Sabaki/Galana, a 20 km da Malindi. Superata la Stazione Forestale Jilore, un paio di chilometri più avanti, c'è una deviazione a sinistra che copre 16 chilometri prima di uscire per la strada B8, 5 km a sud di Gede e 2 km a sud della pista Kakayuni.

NATURA

Le stelle del parco sono due mammiferi rari e piccoli, timidi e difficili da individuare. Cefalofo di Aders (Cephalophus adersi), noto anche come Nunga in swahili, Kunga marara in kipokomo e Harake in giriama, conosciuto anche come Cefalofo di Zanzibar dal momento che in questa isola è stato avvistato per la prima volta, è una piccola antilope alta solo 35 cm, in parte notturna, che si nasconde nella foresta e vive in coppia. Il Toporagno elefante giallo o dorato (Rhynchocyon chrysopygus), lungo 0,5 metri e quasi la metà di esso appartenente alla coda, conduce un'esistenza solitaria ed è di abitudini diurne. Entrambi i mammiferi si possono facilmente trovare intorno a Gede, dove i turisti sono meno. Un terzo mammifero, la rarissima Mangusta Sokoke dalla folta coda, è stata avvistata a metà degli anni '80.
Il parco ospita anche una ricca varietà di uccelli endemici. Tra questi, sei specie sono esclusive per Arabuko Sokoke: il Sokoke Pipit o Pispola di Sokoke (Anthus sokokensis), l'Assiolo di Sokoke (Otus ireneae), il Tessitore di Clarke (Ploceus golandi), il Tordo maculato (Geokichla guttata), l'East Coast Akalat o Pettirosso di Gunning (Sheppardia gunningi) e l'Amani Sunbird o Nettarinia di Amani (Hedydipna pallidigaster) (vedi foto Uccelli del Kenya). Infine, il parco accoglie diverse specie di farfalle, cinque delle quali si trovano solo in questa foresta.

ALLOGGIO

Non ci sono servizi di alloggio nel parco. I visitatori possono trovare un alloggio nelle città vicine.

CAMPEGGIO

C'è un campeggio pubblico di base proprio accanto all'ufficio del Kenya Wildlife Service a Arabuko-Sokoke. Vi si può accedere dalla strada principale Kilifi-Malindi, 1,5 km a sud della deviazione di Watamu e Gede.
SITI NELLE VICINANZE

  • Gede
  • Kipepeo Butterfly Farm
  • Cucina dell'inferno

Gede (Le rovine)

Lungo la strada costiera B8, 15 km a sud di Malindi in mezzo alla foresta Arabuko Sokoke, si trova uno di quei luoghi circondati da mistero e domande senza risposta. In effetti, la città di Gede Swahili (o Gedi) è un enigma, in quanto nonostante la notorietà acquisita durante i suoi cinque secoli di storia, non ci sono riferimenti scritti su di esso.
La città fu fondata nel 12° secolo dagli arabi swahili, che popolavano la costa e avevano già fondato città come Pate, Lamu e Malindi. I resti permettono di concludere che la città, lontana dal mare e appartata nella foresta costiera, era fiorente, ricca e grande come Mombasa, abitata da circa 2.500 persone. Tuttavia, non una sola riga di cronache arabe o swahili parla di questo luogo. Inoltre, il Portogallo ha dominato la costa 1498-1698, e lungo questo periodo tutte le città sul mare sono cadute in una certa misura sotto la morsa portoghese, essendo Malindi, a soli 15 km da Gede, il fiore all'occhiello degli alleati del Portogallo. Lo splendore di Gede ha raggiunto il picco nel 15° secolo, quando il Portogallo ha iniziato la conquista della costa, ma incredibilmente nonostante un trascorso di 200 anni non si fa alcuna menzione di questo luogo, che è rimasto trascurato dall'influenza europea.
La posizione della città è anche abbastanza sconcertante. I resti scoperti individuano chiaramente che Gede coltivava solidi rapporti commerciali con l'Estremo Oriente, l'Europa e la Persia; però, la città non aveva un porto e la sua posizione nel bel mezzo di una foresta lussureggiante distante dalla costa sembra tutto tranne che una comodità. La leggenda è ancora più gonfiata dalle tradizioni locali che hanno a che fare con fantasmi e fenomeni inspiegabili. Anche James Kirkman, l'archeologo che ha portato alla luce le rovine, si dice che abbia sentito un forte disagio quando lavora al sito, come se una presenza nascosta spiasse le sue mosse.
Nel corso del 16° secolo, un probabile attacco da Mombasa a Malindi, alleata del Portogallo, ha scatenato il primo esodo di coloro che non erano originari di Gede, che in seguito tornarono alle loro città. L'abbandono finale fu nel 17° secolo per ragioni non completamente svelate, anche se probabilmente è il risultato di una combinazione di fattori. In primo luogo, gli Zimba, una tribù cannibale della regione Zambesi, fece irruzione sulla costa alla fine del 16° secolo diffondendo orrore e distruzione. In secondo luogo, le possibili carenze d'acqua avrebbero potuto rendere le condizioni di vita peggiorative, come dimostra l'approfondimento del pozzo vicino alla Grande Moschea. E soprattutto, il popolo Galla, nomadi ostili provenienti dalla Somalia, che si impadronirono delle città costiere.
Tuttavia, nessuna spiegazione sembra essere abbastanza convincente: mentre Mombasa è stata tre volte distrutta e tre volte ricostruita, Gede rimase deserta per sempre. Ancor più, è improbabile che Gede sia il suo vero nome, ma un termine Galla che significa 'bello'. Il vero nome della città non è mai stato definitivamente individuato, ma forse era Kilimani.
Il luogo è rimasto ignorato dal mondo occidentale fino al 1884, quando i resti sono stati visitati dal Commissario britannico a Zanzibar, sir John Kirk. La città non comparve sulla Gazzetta Ufficiale come monumento storico fino al 1927. Due anni più tardi ha conseguito lo status di monumento protetto e nel 1939 il Dipartimento Lavori Pubblici ha iniziato il restauro delle mura. Gede è stata adibita a parco nazionale nel 1948 e fu allora che i lavori di scavo sono stati assegnati a James Kirkman, che avrebbe assunto il ruolo fino al 1958. In seguito, le rovine passarono sotto la sovraintendenza dei Musei Nazionali del Kenya.
Oggi, Gede è il più importante sito archeologico sulla costa e l'unico posto dove l'intatta architettura antica Swahili può essere studiata. I resti conservati sono immersi in 45 ettari di foresta costiera, precedentemente occupati da umili abitazioni scomparse e poi colonizzati dalla vegetazione.
Questa foresta primordiale è un luogo sacro per la gente del posto e anche l'habitat di numerose specie selvatiche, alcune delle quali in via di estinzione, come il toporagno elefante d'oro groppone, un piccolo mammifero che si trova di solito in associazione a un uccello, il pettirosso (red-capped robin chat). L'uccello guarda fuori per il pericolo e riceve in compenso gli insetti rimossi dal toporagno. Altre specie presenti sono bushbabies ("bambini del bosco") conosciuti come galagidi o col nome comune di galagoni, duikers (cefalofi) e scimmie.
Il luogo ospita anche il proprio animale mitologico, la versione locale di Bigfoot o Yeti: una creatura di nome presunta Duba che assomiglia a una pecora enorme. Ma che cosa si dovrebbe stare attenti è una minaccia molto più molto piccolo: le formiche siafu (siafu significa solo "formiche" in Swahili), insetti distruttivi che di solito emergono dal terreno dopo le piogge. Si dice che i coloni coloniali lascerebbero un pappagallo in una gabbia per trovare il giorno successivo solo scheletro degli uccelli ancora in piedi sul suo trespolo. Oltre a queste creature, sono anche presenti alcuni cobra , ma un incontro è abbastanza improbabile.
Il sito comprende la Grande Moschea, il Palazzo, quattordici abitazioni e una serie di tombe, oltre al museo annesso. La maggior parte delle rovine risalgono al 15° e 16° secolo. Durante l'ultimo periodo, un secondo muro è stato eretto intorno solo all'area più ricca, costituito dal palazzo e la città di pietra.
Il sito è aperto tutti i giorni 07:00-18:00 e c'è un servizio di guida a disposizione. Per una visita auto-guidata, il libretto di James Kirkman in vendita presso l'ingresso è di grande aiuto.
Grande Moschea (Jumaa)
Delle sette moschee rilevate nel sito, questa è la più grande e probabilmente serviva come la moschea congregazionale o Moschea del Venerdì. Risalente al 15° secolo e ricostruita nel 16°, questo grande edificio conserva ancora il mihrab, il luogo che punta alla Mecca. Il minbar, il pulpito da cui il muezzin legge i versetti del Corano, era composto da tre gradini di pietra, al posto della struttura in legno che era usuale in altre moschee costiere. I motivi arabi sono completati con qualche altro tipicamente africano, come una punta di diamante scolpita che mostra la distinzione della cultura swahili. Il cantiere all'ingresso aveva un serbatoio d'acqua per le abluzioni, collegato con un pozzo al di fuori della Moschea.
Palazzo
Il palazzo serviva un duplice scopo, come residenza del Governatore o del Sultano e sede del governo. Il cortile d'ingresso includeva una sala in cui il pubblico prendeva posto. L'edificio era costituito da diverse piccole stanze e abitazioni del sovrano dotate di stanze da bagno di alta fattura e servizi igienici.
Abitazioni
La ricca zona residenziale era composta da una serie di abitazioni in pietra con pareti dipinte e camere toilette sofisticate. La maggior parte degli oggetti esposti nel museo sono stati trovati all'interno di queste case, che hanno preso il loro nome dagli oggetti rinvenuti: la Ivory Box House (Casa della scatola d'avorio), la Dhow House (con un'imbarcazione dhow dipinta sul muro), la Venetian Pearl House (Casa della perla veneziana), ecc. La più antica è la Cauri House, del 14° secolo. Cauris sono una specie di conchiglie che venivano utilizzate come moneta. Al contrario delle residenze a Mombasa o a Lamu, tutte le abitazioni a Gede avevano un unico piano. Tutte loro mostrano alcuni elementi comuni, come una panchina di pietra dove il padrone di casa accoglieva i suoi ospiti. Le pareti erano spesso ornate con arazzi o kilim e lampade di argilla.
Tombe
Le tombe dei governanti e di altre figure di rilievo nell'antica Africa orientale erano tipicamente costruite con un alto pilastro in alto, un elemento che era estraneo alla cultura araba. Questo tipo di edificio funerario, che secondo alcuni esperti potrebbe palesare una simbologia fallica, è stato forse importato da popolazioni camitiche del Nord Africa. La pratica della costruzione di questo tipo di tombe fu poi abbandonata, forse su invasione da parte gli omaniti, che hanno esteso la tradizione ortodossa di islam arabo e cancellato molte delle radici culturali indigene swahili. La cosiddetta "Tomba Datata" prende il nome da una scritta incisa che rivela la data in cui è stata eretta: 1399, o 802 secondo il calendario musulmano. Nelle vicinanze, la "Tomba della colonna scanalata" (Fluted Pillar) è molto ben conservata.
Museo
Il museo espone informazioni sul sito e mostra alcuni degli oggetti trovati, come porcellane cinesi Ming, conchiglie e perle di vetro, gioielli in oro e argento e monete, vetro persiano smaltato e cristallo veneziano. Tutti evidenziano che i commercianti di Gede hanno stretto rapporti commerciali con tutto il mondo conosciuto. La collezione comprende anche alcune ceramiche utilizzate per la cottura e la conservazione degli alimenti.

  

Kipepeo Butterfly Farm

Vicino all'ingresso delle rovine di Gede si trova l'allevamento di farfalle più importante in Kenya, chiamato Kipepeo che significa "farfalla" in Swahili. Questa struttura merita un posto d'onore tra le migliori pratiche di sviluppo sostenibile. Prima del suo inizio, c'è stata una ferma opposizione tra la gente del posto alla conservazione di una foresta che non ritornava loro alcun utile e ostacolavano lo sviluppo economico della regione. Il reddito pro capite dei contadini era molto basso e la foresta è stata seriamente minacciata. E' stato nel 1993, quando la Società di Storia Naturale dell'Africa Orientale e il Museo Nazionale del Kenya si sono uniti per lanciare il progetto Kipepeo, destinato a salvare la foresta, contribuire alla conservazione delle sue rare specie di farfalle e allo stesso tempo di promuovere l'aumento del locale economia.
L'idea era semplice e intelligente. Un totale di 150 agricoltori locali sono stati addestrati alla trasformazione delle larve di farfalla nutrendole con le foglie degli alberi nativi. Kipepeo depone le uova che, appena schiuse, forniscono ai contadini le larve, che si tramutano in bruchi rivenduti una volta divenuti pupe di Kipepeo. L'azienda alleva le farfalle adulte per l'esportazione verso l'Europa e in America, sia come esemplari conservati in collezioni museali o come insetti per altre aziende o mostre viventi. Gli esperti dell'azienda hanno verificato l'assenza di effetti negativi di tale attività sulle popolazioni delle farfalle selvatiche. Oggi i contadini hanno una fonte permanente di reddito e sostengono la conservazione della foresta.
Kipepeo ha tre case aperte al pubblico. Il primo contiene le femmine, che depongono le uova sulle foglie delle piante di cui si nutrono. La seconda casa ospita le gabbie di rete in cui le larve crescono. Infine, nella terza casa i maschi battono le ali tra i visitatori.
L'agriturismo è aperto tutti i giorni 08:00-17:00

Cucina dell'inferno

Cucina dell'inferno (Marafa depression) era in origine una scarpata ricca di arenaria, che l'erosione di piogge, venti e torrenti, ha trasformato in un canyon con magnifiche gole e camini, alcuni dei quali raggiungono i 30 m di altezza. I suoi bellissimi colori si apprezzano meglio al tramonto. Per raggiungere cucina dell'inferno, la via più facile è quello di prendere la B8 verso nord da Malindi. Subito dopo aver attraversato il fiume Galana/Sabaki, la strada si dirige nella città di Mambrui, da cui si dirama a sinistra una deviazione per Marafa. Alla fine di Marafa, svoltare a destra e 500 metri più avanti si arriva a Hell's Kitchen, chiamato dai nativi Nyari, "il luogo rotto da solo".