Translator
Translator

Cascate del Kenya


Cascate del Kenya - Cascate Lugard
Cascate Lugard

Le cascate sono alcune delle caratteristiche naturali più mozzafiato che la natura ha da offrire. Lo spettacolo offerto da tonnellate di acqua che scorrono su una scogliera e cadono nel fiume sottostante è semplicemente incredibile. Il Kenya vanta alcune incredibili cascate che, con le loro molteplici caratteristiche, definiscono il suo paesaggio. Ecco un elenco delle cascate mozzafiato in Kenya.

Cascate Lugard
Cascate Lugard

Cascate Lugard

   Le Cascate Lugard (Lugard's Falls), che prendono il nome dal capitano inglese Frederick Lugard, sono in realtà una serie di rapide nello Tsavo Est dove il fiume Galana sparisce in mezzo a rocce colorate in una stretta gola creando un tumultuante suono.
La cascata è ancora più sorprendente durante la stagione delle piogge quando, con la sua vista e il suono ruggente, lascia i turisti disorientati.
La bellezza del luogo sono appunto le accattivanti rocce multicolori con strisce rosa, grigio chiaro e bianco. C'è un parcheggio presso le cascate ed i visitatori possono salire sulle rocce erose o camminare lungo il fiume per una migliore visione delle rapide. Con il tempo l'acqua ha formato gole profonde nella roccia relativamente morbida formando degli stretti canyon che hanno una profondità di 5-20 metri. Nella stagione delle piogge si formano grosse pozze in cui vivono i coccodrilli.

Sullo sfondo, lo Yatta Plateau, che è un imponente flusso di lava più lungo del mondo, con quasi 300 km di lunghezza.
A 1 Km di distanza sotto le rapide si trova il "Crocodille Point", una piscina naturale popolata da ippopotami e giganteschi coccodrilli.


Cascate Sheldrick. Riserva Nazionale Shimba Hills
Cascate Sheldrick. Riserva Nazionale Shimba Hills

Cascate Sheldrick

   Le Cascate Sheldrick (Sheldrick Falls) si trovano immerse nella Riserva Nazionale Shimba Hills e prendono il nome da David Sheldrick, fondatore dello Tsavo Est, che le ha scoperte.
Sheldrick Falls è una cascata mozzafiato di 25 metri con una piscina incredibile sul fondo.
Un tuffo in piscina o la doccia nelle fresche e pulite acque di questa bella cascata è abbastanza per rinfrescarsi dopo un cammino lungo un sentiero nella riserva.
Mentre si cammina verso la piscina, si avrà la possibilità di avvistare flora e fauna incredibili così come sorprendenti farfalle rare.

Per motivi di sicurezza, si consiglia di essere accompagnati da un ranger del KWS in quanto talvolta vi sono elefanti o bufali lungo i 2 km di sentiero per raggiungere le cascate. Ma, molti vanno alle cascate senza scorta. Mettetevi un cappello e bevete molta acqua prima di affrontare il sentiero che attraversa aree scoperte e ripide dove fa molto caldo.

Si tratta di una o due ore di piacevole passeggiata dal parcheggio a questa spettacolare cascata che fornisce di acqua Tiwi e Diani. La pista che conduce alla cascata offre una passeggiata panoramica, occorrono circa 45 minuti per scendere e 1 ora per tornare. Alla cascata, non cercare di salire sulla scogliera in quanto è scivolosa, ma piuttosto fate una doccia fredda di 25 metri di altezza, nuotate in tutta sicurezza nella piscina di acqua fresca formata da queste acque o fate un picnic sulla sabbia.
Il livello della piscina dipende della stagione: durante la stagione delle piogge, si può facilmente nuotare in piscina e c'è una caduta d'acqua; durante la stagione secca, la piscina è piccola ed è formata da due cascate di acqua sorgiva.


Quattordici cascate (Fourteen Falls). Thika,Kenya
Quattordici cascate (Fourteen Falls). Thika,Kenya

Quattordici cascate

   Le Quattordici cascate (Fourteen Falls) sono situate nei pressi di Thika, 65 chilometri a nord di Nairobi. Portano questo nome perchè sono costituite da 14 cadute consecutive di 27 m di profondità ai piedi delle colline Kilima Mbogo.
Durante la stagione delle piogge, queste cadute si fondono per formare un unico immenso torrente d'acqua, con un incredibile effetto sonoro simile ad un ruggito.
Le cascate sono parte del fiume Athi, il secondo fiume più lungo del Kenya, che inizia nelle colline Ngong prima di proseguire la sua strada verso l'Oceano Indiano.
Un'altro sito che non si può perdere è Mbogo Kilima (che significa Colline del Bufalo) sul lato destro delle cascate. Le colline hanno preso il nome dalle grandi mandrie di bufali che qui risiedevano, ma la crescente popolazione le ha purtroppo spinte altrove, e al giorno d'oggi raramente se ne intravede qualche capo.

Qui c'era molto da vedere e da fare compresa la pesca, birdwatching, fotografia e canottaggio.
Grazie alla sua vicinanza a Nairobi, le cascate ricevevano un numero enorme di visitatori.
Molte famiglie e scolaresche, soprattutto durante il fine settimana, amavano venire qui concludendo la loro passeggiata fino a Buffalo Hills con un pranzo al sacco. I bambini durante il percorso raccoglievano frutti di bosco anche se c'era il pericolo di riportare ferite venendo a contatto con gli arbusti spinosi.
Tutto questo oggi è rimasto solo un ricordo: gli arbusti e le bacche sono stati sostituiti dalle case o dalle piantagioni di ananas.
La regione di Thika, infatti,  è probabilmente la più grande fornitrice di ananas in Kenya. Estese piantagioni si incotrano lungo la strada per le cascate, così come i molti venditori di ananas.
Lo stesso dicasi per le limpide acque delle cascate di cui si potevano godere gli spruzzi. Oggi vengono scaricate nel fiume enormi quantità di scarichi industriali di Thika e dei borghi che il fiume attraversa. Le belle cascate sono diventate una discarica, ed è particolarmente preoccupante che la gente venga ancora a giocare con i bimbi in queste acque che l'entità dell'inquinamento ha reso scure, schiumose ed emananti forti odori acri.
I barcaioli, che si guadagnavano da vivere trasportando visitatori su di una piccola isola nel mezzo delle cascate, oggi sono impegnati a raccogliere spazzatura. Puliscono il loro "ufficio" nella speranza che la loro attività possa riprendere. Ma sebbene il loro reddito continui a diminuire, dicono che continueranno a pulire ovunque possibile. Parlano di essere stati traditi da organizzazioni ambientaliste e dalle autorità locali, ma sono insistenti e sebbene le piogge continuino a portare sempre più spazzatura, loro saranno sempre qui per pulire. Non si aspettano un centesimo da nessuno per farlo, ma tornano a casa nella speranza che tutto questo possa cambiare. "Questo dovrà cambiare, dicono, non importa quanto tempo ci vuole".
Non oso commentare.


Cascate Thomson.
Cascate Thomson.

Cascate Thomson

    Le Cascate Thomson (Thomson's Falls) sono formate dal fiume Ewaso Narok, un affluente dell'Evaso Ng'iro, che scende dall'Aberdare Mountain Range ed hanno una altezza di 74 m (243 ft). Si trovano a due miglia dalla città di Nyahururu, nel centro del Kenya, a 2.360 m di altezza sul livello del mare.
Nel 1883 Joseph Thomson è stato il primo europeo a raggiungere Thomson Falls, e da lui prendono il nome. Era un geologo e naturalista scozzese e fu anche il primo europeo che a piedi percorse il tratto da Mombasa al Lago Vittoria nei primi anni 1880.
I visitatori possono vedere le cascate dall'alto, o possono percorrere un sentiero fino al fondo del burrone. A monte delle cascate c'è una delle più alte "piscine" in Kenya dove vivono gli ippopotami.
Il fiume Ewaso Narok è un affluente del Ewaso Ng'iro.
Le cascate rappresentano una importante risorsa economica per la città adiacente di Nyahururu. La maggior parte dei ricavi viene ricevuto dai turisti, sia nazionali e internazionali. Il sito è accattivante e confortevole per tutti coloro che vogliono rilassarsi dopo una settimana trascorsa in città (con Kenneth un residente di Nyahururu). Le cascate hanno anche la dubbia fama di essere il luogo ove avvengono il maggior numero di suicidi in Kenya.


Cascate Karuru. Aberdare National Park
Cascate Karuru. Aberdare National Park

Cascate Karuru

   Le Cascate Karuru o Karura (Karuru Falls), si trovano nel Parco Nazionale Aberdare ad un'altitudine di 2.707 metri sul livello del mare, un luogo di meraviglie uniche della natura.
La cascata è la seconda più alta in Kenya, uno spettacolo mozzafiato che si tuffa a 273 metri al di sotto del punto di osservazione. Le cascate, nel Distretto di Nyandarua, sono circondate da alti alberi autoctoni, che le rendono uniche nel paese.
Le brughiere centrali di per sé attirano un buon numero di visitatori all'Aberdare in quanto il parco è sede di fauna selvatica e vegetazione uniche nel loro genere.
La catena montuosa Aberdare ospita 52 delle 67 specie di uccelli degli altopiani del Kenya. Alcuni di questi uccelli si possono trovare presso le cascate Karuru. Essi fanno parte di specie minacciate come lo Sharpe’s Long Claw (Unghialunga di Sharpe), Aberdare Cisticola (Cisticola Aberdare), Abbott's Starling (Storno di Abbott), Jackson’s Widowbird (Euplectes jacksoni - Vedova di Jackson), il African Green Ibis ( Ibis verde dell'Africa) e, tra gli altri la Ayre’s Hawk Eagle (Falco-Aquila di Ayre).

Per gli alpinisti, le cascate sono circondate da numerosi picchi, tra cui il più popolari sono Ol Donyo Lesatima (4.001m), Kinangop (3.906m), Elephant Hill (3.906m), Chebuswa Hill (3.364m) e Twin Hills (3.300m ). Le colline e le cime sono popolari per gli alpinisti, ma offrono anche una splendida opportunità per coloro che desiderano un po' di solitudine.
Le cascate compaiono nel film "Out of Africa".
Per arrivarci, i visitatori possono utilizzare via terra o aria. Chi guida da Nairobi avrà circa tre ore per coprire il tratto di 172 km. Chi viaggia in aereo può atterrare all'interno del Parco Nazionale di Aberdare, che ha una pista d'atterraggio vicino al sito picnic Grotta della Regina.
Oltre alla magnifica cascata, i visitatori possono anche guardare la fauna selvatica come elefanti, antilopi, waterbucks, scimmie e numerose altre specie.


Cascate Gura (Gura Giant Falls)
Cascate Gura (Gura Giant Falls)

Cascate Gura

   Le Cascate Gura (Gura Giant Falls), si trovano nel Parco Nazionale Aberdare e sono formate dal fiume Gura, il fiume più veloce del continente.
Sono considerate le cascate più alte del Kenya e si trovano proprio di fronte alla valle in cui il fiume forma le Cascate Karuru, le seconde più alte del Kenya.
Le cascate di 302 metri, ad un'altitudine di 2.707 m sul livello del mare, precipitano in un burrone impenetrabile scendendo in una bella foresta ricca di vegetazione.
La caduta ha tre livelli, proprio come le cascate Karuru, prima che l'acqua finalmente possa raggiungere la "piscina" sottostante.

Vista delle cascate giganti di Gura dalla cima delle cascate di Karuru
Vista delle cascate giganti di Gura dalla cima delle cascate di Karuru

Cascate Chania (Chania Falls)
Cascate Chania (Chania Falls)

Cascate Chania

   Le Cascate Chania (Chania Falls), si trovano nel Parco Nazionale Aberdare, sul fiume Chania, 50 km ad ovest della città di Nyeri situata a 150 Km a nord di Nairobi. L'elevazione del terreno stimato sopra il livello del mare è di 1.502 metri.
La cascata è un sito mozzafiato.
Questa spettacolare caduta libera di 25 m nella fitta foresta è una delle cascate più incredibili, sebbene abbastanza inaccessibile.

I fiumi Thika e Chania dalle montagne di Aberdare attraversano il territorio meridionale di Gikuyu prima di fondersi in un unico fiume da allora in poi chiamato Thika che ha dato il nome alla città. Successivamente, il fiume procede a sud-est per incontrare il fiume Sagana mentre si snoda per diventare il possente fiume Tana.

Un'altra cascata nella zona, chiamata Fourteen Falls dai coloni bianchi, non si trova su questo sistema fluviale ma sul fiume Athi poiché nonostante lo sforzo inutile per unirsi ai suoi fratelli maggiori, il fiume è stato respinto da una dura formazione rocciosa granitica, imperturbabile, girando a est verso l'Oceano Indiano.


Magura Falls - Queen's Cave
Magura Falls - Queen's Cave

Cascate Magura

   Le Cascate Magura (Magura Falls), sono una delle numerose cascate nel Parco Nazionale di Aberdare, con la Grotta della Regina "Queen's Caves" situata in fondo e così chiamata dopo che la principessa Elisabetta vi pranzò, in un gazebo con tavolo da picnic, durante il suo soggiorno al Treetops.
Dico ironicamente in quanto la grotta fu utilizzata da Dedan Kimathi Waciuri detto "Ciui" (leopardo), generalissimo del movimento Mau-Mau, come nascondiglio e base operativa (essendo praticamente invisibile alle pattuglie aeree) in quanto perseguitato come leader del movimento e successivamente arrestato ed impiccato, su ordine della regina Elisabetta, dall'esercito coloniale britannico il 18 febbraio 1957. La grotta è ora affettuosamente conosciuta come "la grotta di Kimathi".

Le cascate Magura si trovano all'imbocco della Grotta della Regina, nelle brughiere sud-orientali del Parco Nazionale di Aberdare.
Le cascate fanno anche parte del fiume Magura, un affluente del più grande fiume Gura.

Si possono fare escursioni, trekking da altre parti del parco, picnic all'interno o all'esterno della grotta, birdwatching, osservazione della selvaggina.
I periodi migliori per le visite sono i giorni meno piovosi dell'anno.
Ci si arriva con un veicolo,  un aereo o in escursionismo, con quest'ultimo che richiede un ranger del KWS armato che fa da guida.
C'è una pista di atterraggio raggiungibile a piedi, così come altre fuori dal parco.
Si consigliano veicoli 4x4 per guidare fino al luogo durante le piogge.



 Cascate Thika (Thika Falls)
Cascate Thika (Thika Falls)

Cascate Thika

   Più piccole delle Cascate di Chania, le Cascate Thika (Thika Falls) sono impressionanti da guardare. Si trovano sul fiume Thika nelle vicinanze della capitale Nairobi, appena fuori dall'autostrada Nairobi-Murang'a. Le cascate forniranno una vista piacevole e rilassante durante una visita al Blue Post Hotel. Le cascate di Thika sono un sito di birdwatching, picnic, campeggio e ritiro mozzafiato.


Cascate Torok (Torok Falls)
Cascate Torok (Torok Falls)

Cascate Torok

   Le Cascate Torok (Torok Falls), si trovano nella contea di Elgeyo-Marakwet sulla strada che dalle alture di Iten scende verso Kabarnet (C51). A circa 17 Km da Iten nei pressi del villaggio di Biretwo, con un'altezza di 150 metri le cascate di Torok attirano l'attenzione, con molti visitatori che si fermano regolarmente al belvedere Kolol per dare un'occhiata a questo magnifico elemento naturale.
L'elevazione della cascata stimata sopra il livello del mare è di 2306 metri (7566 piedi). La cascata scende dalla scarpata di Tambach per raggiungere a valle il fiume Kerio.
Per raggiungere la cascata occorre percorrere una pista che termina alla Torok Primary School e da qui si prosegue su uno stretto sentiero spesso ricoperto dalla vegetazione. Quando si inizia a sentire lo spruzzo dell'acqua i massi alla base diventano pericolosamente scivolosi. Ci si ferma a circa 20 metri e se bagnarsi non è un problema c'è una invitante piscina sotto la cascata.
La distanza dalla strada Iten-Kabarnet è di circa 7 Km, quindi il percorso a piedi alla cascata di andata e ritorno avrà una durata di 4-5 ore. Assicurarsi di fare il giusto percorso di escursione in modo da non finire al belvedere Kolol o su una cascata più piccola che è Kessup.
Equipaggiarsi con buone scarpe da trekking. L'acqua della cascata è glicemica (l'acqua potabile con un mix di glucosio è l'arma segreta per l'escursionismo).


Kerio Valley.  Un paesaggio straordinario e drammatico
Kerio Valley. Un paesaggio straordinario e drammatico

Cascate Kessup

   A circa 500 km (310 miglia) dalla capitale Nairobi, la Kerio Valley si trova a cavallo della scarpata occidentale della Rift Valley keniota, con un salto di 1219 metri tra le colline di Tugen e la scarpata di Elgeyo. I ricordi migliori sono sempre stati i panorami mozzafiato in particoler modo in quella che definirei una delle strade più panoramiche del Kenya. Percorrendo la strada tortuosa, si ha modo di sperimentare gli infiniti colpi di scena mentre la strada serpeggia attraverso un tratto di paesaggio straordinario e drammatico, affollato di aspre colline su colline, cascate nebbiose, imponenti scogliere e imponenti formazioni di basalto.
Chi non soffre di cinetosi e può adorare ogni minuto del viaggio.
Naturalmente è fatto obbligo di equipaggiarsi con buone scarpe da trekking. L'acqua della cascata è glicemica (l'acqua potabile con un mix di glucosio è l'arma segreta per l'escursionismo).
Uno dei miei posti migliori sono le maestose Torok Falls. Immerse per ben 200 metri dalla cima della scogliera, Torok Falls è più spettacolare nella stagione delle piogge, quando una nuvola di spruzzi e nebbia si alza dalla foresta sottostante.
Con imponenti colline, vegetazione lussureggiante intervallata da un mix di numerose cime e valli sembra che l'acqua scorra dietro ogni angolo.
Immerse nelle lussureggianti foreste indigene si trovano le cascate di Kessup, appartate, belle e incontaminate, è incredibile trovare un posto così bello quasi incontaminato! La foresta ospita una varietà di primati, come le scimmie Colobus e Diademed e anche molte specie di uccelli. Oltre a godere delle cascate mozzafiato e del paesaggio circostante, è possibile fare un tuffo nella piscina sottostante per una nuotata rinfrescante in una giornata calda.
L'escursionismo è anche un ottimo modo per esplorare queste colline e valli, puoi attraversare tratti di macchia, terreni agricoli aperti e foreste lussureggianti. Alcuni sono abbastanza delicati anche se alcuni sono piuttosto ripidi e richiedono entrambi un livello ragionevole di forma fisica e sforzo.
Il Kenya ha molto da offrire sul fronte della fauna selvatica, ma a volte è bello allontanarsi dalla tipica spiaggia o dal circuito dei safari e vivere la natura allo stato puro. La Kerio Valley attende la tua esplorazione, offrendo un'eccellente opportunità per assaporare il magnifico paesaggio della Rift Valley. Non dimenticare di portare la tua macchina fotografica per le eccellenti opportunità fotografiche.

Kessup Falls in Elgeyo Marakwet
Kessup Falls in Elgeyo Marakwet
Kessup Falls - Elgeyo Marakwet County
Kessup Falls - Elgeyo Marakwet County


Cascate di Nabuyole
Cascate di Nabuyole

Cascate di Nabuyole

   Le Cascate di Nabuyole (Nabuyole Falls), si trovano sul fiume Nzoia, a sette chilometri dalla città di Webuye, situata nella contea di Bungoma sulla strada principale per l'Uganda. L'area intorno a Webuye ospita la tribù Bukusu.
I turisti si accalcano qui per osservare la cascata d'acqua da un'altezza di sette metri fino alle rocce sottostanti. A monte il fiume Nzoia, si divide in sette fiumi più piccoli con acqua che scorre veloce. Tutti i sette rami del fiume si uniscono di nuovo a valle per formare la cascata di Nabuyole.
La tradizione vuole che la cascata abbia una forza potente che ti trascinerà verso il bacino se ti avvicini ad essa.
Poco distante, più a sud, a Maraka, esiste il famoso ponte sospeso "mfunje" che consiste in traballanti strisce di legno unite insieme ad alcuni fili metallici, che penzolano precariamente sul fiume Nzoia. Attrae un numero considerevole di turisti sia locali che stranieri che amano l'emozione di attraversare il fiume sul ponte traballante di produzione locale.


Cascate di Adamson
Cascate di Adamson

Cascate di Adamson

   Le Cascate di Adamson (Adamson's Falls), si trovano sulle acque agitate del fiume Tana che attraversa il Parco Nazionale di Meru.
Le cascate prendono il nome dal famoso guardiacaccia George Adamson e sua moglie, Joy, nota per aver allevato la famosa Elsa da cucciolo a leonessa adulta.
Le scenografiche cascate sono un luogo essenziale da visitare durante un tour del parco.


Cascate di Tigoni (Tigoni Falls)
Cascate di Tigoni (Tigoni Falls)

Cascate di Tigoni

   Le Cascate di Tigoni (Tigoni Falls), si trovano a circa 48 km a nord-ovest di Nairobi a Limuru, nel Kenya centrale.
Il panorama straordinario si trova all'interno del fogliame verde e dell'estesa e tranquilla Kiambethu Tea Farm in cima a un crinale di 2.000 metri con vista panoramica sulle piantagioni di tè, splendore di Tigoni.
La cascata alta 18 metri è nascosta in una bellissima piccola foresta fluviale e offre una spettacolare opportunità di fuga dalla vita frenetica della città.
Tigoni è anche un posto fantastico per un picnic di un giorno. con la famiglia e gli amici.


Discesa in kayak dalla cascata di Kamweti
Discesa in kayak dalla cascata di Kamweti

Cascata Kamweti

   La Cascata Kamweti (Kamweti Fall).
La foresta di Kamweti si trova sulle pendici del Monte Kenya nella contea di Kirinyaga. Sebbene non sia popolare o conosciuta con questo nome, è una delle foreste indigene del Kenya che fa parte del Parco Nazionale del Monte Kenya. Questo è uno dei percorsi usati raramente per raggiungere il Lenana Peak del Monte Kenya e può richiedere 5-7 giorni di trekking con il Castle Forest Lodge come punto di partenza e il Kamweti Camp che è la prima fermata in tenda.
Oltre ai lunghi trekking sul Monte Kenya, è possibile fare escursioni di un giorno attraverso la foresta partendo dal Castle Forest Station Gate. Questa escursione di un giorno può essere da facile a moderata ed essere effettuata da persone senza esperienza nell'escursionismo. Occorrono solo l'atteggiamento e la compagnia giusta per un trekking di 20 km che può richiedere 4-6 ore a seconda del ritmo.
Tutto inizia con un viaggio dalla capitale, Nairobi, attraverso la Thika Superhighway fino a Kirinyaga / Kutus Road e poi si dirama a Kimunye Road. Questo viaggio dura circa 3 ore, con una sosta a Sagana per acquistare degli snack e fare colazione. Quindi, è consigliabile iniziare il viaggio da Nairobi già alle 6 del mattino per iniziare la giornata mentre il tempo è ancora fresco.
L'escursione inizia al cancello della Castle Forest Station, soprattutto se ami conoscere le specie vegetali, gli alberi e gli uccelli. C'è la possibilità di guidare fino al Castle Forest Lodge che si trova a circa 3 km dal cancello, in alternativa dopo un'ora di cammino si arriva all'ingresso del Lodge che segna la fine del percorso dei veicoli e l'inizio dell'uso di vecchi sentieri per elefanti e bufali.
La foresta inizia a diventare fitta e densa man mano che ci si sposta più in profondità con una buona vista del Monte Kenya da lontano. C'è tanto da imparare sulle varie specie di alberi, uccelli e piccoli insetti. Ci sono anche tanti frutti di bosco da assaggiare lungo la strada.
Il culmine della foresta di Kamweti è la cascata che maestosamente getta le sue acque da una superficie rocciosa. Ci vuole un po' di sforzo per muoversi tra i fitti cespugli per arrivare ai piedi della caduta. Il sentiero in discesa può essere fangoso, specie se è piovuto di recente, ci si deve aggrappare ai rami e alle radici degli alberi circostanti. L'acqua esce dalla sommità della parete di roccia e cade per circa 20 metri fino in una pozza sul fondo. È piacevolmente fredda e abbastanza pulita da poter essere bevuta. Anche se l'acqua è così limpida e invitante, è fredda come il ghiaccio che fa intorpidire i piedi in pochi secondi. Occorre tempo perché i piedi si abituino e anche se il sole potrebbe splendere, l'acqua sembra diventare più fredda man mano che ci si muove dove è più profonda. Questa cascata dà una sensazione rinfrescante al corpo mentre gli alberi oscillano e il vento soffia. Si può fare un picnic vicino alla cascata, godendo degli spruzzi dell'acqua sul volto. Il ritorno a piedi può avvenire per lo stesso percorso o sentieri alternativi.

Il Castle Forest Lodge è stato costruito nel 1910 e qui la regina Elisabetta d'Inghilterra, mentre era ancora principessa, trascorse alcuni giorni. I cottage e gli chalet circostanti sono più moderni e accoglienti di un tempo e possono ospitare fino a 30 persone. C'è una "piscina" sul posto, ma a volte l'acqua verdastra non è molto invitante, pur essendo popolare tra gli elefanti assetati. Dalla proprietà si può vedere chiaramente il monte Kenya, le rocce scoscese e una piccola macchia bianca di neve che testimonia il cambiamento climatico è reale. Altre attività presso il lodge includono l'equitazione e la pesca nei fiumi vicini.

Kamweti fall in the Kamweti Forest. Mount Kenya
Kamweti fall in the Kamweti Forest. Mount Kenya
Castle Forest Lodge
Castle Forest Lodge
Kamweti Fall
Kamweti Fall


Cascate Makalia. Parco Nazionale Lago Nakuru, Kenya
Cascate Makalia. Parco Nazionale Lago Nakuru, Kenya

Cascate Makalia

   Le Cascate Makalia (Makalia Falls) nel Lake Nakuru National Park, nel Kenya centrale, sono un paradiso con una natura meravigliosa e creature selvagge. Il parco è dotato di incredibili creste rocciose che si innalzano sopra il livello del suolo per offrire una vista impareggiabile del Lago Nakuru, degli uccelli, degli animali e dei dintorni del parco.
La maggior parte delle persone conosce il Lago Nakuru per i fenicotteri, ed in effetti questi uccelli sono la prima cosa che si nota, ma il Parco ha molte altre caratteristiche e attrazioni che lasciano i suoi ospiti entusiasti. Il Parco Nazionale del Lago Nakuru è un santuario con più di 400 specie di uccelli che vivono nella vegetazione. La varietà di questi pennuti comprende ovviamente i fenicotteri rosa (Phoenicopterus roseus), il gobbo o anatra maccoa (Oxyura maccoa), lo sbuffo settentrionale (Dryoscopus gambensis), l'allodola dal cappuccio rosso (Calandrella cinerea), il torcicollo dalla gola rossa (Jynx ruficollis) e tra gli altri la nettarinia splendente (Cinnyris habessinicus).
Il parco è l'habitat dei rinoceronti e di oltre 50 specie di animali che vivono nella flora ed includono, tra gli altri animali, il cobo detto anche antilope d'acqua (Kobus ellipsiprymnus), ippopotami (Hippopotamus amphibius), bufali neri (Syncerus caffer), giraffe di Rothschild (Giraffa camelopardalis rothschildi), impala (Aepyceros melampus), leoni masai (Panthera leo massaicus), leopardi (Panthera pardus pardus), ghepardi (Acinonyx jubatus)e rinoceronti bianchi (Ceratotherium simum) e neri (Diceros bicornis).

Le cascate Makalia sono moderatamente piccole lungo il fiume stagionale omonimo che sfocia nel lago Nakuru. Si trovano all'estremità meridionale del lago, nascoste dietro alcune rocce.
Il fiume Makalia che alimenta le cascate, sorge nel sud-ovest della foresta Mau. È un fiume stagionale ma è la principale fonte d'acqua per il lago insieme ad altri due fiumi che sono il fiume Njoro e il fiume Enderit. Tutti e tre i fiumi sorgono dalla foresta Mau e sfociano nel lago Nakuru.
Poiché il fiume Makalia è stagionale, anche le cascate lo sono; questo significa che ci sono periodi dell'anno in cui le cascate sono ricche e scorrevoli con un'abbondanza di acqua e ci sono stagioni in cui scorrono con minima acqua.
Dove le cascate si riversano, ad un'altezza di 10 metri da una scogliera, formano una grande piscina. Sono circondate da una folta vegetazione e da alberi che completano la loro bellezza.
L'area delle cascate è di solito un sito panoramico in cui il fragore dell'acqua che scorre fa da sfondo al canto degli uccelli e all'occasionale grugnito di impala. Ma c'è molto di più da fare alle cascate, tra cui escursioni sui sentieri, picnic vicino alle cascate, birdwatching, osservazione della selvaggina.

Le cascate di Makalia sono accessibili in auto, il viaggio verso le cascate non dura più di un'ora ed anche meno dai cancelli del parco. Poiché la rete stradale nel parco nazionale del lago Nakuru è ben consolidata, lo è anche il percorso per le cascate Makalia, il che significa percorrere itinerari regolari da e per le cascate. È possibile accedere alle cascate su una 2 ruote motrici ma è consigliabile utilizzare una 4 ruote motrici, perché alcune parti dell'area sono ripide.

Qualsiasi periodo dell'anno è buono per visitare le cascate e ogni periodo dell'anno ti offre un'esperienza unica. Le stagioni secche che vanno da giugno a ottobre e da gennaio a febbraio sono molto buone se stai visitando le cascate per il campeggio e l'osservazione della selvaggina, ma i mesi umidi da novembre a dicembre e da marzo ad aprile sono molto buoni per un'esperienza completa, in quanto i livelli dell'acqua delle cascate durante la stagione delle piogge sono buoni e la vegetazione circostante è in fiore.


Koromosho Falls
Koromosho Falls

Cascate di Koromosho

   Le Cascate di Koromosho (Koromosho Falls) o Chepkit nella contea di Uasin Gishu, a circa 25 chilometri a ovest di Eldoret e a 13 km a est di Ndalat, sono il punto in cui il fiume Sosiani si tuffa a 70 metri dall'altopiano piatto e roccioso su una scarpata di granito.
È solo il rumore dell'acqua che tradisce le cascate, nascoste in un ammasso di rocce e alberi. Dalle alte rocce a valle, si può vedere una grande grotta dietro le acque che cadono dove i residenti dicono che vivono alcuni animali. La sinuosa valle a forma di V tagliata dal Sosiani si aggiunge alla bellezza della scena.
Dal letto del fiume, la valle sale su entrambi i lati per circa 120 metri e termina a soli 50 chilometri dopo le colline di Ndalat vicino a Kapkaren.
Il flusso dell'acqua che sgorga dalla scogliera alta 70 metri è l'unica indicazione dell'esistenza di una cascata nella città di Leseru.

Situato alla periferia di Eldoret, Koromosho Falls è un sito poco appariscente nascosto dagli occhi curiosi dal paesaggio lussureggiante, Certamente uno spettacolo da vedere, ma non adatto alle persone acrofobiche.
Le cascate caratterizzano l'improvvisa rottura del fiume Sosiani a 80 chilometri dalla sua sorgente nelle foreste di Kaptagat mentre precipita sulla scarpata granitica e nella valle tortuosa sottostante. Oltre ad essere ben nascoste dai suoi dintorni, le cascate di Koromosho nascondono anche un'enorme grotta dietro le sue cascate. Questa grotta ospita pipistrelli che si avventurano solo in cerca di cibo, altrimenti trascorrono la loro vita in questa cavità buia e umida. La nebbia che aleggia nell'aria intorno all'apertura della grotta conferisce al sito un'atmosfera ancora più inquietante.
Precedentemente battezzato Selby Falls in onore del famoso cacciatore britannico Harry Selby, questo nuovo nome non era di buon auspicio per i residenti della zona. Mentre le mappe disegnate durante la metà del 20° secolo abbracciarono questo cambiamento nella nomenclatura, la comunità Kalenjin residente a Leseru rimase fedele alla parola Maasai Koromosho che significa scimmia. L'abbondanza di questi primati nella regione era la logica alla base di questa scelta di nome e con il tempo il termine Selby è stato spazzato via dal desiderio prevalente di mantenere il soprannome originale delle cascate. L'altro nome preferito, Chepkit, è una parola Kalenjin che significa fare capolino, in questo caso sbirciare dalla scogliera.

Nonostante l'innegabile bellezza delle cascate Koromosho, il luogo custodisce una storia triste e oscura. Anni fa, questa cascata era il luogo in cui i vecchi uomini e donne Kalenjin vennero per porre fine alle loro vite. Questi erano membri della comunità che credevano di aver sfruttato la loro produttività sociale e non volevano essere percepiti come un peso per le loro famiglie. In una data stabilita, avrebbero salutato le loro famiglie e si sarebbero riuniti in cima alla scogliera per cantare le loro canzoni finali. Dopo una breve preghiera, si tenevano per mano prima di saltare verso la morte: un'onorevole forma di suicidio. Non c'erano riti di sepoltura tenuti per loro, poiché i loro corpi mangiati dagli animali selvatici. Questa pratica viene chiamata “sheu”, che significa saltare o semplicemente suicidarsi, era abbastanza comune ma era limitata solo agli anziani. "Sheu" era solo per uomini e donne anziane, le persone molto malate non erano ammesse.
Una caduta nel precipizio significa morte certa, infatti il sito è sempre stato teatro di tragedie. Nel 2010, tre studenti sono morti dopo essere scivolati accidentalmente dal terreno pianeggiante, precipitando per 70 metri giù dalla scogliera. Erano in tour per vedere delle cascate panoramiche. Due dei deceduti erano studenti della Moi University's School of Medicine nel campus di Chepkoilel, attualmente l'Università di Eldoret, mentre il terzo era uno studente Standard Six in una scuola vicino alle cascate.

Anche con il suo passato malinconico, Koromosho Falls ha sicuramente un lato positivo. La cinetica dell'acqua che attraversa il letto del fiume è sfruttata per la produzione di energia elettrica. La centrale Sosiani Hydro Power, che si trova a monte di questa cascata, è stata istituita nel 1955 dalla Kenya Electricity Generating Company (KenGen). Questo impianto attualmente fornisce 0,4 megawatt di potenza alla rete nazionale.

I residenti dicono che un imprenditore privato sta acquistando terreni da alcuni di loro che hanno appezzamenti di terreno vicino alle cascate. Si dice che abbia in programma di creare una struttura turistica nel luogo. A tal scopo avrebbe acquistato un terreno recintandolo per costruirvi un hotel sfruttando l'imminente apertura della Eldoret Bypass, la tangenziale di Eldoret da 5 miliardi di scellini.

Il fiume Sosiani prima di tuffarsi a 70 metri dall'altopiano  su una scarpata di granito
Il fiume Sosiani prima di tuffarsi a 70 metri dall'altopiano su una scarpata di granito
Koromosho Falls
Koromosho Falls


Ngare Ndare Waterfall
Ngare Ndare Waterfall

Cascata Ngare Ndare

   Le limpide acque del fiume Ngare Ndare sgorgano da una sorgente ai piedi del Monte Kenya, per poi cadere su una scogliera alta 15 metri e formare la cascata Ngare Ndare, che in lingua Maa o Maasai significa "acque di capra", situata nella parte settentrionale del Kenya. Sotto la scenografica e selvaggia cascata, una piscina azzurra ti aspetta per rinfrescarti dalla tua escursione.
Vedi Riserva Forestale Ngare Ndare.


Nthenge Njeru Falls
Nthenge Njeru Falls

Cascate di Nthenge Njeru

   Le Cascate di Nthenge Njeru (Nthenge Njeru Falls), contea di Embu.
Mentre la maggior parte delle cascate in Kenya le avrai già visitate, forsenon hai ancora visto questo spettacolo nlla foresta indigena incontaminata.

Facilmente avvistabile da Karue Hill (e viceversa) e a circa 6 km di distanza attraverso i villaggi, la foresta di Kirimiri si trova città di Runyenjes, la seconda città più grande della contea di Embu, a un'altitudine di 1520 e copre quasi 1,7 kmq. La collina di Kirimiri che si eleva sino a 1790 metri domina gran parte del paesaggio della foresta. In dialetto locale, Kirimiri significa "ha radici" per le varie radici superficiali che si trovano sul suolo della foresta appartenenti a rari alberi autoctoni e medicinali.
La collina è culturalmente famosa come nascondiglio per i combattenti Mau Mau , incluso il combattente più venerato di Embu, il generale Kubu Kubu.
Tuttavia, sono le triple cascate che offrono l'attrazione principale ai visitatori di Kirimiri, a partire dalle cascate gemelle Nthenge-Njeru, fino alle cascate di Thungu.
Ci sono grotte vicino a queste cascate e altre intorno alla collina di Kirimiri che sono storicamente significative in quanto servivano da nascondigli per le brigate Mau Mau.

Le imponenti cascate gemelle di 33 metri di Nthenge Njeru si raggiungono scendendo dalla collina lungo un ripido sentiero. Generalmente fanno un'enorme impressione sulla maggior parte dei visitatori e possono essere visitate entro un giorno da Nairobi. Ma un viaggio a Nthenge Njeru non dovrebbe omettere una visita alle cascate di Nthungu che con i loro 45 metri lasciano il visitatore senza fiato.

Nthungu Falls
A causa della sua raffinata somiglianza con le famose cascate di Thompson a Nyahururu, le cascate di Nthungu alte 45 metri sono state soprannominate "le cascate di Thompson in miniatura". Molti visitatori delle incontaminate cascate di Nthungu si avvicinano dalla foresta di Kirimiri. Come a Nthenge Njeru Falls, un sentiero conduce giù per la collina alle cascate. L'escursionista appassionato troverà un'esperienza elettrizzante solo camminando verso queste cascate. Lungo il sentiero, che attraversa la foresta di Kirimiri, ci sono molti villaggi dove si possono intravedere i modi di vivere più spogli. Poi, c'è il ripido paesaggio boscoso che è incarnato dalla vista del Monte Kenya, che fa da sentinella sullo sfondo.


La tribù Embu, nota anche col nome Aembu, è del gruppo Bantu e vive nel distretto di Embu a nord-est di Nairobi, di fronte al Monte Kenya. Hanno in comune le origini con i Kikuyu. La mitologia Embu afferma che questo popolo provenisse dall'attuale boschetto sacro conosciuto con il nome di Mwene-Ndega, vicino alla città di Runyenjes. Secondo una delle leggende, Mwene-Ndegha era il nome dell’uomo che viveva in questo boschetto. Un giorno Mwenendega portò il suo bestiame a bere al Gogo River Salt Lick e trovò una ragazza di nome Nthara, con la quale ebbe due figli, un maschio ed una femmina chiamati rispettivamente Kembu e Werimba. I genitori della donna non erano conosciuti, e quindi si credeva che fosse stata mandata da Dio ( Ngai ). I figli della coppia commisero incesto e dovettero essere espulsi dal boschetto. Kembu e Werinba costruirono una casa per loro e più tardi i loro figli insieme a quelli di Mwene-Ndega e Nthara si sposarono e formarono quella che oggi è conosciuta come tribù Embu.
Secondo un'altra versione Mwene-Ndega abusò della moglie ed abedue annegarono in una inondazione, mentre i loro figli sopravvissero e i loro discendenti riempirono la terra di Embu.
La contea di Embu è dotata di molti fiumi che convergono nel fiume Tana, che alla fine defluisce nell'Oceano Indiano dopo aver attraversato 727 km.


Malakisi Falls
Malakisi Falls

Cascate Malikisi

   Non lontano dal punto in cui il fiume Malakisi scompare nel sottosuolo e all'interno della meravigliosa biosfera del Monte Elgon, le cascate Malikisi (Malikisi Falls), nella contea di Bungoma, rimangono poco conosciute in parte perché questo pezzo di foresta era un campo di battaglia per alcuni aspri combattimenti tra l'Esercito del Kenya e la Sabaot Land Defense Force, una spietata milizia locale rea di aver commesso una serie di atrocità tra cui omicidi, torture, stupri, furti e distruzioni di proprietà. Il fiume Malakisi, da cui prendono il nome le cascate alte 40 metri, fa parte di un intricato sistema di drenaggio che sorge nel Monte Elgon, che comprende anche il fiume Kyuwa la cui confluenza con il fiume Malakisi è a breve distanza dalle cascate.
L'area ben irrigata e l'altopiano delle cascate Malakisi sono ricoperti da una abbondanza di cespugli intervallati da rocce. Vale a dire, la zona è generalmente fangosa e un viaggio dovrebbe essere programmato con il bel tempo.


Teremi Falls
Teremi Falls

Cascate di Teremi

   Questo è un altro punto di riferimento nella mappa turistica della contea di Bungoma.
La strada Kimilili-Bokori-Bungoma attraverso Nalondo è un percorso molto popolare. Molti lo preferiscono perché è più breve e il viaggio attraverso il paese oltre le colline di Kabuchai è bellissimo. Il percorso alternativo via Kimilili-Teremi-Chwele-Bungoma è lungo quasi il doppio ma è molto più affascinante.
L'area di Teremi, che si trova sulle pendici meridionali del Monte Elgon, presenta un panorama con scogliere molto ripide. Le cascate situate alle pendici del Monte Elgon, distano circa 50 km dalla città di Bungoma. Le cascate di Teremi, dove il fiume Kyuwa, che nasce vicino alla cima del Monte Elgon, precipita su una delle scogliere, merita una deviazione.
Iniziano come una cascata ristretta su una ripida scogliera che precipita bruscamente fino a 1100 m fino alla confluenza con il fiume Nzoia dove si gonfia fino a quasi tre volte le sue dimensioni. Alla base delle cascate, i fiumi si livellano gradualmente sul terreno dolcemente ondulato fino a un canale tortuoso a flusso lento.
Il nome delle cascate significa "flusso istantaneo dell'acqua verso il basso" ed ha valori spirituali nella comunità locale. La vegetazione intorno alle cascate le rendono ideali per i turisti che desiderano rilassarsi in un ambiente sereno.


Iveche waterfall
Iveche waterfall

Cascata Iveche

    Cascata Iveche (Iveche waterfall), contea di Embu.


Zaina Falls
Zaina Falls

Cascate Zaina

   Le Cascate di Zaina (Zaina Falls) si trovano nella verde e collinosa contea di Nyeri, in Kenya, che si trova in media a oltre 2.000 metri sul livello del mare.
Distano da Nairobi 164,5 km, circa 3:43 ore in auto, e 10 Km dalla città di Nyeri verso ovest, ai piedi degli Aberdares Ranges nella foresta di Zaina, nel distretto di Tetu. È un buon posto per una gita di un giorno da Nairobi in Kenya.

La foresta di Zaina ha anche una storia per quanto riguarda il colonialismo, perché è qui che si nascondevano i famosi combattenti per la libertà mentre combattevano i colonizzatori. Tra questi combattenti c'erano Dedan Kimathi ed altri. Si nascondevano in una piccola grotta nella foresta. È un posto perfetto per trascorrere il tuo fine settimana.

Il parco nazionale di Aberdare ospita, tra gli altri, elefanti, rinoceronti neri, leopardi, iene maculate, babbuini grigio-verdi, colobi bianchi e neri, bufali, facoceri e tragelafi striati. Gli avvistamenti rari includono quelli dell'ilocero, del bongo, del servalo, del gatto selvatico africano, dello zibetto africano e del cefalofo azzurro.


Mlango Falls
Mlango Falls

Cascate Mlango

   Le Cascate Mlango (Mlango Falls o Chepkiit Falls) si trovano nella contea di Nandi, in Kenya.
Chepkiit Falls è stata un'attrazione turistica per decenni. Ma la morte di molte persone ha portato i residenti degli insediamenti vicini a chiederne la chiusura definitiva o che vengano messe in atto adeguate misure di sicurezza per prevenire future sciagure.
Le cascate, derivano il suo nome dalla parola Kalenjin "chepkiit" che significa "guarda da lontano" o "essere visto".
In effetti, questa è una meraviglia di madre natura, scolpita nelle magnifiche pareti della grande Rift Valley. Sono davvero uno spettacolo da vedere, ma ci sono preoccupazioni che siano diventate anche una trappola mortale.
Bisogna esercitare molta cautela quando si è a Chepkiit Falls… poiché molti hanno perso l'equilibrio in passato, trasformando i picnic in panico e tragedie.

Chepkiit Falls è anche un'importante fonte di acqua dolce per la gente del posto. Conducono l'acqua nelle loro case per il consumo.
Gli abitanti del villaggio sperano che le autorità salvaguardino il sito in modo che sia un paradiso per il turismo piuttosto che per la pubblicità negativa.


Ndunda Falls
Ndunda Falls

Cascate Ndunda

   Le Cascate Ndunda (Ndunda Falls), Ndunda in lingua kikuyu, significa semplicemente frutta, si trovano nella foresta di Njukiri, nella contea di Embu, a 140 chilometri da Nairobi e 2 ore e 30 minuti in auto a seconda del traffico.
Qui, al Camp Ndunda Falls, a Gituri sulle rive del fiume Rupingazi nel distretto di Kirinyaga, ci sono più di 9 avvincenti attività, dall'altalena selvaggia alla passeggiata sul baldacchino e la zipline (teleferica) lunga 250 metri, oltre a sentieri naturalistici in cui gli uccelli e l'aria fresca glorificano lo stato d'animo.
L'altalena selvaggia a Camp Ndunda è una lunga catena legata a un forte ramo di un albero e sotto c'è un fiume che scorre che ti calma e ti incoraggia con il suo dolce suono. È un "ponte" con solo sei funi: tre in basso e tre in alto. Quindi per muoversi si appoggiano i piedi sulle funi inferiori e ci si aggrappa con le mani a quelle superiori. Va ricordato che le funi sono in cima alla cascata. Quindi se si scivola e si cade, non c'è nulla che possa trattenere il malcapitato dalla caduta. Non è come il bungee jumping dove ci si lega ad un'ancora sicura. Se si cade, si muore! Ben poche persone ci hanno provato!
La passeggiata sul ponte a baldacchino è un'altra cosa. È l'avventura perfetta per i cacciatori di adrenalina in quanto il ponte lungo 150 metri e posto ad una altezza di 35 metri, è tappezzato con assicelle di legno con evidenti spazi vuoti. La passeggiata non è per i deboli di cuore in quanto è oltremodo aperta e richiede di tenersi alle corde laterali. Guardando sotto ci sono enormi rocce che spesso emergono a causa di cali del livello dell'acqua. La passeggiata a baldacchino conduce a ripide scale in legno che stimolano i visitatori a camminare a quattro zampe e da qui si può vedere la cascata. Se vi capita di guardare in basso e di aver paura, non sarete in grado di fare ulteriori passi!
Le rocce della cascata sono molto scivolose, ma l'acqua non è eccessivamente fredda.
La piscina naturale è poco profonda ai bordi, ma raggiunge i 7 metri all'estremità.

Ndunda Falls
Ndunda Falls
Altalena selvaggia a Camp Ndunda Falls Embu County
Altalena selvaggia a Camp Ndunda Falls Embu County
Zipline a Camp Ndunda Falls
Zipline a Camp Ndunda Falls
Ndunda Falls
Ndunda Falls
Altalena selvaggia a Camp Ndunda Falls
Altalena selvaggia a Camp Ndunda Falls
Wild Swing (Oscillazioni selvagge) a Camp Ndunda Falls
Wild Swing (Oscillazioni selvagge) a Camp Ndunda Falls


Tartar Falls
Tartar Falls

Cascate Tartar

   Le Cascate Tartar (Tartar Falls), un luogo emozionante da visitare a Kapenguria nella contea di West Pokot.
Le incantevoli e poco conosciute Tartar Falls, che si trovano nei graziosi boschi di Tartar in un canyon panoramico e ripido, sono sicure da esplorare e fotografare, camminando dal basso verso l'alto. Il paesaggio complessivo è tranquillamente fotogenico. Il Tartar Falls Resort situato vicino alle cascate è un luogo di partenza riposante. Si trova a soli 10 km a est della città di Kapenguria.

Tartar Falls. West Pokot County
Tartar Falls. West Pokot County
Sentiero per le Cascate Tartar
Sentiero per le Cascate Tartar
Cascate Tartar
Cascate Tartar
Panoramica. Al centro le Cascate Tartar
Panoramica. Al centro le Cascate Tartar


Ngabunat Falls and Caves
Ngabunat Falls and Caves

Cascate e Grotte di Ngabunat

   La contea di Nandi ha vari siti di attrazione turistica che vanno dalla famosa palude di Kingwal che è l'habitat della rara specie di antilopi chiamate sitatunga, alle Cascate e Grotte di Ngabunat (Ngabunat Falls and Caves).
La parola Ngabunat è Maasai e significa sacro e segreto.
Ngabunat è davvero una gemma di bellezza e mistica senza precedenti. È quasi incomprensibile che questa meraviglia, uscita da una fiaba, sia solo una destinazione meno conosciuta nonostante la sua bellezza accattivante e le affascinanti cronache culturali. Tutto sommato ci sono dieci grotte nel sito di Ngabunat, la più popolare è quella più in alto con una cascata che scende al suo ingresso.
Gli abitanti di Nandi credono che alcune delle impronte nella grotta appartenessero agli dei, a cui i loro antenati spesso si sacrificavano per chiedere misericordia e protezione.

Le grotte di Ngabunat sono uno dei siti del patrimonio culturale più importanti della contea di Nandi, con una storia che risale al XVIII secolo. Fu qui che si svolsero le leggendarie "Battaglie Mogobich" tra le tribù Nandi e Ilwasin Kishu Maasai, una delle quali ha portato alla cattura di Moki chebo Cheplabot e alla creazione del secondo Orkoinotet .. Entrambe queste tribù volevano rivendicare queste grotte a causa del riparo protetto e dell'acqua in abbondanza per il bestiame. Le grotte furono anche teatro della resistenza dei Nandi contro il dominio coloniale. I residenti nel 1890 attaccarono i soldati britannici e si nascosero nelle grotte con i loro animali. Considerando il terreno impervio era difficile per i soldati britannici riuscire a rintracciarli, mentre i Nandi conoscevano il luogo e applicavano tattiche di guerriglia per sottomettere i loro nemici. Quando un guerriero subiva ferite, beveva l'acqua e guariva velocemente. I Nandi credono che il luogo sia custodito dagli spiriti dei loro dei. Il luogo è anche ricoperto di erbe naturali che vengono utilizzate nel trattamento di varie malattie e ferite.
A circa trecento metri dalla grande grotta ci sono fossili di zanne e scheletri di elefante. Il folklore vuole che gli elefanti si stessero dirigendo verso un ruscello che scorre dalla grotta dove sgorga l'acqua salata, ma molti di loro, durante il tragitto, morirono di sete.
Lungo il ripido e pericoloso pendio, si gode lo scenario di un bellissimo paesaggio di terreno collinare coperto da alberi e cespugli, e di una brezza fredda che trasporta il profumo dei fiori degli alberi autoctoni.

La cascata si aggiunge all'estetica del sito con babbuini e altri animali selvatici che si aggirano intorno. I visitatori vengono qui per staccarsi dalla monotonia del loro ambiente. Qui puoi respirare aria fresca e goderti i suoni di diversi uccelli e lo spettacolare volo delle farfalle. I residenti credono che l'acqua che scende dal tetto della grotta abbia poteri curativi per il bestiame, gli animali selvatici e persino le persone.

Le grotte di Ngabanut si trovano nella regione di coltivazione del tè di Kapchorua, a soli 10 km a est della città di Nandi Hills.
Non troppo lontano dalle grotte di Ngabunat ci sono viste spettacolari della valle di Mogobich.

L'area ospita oltrre alle grotte e cascate di Ngabunat una formazione rocciosa più prominente lungo l'intera lunghezza della scarpata di Nandi (Nyando), chiamata Nandi Rock, è a 30 minuti a piedi dal posto KWS a Kaptumek.
Nascosta a circa due chilometri dall'aeroporto internazionale di Eldoret, al largo della strada Eldoret-Kapsabet, la Tribù TAITAnella contea di Nandi è una delle meraviglie di madre natura, scolpita nelle magnifiche pareti della Great Rift Valley.


NdanuFalls
NdanuFalls

Cascate di Ndanu

   Le Le cascate di Ndanu (Ndanu WaterFalls) nella contea di Siaya, a circa 45 Km dalla città di Kisumu, sono di una bellezza mozzafiato. Le scenografiche cascate e -l'ambiente roccioso hanno attratto negli anni turisti locali e stranieri che le visitano per meditare e godersi il profumo della natura.
Ma queste cascate a Yala presentano anche un lato oscuro, con il suo fiume serpeggiante, le scogliere sospese e l'acqua che scorre veloce, sono un luogo perfetto per il suicidio. La polizia e gli abitanti del villaggio dicono che molte persone, alcune provenienti da luoghi lontani,sono giunte a Ndanu.a apiedi, in auto o in bicicletta, per togliersi la vita.
Una delle vittime era una docente presso l'Università di Maseno, che si è recata in macchina a Yala Township, ha parcheggiato la sua auto davanti a un hotel e ha noleggiato una moto per le cascate. Il suo corpo è stato poi scoperto nel fiume da un locale, un certo Okite Oturo.
Dal 1976, Oturo afferma di aver recuperato più di 100 corpi "compresi i corpi di coloro che si suicidano a causa di liti domestiche". Alcuni di quelli che ha salvato provengono da famiglie benestanti.
Poiché è un forte nuotatore, Okite Oturo non pensa che la sua sia una ricerca pericolosa. E nonostante i rischi connessi, dice che deve accettare tutti i lavori perché ha bisogno di sfamare la sua famiglia. Dice che la conoscenza dell'acqua è sempre stata la sua guida, anche se a volte la sua famiglia teme per la sua sicurezza. “Sto invecchiando ma sono riuscita a crescere la mia famiglia con i pochi soldi che ricevo dalle famiglie in lutto. Uso un giubbotto di salvataggio quando nuoto e, naturalmente, indosso i guanti quando maneggio i corpi. L'importo più alto che mi è stato pagato è Sh150.000. Ho addestrato uno dei miei figli ad aiutare le persone come faccio io, in modo che quando me ne sarò andato nessuno soffrirà ", dice.
Persone in lutto di ogni ceto sociale visitano Oturo nella sua casa per cercare aiuto nella loro ricerca per garantire che una persona cara riceva una sepoltura decente.


Tindinyo Falls
Tindinyo Falls

Cascate Tindinyo

   Le CascateTindinyo (Tindinyo Falls), Il percorso da Kaimosi, nell'estremo ovest, attraverso Kabsabet fino a Eldoret, passa davanti a molti grandi siti di attrazione della contea di Nandi. La zona centrale del Nandi a forma di brocca è degna di nota per i suoi getti di cascate, piccole e imponenti, come le cascate Tindinyo lungo il fiume Yala. Due fiumi - il Kimondi e il Sirua - convergono nella foresta di North Tinderet per formare lo Yala, che sfocia nel Lago Vittoria attraverso una serie di paludi e radure. Tindiyo Falls si vede meglio dal Tindiyo Falls Hotel , un'affascinante vecchia casa restaurata in un resort. Anche di interesse lungo la passeggiata fluviale di Tindiyo è un salto al piccolo impianto idroelettrico che si trova a monte che offre una vista unica durante le escursioni a piedi e vicino alla foresta di South Nandi. Le cascate di Tindiyo si trovano a 19 km a ovest di Kapsabet Town, attraverso i centri Chepsonoi e Tindiyo.