Translator
Translator

Athi-Galana-Sabaki River


Athi-Galana-Sabaki River - Fourteen falls Thika
Fourteen falls Thika
Galana River
Galana River

 

Athi-Galana-Sabaki River

                               Il fiume Athi-Galana-Sabaki è il secondo corso d'acqua più lungo del Kenya dopo il Tana. Ha una lunghezza complessiva di 390 km e un bacino di 70.000 km². La parte alta del fiume viene chiamata Athi, quella bassa Galana e verso la foce Sabaki.

 

L'Athi ha diverse sorgenti nelle Ngong Hills, poco a sud di Nairobi, ma anche una più lontana alle coordinate 1°18'18" S 36°39'44" E.

Questa è tradizionalmente conosciuta come la sorgente del fiume Mbagathi che si unisce al fiume Ololua per formare il fiume Embakasi che diventa più a valle Athi River. Il fiume prosegue attraversando le pianure di Kapote e Athi e la città di Athi River, quindi svolta verso nordest e si unisce al fiume Nairobi. Nei pressi di Thika forma il sistema delle Fourteen Falls ("Quattordici Cascate") e poi svolta verso sud-sud-est ai piedi delle pareti dell'altopiano Yatta, un vasto flusso di lava preistorica di 300 Km stimato come il più lungo del mondo, che chiude il suo bacino a est. Escludendo i numerosi piccoli affluenti nella parte alta, qui il fiume prende il nome di Galana, il cui principale tributario è lo Tsavo, che lo raggiunge a est del Kilimanjaro. In questa parte del suo corso il fiume attraversa il Parco nazionale di Tsavo Est, e le sue acque sono popolate da una ricca fauna che include ippopotami e coccodrilli.

Lugard's Falls
Lugard's Falls

Il suo corso inferiore (Galana-Sabaki) attraversa una zona arida e ricca di quarzo, dirigendosi a est verso l'oceano. In questo tratto la valle è punteggiata di piccoli laghi che si congiungono al fiume durante la stagione delle piogge. In questo periodo il fiume diventa più profondo e impetuoso, e le sue acque assumono un colore giallo torbido. Il Sabaki dà anche luogo a un altro sistema di piccole cascate o rapide, note come Lugard's Falls. Il fiume sfocia nell'Oceano Indiano poco a nord-est di Malindi.

Galana River
Galana River

Autobus in Kenya tirato fuori dal fiume

4 aprile 2001
Pubblicato sul Web alle: 7:07 EDT (11:07 GMT)

 

MALINDI, Kenya – Gli operatori di emergenza in Kenya hanno recuperato 20 corpi da un autobus che sono finalmente riusciti a recuperare da un fiume.

Si porta ad almeno 34 il bilancio delle vittime dell'incidente che ha coinvolto due autobus che trasportavano fino a 100 passeggeri, e decine di altri dispersi.

La marina, la polizia e i civili stavano lottando da domenica per recuperare i corpi intrappolati negli autobus che si erano schiantati contro il guardrail del ponte e si erano tuffati per 100 piedi nel fiume Sabaki.

L'incidente è avvenuto otto miglia a nord della località turistica di Malindi, nell'Oceano Indiano. Non è noto quante persone si trovassero sui due autobus. Il giorno dell'incidente furono recuperati 14 corpi e 28 persone trasportate in ospedale.

La polizia ha detto che stanno continuando a perseguire le accuse secondo cui l'incidente è avvenuto quando l'autista di uno degli autobus ha sterzato per evitare una Land Rover che trasportava turisti dall'estero che si era fermata per poter scattare foto.

Dopo numerosi tentativi falliti a causa di attrezzature inadeguate e della forte corrente del fiume, uno degli autobus è stato finalmente tirato fuori dalle acque vorticose martedì tardi.

Una gru da 45 tonnellate è stata utilizzata per sollevare e un bulldozer per tirare, ha detto il tenente colonnello della Marina Martin Ongoyi, e i soccorritori hanno poi lavorato tutta la notte sotto luci alimentate da generatori per trascinare le vittime a riva.

"C'erano moltissime persone lì. Cantavano ed era una scena molto emozionante, ma la gente era calma... la scena era spettacolare", ha aggiunto Ongoyi.

Dieci dei corpi sono stati identificati e immediatamente sepolti in una fossa comune scavata nelle rive sabbiose del fiume, ha detto Ongoyi, aggiungendo che altri 10 non sono stati identificati e saranno trasferiti in un obitorio.

La maggior parte dei passeggeri erano musulmani del Kenya nordorientale. La tradizione musulmana impone la sepoltura il più presto possibile dopo la morte, preferibilmente entro 24 ore.

Ongoyi ha detto che i soccorritori stavano aspettando che un escavatore tirasse fuori il secondo autobus dal letto del fiume. Entrambi i veicoli erano sprofondati nel fiume ed erano pieni di tonnellate di limo.

A causa delle piogge stagionali, il fiume scorre più velocemente del normale e aumenta ogni giorno. Il ponte si trova a circa 500 metri dal punto in cui il fiume sfocia nell'Oceano Indiano e la polizia teme che alcuni corpi possano essere stati trascinati in mare.

Durante l'operazione notturna, i sommozzatori della marina hanno dovuto recuperare i corpi caduti dall'autobus e nel fiume mentre gli operatori delle gru scuotevano il veicolo per rimuovere il limo, ha detto Ongoyi.

Patrick Osare, commissario distrettuale della zona, ha detto che è stato un grande sollievo far uscire almeno uno degli autobus. "Le persone possono ora passare alla fase successiva della sepoltura dei loro parenti", ha detto Osare.

Ha detto che spera che il secondo autobus sia fuori dall'acqua entro mezzogiorno di mercoledì.

Amici e parenti delle persone intrappolate erano sempre più arrabbiati con il governo e i soccorritori per il loro fallimento nel far uscire i veicoli.

I parenti musulmani dei morti avevano chiesto che il sito fosse dichiarato tomba e che i corpi fossero lasciati in pace, data l'evidente incapacità delle autorità di recuperare rapidamente i veicoli.

Ma i funzionari governativi hanno affermato che per motivi di salute non potevano permettere che i corpi rimanessero sommersi e avrebbero portato avanti il loro triste compito.

Si ritiene che la maggior parte dei morti appartenesse alla minoranza musulmana del Kenya, che ha sede principalmente nel Kenya orientale e settentrionale.

Il 29 marzo dello scorso anno 101 persone sono state uccise quando due autobus sovraffollati si sono scontrati e hanno preso fuoco a Kapkatunga, 300 km (185 miglia) a ovest di Nairobi.

Il Kenya è ancora in lutto per la morte di 61 adolescenti la settimana scorsa nel peggior incendio che abbia colpito il paese negli ultimi anni. Mercoledì le vittime della scuola di Kyanguli, vicino a Nairobi, sarebbero state sepolte con un funerale di massa nella scuola.

Ponte sul fiume Sabaki