Translator
Translator

Istrice africano


L'Istrice africano e un suo predatore, il leopardo africano
L'Istrice africano e un suo predatore, il leopardo africano

 

L'Istrice africano, noto anche come Porcospino del Vecchio Mondo, "Porcupine ya Kiafrika" in Swahili, African Porcupine in inglese, è un mammifero appartenente all'ordine dei roditori della famiglia degli Istricidi (Hystricidae), mentre i Porcospini del Nuovo Mondo appartengono alla famiglia degli Erethizontidae. Entrambe le famiglie appartengono all'infra-ordine dei Hramtricognathi.

I Porcospini del Vecchio Mondo vivono nel sud dell'Europa, in Asia (occidentale e del sud), e nella maggior parte dell'Africa. Sono grandi, terrestri e strettamente notturni. In termini tassonomici, formano la famiglia Hystricidae.
I Porcospini del Nuovo Mondo sono indigeni del Nord e Sud America vivono in aree boschive e possono arrampicarsi sugli alberi, dove alcune specie trascorrono l'intera vita. Sono meno strettamente notturni dei loro parenti del Vecchio Mondo e generalmente più piccoli. In termini tassonomici, formano la famiglia Erethizontidae.

L'Istrice africano, appartenente al genere Hystrix, ha un peso che può variare dai 20 ai 30 kg, una lunghezza corporea di circa 80 cm ed una altezza di 25 cm. Vive nelle foreste e nelle zone montuose e rocciose dell'Africa fino a 3.700 m. Si nutre di radici, corteccia, tuberi e bulbi ed occasionalmente di altri vegetali. Dopo un periodo di gestazione di circa 4 mesi, nascono solitamente da 1 a 2 cuccioli.
Il porcospino africano non è uno scalatore e foraggia sul terreno. È per lo più notturno, ma occasionalmente si ciba anche di giorno, mangiando corteccia, radici, frutti e bacche, così come i raccolti agricoli. I porcospini sono diventati una peste in Kenya e vengono mangiati come una prelibatezza.

L'Hystrix galeata è il più grosso roditore africano ed è dotato di robuste unghie sulle zampe anteriori che lo rendono un ottimo scavatore.
Il suo corpo è robusto e ricoperto da aculei che non sono altro che un insieme di peli uniti da una sostanza albuminoide chiamata cheratina. Questi sono molto appuntiti e pericolosi al punto di essere utilizzati come arma di difesa. Quando l'istrice, infatti, si sente minacciato, alza gli aculei a mo' di cresta e li fa vibrare in modo così irruento che alcuni di essi si staccano e con il forte movimento danno l'impressione di venire lanciati a metri di distanza.

Il comportamento difensivo in un porcospino dipende dalla vista, dall'odore e dal suono. Quando un porcospino è agitato o infastidito mette in atto quattro schemi principali che vanno dal meno al più aggressivo: l'erezione degli aculei, il rumore dei denti, l'emissione di odore e l'attacco. La colorazione di un porcospino aiuta in parte la sua difesa poiché la maggior parte dei predatori notturni sono daltonici. I segni distintivi di un porcospino sono bianco e nero. Il corpo scuro e i peli ruvidi del porcospino sono di un marrone scuro/nero e quando gli aculei sono sollevati, presenta una striscia bianca sul dorso simile all'aspetto di una puzzola che scoraggia i predatori. Insieme all'innalzamento degli aculei, i porcospini battono i loro denti causando rumori di avvertimento per far sapere ai predatori di non avvicinarsi. Gli incisivi vibrano l'uno contro l'altro, e questo comportamento è spesso associato al brivido del corpo che viene utilizzato per visualizzare ulteriormente gli aculei pericolosi. L'uso dell'odore avviene quando la vista e il suono hanno fallito. Un profumo invasivo viene prodotto dalla pelle sopra la coda nei momenti di stress, ed è spesso visto con l'erezione degli aculei. Se i processi di cui sopra falliscono, il porcospino attaccherà correndo di lato o all'indietro. La coda del porcospino è anche in grado di oscillare nella direzione del predatore. In caso di contatto, gli aculei possono conficcarsi nel predatore causando lesioni o morte.


Porcospino del Capo (Hystrix africaeaustralis), detto anche Istrice del Capo o Istrice sudafricano
Porcospino del Capo (Hystrix africaeaustralis), detto anche Istrice del Capo o Istrice sudafricano

 

Il Porcospino del Capo (Hystrix africaeaustralis), detto anche Istrice del Capo o Istrice sudafricano, Cape porcupine o South African porcupine in inglese, è una specie di porcospino del Vecchio Mondo originaria dell'Africa centrale e meridionale.

I porcospini del Capo sono i più grandi roditori in Africa e anche i più grandi istrici del mondo. I porcospini del Capo sembrano essere il quarto roditore vivente più pesante del mondo, dopo il capibara e il castoro eurasiatico e nordamericano.
Sono simili in apparenza e solo leggermente più grandi dei loro parenti stretti, gli Istrici crestati, e si distinguono più facilmente da loro per la presenza di una fascia di brevi spine bianche lungo la linea mediana della groppa. I porcospini del Capo misurano da 63 a 81 centimetri (da 25 a 32 pollici) di lunghezza dalla testa alla base della coda, con la coda che aggiunge altri 11-20 centimetri (4,3-7,9 pollici). Pesano da 10 a 24 chilogrammi (da 22 a 53 libbre), con esemplari eccezionalmente grandi che pesano fino a 30 kg (66 libbre); maschi e femmine non hanno dimensioni significativamente diverse. Il peso medio dei maschi dello Zimbabwe era di 16,9 kg (37 libbre) e mentre per le femmine era di 18,4 kg (41 libbre) mentre nella valle del fiume Orange in Sudafrica i maschi pesavano in media 12,3 kg (27 libbre) e le femmine 13 kg (29 libbre).
Sono animali di corporatura robusta, con corpi tozzi, arti corti e una coda poco appariscente. Il corpo è ricoperto da lunghe spine lunghe fino a 50 centimetri (20 pollici), intervallate da aculei di difesa più spessi, acutamente appuntiti, lunghi fino a 30 centimetri (12 pollici) e con pelo ispido, nerastro o brunastro. Le spine sulla coda sono cave e utilizzate per emettere un suono tintinnante per spaventare i predatori. Una cresta erettile di peli lunghi e ispidi corre dalla sommità della testa fino alle spalle. Le spine e gli aculei coprono il dorso e i fianchi dell'animale, iniziando a circa un terzo del corpo e proseguendo fino alla coda. Gli aculei hanno più bande nere e bianche lungo la loro lunghezza e crescono da solchi regolarmente distanziati lungo il corpo dell'animale; ogni scanalatura contiene da cinque a otto penne. Il resto dell'animale, comprese le parti inferiori, è ricoperto di pelo scuro.
Gli occhi e le orecchie sono relativamente piccoli e i baffi mobili sono corti. I piedi hanno cinque dita artigliate, sebbene le prime dita degli anteriori siano vestigiali. Le femmine hanno due paia di tettarelle.

I porcospini del Capo si trovano in tutta l'Africa meridionale e centrale, fino al Kenya meridionale, all'Uganda e al Congo, all'estremità settentrionale del loro areale. Abitano una vasta gamma di habitat, dal livello del mare a 2.000 metri (6.600 piedi), sebbene siano presenti solo marginalmente nelle fitte foreste e nel più arido dei deserti, e non si trovano nelle paludi. Non ci sono sottospecie attualmente riconosciute.

I porcospini del Capo mangiano principalmente materiale vegetale: frutti, radici, tuberi, bulbi e corteccia. Hanno un intestino tenue lungo e un grande intestino cieco, che impiega la fermentazione dell'intestino posteriore per abbattere i materiali duri nel loro cibo. È stato anche riferito che rosicchiano carogne e ossa. Sono spesso considerati parassiti dagli agricoltori locali, perché possono nutrirsi di raccolti e danneggiare gli alberi. Tuttavia, il loro scortecciamento degli alberi può anche svolgere un ruolo nel mantenimento degli ecosistemi della savana locale, contribuendo a prevenire lo sviluppo di ambienti boschivi più densi.
Gli istrici del Capo sono notturni e monogami, vivono tipicamente come coppie di adulti accoppiati, che si prendono cura di tutti i giovani insieme. Ogni coppia può abitare fino a sei tane, difendendo congiuntamente il proprio territorio condiviso, sebbene in genere si nutrano come individualmente. I profumi di entrambi i sessi segnano il loro territorio, sebbene i maschi lo facciano più frequentemente e possano svolgere un ruolo più attivo nella sua difesa. La dimensione della gamma domestica varia a seconda dell'habitat locale e della disponibilità di cibo, ma può variare tra almeno 67 e 203 ettari (170 e 500 acri).
Quando viene attaccato, il porcospino si blocca. Se messo alle strette, diventa malvagio e carica per pugnalare il suo aggressore con le sue penne. Altrimenti, il porcospino potrebbe ritirarsi nella sua tana, esponendo solo le sue penne e rendendolo difficile da spostare.

I porcospini del Capo si accoppiano durante tutto l'anno, anche se le nascite sono più comuni durante la stagione delle piogge, tra agosto e marzo. A meno che una cucciolata precedente non venga persa, le femmine in genere partoriscono solo una volta all'anno. L'estrus dura in media nove giorni, durante i quali si apre una membrana attraverso la vagina per consentire l'inseminazione. Dopo l'accoppiamento, si forma un tappo copulatorio, che viene espulso circa 48 ore dopo.
La gestazione dura circa 94 giorni e si traduce nella nascita di una cucciolata fino a tre piccoli, sebbene oltre la metà delle nascite sia di single. I neonati pesano da 300 a 440 grammi (da 11 a 16 once) e inizialmente hanno aculei morbidi. Sebbene siano nati con i denti incisivi completamente eruttati, i denti rimanenti iniziano a comparire a 14 giorni, con l'intera serie di denti adulti presente entro 25 mesi. Vengono svezzati intorno ai 100 giorni di età, e crescono rapidamente per le prime venti settimane, raggiungendo la piena taglia adulta e la maturità sessuale, alla fine del primo anno.
Rispetto alla maggior parte degli altri roditori, i porcospini del Capo sono longevi, sopravvivono per dieci anni in natura o fino a venti anni in cattività.


Istrice crestato (Hystrix cristata) noto anche come Istrice crestato africano
Istrice crestato (Hystrix cristata) noto anche come Istrice crestato africano

 

L'Istrice crestato (Hystrix cristata) noto anche come Istrice crestato africano, Crested Porcupine in inglese, è una specie di roditore della famiglia degli Istricidi (Hystricidae) diffuso in Europa meridionale ed in Africa.

Il nome più comune per questa specie è Porcospino crestato. L'istrice crestato adulto ha una lunghezza media della testa e del corpo da 60 a 83 cm (da 24 a 33 pollici), escludendo la coda, e pesa da 13 a 27 kg (da 29 a 60 libbre). È uno dei più grandi roditori del mondo.
Quasi tutto il corpo è ricoperto di setole di colore marrone scuro o nere e piuttosto ruvide. Questo mammifero è riconoscibile dagli aculei che corrono lungo la testa, la nuca e la schiena che possono essere sollevati in una cresta, da cui il nome di istrice crestato. Inoltre, alcuni aculei più robusti che sono lunghi circa 35 cm corrono lungo i lati e la metà posteriore del corpo. Questi aculei più robusti sono usati, per la maggior parte, per la difesa e sono solitamente contrassegnate da bande chiare e scure che si alternano; questi non sono saldamente attaccati. Questo porcospino ha una coda più corta che ha aculei sonagli all'estremità. Gli aculei sonagli si allargano all'estremità terminale e la parte ampia è cava con pareti sottili. Quando questi aculei vibrano, producono un suono simile a un sibilo.
Le zampe anteriori dell'istrice crestato hanno quattro dita sviluppate e artigliate con un pollice regredito, le zampe posteriori ne hanno cinque. Le zampe hanno suole nude e imbottite e hanno un'andatura plantigrada. Le orecchie sono esterne e sia gli occhi che le orecchie sono molto piccoli con lunghe vibrisse sulla testa. Il cranio è specifico in molti modi; in primo luogo, il forame infraorbitale è notevolmente ingrandito in modo che porzioni del massetere si estendano attraverso di esso e si attaccano dalla superficie laterale frontale del muso. In secondo luogo, il processo angolare viene flesso sulla mascella inferiore e, in terzo luogo, la cavità nasale viene ingrandita. Le tasche prominenti creano aree di attacco allargate per i muscoli masticatori. Le ossa del colletto sono molto ridotte e in ogni quadrante sono presenti un incisivo, un premolare e tre molari. Il pene del maschio è diretto caudalmente quando non è eretto.

Il porcospino crestato è per la maggior parte erbivoro, mangia frutta, radici, bulbi, cortecce e foglie, ma occasionalmente consuma insetti, piccoli vertebrati e carogne. La cassava, la patata dolce e le arachidi vengono spesso mangiate nelle aziende agricole. Per ingerire calcio e affilare gli incisivi, spesso rosicchiano le ossa. Questi animali percorrono spesso lunghe distanze in cerca di cibo. Hanno denti a corona alta che macinano i tessuti vegetali che vengono digeriti nello stomaco e le fibre non digerite sono trattenute in un'appendice allargata e nell'intestino crasso anteriore, dove vengono scomposte dai microrganismi.
La maggior parte di ciò che si sa sulla riproduzione nel porcospino crestato proviene da individui in cattività. Di solito, le femmine di porcospino crestato hanno una figliata ogni anno. Uno o due giovani molto ben sviluppati nascono in una camera all'interno della tana che di solito è rivestita di erba, dopo un periodo di gestazione di 66 giorni, in media. I piccoli pesano circa 1.000 g (2,2 libbre) alla nascita, che è circa il 5% del peso della madre. Lasciano la tana dopo una settimana. In questo momento, le spine iniziano a indurirsi. I porcospini crestati raggiungono il peso degli adulti a uno o due anni e spesso sono sessualmente maturi poco prima di allora. La riproduzione avviene durante tutto l'anno.

L'istrice crestato è un mammifero terrestre; molto raramente si arrampicano sugli alberi, ma sanno nuotare. Sono notturni e monogami. L'istrice crestato si prende cura dei piccoli per lungo tempo e piccoli gruppi familiari composti dalla coppia adulta e giovani di varie età. In difesa, quando vengono disturbati, alzano e sventolano gli aculei per sembrare più grandi. Se continuamente infastidito, il porcospino crestato pesta i piedi, fa vibrare gli aculei e carica la parte posteriore del disturbatore prima cercando di pugnalare il nemico con gli aculei più spessi e più corti. È noto che questi attacchi hanno ucciso leoni, leopardi, iene e persino umani.
È noto che i porcospini crestati raccolgono migliaia di ossa che trovano di notte. Sono per lo più notturni e possono vagare sugli scheletri di molti animali. Raccolgono queste ossa e le conservano in una camera sotterranea o grotta. A volte, gli umani riesumano queste ossa.

Il porcospino crestato si trova in Italia, Nord Africa e Africa subsahariana. Nel Mediterraneo è conosciuto nell'Italia continentale e nell'isola di Sicilia, Marocco, Algeria e Tunisia; sono registrati anche in Ghana, Libia e lungo la costa egiziana. È stato registrato sul livello del mare a 2.550 m (8.370 piedi) nell'Anti-Atlante marocchino. Si pensava che il porcospino fosse stato introdotto in Italia dai Romani, ma resti fossili e subfossili suggeriscono che fosse probabilmente presente in Europa nel Pleistocene superiore.
Questi sono i paesi in cui è noto il porcospino crestato:
Algeria; Benin; Burkina Faso; Burundi; Camerun; Repubblica Centrafricana; Ciad; Costa d'Avorio; Repubblica Democratica del Congo; Eritrea; Etiopia; Gambia; Ghana; Gibuti; Guinea; Guinea-Bissau; Italia; Israele; Kenya; Liberia; Libia; Mali; Mauritania; Marocco; Nigeria; Ruanda; Senegal; Sierra Leone; Somalia; Sudan; Sud Sudan; Tanzania; Togo; Tunisia; Uganda.


Istrice africano dalla coda a spazzola (Atherurus africanus)
Istrice africano dalla coda a spazzola (Atherurus africanus)

 

L'Istrice africano dalla coda a spazzola (Atherurus africanus), African brush-tailed porcupine in inglese, è una specie di porcospino del Vecchio Mondo simile a un ratto, appartenente alla famiglia degli Istricidi (Hystricidae) e originario di un'ampia fascia dell'Africa che va dalla Guinea sulla costa occidentale al Kenya a est. Questa è una specie comune con una gamma molto ampia e, nonostante sia stata ampiamente utilizzata per la carne selvatica, l'Unione internazionale per la conservazione della natura ha valutato il suo stato di conservazione come "meno preoccupante".


L'istrice dalla coda a spazzola raggiunge i 40-50 cm di lunghezza, senza contare la coda. L'adulto pesa circa 3 kg. Ha un viso e un corpo allungati, simili a quelli di un topo, e gambe corte, con punte con zampe palmate e artigliate. A differenza della maggior parte degli altri istrici, il porcospino dalla coda a spazzola ha aculei più leggeri e più piccoli. Sulla coda, questi aculei sono più sottili e simili a un pennello. Questi possono fare rumore quando vengono scossi.

Il porcospino dalla coda a spazzola si trova in Benin, Camerun, Congo, Repubblica Democratica del Congo, Guinea Equatoriale, Gabon, Gambia, Ghana, Guinea, Costa d'Avorio, Kenya, Liberia, Nigeria, Sierra Leone, Sud Sudan, Togo e Uganda, in foresta pluviale tropicale ad altitudini fino a 3.000 m (9.800 piedi).

I porcospini dalla coda a spazzola vivono in piccoli gruppi familiari di circa otto membri. Diversi gruppi familiari possono condividere le risorse. Quando viene attaccato da un predatore, il porcospino solleva gli aculei in modo che sembri il doppio delle sue dimensioni, scuote gli aculei della coda e calpesta i piedi. Come con tutti i porcospini, il porcospino dalla coda a spazzola indietreggia contro l'attaccante e infligge danni con gli aculei.
Gli istrici dalla coda a spazzola vivono nelle foreste, di solito ad altitudini elevate, e sono notturni, dormendo in grotte e tane durante il giorno. Sono erbivori, si nutrono di foglie, fiori e frutti caduti sul suolo della foresta. Mangiano anche radici e noci di palma, occasionalmente carogne, e invadono i raccolti di mais, manioca e banane quando questi vengono coltivati vicino alla foresta.
Maschio e femmina formano un legame di coppia durante la stagione riproduttiva. La femmina ha una gravidanza lunga rispetto ad altri roditori: 110 giorni al massimo. I giovani nascono ben sviluppati o precoci. Sono maturi a circa 2 anni di età. La carne del porcospino dalla coda a spazzola è popolare e viene consumata in grandi quantità.