T
Translator

Siti archeologici Arcipelago di Lamu


Arcipelago di Lamu. Villaggio di Shela
Arcipelago di Lamu. Villaggio di Shela
Mappa Arcipelago di Lamu
Mappa Arcipelago di Lamu

 

Arcipelago di Lamu

                               L'arcipelago di Lamu potrebbe essersi formato come punto di debouch dei precedenti canali dei fiumi Tana o Ewaso Nyiro, il primo dei quali ora raggiunge il mare a Kipini, e il secondo scompare nella palude Lorian. Da sud-ovest a nord-est le isole principali dell'arcipelago sono Lamu, Manda e Pate. Ndau e Kiwayuu sono piccole isole più a nord-est. Il substrato roccioso delle isole è il corallo fossile, che si è deteriorato in terra rossa in molte aree, o che è stato coperto dalle sabbie. Stretti canali separano le isole Lamu e Manda dalla terraferma; a Pate la separazione tra l'isola e la terraferma è più ampia. Le mangrovie spesso soffocano i lati verso terra delle isole, e anche a Pate crescono le mangrovie lungo i canali sul lato verso il mare. Sull'isola di Lamu, spiagge e dune caratterizzano il lato verso il mare e si estendono fino al porto di Lamu verso la città. Sull'isola di Manda, il lato verso il mare è affioramento di coralli fossili o spiagge, con alcuni accumuli di dune soprattutto nell'area di Takwa. La configurazione delle mangrovie in passato è sconosciuta, ma erano senza dubbio una risorsa economica sia per l'edilizia locale che per l'esportazione. La parte settentrionale dell'arcipelago è ora protetta come Riserva Nazionale Marina di Kiunga.

I principali siti dell'antichità dell'Arcipelago di Lamu si trovano principalmente sulle tre grandi isole del gruppo; il sito di Dondo sulla terraferma è qui incluso perché oggi è accessibile principalmente dall'acqua. Sull'isola di Lamu solo la città di Lamu vanta una qualche importanza nell'antichità, sebbene Shela all'ingresso del porto di Lamu, Kipungani sul lato sud-ovest dell'isola e Matondoni sul nord abbiano alcune moschee e case interessanti. C'erano tre siti sull'isola di Manda, Kitau, Takwa e Manda da sud a nord, ma solo gli ultimi due siti hanno rovine sopravvissute di qualsiasi entità, quelli di Kitau sono quasi scomparsi. Sull'isola di Pate c'erano numerosi insediamenti nell'antichità, molti dei quali continuano ad essere abitati ancora oggi. Pate era la città più importante dell'isola dopo il XV secolo, anche se in tempi precedenti avrebbe potuto essere rivaleggiata o superata da Shanga; Inoltre, Siyu e Faza erano importanti insediamenti in passato e, come Pate, sono ancora occupati.



Isola di Lamu
Isola di Lamu

Lamu
Lamu

 

Lamu

                               Lamu non richiede considerazioni dettagliate, perché la città è stata oggetto di uno studio completo sulla conservazione da parte di Usam Ghaidan (1976), e sono disponibili molte altre opere sulla storia e la cultura materiale della città. Nel 2001, l'UNESCO ha riconosciuto Lamu come patrimonio dell'umanità.
Il fulcro qui è l'archeologia di Lamu. Chittick condusse scavi archeologici minori sia a nord che a sud della città attuale, nel tentativo di determinare l'antichità di Lamu, che non è nota alla storia prima della metà del XV secolo. I frammenti dello scavo settentrionale andavano dal XIII secolo o prima al XVIII secolo, anche se a causa della mancanza di una buona stratificazione non poteva dirsi se l'occupazione fosse stata continua. Un altro scavo a sud dell'attuale città vicino alla collina di Hidabu, la presunta area della vecchia Lamu, ha prodotto frammenti che andavano dal XIII secolo o prima al XIV o XV secolo. È stato possibile trovare frammenti erosi dal terreno in entrambe queste aree nel 1978 e il Museo di Lamu ne ha una collezione superficiale. Particolarmente produttiva è stata la zona nord dal cimitero alla vecchia macelleria e al molo. Qui sono stati rinvenuti, oltre a quattro pezzi di ceramica, che datano dall'XI al XIII secolo, due pezzi di ceramica sasanide-islamica, di solito databile al IX-X secolo. Sono stati inoltre recuperati numerosi esempi di celadon, porcellane cinesi blu e bianche e monocromi islamici.
Nella zona di Hidabu Hill è stato rinvenuto un singolo pezzo di ceramica sasanide-islamica e trovati altri due esempi nelle dune sulla strada per Shela. sono state viste tracce di strutture in muratura di pezzi di corallo rettangolari e circolari sulle dune sopra la spiaggia. Nel 1980, il Museo di Lamu aveva raccolto 14 pezzi di ceramica sasanide-islamica dal sito Lamu Ginners.
Shanga o Pate potrebbero essere antichi quanto i primi insediamenti conosciuti sulla costa. Nelle collezioni di superficie sono state rinvenute  due esempi di 
ceramiche islamiche di smalto bianco e di colore schizzato ("Tin-glassato"), che risalgono forse al XIII e XIV secolo. A Shela, all'ingresso del porto di Lamu, sono stati recuperati sei frammenti di sasanide-islamica e due pezzi di ceramica islamica smaltata di bianco e un pezzo di ceramica spruzzata di cobalto, merci caratteristiche del IX - X secolo. Lamu e i suoi dintorni si trovano in uno dei luoghi più favorevoli per la navigazione sulla costa, ed è prevedibile che questa situazione sarebbe stata apprezzata subito dopo l'inizio dell'insediamento sulla costa. Forse, come a Pate, le vestigia della prima Lamu sono nascoste dal pesante sovraccarico dell'insediamento successivo, o dalle dune.

Oltre alle case e alle moschee di interesse storico a Lamu, ci sono due tombe, una tomba a pilastro vicino alla Moschea di Riyadha e una tomba a cupola dietro la Moschea di Bohra. La tomba a pilastro è ora sepolta all'altezza della sommità delle pareti, ma gli scavi hanno rivelato due pannelli orizzontali doppiamente incassati sulla parete sud. In cima al muro sono incassate le estremità dei gradini molto rovinate, mentre sul lato est si alza il pilastro scanalato. Gli scavi non hanno fornito dati attendibili per datare la tomba.
La tomba a cupola, che Kirkman ha identificato come la tomba di Sharif Mwana Tau, è ora sepolta alla base della sovrastruttura, ma gli scavi hanno determinato la base della tomba e rivelato un plinto basale a due gradini, al di sopra del quale le facciate murarie sono state completamente distrutte. A
l di sopra della base della sovrastruttura si alzavano le estremità dei gradini di sette corsi che terminavano in piramidi troncate su ciascuna faccia. All'interno del recinto così formato sorge la cupola. Il risultato è un design unico, un ibrido tra tombe a gradini e tombe con lapide. Stilisticamente, questo potrebbe suggerire una data successiva piuttosto che precedente. Sei ciotole hanno adornato ogni faccia, 24 ciotole in totale sulla tomba, ma ora rimangono solo le cavità delle ciotole. Non si è in grado di valutare la data della tomba sulla base della natura mista dei depositi. Nei livelli più bassi, sono stati recuperati due pezzi di monocromo islamico verde, probabilmente non anteriore al XV secolo, e un frammento verde su giallo del mondo islamico. Un frammento simile è stato recuperato da sotto una superficie sigillata vicino al cordolo basale della tomba, che conteneva anche una sepoltura. Il dato ceramico è inconcludente, ma lo stile della tomba suggerisce che risalga, probabilmente, ad un periodo successivo al XV secolo, e forse anche al XVI. non prima del XV secolo.

Lamu - Il forte (17° secolo)
Lamu - Il forte (17° secolo)
Una vista del canale che separa le Isole di Lamu e Manda
Una vista del canale che separa le Isole di Lamu e Manda
The minaret of the Friday Mosque in Shela, Lamu Island
The minaret of the Friday Mosque in Shela, Lamu Island
Vista aerea di Lamu
Vista aerea di Lamu

Lamu and Manda Island
Lamu and Manda Island

 

Kipungani

                               A Kipungani, sul lato sud-ovest dell'isola di Lamu, ci sono una moschea in rovina, alcune tombe e frammenti di ceramica. La moschea è in tutta la sua altezza, anche se nella boscaglia; probabilmente era un tipo "meridionale" a tre navate. Il mihrab era ampio e profondo e sembra essere stato rimosso dalla moschea. All'estremità sud della moschea c'era la cisterna per le abluzioni, alimentata da un pozzo a cinque lati a sud-est della moschea.
Ci sono due tombe in riva al mare a Kipungani, una delle quali è una grande tomba quadrata con probabilmente sette gradini. Il lato ovest, rivolto verso il mare, di questa tomba è crollato, e rimane solo l'angolo nord-orientale di una tomba che un tempo la confinava a sud. C'è un secondo gruppo di tombe a circa 50 metri a nord-est delle tombe sulla spiaggia; una di queste (Tomba B) ha una facciata est a gradini, un'altra (
Tomba C) ha proiezioni rialzate curve o "orecchie" come unica sovrastruttura. Sulla parete interna est delle tombe B e C c'è un'unica nicchia, probabilmente per bruciare l'incenso. Dietro queste tombe ci sono due recinti più piccoli con estremità inclinate. A sud-est di Kipungani ci sono altre tre tombe, due delle quali sono illustrate come D e F.

La vecchia Kipungani sembra essere stata un po' a sud dell'attuale villaggio, o almeno è lì che si verificano le concentrazioni più dense di rifiuti. I frammenti ritrovati sono quasi tutte porcellane cinesi blu e bianche del diciottesimo e diciannovesimo secolo. Sono stati rinvenuti anche alcuni pezzi europei del diciannovesimo secolo, ma solo un singolo monocromo tardo islamico. Sembra che Kipungani sia un villaggio di recente costituzione.
I frammenti di superficie un po' più a sud, tuttavia, lungo la riva, rivelano che l'area di Kipungani è stata visitata in un lontano passato, poiché sono stati trovati tre pezzi inconfondibili di ceramica sasanide islamica, una delle prime ceramiche islamiche trovate nell'Africa orientale.


 

Matondoni

                               Matondoni si trova nell'isola centro-settentrionale di Lamu, di fronte a Mokowe sulla terraferma di fronte. A Matondoni ci sono tre moschee, tutte ancora in uso. All'estremità nord della Moschea di Riyadha c'è una tomba che aveva un pilastro ottagonale di un metro di diametro, una sezione del quale può ancora essere vista sul terreno a nord-est della tomba. La parete est aveva due pannelli singoli incassati e tre sulla parete nord; in cima al muro i gradini erano posti su un corso di costruzione, una caratteristica rara trovata a Ishakani e Dondo. Di fronte a questa tomba se ne trova un'altra, interessante per il tetto di makuti che ricopre la tomba, poggiante sulla sommità dei gradini a cinque alzate. Circa 80 metri a sud della moschea c'è una piccola tomba con scalini a quattro alzate; sulla parete est c'era una piccola lapide, con un'iscrizione troppo erosa per essere letta. Ad ovest della moschea c'è una tomba di pietra recente con quattro pilastri su ciascuna delle pareti laterali e un alto pilastro centrale sulle pareti est e ovest, il cui scopo è sostenere un tetto in makuti sulla struttura. C'è una porta di legno nel muro est. Fu costruito dal nipote del defunto, da parte di madre, ed è oggetto di venerazione per le preghiere.
Ad ovest del Msikiti wa Nuru c'è un gruppo di cinque antiche tombe e un mausoleo più recente. La vecchia tomba più a nord, sebbene rotta sul lato est, sembra essere stata abbastanza simile nello stile alla tomba Kipungani etichettata D. Circa un metro a ovest c'è una tomba a 16 lati, con un tetto a cupola a 16 lati. La tomba è alta circa 2,3 metri, la sua circonferenza misura 7,7 metri e c'è una porta bassa sul lato est. A ovest di nuovo ci sono due tombe ottagonali, una delle quali è crollata. Il tetto di quello che sopravvive è a otto lati. È alto circa 2,5 metri e circa 6,33 metri. La quinta tomba è un piccolo recinto con le pareti leggermente inclinate verso l'alto agli angoli.
A circa 15 metri a sud della prima tomba si trova un altro complesso moderno, con quattro lastre prefabbricate perforate incastonate nel muro nord e due incastonate nel muro ovest, che danno una sorta di effetto a pannelli. Ci sono tre pilastri sulle pareti laterali e un pilastro centrale su ciascuna estremità, per sostenere un tetto di paglia. Al mausoleo si accede da una porta di legno nel muro nord, e all'interno di un basso recinto con le pareti a falda alle estremità corte segna il punto della sepoltura. Le tombe di Matondoni mostrano tendenze moderne nell'antica tradizione della costruzione di tombe: l'uso di blocchi invece di pezzi di corallo come tessuto murale; i pannelli specializzati nella tomba appena menzionata; l'uso di pilastri per sostenere i tetti in makuti; e lo stesso tetto di paglia, il che potrebbe suggerire che alcune delle antiche tombe fossero così coperte.
Vicino al mare c'è una casa in rovina, con due camere laterali centrali e due trasversali. La zona centrale posteriore è suddivisa in una latrina e una piccola stanza privata. Sulla parete opposta alla porta d'ingresso si trova un'unica nicchia quadrata, sopra la quale si trovano tre ordini di nicchie ad arco, probabilmente larghe 15 nicchie. Potrebbe esserci stata una nicchia di gesso che fiancheggiava la porta d'ingresso.
Una collezione di ceramiche realizzata lungo la spiaggia comprendeva monocromi islamici, porcellane cinesi e articoli europei. Le varietà tardive dal corpo rosso predominavano tra le prime; tra le porcellane nessuna sembrava risalire al diciassettesimo secolo. Le merci europee erano del diciannovesimo secolo o più recenti.



Isola di Manda
Isola di Manda

 

Isola di Manda

L'isola di Manda si trova immediatamente a est dell'isola di Lamu e a sud-sud-ovest dell'isola di Pate. L'isola è quasi divisa in due da un canale alla fine del quale si trova il sito di Takwa. In appendice a sud, di fronte a Shela e all'ingresso del porto di Lamu, c'era Kitao, un sito minore di cui rimangono pochi resti oggi. A nord del canale che porta a Takwa, due canali creano tre dita che puntano a nord. Nella parte più orientale, all'estremità settentrionale della lingua, si trova il sito di Manda, uno dei siti più significativi della costa dell'Africa orientale. Sul lato est dell'isola di Manda ci sono le dune; sui lati verso terra a ovest ci sono affioramenti corallini fossili ricoperti di sabbia e mangrovie lungo i canali.


Manda Bay
Manda Bay

 

Manda

                               Manda si trova all'estremità nord-orientale dell'isola di Manda. Neville Chittick ha scavato a Manda nel 1966, 1970 e 1978. Ha datato le origini di Manda alla metà del IX secolo, ed è possibile che sia anteriore. Manda è, insieme a Pate e Shanga nell'arcipelago di Lamu, tra i primi siti della tradizione costiera. Più recentemente, Chapurukha Kusimba ha condotto ulteriori indagini archeologiche a Manda.
Il sito di Manda si trova sul lato occidentale di una lingua di terra all'angolo nord-est dell'isola di Manda che crea una piccola baia, Manda Bay, alquanto protetta dalle forze dell'Oceano Indiano. Chittick pensava che le aree a nord e nord-est del vecchio insediamento fossero interessate da un regime costiero dinamico che ha modificato la tipografia dai tempi antichi. Tuttavia, il posizionamento del sito avrebbe offerto un ancoraggio alquanto riparato all'ingresso di Manda Creek.
Ci sono due aree di insediamento a Manda, la città vecchia a nord e un insediamento successivo principalmente a sud. Chittick si è concentrato sui primi resti a nord. Una delle caratteristiche interessanti di Manda sono due tipi di muri massicci: mega-wall e maxi-wall. Mega-pareti sono state costruite con blocchi di grandi dimensioni, 80-100 cm di lunghezza per 50-60 cm di profondità, che raggiungevano il peso di una tonnellata. Questi erano spesso usati come muri trasversali e parti di ritorni sul bordo dell'acqua. Le maxi-pareti erano costruite con macerie coralline grossolanamente incastonate in malta di calce e di solito funzionavano come ritorni che scorrevano verso l'interno. Sono stati costruiti con una larghezza di 1,5-2 metri. Chittick ha rifiutato l'idea che questi sistemi di pareti fossero banchine, perché credeva che l'acqua adiacente sarebbe stata troppo bassa, circa un metro di profondità, per servire le navi. Invece, ha visto il loro uso primario come bonifica del territorio per resistere alle forze dinamiche del mare e dell'aria al lavoro all'estremità della penisola. Vide ulteriori funzioni dell'area come possibilmente costruzione di barche o siti di terrazze per le case. Chittick ha datato le pareti del mare come per la maggior parte del periodo I, dalla metà del IX all'inizio dell'XI secolo, ma quel lavoro sulle pareti è continuato per due o trecento anni.
Horton considera le maxi-mura risalenti intorno all'anno 1000, e le mega-mura non prima del XII secolo. Accetta la funzione di bonifica della terra, ma dubita che i primi coloni avrebbero scelto un luogo in cui sarebbero immediatamente necessari tali enormi investimenti di manodopera.
Chittick ha scavato porzioni di un edificio con una funzione alquanto indeterminata costruito in mattoni e un paio di cisterne in mattoni nelle vicinanze. Queste strutture erano dell'XI o XII secolo. I mattoni usati nelle prime costruzioni a Manda sono una caratteristica insolita sulla costa. I mattoni di Manda erano di colore giallo-verdastro o rosa, circa 18 cm quadrati e 4,5 cm di spessore. Chittick pensava che la varietà rosa potesse essere stata prodotta a Sohar e importata come zavorra.
Oltre ad esplorare le pareti del mare, Chittick ha scavato in tre strutture e posizionato trincee sul lato est del sito. Le strutture sono la Casa delle Cisterne, la Casa del Cortile Sommerso e il Chiosco. La Casa delle Cisterne è di design molto curioso, con due profonde cisterne centrali fiancheggiate da stanze trasversali a nord e sud, e lunghe stanze parallele a est e ovest. Apparentemente i muri che circondavano le cisterne erano fondamenta profonde per i muri ora mancanti della casa stessa. Questo spiega la mancanza di porte nei muri esistenti. Chittick considerava la data della struttura all'inizio dell'XI secolo. Se queste fossero davvero delle cisterne, sono le uniche grandi strutture di stoccaggio dell'acqua sulla costa settentrionale di cui siamo a conoscenza prima della metà del ventesimo secolo. Frammenti di terra rossa e fango nei depositi più bassi suggeriscono che case di fango e legno fossero antecedenti a questa struttura.
La Casa delle Cisterne è adiacente alla riva e alle mura del mare. La Casa del Cortile Sommerso si trova a circa 125 metri a est della costa. È stata costruita con macerie di corallo fissate in malta di fango con intonaco di calce. Chittick ha datato la Casa del Cortile Sommerso dall'undicesimo al tredicesimo secolo e ha visto il suo significato come il primo esempio di tale struttura sulla costa. Al di sotto del livello di questa struttura c'erano suoli rossi e fango, probabilmente prove di strutture di canniccio e fango su sabbie sterili.
Il chiosco, situato a circa 150 metri a est del punto di approdo, era costruito con pezzi di corallo incastonati in malta di calce e presentava una serie di moli che sostenevano archi. La pianta del primo edificio potrebbe essere stata aperta ad eccezione dei pilastri su tutti e quattro i lati. Successivamente, ci furono notevoli modifiche alla struttura. I frammenti tra il primo e il secondo piano suggeriscono una data del 1200 d.C.
Chittick caratterizzò Manda come il vecchio sito a nord e una città fortificata successiva a sud. All'interno delle mura della città c'erano una moschea, una tomba a cupola e resti di case. Chittick ha condotto solo scavi minori nella città successiva. Garlake ha registrato la moschea meridionale, che conserva i dettagli del suo mihrab neoclassico. La moschea settentrionale si trova nell'area della città vecchia e Chittick fornisce una descrizione e una pianta della struttura in rovina. Chittick considerava il successivo sito meridionale dalla metà del XVI al XVII secolo. Horton trovò le prime ceramiche lungo la spiaggia adiacente alla città successiva. Nessuna moschea è stata identificata risalente a periodi precedenti a Manda.
Gli scavi a Manda hanno prodotto la prima vasta sequenza iniziale di ceramiche locali e importate sulla costa settentrionale del Kenya, sulla base del lavoro precedente di Kirkman a Ungwana (1966) e del lavoro di Chittick a Kilwa nel sud della Tanzania e altrove. Successivamente, il lavoro di Pate, Shanga e Ungwana hanno ulteriormente rivisto e perfezionato le sequenze e la datazione della ceramica. Sia il ferro che il rame furono fusi a Manda, e Chittick trovò forni di ferro e crogioli di ceramica per fondere il rame. La fauna comprendeva bovini, capre, pecore, cammelli, dugonghi, gatti domestici, tartarughe, ungulati selvatici, quantità relativamente piccole di pesce, selvaggina e pollame domestico.
Manda è una metafora del dibattito sulle origini swahili. Chittick ha sottolineato la natura esotica delle pareti del mare, delle strutture che utilizzano mattoni, della Casa della Cisterna e, in una certa misura, della Casa del Cortile Sommerso e del Chiosco. Chittick generalmente guardava al Golfo Persico per gli antecedenti. Menziona nel suo testo e mostra nei suoi profili terra rossa e fango in depositi in diversi punti stratigraficamente al di sotto delle strutture in mattoni o corallo. Ha capito ma non ha sottolineato che le prime strutture potrebbero essere state di fango e legno, possibilmente con tetti piatti di fango, un progetto insolito sulla costa. Pensava che fosse "possibile che ci fosse un piccolo insediamento di questo tipo già esistente presso o vicino al sito prima che la città fosse fondata", la "città fondata" apparentemente essendo gli edifici in mattoni e pietra esotici. Horton sottolinea che questi sono i resti di strutture in legno e fango che potrebbero essere state l'architettura di Manda per un bel po' di tempo prima di essere costruite in mattoni o pietra. Horton ha visto antecedenti per alcune delle tecniche e dei tipi di costruzione più dal Mar Rosso che dal Golfo Persico.
Le scoperte a Manda sono importanti non solo per la loro prima data, ma anche perché alcuni dei tratti culturali presenti in seguito diventano tratti comuni o caratteristici della tradizione costiera. Tra questi la costruzione in pezzi di corallo e malta con superfici intonacate, la presenza di fango su strutture a telaio in legno, costruzioni monumentali di carattere comunitario o commerciale (la diga marittima), testimonianze di rapporti di commercio estero con il mondo islamico e con conoscenza e pratica della fusione.

Manda. Mega Wall
Manda. Mega Wall
Manda. Casa del cortile sommerso
Manda. Casa del cortile sommerso
Manda. Casa delle Cisterne
Manda. Casa delle Cisterne
Manda. Mihrab della Moschea del Sud
Manda. Mihrab della Moschea del Sud


Mappa di Takwa
Mappa di Takwa

 

Takwa

                                Il Takwa National Monument è stato oggetto di lavori di conservazione e ricerca archeologica effettuati dai Musei Nazionali del Kenya. Il sito è aperto tutti i giorni al pubblico e accoglie in visita bambini in età scolare, adulti e famiglie.
Takwa è importante per la sua occupazione del XVI e XVII secolo e forse successiva, per il suo fitto insediamento e per i suoi resti relativamente ben conservati. Situato in un punto in cui un canale di marea fiancheggiato da mangrovie quasi taglia in due l'isola di Manda, l'insediamento di pietra murata si trova alla base di un'unica linea di dune di sabbia sull'altro lato delle quali si rompono le acque dell'Oceano Indiano.
Takwa non può essere visto dall'oceano, il che deve essere stato di notevole importanza in quei tempi in cui molte delle vele che apparivano erano probabilmente ostili. La posizione del sito nel punto più stretto dell'intera isola era probabilmente strategica piuttosto che casuale. Sebbene Takwa si trovi a poche centinaia di metri dal mare, non c'è un buon porto o un ancoraggio protetto sul lato dell'oceano, e i tentativi di spiaggiare le barche sulla riva sarebbero minacciati non solo dai frangenti del mare, ma anche da numerosi affioramenti corallini. L'accesso al sito avviene principalmente dal porto di Lamu attraverso un canale poco profondo (Takwa Creek), che oggi ammette solo navi con pescaggio basso e questo solo quando le maree sono favorevoli.
Ci vogliono dai 30 ai 60 minuti per arrivare a Manda da Lamu. Una volta scesi dalla barca, per prima cosa si deve camminare lungo una passerella sopra le mangrovie. Quindi si entra in quello che sembra un piccolo villaggio e poco oltre il paese si trova l'ingresso alle rovine. Le rovine nidificano tra giganteschi alberi di baobab.
I resti di Takwa all'interno del muro coprono circa 4,3 ettari, circa 10,6 acri. Il sito comprende una moschea, case, un pozzo e strutture forse con funzioni religiose o commerciali. Inoltre, l'ubicazione delle strutture sul paesaggio dell'insediamento crea spazi, come cortili, strade e altre aree aperte. Il riferimento alla planimetria del sito rivela il modello di insediamento, che è di case singole o gruppi di case che si aprono a nord. Le strutture sono state costruite con pezzi di corallo, estratti localmente, fissati in malta di terra, sabbia e calce.
Il progetto generale era quello di disporre due o tre stanze longitudinali una dietro l'altra, con un negozio nella parte posteriore e servizi igienici nella parte anteriore o posteriore. Di tanto in tanto le pareti avevano nicchie decorative, o vidaka, sulle pareti o inserite negli stipiti delle porte, ma non erano così comuni o ben progettate come le nicchie di alcune delle case sia precedenti che successive della costa. Case di questo tipo di design costituiscono la maggior parte delle numerose strutture in rovina del sito. La planimetria del sito rivela l'organizzazione di base delle strutture in relazione tra loro. Ad esempio, il numero civico 51 in pianta, appena a nord della moschea del venerdì, è una struttura solitaria con un negozio all'estremità orientale della stanza sul retro. Dall'altra parte della strada, il numero civico 52 illustra il design di una casa con sia il negozio che i servizi igienici nella parte posteriore, mentre il numero civico 54 a est ha un magazzino sul retro con il bagno nella parte anteriore. Le case da 64 a 68, appena a nord-est della moschea del venerdì, formano un gruppo di cortili.
La disposizione delle strutture a Takwa definisce una strada che va dall'area della porta nord all'area della porta sud attraverso l'intero paesaggio dell'insediamento, con le porzioni nord e sud della strada che si incontrano presso la moschea al centro del sito. La planimetria del sito identifica 149 strutture, di cui dodici hanno caratteristiche specifiche come moschea, pozzo, cinta muraria, portineria o tomba. La maggior parte delle rimanenti 137 strutture possono essere identificate come monolocali, bilocali o trilocali. Forse alcune delle strutture monolocali avevano funzioni diverse dal domicilio, forse funzionavano come magazzini, negozi, luoghi di incontro o officine. C'è solo un'eccezione al modello generale di insediamento: direttamente a sud delle strutture della moschea le strutture 93-95 sono rivolte a ovest e hanno un muro posteriore comune. Probabilmente c'erano due porte 
ad arco in queste strutture, uniche con simili porte a Takwa a parte la moschea. Sopra una delle porte ad arco c'erano tre nicchie. Forse queste strutture avevano qualcosa a che fare con la moschea. Di fronte, in un'area aperta, non molto lontano dal cancello ovest e dal suo pianerottolo, c'erano le strutture 91 e 92, due lunghe strutture a una o due camere che assomigliano a magazzini. Forse erano una dogana o un deposito. Forse l'area aperta così creata e lo spazio più aperto tra la moschea e la porta ovest erano aree commerciali.

La cinta muraria raggiungeva un'altezza di circa tre metri e sopravvive intatta al meglio nelle aree meridionali del sito. È di normale costruzione in pezzi di corallo con un bordo triangolare in cima. Ad intervalli lungo il muro sono presenti aperture poco meno di due metri sopra il livello del suolo. Probabilmente erano fori di avvistamento, ponteggi o supporti per parapetti. Ora si possono vedere solo due porte, la struttura 6, la porta sud, che inviava o riceveva viaggiatori da o verso Kitao, e la struttura 4, la porta nord, facilitando la comunicazione con Manda. Sul muro est, la struttura 5 è ora molto in rovina. La struttura 7, la porta ovest, è in gran parte in rovina.
Quasi al centro geografico del sito sorge la moschea del venerdì, caratterizzata dall'insolito e suggestivo pilastro che si innalza dal centro del muro nord. È stato fantasiosamente suggerito che la moschea si trovi sul sito della tomba di una persona venerata e che il pilastro, come elemento caratteristico delle tombe della costa, sia stato posto sulla moschea in commemorazione del luogo di sepoltura. Questo punto di vista è smascherato a favore di una spiegazione funzionale. Il recinto della moschea, delimitato da un muro, aveva un ingresso da nord e forse da est. Sul muro nord ci sono graffiti di velieri e pugnali.
Fuori dalla moschea, a est, c'erano un pozzo, un condotto e una cisterna ben costruiti che comprendono un sistema per le abluzioni prima della preghiera. Confinando con l'esterno della cisterna ci sono i resti dei raschietti in corallo usati per pulire i piedi prima di entrare nella moschea. Sul pavimento interno della cisterna sopravvivono un piatto portoghese blu e bianco della metà del XVI secolo e due piatti di terracotta i cui smalti sono ormai decaduti, ma uno dei quali è stato segnalato per avere un colore verde giallo e l'altro verde intenso. Dall'area delle abluzioni tre porte ad arco conducevano direttamente in un'anticamera orientale, dalla quale si accedeva alla sala principale della moschea attraverso altre tre porte ad arco.
Un semplice architrave circonda il mihrab, all'interno del quale è impostato un telaio interno a due corsi, il corso esterno inciso con un disegno a spina di pesce, il corso interno semplice. Sopra i capitelli sfalsati vi sono due semplici ordini ad arco, di cui quello interno si eleva sopra un pilastro smussato. L'abside è semplice. Sul lato est dell'architrave sono presenti due asole orizzontali, presumibilmente per sostenere un minbar in legno. Ad ovest della musalla c'è un'altra veranda con un porticato di archi semisferici; nella parete nord due finestre con cime trilobate. A sud c'è una piccola stanza, probabilmente per la conservazione. Il tetto della veranda ovest era probabilmente di fronde di palma, in contrasto con le altre due stanze principali della moschea, che erano in muratura di macerie di corallo sopra le travi e, nel caso della musalla, altre travi di sostegno.
A pochi metri oltre il cancello nord c'è una tomba a pilastro dalle alte pareti che misura 3,7 per 2,7 metri. Il pilastro si eleva a 6,7 metri sopra il livello di basale della costruzione con una leggera inclinazione a nord e ad est. Il pilastro non è perfettamente tondo, ma sale senza rastremazione con un diametro medio di circa 81 centimetri. Alla base del pilastro si trova un contrafforte a sezione semicircolare che conferisce un aspetto di solidità alla colonna oltre a fornire stabilizzazione. Sulla parete nord del muro della tomba è posto un blocco con incisa una invocazione ad Allah, Maometto e ai primi quattro califfi, Abu Bakr, Uthman, Umar e Ali, in fondo al quale c'è la data AH 1094, che corrisponde al 1682/3 d.C. Un'iscrizione sorprendentemente simile si trova nel cimitero di Pate a nord della Moschea del Venerdì. La tomba è ancora considerata sacra agli abitanti di Shela che visitano la tomba due volte l'anno a pregare affinchè cada la pioggia.
I musei nazionali del Kenya hanno effettuato studi di stabilizzazione, consolidamento e archeologia al Takwa National Monument. Nel programma di conservazione, i lavoratori del museo hanno intonacato muri, angoli chiusi erosi e pareti ricoperte per impedire un'ulteriore distruzione delle rovine per erosione. Hanno chiuso buchi e crepe nei muri per rinforzarli e sostituito gli architravi delle porte in legno per evitare il crollo delle porte. Nello sviluppo generale del Takwa National Monument, il museo nazionale ha costruito la casa di un curatore e una cisterna, una passerella dal bordo del canale attraverso un'area allagata dall'alta marea e ha installato un cartello Museum Trustees of Kenya / Takwa National Monument. Un ufficio e un magazzino sono stati edificati all'ingresso delle rovine e un edificio da utilizzare come museo del sito. Sono stati tracciati percorsi attraverso il sito. Una guida dal vivo è disponibile per i visitatori delle rovine.
Takwa è aperto tutti i giorni al pubblico e c'è una casa che puoi affittare per un campeggio notturno, ma non c'è elettricità.
La passeggiata per vedere la costa è un po 'una deviazione dalle rovine ma la vista ne vale la pena.


 

Kitao (Kitau)

                               Kitao, la moderna Kitau, era un sito presumibilmente situato all'angolo sud-ovest dell'isola di Manda, a sud di Shela sull'opposta isola di Lamu. Questa Kitao era nota alla storia, ma oggi del sito non si identificano rovine.



 

Isola di Pate

L'isola di Pate è la più settentrionale delle tre isole maggiori dell'arcipelago. È a nord-est delle isole Lamu e Manda, poiché la costa si ritira in quella direzione; è immediatamente di fronte a vecchi canali di scolo che si staccavano dalla terraferma in un lontano passato. L'isola di Pate è oggi divisa in sezioni orientale e occidentale, divise da un canale durante l'alta marea. Pate è il sito predominante sul lato occidentale, con Shanga, Siyu e Faza le principali comunità in vari momenti a est. La topografia dell'isola, la distribuzione delle mangrovie e le barriere coralline offrono ancoraggi riparati ma anche approcci difficili alle comunità dell'isola di Pate.


Mappa di Pate
Mappa di Pate

 

Pate

                               Pate, circa 27 ettari (67 acri), è forse il più grande sito costiero della zona e le sue dimensioni probabilmente riflettono veramente la sua antica importanza.
Gli scavi a Pate hanno prodotto una mancanza alquanto sorprendente di materiale primitivo: solo due frammenti del XIV secolo su migliaia dalle fosse di prova e un singolo frammento del XIII secolo tra i tanti sparsi sulla superficie del sito. La ricerca in superficie ha prodotto solo tre pezzi di ceramica, che risalgono almeno al XIII secolo, se non prima, tra le migliaia di frammenti che disseminano il sito. In ogni caso, il paese sembra aver raggiunto il suo apogeo nel XVII e XVIII secolo, e non sorprende che, in un insediamento ancora abitato, i resti in piedi non sono in quasi tutti i casi più antichi del Settecento.

L'interesse per Pate fu stuzzicato quando nel 1981 fu riscoperta la lapide del sultano Muhammad (Fumomadi), che era stata rimossa da Pate e persa per il mondo dopo il 1911, quando il capitano Stigand lesse erroneamente l'iscrizione nel cimitero di Pate.

Gli scavi fino ad una profondità di 5,24 metri hanno incontrato, sia nelle ceramiche importate che in quelle locali, la tipica impronta costiera dell'Africa orientale, indicativa dell'occupazione tra la fine dell'VIII e l'inizio del IX secolo fino alla metà del XIII secolo. Tra i frammenti importati, dai livelli più bassi a quelli più alti ci sono: sasanide-islamica e champlevé inciso. Non c'erano ceramiche a figure nere su giallo, caratteristiche della fine del XIII e del XIV secolo. Pate risale quindi tra i primi siti sulla costa dell'Africa orientale, insieme a Shanga, Manda e Kilwa.

Nel 1991, sono state condotte ulteriori indagini archeologiche a Pate, chiarendo ulteriormente il modello di insediamento, in particolare l'architettura domestica di Pate orientale e nord-orientale. Scavi all'esterno e all'interno del muro nord della moschea Bwana Bakari, hanno prodotto una complessa stratigrafia che ha rivelato una possibile moschea precedente nel luogo, numerose sepolture, vari livelli di pavimento e prove di strutture di fango e paglia. La moschea Bwana Bakari, in rovina nel 1978, è stata ricostruita ed è in uso. Numerose altre moschee sono in uso o in rovina a Pate. Il Msikiti wa Pwani e il Msikiti wa Ng'andu si trovano nel sud di Pate.
I pilastri e i pilastri del Msikiti wa Pwani sono circa per metà sepolti tra le macerie della moschea. I muri sono rotti fino alla sommità delle macerie.
Il Msikiti wa Ng'andu, situato vicino al canale nel sud-est di Pate, è un grande mucchio di macerie da cui sporgono i piloni. Le mura sono cadute tranne una parte del lato nord. Un arco interno trefoliato sopravvive ma tutti gli altri ordini di arco sono interrotti. Nell'architrave sopravvive una ciotola blu e bianca della tarda età cinese.
A nord-est di Msikiti wa Ng'andu si trova la moschea di Msikiti wa Mwene Kombo. Questa moschea ha una piccola musalla con tre pilastri che corrono lungo l'asse centrale della struttura; c'è un'anticamera orientale e probabilmente due camere a ovest. Strutture per l'abluzione forse più antiche dell'attuale moschea possono essere viste nell'angolo sud-est dell'edificio; la cisterna nella stanza sud del moschea potrebbe essere un'aggiunta più recente.Le pareti nord e sud e i pilastri sono in piedi, ma le porte ad arco del muro est sono cadute.

Più avanti verso il centro dell'antica Pate c'è la Msikiti wa Nuru, una moschea con due mihrab adiacenti a due grandi case. La camera occidentale più grande è lunga circa 12 metri, con il tetto sorretto da tre pilastri centrali. Il mihrab non ha architrave, ma una sorta di cornice ad arco racchiude i tre ordini di archi. Un arco interno trefogliato si eleva sopra un pilastro smussato e all'interno l'abside è semplice. Le pareti trasversali dividono lo spazio della camera orientale in tre aree: una piccola area prima del mihrab, un'area del pozzo e della cisterna e una camera posteriore con un pilastro ottagonale centrale. Nessun vero architrave incornicia il mihrab orientale, ma una cornice di pennacchi a pannelli si alza dai blocchi dello stipite. Quattro nicchie incassate adornano la faccia esterna di ciascun blocco di stipite. All'interno, la parte superiore dell'abside è a mensola; sotto, c'è una scritta in caratteri arabi in vernice nera.
A nord e leggermente a est di questa moschea e gruppo di case si trova il Msikiti wa Salim. La pianta di questa struttura sembra essere stata una fila centrale di tre pilastri, l'ultimo dei quali era allo stesso livello della parete di fondo della camera. Due pilastri su ogni lato e pilastri sulle pareti nord e sud creavano navate est e ovest oltre alle due navate centrali. Una stanza longitudinale si estende a ovest fuori dalla stanza ad ovest, mentre a sud della stanza principale c'è un'altra stanza, probabilmente per le abluzioni. All'angolo sud-est fuori dalle mura della moschea c'era il pozzo, mentre all'angolo nord-est le scale salivano presumibilmente fino al tetto. L'arco interno del mihrab è trefoliato ma gli ordini di arco e i blocchi di stipite sono distrutti. L'abside è scanalato sotto la linea primaverile; in alto, è presente una complessa mensola con andamenti piani e a spina di pesce, sormontata infine da una spina centrale di corallo tagliato a cui si eleva la scanalatura dall'ultimo membro orizzontale.
Msikiti wa Pokomo è adiacente alle mura della città nel nord-ovest di Pate. La moschea è ora molto in rovina e ricoperta di vegetazione, ma era composta da cinque navate formate da quattro file di tre pilastri ottagonali. La sala delle abluzioni, il pozzo e la cisterna erano a sud, e il pozzo è ancora in uso. L'arco interno trefoliato del mihrab è ancora in piedi. Gli archi per il resto sono spariti, ma a giudicare dalla parte superiore del blocco di stipiti c'erano tre ordini di archi e una cornice di pennacchi di forse quattro ordini di archi. L'abside è scanalato.
Msikiti wa Bwana Tamu si trova nella parte occidentale di Pate, ed è stata restaurata dalla gente di Pate dal suo stato precedentemente rovinoso ed era in uso nel 1982. Il mihrab mostra tre ordini di archi che incorniciano l'arco trefoliato interno; i blocchi di stipite sul fronte e sull'intradosso hanno pannelli incassati. L'architrave è semplice e l'abside scanalato. L'area delle abluzioni è a sud e c'è una veranda aperta a est. Questa moschea fu probabilmente costruita all'inizio del XVIII secolo.

Bwana Bakari Mosque
Bwana Bakari Mosque
Msikiti wa Nuru Mosque
Msikiti wa Nuru Mosque
Msikiti wa Pwani Mosque
Msikiti wa Pwani Mosque
Msikiti wa Salim Mosque
Msikiti wa Salim Mosque
Msikiti wa Mwene Kombo Mosque
Msikiti wa Mwene Kombo Mosque
Msikiti wa Pokomo Mosque
Msikiti wa Pokomo Mosque

Vista delle rovine di Pate
Vista delle rovine di Pate

 

Le case sono tra le strutture più interessanti di Pate, che per le loro dimensioni e complessità riflettono la ricchezza dell'antica Pate. Poiché risalgono al diciassettesimo o più probabilmente al diciottesimo secolo, rimangono più delle strutture domestiche dei siti della terraferma. I resti della casa di Pate sono estesi, in massima concentrazione nel quartiere nord-est del sito. Ci sono due grandi case in rovina a sud di Msikiti wa Nuru. Alla struttura settentrionale si accedeva da una strada ad est; la casa stessa si affacciava a sud su un grande cortile infossato o sprofondato. Quattro stanze una dietro l'altra e tre stanze laterali hanno un grande spazio interno, mentre il cortile permetteva un soggiorno aperto mantenendo la privacy. Il lato est di questa casa è ora molto distrutto, ma le pareti ovest sono alte fino al soffitto. Le prime due stanze sono abbastanza sgombre dalle macerie, ma le stanze sul retro ne sono piene.
La casa a sud più piccola dell'altra casa, ma comunque di proporzioni rispettabili, ha tre ordini di stanze con un cortile antistante da cui salgono le scale, probabilmente al tetto precedente. La maggior parte dei muri esterni della casa sopravvive, tranne il centro ovest del muro sud. All'interno le pareti delle prime due stanze sono crollate. Gli spazi aperti all'interno di queste due case venivano utilizzati per coltivare banane nel 1981.
A nord di queste due case ci sono altre due case, una struttura a sud che si apre a ovest e una casa a nord esposta a est. Queste case condividono un muro laterale comune e la casa settentrionale interseca il Msikiti wa Nuru a nord. La comunicazione tra le case è stata ottenuta mediante una finestra di collegamento nella prima stanza della casa settentrionale più grande con una delle stanze posteriori della struttura meridionale. La maggior parte dei muri della residenza settentrionale sono in piedi e nella seconda stanza ci sono belle vidaka, ora in via di erosione. Le porte sono molto distrutte.
Nell'area di Pate nord, a ovest di Msikiti wa Salim, ci sono altre rovine di case, inclusa una struttura di quattro gruppi di stanze esposte a est, con un cortile di fronte. Le prime stanze sono in gran parte distrutte, anche se le pareti laterali e posteriori della seconda stanza sono in piedi. Al centro delle pareti nord e sud di questa stanza si trovano belle nicchie intagliate in gesso, e mentre la nicchia settentrionale è ben conservata, quella meridionale è molto esposta alle intemperie. La porta della terza stanza è ancora in piedi, ma senza il supporto dell'architrave, e manca tutto il soffitto. La sala interna è suddivisa in servizi igienici e tre vani più piccoli, un disegno più o meno tipico delle case sulla costa. Come al solito, è la stanza interna quella che è meglio conservata.
Dall'altra parte di Pate, nella parte sud-orientale del sito, tra il Msikiti wa Mwene Kombo e Msikiti wa Ng'andu, ci sono altre case. Queste strutture sono generalmente più rovinate di quelle appena descritte, ma alcuni muri sono ancora all'altezza del primo piano. Le case appena discusse danno un sapore dell'architettura domestica di Pate, ma sono illustrative piuttosto che esaustive delle case nel vasto campo in rovina del sito.

Pate Cemetery
Pate Cemetery

 

Numerose tombe si trovano a Pate sia come strutture solitarie che in gruppi. Senza tentare di essere esaustivi, i luoghi con tombe includono l'area a nord di Msikiti wa Ijumaa, l'area a nord-est di Msikiti era Bwana Mwanga e a sud-est e nord-est di Pate.
Una è una tomba a cupola rettangolare con una porta sul lato est. La porta sembra essere incorniciata da un architrave di corallo tagliato, all'interno della quale c'era la porta ad arco, che aveva due ordini di archi che si infrangono da un capitello. Il pennacchio nord contiene una nicchia a ciotola; il pennone sud è rotto. Una piccola iscrizione è stata posta nel lato nord del muro est. All'interno della tomba il passaggio dalle pareti alla cupola è costituito da archi singoli in ciascuna delle quattro pareti e in ciascuno dei quattro angoli, sopra i quali si trovano cinque elementi a mensola, circolari, e poi la cupola.
A nord di questa tomba c'è un'altra con un blocco inscritto incastonato nella faccia est. Questa tomba non è imponente, è una piccola struttura rettangolare, con una sovrastruttura spezzata di gradini che girano gli angoli. Il blocco di iscrizione, 30 per 20,5 centimetri, è in cima. Questa iscrizione è quasi identica all'iscrizione posta sul muro della tomba a pilastro a Takwa, 30 x 24,5 centimetri. Entrambe le iscrizioni recitano "Allah, Muhammad, Abu Bakr, Umar, Uthman, Ali, 1094" o Allah, Muhammad e i primi quattro califfi. AH 1094 è 1682/83 d.C. nel calendario cristiano.
Quasi direttamente dietro questa tomba c'è una tomba rettangolare con alte pareti che si alzano ad ali a tutti gli angoli e con una nicchia attraverso il muro est e un portale ad arco nel muro nord. La struttura potrebbe essere stata coperta una volta, e c'è un'iscrizione in pietra deturpata nel muro nord.
A nord di questa tomba si trova una tomba quasi quadrata, un tempo coperta da un basso tetto piramidale. Il tetto è ormai caduto. Anche parte del muro nord è crollato. Gli abitanti di Pate identificano questo monumento come la tomba del sultano Fumomadi. La lapide del sultano Muhammad, al-Nabahani, al-Batawi, figlio del sultano Abu Bakr e nipote del sultano Bwana Mkuu, potrebbe essere stata associata a questa tomba. Il sultano Muhammad morì il 22 Jumada al-Ukhra, AH 1224, il 4 agosto 1809, la data esatta registrata per l'evento nel Pate Chronicle. Altre tombe in questo cimitero sono rettangoli bassi, a volte senza sovrastrutture, a volte con i gradini che girano agli angoli. Molte delle tombe hanno nicchie attraverso le pareti.
Un'altra tomba interessante si trova a nord-est di Msikiti wa Bwana Mwanga a Pate orientale. Situata tra le altre tombe del cimitero, questa struttura rettangolare ha un portale ad arco nel lato sud, contrariamente alla consueta pratica costiera.

Degne di nota sono altre due tombe solitarie. Una è nell'estremo sud-est di Pate ed è un po 'rovinato. L'altra tomba si trova nel nord-est di Pate.

Un grande muro proteggeva le case, le moschee e le tombe dell'antica Pate, che oggi si trova alle sue massime altezze nelle parti nord e nord-est dell'insediamento.

Tomb in Northeast Pate
Tomb in Northeast Pate
Tombstone of Sultan Muhammad (Fumomadi)
Tombstone of Sultan Muhammad (Fumomadi)


 

Kitaka

                               Kitaka, un luogo diverse centinaia di metri a est di Pate dove fu trovata una moschea molto in rovina e tracce di altri edifici. Le ceramiche recuperate erano per lo più porcellane cinesi blu e bianche del XVI e XVII secolo. Oggi la moschea di Kitaka, non è possibile individuarla, tranne un vecchio sistema di pozzi e cisterne che forse apparteneva a una moschea.


Mappa di Shanga
Mappa di Shanga

 

Shanga

                               Shanga si trova su una costa meridionale dell'isola, ad ovest di un torrente; oggi le mangrovie costeggiano la battigia e con la bassa marea il porto si prosciuga per diverse centinaia di metri. Le barriere coralline fornivano buone zone di pesca e in qualche modo proteggevano l'ancoraggio, come nel vicino sito di Pate. I resti in superficie includono una moschea centrale del venerdì, due moschee più piccole, tombe a pilastro e circa 220 case. L'occupazione a Shanga cessò all'inizio del XV secolo, rendendolo un luogo ideale per esplorare le origini swahili.

Shanga ha una superficie di circa 15 ettari, con 8,68 ettari di strutture in pietra e frammenti di ceramica e 2,94 ettari dedicati alle aree cimiteriali. Della superficie di insediamento, la città di pietra occupava circa 6,6 ettari, con altri 2,11 ettari dedicati alle case di fango e paglia, generalmente nella parte nord-ovest del sito. Le strade sono formate dalla disposizione delle strutture.

Moschee
La Moschea del Venerdì è la più antica delle tre moschee trovate a Shanga e risale all'XI secolo. Le altre due moschee: la moschea orientale e la moschea occidentale non furono costruite fino alla fine del XIII-XIV secolo. Il fatto che le moschee esistano sul sito "è la base per la rivendicazione di una presenza islamica significativamente precoce a Shanga". La Moschea del Venerdì ha subito numerose ricostruzioni ed espansioni durante il suo tempo prima che fosse distrutta e abbandonata nel XV secolo.
La Moschea del Venerdì ritrovata oggi è in uno stato di rovina. Eppure i resti attuali hanno contribuito molto alla comprensione del layout generale della moschea. La sala principale della moschea (musalla) ha una pianta rettangolare con pavimento in gesso. A differenza delle case della città di pietra, le moschee avevano finestre in un punto. La Moschea del Venerdì ha anche resti di un minbar, le cui dimensioni sono approssimativamente di circa 3,3 x 1,1 m. Al di fuori della moschea ci sono cortili sia all'estremità orientale che a quella occidentale. Il cortile occidentale era diverso dal cortile orientale per il fatto che conteneva un pozzo. Si ritiene che il cortile occidentale fosse utilizzato come zona lavaggio. Anche vicino al pozzo c'è un grande spazio triangolare che un tempo serviva da due stanze. Lo scopo di queste stanze è ancora sconosciuto.
Gli scavi nella Moschea del Venerdì rivelano una serie di diciassette fasi sottostanti. La moschea stessa è stata costruita su diverse strutture più antiche in legno e pietra. Secondo i test al radiocarbonio, la prima moschea costruita sul sito risale all'VIII secolo. La prima moschea avrebbe poi subito una serie di ricostruzioni nei successivi 200 anni che alla fine portarono alla costruzione della Moschea del Venerdì. La prima data al radiocarbonio estratta dalla moschea appartiene a un ceppo di albero bruciato, che risale al 703-848 d.C. L'ultima data al radiocarbonio va dal 1002 al 1106 d.C. ed è stata ottenuta da uno strato di carbonio sotto il pavimento della moschea.
Questa sequenza di edifici è significativa perché in nessun altro posto in Africa orientale si trovano prove archeologiche così suggestive del primo Islam in Africa orientale. Finora gli studiosi dovevano fare affidamento su iscrizioni sparse, tutte successive alla sequenza Shanga, e sugli scritti di autori come al-Masudi, al-Idrisi, Yakut e Ibn Said. Di questi, solo al-Masudi era un osservatore contemporaneo che scriveva già nel X secolo. Alcuni archeologi sostengo che tutte le strutture inequivocabilmente sono moschee, in base allo sviluppo evolutivo della sequenza, l'orientamento degli edifici generalmente verso la Mecca, il cubito dell'edificio, l'aspetto di caratteristiche simili a mihrab e la presenza di sepolture islamiche nelle vicinanze risalenti all'inizio del tardo IX secolo. Altri, al contrario, dissentono affermando che queste caratteristiche non rendono, di fatto, gli edifici delle moschee.

La Moschea Orientale, la Moschea del Pilastro, si trova sul bordo del litorale in acque alte, e in effetti il muro posteriore della moschea è caduto con il versante meridionale. Il muro ovest e l'estremità sud del muro est sono caduti. Il mihrab è un semplice arco nel muro nord dietro il quale si trova una semplice abside. Sul muro direttamente sopra il mihrab si erge un pilastro di circa due metri. Mentre il pilastro della moschea Takwa è fiancheggiato e sostenuto da timpani in cima al muro, il pilastro della moschea Shanga si erge direttamente dal muro senza supporto laterale. Ci sono due finestre nella parete nord, un'altra caratteristica vista a Takwa, dove le finestre sono raddoppiate, e a Shaka e la grande moschea di Mwana, dove sembrano essere singole.

La moschea occidentale si trova a 185 metri a sud-ovest della Moschea del venerdì. Chittick ha descritto il mihrab in questa moschea come "incorniciato con ornamenti in gesso con motivo rabescato". Questo mihrab è crollato intorno al 1977 e sembra essere rotto in modo irreparabile o ricostruito. Horton pubblicò una fotografia del mihrab prima del suo collasso e una pianta e un'elevazione del mihrab. La pianta rivela una musalla fiancheggiata da anticamere orientali e occidentali, con strutture per le abluzioni a ovest. Il mihrab sembra essere un tipo classico. I suoi scavi in questo luogo hanno prodotto ceramiche nere su gialle sotto il pavimento della moschea.

Tombe e cimiteri
Horton ha identificato due cimiteri a Shanga, un gruppo di 29 tombe fuori terra e forse 70 in totale a nord della Moschea del Venerdì e un grande cimitero di quasi tre ettari con 289 tombe visibili. Altre tombe sono sparse nel sito. 

Tomba pilastro a Shanga. Isola di Pate, Kenya
Tomba pilastro a Shanga. Isola di Pate, Kenya
Shanga. Mosque ruins
Shanga. Mosque ruins


 

Bui

                               Bui si trova sul sentiero da Mtangawanda a Pate, dove il sentiero si apre sulle ampie distese di marea del Mto wa Bui. Il sito si estende fino al bordo del canale, ed è in questa zona che è esposta la maggior quantità di ceramiche. Tra le migliaia di frammenti locali che disseminano l'area, la nostra collezione di superficie comprendeva 2 frammenti sgraffiato, 17 pezzi di celadon, 21 porcellane cinesi blu e bianche, 24 frammenti monocromatici islamici e due pezzi non identificati. C'era anche una lama di ferro e del vetro. Sebbene si potessero vedere tracce di altre strutture in pietra, l'unica rovina in piedi era una moschea, a sua volta molto rovinata. La maggior parte del muro ovest era caduto e circa metà del muro nord. Il mihrab è in gran parte distrutto, tranne l'abside, che è scanalata sotto la linea della sorgente. C'era un'anticamera orientale, e il pozzo e la cisterna erano all'estremità sud-orientale di questo. Horton riferisce che gli scavi di Wilding hanno prodotto distinti depositi dell'ottocento e del quindicesimo secolo a Bui. Porzioni di Bui furono apparentemente distrutte dalle attività di esplorazione petrolifera.


Siyu Fort, Pate Island, Lamu Archipelago
Siyu Fort, Pate Island, Lamu Archipelago

 

Siyu

                               L'insediamento contemporaneo e le rovine dell'antica Siyu si trovano a poco più di tre chilometri a nord di Shanga in un punto su un canale di marea che taglia in due l'isola di Pate in acqua alta. Le antichità consistono in un forte sul lato nord del canale di marea e la moschea all'interno, e i resti del vecchio insediamento a sud-est, che comprende le due moschee illustrate da Garlake, alcuni resti di case, alcune tombe e resti delle mura della città vecchia.

I musei nazionali del Kenya hanno svolto lavori di conservazione e restauro a Siyu, concentrandosi principalmente sul forte di Siyu e sulla moschea all'interno. Le mura e le merlature del forte, costruito all'inizio del XIX secolo, sono state ricostruite. La moschea all'interno del forte è una piccola struttura quasi quadrata, con un unico pilastro che sostiene due arcate trasversali, che conferisce all'edificio una sorta di effetto a due camere. I musei nazionali del Kenya hanno riparato il mihrab. Si tratta di un elemento circondato da una cornice pannellata in bassorilievo sull'architrave e sui pilastri, e con nicchie ad arco singolo in ogni lesena. Quattro pannelli poco profondi abbelliscono la faccia di ciascun blocco di stipite, sopra il quale si elevano gli ordini di archi semicircolari su palafitte. Le pareti laterali e posteriori della moschea sono cadute, ma restano il muro nord e gli archi centrali paralleli.

Dall'altra parte del canale di marea poco profondo nella comunità di Siyu si trovano i resti dell'antica città. Una piccola moschea con una piccola camera a livello del tetto nell'angolo nord-est della struttura è di un certo interesse. Questa moschea è in buone condizioni, anche se tutto tranne il terzo occidentale del tetto è caduto. I musei nazionali del Kenya hanno effettuato riparazioni. Il punto focale della camera principale è il mihrab, notevole per la sua attenzione ai dettagli. Delicate modanature incorniciano i pannelli poco profondi dell'architrave, ciascuno dei quali misura solo due o tre centimetri di larghezza. La faccia dei blocchi di stipite è rivestita in modo simile; in alto si elevano gli archi a palafitta e gli archi interni trefoliati. Una cornice stretta ammorbidisce il passaggio dall'architrave ai pennacchi, all'interno dei quali si trovano due sottili borchie circolari di corallo. L'abside è scanalata sotto il molleggio, quindi i membri a mensola salgono fino a scanalature terminali da una spina centrale, un modello visto in alcune delle moschee di Pate. Le strutture per le abluzioni sono a sud, da cui si accedeva alla moschea attraverso due porte ad arco.

Resti di case e tombe punteggiano l'area. Delle case, diversi muri sono quasi a tutta altezza, ma nessuno di questi è stato esplorato per i dettagli. Le tombe, nella stessa zona, comprendono una con pilastro ottagonale, le cui pareti erano interrate e ricoperte di cespugli. Nelle vicinanze c'era un'altra tomba a pilastro, con un pilastro rotondo e pareti con estremità ascendenti. Una terza tomba è a cupola, con una porta nella parete ovest e inserti a coppa che coprono quasi tutto lo spazio disponibile sulle pareti ovest, nord ed est. Il muro sud è semplice, presumibilmente perché un'altra tomba a cupola più piccola a sud era già in posizione quando questa tomba fu costruita. Due piccole ciotole furono poste nei pennacchi della porta ad arco, e ciotole più grandi furono collocate nella cupola. Direttamente sopra la porta, alla base della cupola, c'erano quattro piccole ciotole, tra le quali poteva esserci un'iscrizione in pietra.

AH 1270, 1853-54 d.C., ma la lettura non è confermata. Tra le altre, c'è una grande tomba a cupola con un ingresso orientale e una tomba molto in rovina, una volta a cupola, forse alla moda delle tombe Pate con bassi tetti piramidali. Questa tomba è apparentemente ancora un oggetto di pellegrinaggio al popolo di Siyu.


Atu Cemetery
Atu Cemetery

 

Atu

                               Atu si trova a circa metà strada tra Chundwa e Siyu, ma fuori dal sentiero principale a est, a circa 100 metri dall'acqua alta e dalla linea delle mangrovie. Ad Atu ci sono una moschea e un gruppo di tombe. La moschea aveva due file di due pilastri, creando tre navate, con la camera delle abluzioni a sud. Il mihrab è curiosamente incassato nelle pareti e l'abside è quadrata; accanto al mihrab c'era un minbar in muratura a gradini. Alla musalla si accedeva da un'unica porta nella parete est, o attraverso la stanza meridionale; il muro occidentale è caduto.

Circa 150 metri o meno a sud della moschea ci sono le tombe, etichettate dalla parte più orientale:
A. Una tomba a tre gradini, 2,17 metri sul lato est e 3,18 metri sul lato nord, orientamento 5 °.
B. Una tomba a quattro gradini, 4,00 metri a est e 3,50 metri sul lato nord, orientamento 5 °. Questa tomba è degna di nota per i suoi ripidi angoli inclinati e ricurvi verso l'interno sopra i gradini.
C. Una tomba a tre gradini, 4,23 per 2,82 metri, orientamento 10 °. Interessante per la sua piccola lapide sulla lunga parete est, con un'iscrizione incastonata.
D. Una tomba a quattro gradini con due semplici recinti a est. La tomba D misura 4,40 di 2,70 metri, da est a nord, orientamento 355 °.
E. Ampia tomba a gradini del tour, che misura 5,70 per 2,75 metri, orientamento 357 °.
F. Si tratta di una tomba a cupola con tetto troncopiramidale, costruita all'interno con tre elementi a mensola che fanno il passaggio da muro a cupola. C'è un ingresso sporgente a nord, che consente l'accesso alla tomba attraverso un portale esterno dalla sommità quadrata e un portale interno ad arco. In pianta la tomba assomiglia quindi a una piccola moschea, ma con un'uscita attraverso l'abside piatto. A parte questa curiosa appendice, questa tomba ricorda alcune delle tombe di Pate e Siyu. Il suo orientamento è di 5 °.
G. Una tomba a quattro gradini a sud della tomba F, 3,43 per 2,89 metri, orientamento 352 °.
Le facciate delle tombe sono basse rispetto alle larghezze delle pareti, che raramente superano i 65 centimetri circa. Fatta eccezione per la tomba B, pubblicata da Allen, anche le estremità dei gradini agli angoli e le loro alzate sono relativamente basse, queste ultime a volte fino a 5 o 6 centimetri.


Chundwa Pillar
Chundwa Pillar

 

Chundwa

                               La famosa moschea Chundwa (Standard Swahili, Tundwa) si trova un po 'fuori dal villaggio sul sentiero Faza. È interessante per i suoi 18 ordini di archi bassi e stretti e le cavità per oltre 50 ciotole nella parete nord. Rimangono porzioni di due di queste ciotole, entrambe del diciottesimo o diciannovesimo secolo. La moschea ha tre navate e un'area per le abluzioni meridionale. Il mihrab e il muro di qibla della moschea sono ancora in piedi, ma l'ovest e la maggior parte dei muri est sono caduti. Il suo orientamento è di 357 °.

Nella città c'è il pilastro Chundwa, una colonna tonda affusolata alta circa quattro metri (Allen 1974: Fig. 7, Wilson 1980: Tav. 69). Una panchina o una base nella parte inferiore ha un diametro di 1,7 metri, mentre la base del corpo principale del pilastro ha un diametro di 1,1 metri. Tre pozzi in muratura con spazi aperti tra di loro tengono la sezione superiore sopra il corpo del pilastro, e in cima c'è un terminale conico. Vicino a Chundwa, proprio ai margini della città sul lato della strada Faza, c'è un cimitero con tombe a gradini, alcune delle quali hanno facciate est insolitamente lunghe. A est della città sul sentiero Kizingitini ci sono una moschea e delle tombe. La moschea è molto scomposta, ma il fondo dell'abside era decorato con stretti pannelli verticali incassati, mentre la semicupola aveva disegni di archi, cerchi e una girandola a quattro razze, tutte in bassorilievo. Alcune delle tombe vicine erano tipi poco interessanti di gradini o semplici recinti bassi, ma una era una tomba a pannelli in cui un pannello veniva lasciato aperto come una piccola finestra.


 

Kizingitini

                               A Kizingitini il team NMK ha trovato solo due tombe di pietra, una delle quali aveva le estremità dei gradini di sei o sette colonne montanti, creando un'alta sovrastruttura su un muretto.