Translator
Translator

Tribù Mijikenda


Mijikenda peoples
Mijikenda peoples

MIJIKENDA.

Mijikenda è un nome comprensivo con cui si designano nove importanti gruppi etnici che vivono sulla costa dal sud della Somalia al nord della Tanzania. La grande maggioranza vive in Kenya.

Il nome significa le "nove città" e deriva dal Kiswahili. Mji (Midzi in giriama) significa città (miji è il plurale), kenda (chenda in giriama) è l'antico nome di origine Bantu del numero nove (oggi il Kiswahili usa tisa, dall'arabo).

La parola miji sembra riferirsi non tanto a città specifiche, ma piuttosto a dei luoghi santi, i kaya. Questi erano boschetti abitati dagli antenati, e quindi città in senso lato. Ogni gruppo degli mijikenda ha la sua kaya.

 

Originariamente le nove tribù dell'etnia Mijikenda, con altri gruppi di etnia Bantu, erano stanziate nella terra di Shungwaya, *** sulle colline Galla Hills a sud della odierna città di Erer in Etiopia. Con ogni probabilità vi erano giunti dal cuore dell'Africa, dove si hanno notizie del primo regno Bantu fin dal decimo secolo.

Si trattava di famiglie con governi a regime matriarcale e con consigli di anziani (Vaya) che erano deputati a parlare con le anime dei morti per prendere le decisioni più importanti riguardanti la comunità. Intorno al 1300, a causa dell'invasione dei Galla (Oromo) di ceppo cushitico, i Mijikenda migrarono lungo l'entroterra della costa keniota. Un'altra branca di Bantu invece scelse il nord del Paese. I Kikuyu, ad esempio, si instaurarono alle pendici del Monte Kenya.

 

Una nota leggenda Mijikenda vuole che le famiglie principali giungessero nell'attuale Kaloleni, dove trovarono colline fertili simili a quelle di Shungwaya, alla confluenza di quattro fiumi. Qui il grosso vaso che trasportavano, con i cimeli sacri e gli oggetti più preziosi della comunità (vaso chiamato "mgiriama") secondo la leggenda si ruppe in nove cocci. Ad ognuna delle famiglie fu consegnato un pezzo, su cui era contenuta l'indicazione di dove sistemarsi e creare la propria kaya, ovvero il luogo sacro nel bosco dove pregare e compiere riti.

I Digo raggiunsero la costa sud, oltre Mombasa, i Duruma proseguirono fino all'attuale piana di Mazeras, mentre le altre tribù si sistemarono in villaggi non distanti da Kaloleni.

Il villaggio di Kayafungo divenne la kaya dei Giriama, la tribù più popolosa, ed il luogo sacro per eccellenza. Il dialetto giriama è la lingua comune dei Mijikenda e, a parte i Digo che nei secoli l'hanno mescolato con il Kiswahili e i Duruma che utilizzano parole del dialetto Akamba, il giriama è compreso e parlato da tutte le nove tribù.

 

La leggenda narra anche di una profetessa, venerata dai Mijikenda, di nome Mepoho, vissuta intorno al 1500. Durante un rito sacro compiuto sotto un grande albero Mbambakofi a Kaloleni, Mepoho avrebbe vaticinato l'arrivo di un popolo con la pelle chiara e i capelli "come fibre di sisal", che avrebbe soggiogato definitivamente il suo popolo. Dopo questa predizione, la profetessa secondo le credenze popolari Mijikenda venne inghiottita dalla terra.

Il popolo Mijikenda da lì a poco avrebbe sperimentato sulla sua pelle la tratta degli schiavi, che già dal 1200 li utilizzavano per i lavori di fatica, e poi dai primi europei giunti sulle coste del Kenya.

 

Alla fine del Diciannovesimo secolo, con l'inizio della colonizzazione britannica, i Mijikenda e particolarmente i Digo delle zone di Mombasa e i Giriama in quella di Malindi, sono costretti alla mezzadria con tasse sempre più alte. A Malindi, particolarmente, il Prefetto dell'Impero Britannico Arthur Champion, si segnalava per diversi abusi di potere. Una donna del popolo Giriama, Mekatilili Wa Menza, nel 1914 organizzò una sorta di resistenza e i primi scioperi. Dopo un'imboscata tesa a due soldati britannici, la donna fu catturata e deportata in un campo di lavoro a Kisii, oltre mille chilometri da Malindi. La donna dopo alcuni mesi riuscì a fuggire e tornare a piedi nell'entroterra di Malindi, dove riorganizzò la resistenza. Dopo altre battaglie, l'Impero Britannico, indebolito dalla Prima Guerra Mondiale, decise di scendere a patti con i Giriama. Fu la vittoria di Mekatilili, che si ritirò nel villaggio di Bungale, 70 chilometri nell'entroterra di Malindi, dove morì nel 1925 all'età di 70 anni e sepolta in un sacrario. Non è stata riconosciuta tra i combattenti kenioti per la libertà fino al 20 ottobre 2010.

Ogni anno, la seconda domenica di agosto, il popolo Mijikenda, celebra la sua eroina popolare con una grande festa a cui partecipano i leader spirituali delle nove tribù. Una statua d'ebano di Mekatilili Wa Menza è stata posta nel 2011 nel centro di Malindi, Uhuru Garden (rinominato Mekatilili Garden), in un'apposita nicchia. Dal 2004, la Malindi District Cultural Association (MADCA) fondata dall'avvocato Joseph Karisa Mwarandu si occupa del recupero e della salvaguardia delle tradizioni culturali, popolari e musicali dei Mijikenda. La sede dell'associazione è a Malindi.

 

Kaya

I kaya furono le prime fattorie dei popoli di Mijikenda dopo il loro esodo da Singwaya. La tradizione orale afferma che furono i Digo i primi a migrare verso sud e stabilire il primo kaya. Il periodo dopo la costituzione del kaya e ritratto come tempo di stabilità da queste tradizioni orali, questo periodo si è concluso nella metà della fine del XIX secolo con l'ascesa del colonialismo.

Il kaya rappresentava anche un importante simbolo politico per i popoli Mijikenda, nonché un importante simbolo culturale.

Il simbolismo politico del kaya ha anche giocato una parte nella resistenza al colonialismo per i Mijikenda.

A volte, durante la fine del XIX secolo, i popoli di Mijikenda cominciarono a lasciare le loro case e sistemare i kaya altrove. Il layout degli insediamenti dei kaya era di solito in posizione centrale, dedicati alla leadership e al culto, con altre aree dedicate alle cerimonie d'iniziazione, aree per lo sviluppo della magia e della medicina e aree dedicate alle sepolture e all'intrattenimento che li circondavano.

Le foreste kaya che circondavano l'insediamento agivano, come tutt'ora agiscono, come un tampone tra l'insediamento stesso e il mondo esterno.

Mentre crescevano le popolazioni di questi kaya, cresceva la sicurezza che portò ad un periodo di stabilità e permise ai Mijikenda di diffondersi verso le coste e verso sud lungo il confine della Tanzania. Alla fine tutti i nove kaya originali furono abbandonati mentre i Mijikenda si stabilirono altrove, ma l'importanza di questi kaya non diminuì poiché erano ancora ritenuti, come oggi, luoghi sacri.

 

Il sistema delle kaya (bosco sacro) è infatti vivo ancora oggi. Famosa è la kaya dei Digo, uno dei nove gruppi. Solo gli anziani della Vaya Society possono entrare nella kaya e presentare le preghiere della comunità. Gli anziani danno anche dei responsi sulle questioni sociali. Nessun politico oserebbe presentarsi alle elezioni senza il permesso della kaya.

Negli ultimi anni, alcuni musei nordamericani hanno restituito le statue degli antenati rubate in alcuni di questi boschi sacri, rendendo possibile ancora una volta il proprio culto degli antenati.

 

I gruppi

• Wadigo

• Wachonyi

• Wakambe

• Waduruma

• Wakauma

• Waribe

• Warabai

• Wajibana

• Wagiriama

Nelle lingue mijikenda, il prefisso wa- sta a significare il plurale di persona, per cui wagiriama vuol dire i (le persone) giriama.

 

*** Shungwaya (o Singwaya) è un mito circa l'origine dei popoli Mijikenda. Tradizioni conosciute collettivamente come il "Mito Shungwaya" descrivono una serie di migrazioni di popoli Bantu che risalgono al XVI-XVII secolo da una regione a nord del fiume Tana e ;da varie altre parti della costa somala settentrionale, da dove sono stati sospinti verso sud dai Galla (Oromo) e raggiunto il Kenya. Questi migranti parlavano le cosiddette Lingue Sabaki (così denominate ;per il fiume Sabaki, sono lingue Bantu della Costa Swahili). Il Kiswahili, Kiwilwana, Kipfokomo, Kimijikenda e Shikomori sono Lingue Sabaki.

Questa visione delle origini del popolo Mijikenda è stata sostenuta da Thomas Spear nel libro The Kaya Complex, ed è stata confermata anche da molte tradizioni orali Mijikenda. Inoltre, la tradizione orale afferma che la precisa ragione per cui i Galla allontanarono i Mijikenda da Singwaya fu l'omicidio di un Galla Tribesman da parte di un giovane Mijikenda e le tribù Mijikenda rifiutarono di pagare indennizzi ai Galla.

Invece, secondo chi scrive, i Mijikenda lasciarono la regione per evitare mutilazioni e schiavitù da parte dei Galla-Oromo che, nelle regioni che conquistavano durante le loro guerre, erano particolarmente feroci e crudeli con il popolo. Tuttavia è stato anche teorizzato che i popoli Mijikenda possano avere origine negli stessi luoghi in cui attualmente risiedono.

La leggenda delle loro origini non serve solo come cronaca di una vera e propria migrazione che è avvenuta in un momento specifico in un luogo reale, ma serve anche come narrazione di una migrazione mitica che ha avuto luogo attraverso una cultura di origine comune. Tutto ciò promuove una maggiore unità tra i nove gruppi etnici che costituiscono il popolo Mijikenda.

Singwaya è considerata dai Mijikenda come loro punto di origine comune e luogo di nascita della loro lingua e tradizioni.

Shungwaya sembra aver avuto il suo periodo d'oro come un insediamento di Bantu tra il XII e il XV secolo, dopo di che è stato sottoposto ad una invasione a pieno titolo dei popoli Oromo del Corno d'Africa di lingua cushitica.

Vi è controversia se gli antenati degli odierni Kamba e Kikuyu del Kenya provenivano da Shungwaya, ma sembra molto probabile si siano separati da lì qualche tempo prima dell'attacco degli Oromo. È stato suggerito, infatti, che i Kikuyu si diffusero nei loro territori attuali dal 1400 al 1800.

 

Kaloleni, Kilifi County
Kaloleni, Kilifi County

JIBANA.

I Jibana o Dzihana sono un gruppo etnico del Kenya e un sottogruppo del Mijikenda .

Circa 75.000 persone appartengono a questo gruppo e tutti parlano il kijibana.

La comunità di Jibana vive a Kaloleni nella contea di Kilifi.

Proprio come le altre comunità di Mijikenda, hanno un clan organizzato che traccia la loro origine dagli antenati antenati. Le attività economiche sono principalmente agricole, cacciatori, raccoglitori e custodi di bestiame.

La maggior parte delle persone di Jibana dipendono dalla produzione di mais come loro sostanziale cibo.

Il loro sistema politico consiste in una famiglia in cui il padre è la testa. Il padre è responsabile della fornitura di cibo e sicurezza alla famiglia, nonché di un consigliere. Religiosi, sono credenti tradizionali che credono a Dio chiamato Mulungu e eseguono le loro preghiere nei sacrari santuari conosciuti come Kaya. Oggi, parte di loro ha adottato religioni straniere di cui il cristianesimo è dominante (Religioni etniche 70%, Cristianesimo 20%, Islam 10%).

Giriama people from Malindi, Kenya performing traditional dance
Giriama people from Malindi, Kenya performing traditional dance

GIRIAMA.

I Giriama (chiamati anche Giryama) sono uno dei nove gruppi etnici che costituiscono i Mijikenda.

Essi abitano l'area confinata con le città costiere di Mombasa e Malindi, e le città interne di Mariakani e Kaloleni .

I Giriama sono uno dei più grandi gruppi della gente Mijikenda nella zona di riserva della costa nordorientale del Kenya.

I Giriama sono suddivisi in clan che includono Thoya, Mweni, Nyundo, Nyale e così via.

 

Fino ad oggi, i Giriama hanno esteso il proprio spazio di vita alla costa. Adesso sono una grande parte dei dipendenti dei servizi nei centri turistici in crescita.

I programmi di istruzione avviati dallo Stato hanno incluso la costruzione di scuole primarie centrali lungo la strada costiera. La frequenza scolastica è diventata obbligatoria anche per le ragazze fino ad un'età di 12 anni.

La continua migrazione di Giriama in luoghi come Takaungu e Mtwapa ha permesso loro di accedere al lavoro retribuito, divenendo quindi parte delle risorse di manodopera, una volta dominate dai Chonyi.

Il rapporto tra Giriama e altri gruppi di Mijikenda come Ribe, Rabai, Digo e Duruma è piuttosto sciolto e riservato. I Kamba e i Jigana si sono mescolati con la popolazione costiera negli ultimi decenni. Solo pochi villaggi potrebbero sostenere di non essere stati soggetti a mescolanze etniche. Inoltre, anche i Kauma furono assimilati.

L'area intorno al Creek di Kilifi è abitata quasi al 90% da Giriama. Il loro linguaggio è chiamato Kigiriama, o Kigiryama, ed è un sotto-linguaggio del Kimijikenda.

I nove gruppi di Mijikenda parlano linguaggi strettamente connessi, in quanto facenti parte dello stesso gruppo di etnia Bantu, che è lo stesso gruppo appartenente al più noto Popolo Swahili.

I Giriama coltivano la terra per venderne i prodotti e partecipare all'agricoltura di sussistenza.

La gente Giriama crede nel possesso spirituale (vedi Tribù Giriama) .

Digo dance
Digo dance

DIGO.

I Digo sono un gruppo etnico e linguistico situato vicino alla costa dell'Oceano Indiano tra Mombasa nel Kenya meridionale e Tanga nel nord della Tanzania.

Nel 1994 la popolazione Digo è stata stimata in 305.000 persone, di cui 217.000 che vivono in Kenya e 88.000 (stima 1987) in Tanzania.

Le persone Digo parlano il linguaggio Digo, chiamato Chidigo, un linguaggio Bantu.

Fanno parte del più grande gruppo etnico dei Mijikenda che contiene nove piccoli gruppi o tribù, tra cui i Duruma, Giriama e altri.

Le donne di Digo fanno una enorme quantità di lavoro ma sono esclusi dalla partecipazione alla politica, alla religione, alle parentesi e alle principali transazioni economiche.

(Vedi anche Tribù Digo) .

Duruma Tribe
Duruma Tribe

DURUMA.

I Duruma sono una delle nove tribù di Mijikenda ('nove città') del Kenya. Vivono sulla costa dell'Oceano Indiano, lungo l'autostrada Nairobi-Mombasa sud fino al confine con la Tanzania.

La tribù Duruma si è evoluta nei secoli XVII e XVIII e conta circa 183.000 abitanti. I Duruma sono stati formati dalla fusione di tre gruppi separati, uno dei quali aveva collegamenti Shungwaya. Questi erano Digo persone di Kaya Kwale che sono venute prima seguite dagli schiavi dei rifugiati che sono fuggiti da Mombasa e poi entrati in contatto con gli immigrati Kamba.

I Duruma sono molto vicini alla lingua e alla cultura Rabai, un altro popolo di Mijikenda che vive a ovest di Mombasa. Essi mantengono la loro identità etnica e la loro lingua, la loro vita tradizionale agricola di coltivatori e il bestiame. Producono anche tabacco, che serve anche come moneta contante.

Alcuni Durama sono pescatori, mentre altri sono uomini d'affari. Inoltre hanno negoziato con il popolo swahili e gli arabi e hanno mantenuto i loro contatti commerciali.

La kaya è un luogo sacro nella foresta, dove si tengono riunioni speciali e riti di passaggio. I Duruma e i Rabai differiscono da altri Mijikenda mantenendo un sistema di doppia discesa: sia matrilineale che patrilineale. I Duruma sono considerati circa il 30% cristiano.

Duruma è un insediamento nella contea di Kwale in Kenia. Chi-Duruma è il dialetto locale del linguaggio Mijikenda.

La missione del Dr. Krapf in Rabai
La missione del Dr. Krapf in Rabai

RABAI

Il popolo Rabai è conosciuto come Warabai e il loro linguaggio come Kirabai in Kiswahili. Sono una delle nove tribù conosciute come Mijikenda.

 

Rabai, chiamata anche Rabai Mpya, è una località storica nella contea di Kilifi, Kenya, a circa 12 miglia a nord-ovest della città di Mombasa. È il primo posto in Kenya dove i missionari della Chiesa Missionaria (CMS) hanno istituito una missione cristiana.

 

Johann Ludwig Krapf (11 gennaio 1810 - 26 novembre 1881) era un missionario tedesco in Africa orientale, nonché un esploratore, un linguista e un viaggiatore. Krapf ha giocato un ruolo importante nell'esplorare l'Africa orientale con Johannes Rebmann. Erano i primi europei a vedere il monte Kenya e il Kilimanjaro. Krapf ha anche svolto un ruolo fondamentale nell'esplorazione della costa orientale dell'Africa.

Johann Ludwig Krapf venne a Rabai nel 1844 con la moglie incinta Rosine, che aveva sposato in Egitto. Poco dopo il 9 giugno 1844, sua moglie morì di malaria. Al momento della sua morte, Krapf era anche ammalato e il neonato appena nato morì 3 giorni dopo. Sono stati sepolti a Rabai. Nel 1846 Krapf insieme a Johannes Rebmann fondò una missione a Rabai. Il dottor Krapf ha appreso le lingue locali e tradotto la bibbia in Kiswahili.

 

Il museo Krapf, conosciuto anche come il Museo Rabai, è stato fondato in memoria di Krapf e del suo lavoro nella zona. Il festival Rabai è un evento annuale che si tiene a novembre per celebrare la storia, la vita e la cultura dei Rabai e della loro piccola città.

CHONYI

I Chonyi, chiamati anche Achonyi (una persona di questa tribù può anche essere indicata come un Mchonyi), sono una delle tribù più piccole del Mijikenda sulla costa del Kenya.

Le loro popolazioni si trovano nei villaggi di Lutsangani, Chidutani, Kolongoni, Dzitsoni, Bundacho, Ziani, Karimboni, Chasimba, Galanema, Mwele, Chigojoni, Dindiri, Junju, Katikirieni, Podzoni, Mwarakaya, Pingilikani, Vwevwesi, Mafisini, Ng'ombeni, Chizingo, Chikambala, Chengoni, Chije, Banda-ra-Salama e Mbuyuni. Essi si trovano anche nelle recenti aree di insediamenti di Kilifi District come Chumani, Roka, Maweni, Vipingo, Takaungu e Mtwapa.

 

Secondo un mito Chonyi, gli Achonyi provenivano da Singwaya (o Shungwaya), che era a nord della costa somala. Sono stati guidati o meglio cacciati a sud dagli Oromo fino a raggiungere i loro luoghi attuali lungo il crinale, dove hanno costruito i loro kaya in un ambiente protettivo.

La precisione storica di questo mito è un punto di controversia tra coloro che credono che i Mijikenda provengano da un punto unico nel nord e coloro che credono di non avere una sola origine, migrando principalmente dal sud.

Come le altre tribù di Mijikenda, i Chonyi vivono in insediamenti conosciuti come "kaya". L'originale "Kaya Chonyi" si trova su una collina boscosa. Nel centro della kaya vi erano santuari dove gli anziani o "atumia" pregavano a Dio o "Mulungu".

La musica tradizionale Chonyi, conosciuta come kiringongo, è caratterizza dallo xilofono, raro nella musica keniota.

 

La denominazione dei Chonyi è simbolica, per esempio, MBEYU è un nome di una ragazza mbeyu che significa semi per la piantagione. KARISA significa un ragazzo che è un pastore probabilmente nato quando sua madre era nel campo di pascolo. NYAVULA è un nome di ragazza che significa una stagione delle piogge, nato durante i periodi di pioggia. MOKOLI è un nome di ragazzo che significa una persona che è utile. Nomi sono spesso ripetuti anche nella famiglia. I nomi degli zii e degli zii del padre diventerebbero i nomi dei suoi figli, questo sarebbe ripetuto con a fianco il nome della famiglia della madre. Una volta utilizzati i nomi di entrambi i lati della famiglia, i genitori possono scegliere i nomi originali. Un altro fatto interessante circa i nomi è che il primo nome del padre diventerà il cognome del resto della famiglia. Un esempio potrebbe essere se il suo nome è KARISA MZUNGU, KARISA sarebbe l'ultimo nome dei suoi figli e moglie. Anche se è una tradizione per chiamare la tua famiglia in questo modo è una pratica che sta lentamente svanendo.