Translator
Translator

Tombe a pilastro e le città swahili


 

 

 

 

LAVORI IN CORSO


Rovine di Mnarani, Kenya
Rovine di Mnarani, Kenya

 

Il Kenya e la sua storia indigena

                                Sfortunatamente, la maggior parte di questa bella storia si perde in narrazioni alterate, copioni persi e scarsa conservazione. Ma come voleva il destino, alcune cose erano troppo forti perché anche il tempo potesse distruggerle. Queste antiche rovine keniote ci permettono di vedere il Paese sotto una luce diversa da quella che ci è stata raccontata.

Puoi conoscere la storia di un luogo in diversi modi. Può essere attraverso la storia insegnata a scuola, la ricerca su Internet, il passaparola o sperimentandola di persona. Le rovine ti danno la possibilità di fare quest'ultimo passo, ottenendo così una migliore comprensione della storia sottostante. Puoi vedere, sentire e immaginare cosa è successo nei luoghi prima della loro distruzione. Se ti capita di essere un viaggiatore che ama la storia delle tue destinazioni, allora queste cinque antiche rovine keniote devono essere nella tua lista dei desideri.

Shanga mosque ruins
Shanga mosque ruins

 

Rovine di Shanga

                                Le rovine di Shanga si trovano al largo della costa keniota sull'isola di Pate, che fa parte dell'arcipelago di Lamu. La maggior parte le vede anche come un sito archeologico. Sono tra le meno visitate delle antiche rovine keniote. Sono ciò che resta di un antico insediamento swahili che risale all'VIII secolo. Sebbene un capitano Chauncey Stigand abbia scoperto le rovine all'inizio del XX secolo, fu solo nel 1950 che la ricerca archeologica e gli scavi iniziarono sotto il dottor James Kirkman.
Nonostante le prove schiaccianti di primi insediamenti arabi attraverso ceramiche, il capitano Stigand ha insistito sul fatto che gli swahili abitavano l'isola molto prima di allora. Gli arabi, tuttavia, entrarono nel villaggio e Sulaiman ibn Sulaiman ibn Muzaffar al-Nabhan, un poeta dell'Oman bandito dal suo paese natale dall'allora regnante Ya'Aruba, trovò asilo in questo piccolo villaggio e sposò la figlia del re di Pate. Successivamente, gli arabi iniziarono presto a commerciare e coesistere con i Washanga prima di impossessarsi finalmente della terra. Le rovine odierne mostrano i risultati di quell'acquisizione.
Ci sono resti di moschee, case residenziali, un centro commerciale e più di cento tombe di pietra. Potrebbe interessarti sapere che gli abitanti di Shanga usavano il corallo per costruire le loro case. Una visita qui ti dà un'idea di come doveva essere la vita prima dell'arrivo dei colonialisti. Nessuno conosce il vero motivo per cui gli abitanti abbandonarono l'insediamento nel XV secolo. Alcuni ipotizzano che potrebbe essere stato politico.


Fort St. Joseph. Mombasa
Fort St. Joseph. Mombasa

 

Forte di San Giuseppe

                                Sull'isola di Mombasa a Ras Serani vicino a Mama Ngina Drive (04 04'18.1" S - 39 40' 56.1" E), si trova un antico forte, o ciò che ne resta. Il Forte di San Giuseppe, una fortificazione a ferro di cavallo, i cui resti delle mura sono ancora in piedi, risale ad un'epoca antecedente alla costruzione di Fort Jesus. Alcune persone sostengono addirittura che il forte esistesse ancora prima che Vasco da Gama arrivasse a Mombasa nel XV secolo. Sebbene il sito fosse originariamente in uno stato di abbandono per molto tempo, ha recentemente attirato l'attenzione del governo keniota, nonché dei Musei Nazionali del Kenya.
La scoperta di una moschea del XIII secolo da parte degli scavatori di trincee che lavoravano su Mama Ngina Drive ha suscitato un nuovo interesse per la rovina.

Da Gama scrisse che "Mombasa è una grande città seduta su un'eminenza" di fronte al mare .... al suo ingresso si trova una colonna in riva al mare una fortezza bassa. Questo antico luogo fu probabilmente raso al suolo quando Mombasa fu saccheggiata dai portoghesi nel 1500.
Nel 1585 il governatore ottomano dello Yemen, Hasan Pasha, inviò il suo capitano, per alcuni un terribile pirata, di nome Emir Ali Bey sulla costa keniota. Passando dal Golfo di Aden al continente nero, la marina turca al comando dell'emiro giunse a Mombasa, seguendo la strada di Mogadiscio, Lamu e Malindi. Salutato dagli arabi locali come loro liberatore, Ali Bey portò la regione sotto la sovranità ottomana. Due anni dopo, i portoghesi attaccarono di nuovo Mombasa. Per questo, Emir Ali Bey nel 1589 tornò nella regione dove scoprì che una straordinaria tribù di antropofagi, allora conosciuta come Zimba, aveva invaso l'Africa orientale dallo Zambesi a Mombasa. Ali Bey si unì agli Zimba per sconfiggere di nuovo il nemico, rimosse i portoghesi e rimise la regione sotto il dominio ottomano. Gli Zimba proseguirono attaccando Malindi, ma il re di quella città si difese e, con l’aiuto della allora numerosa, bellicosa e feroce tribù dei Segeju, riuscì a fare di loro una carneficina. I portoghesi poterono così riprendere Mombasa dalle mani delle truppe ottomane e della gente del posto. Emir Ali Bey fu fatto prigioniero, alcuni affermano che morì durante gli scontri.
Tuttavia i portoghesi ingrandirono il forte di Ali Bey, gli diedero il nome di Forte San Giuseppe e costruirono una cappella all'interno delle mura, la cappella di Nossa Signora das Merces. Per quanto riguarda il suo nome originale, rimane un mistero. A pochi metri dal rudere principale si trova l'ingresso al passaggio sotterraneo che, secondo la leggenda, conduce al cortile centrale di Fort Jesus. Lo sbocco, tuttavia, se mai è esistito, non è mai stato trovato. All'inizio della guerra gli ingegneri fecero un ulteriore tentativo per trovarlo, ma senza successo. È rimasto ben poco di questo famoso e antico Forte St. Joseph.


Rovine di Jumba La Mtwana
Rovine di Jumba La Mtwana

 

Jumba la Mtwana

                                Nella contea di Kilifi, a circa 15 chilometri da Mombasa, si trova questo famoso sito di attrazione turistica chiamato Jumba la Mtwana. Il nome tradotto direttamente significa "la grande casa dello schiavo". Perché le rovine portano questo nome non è chiaro. Inoltre, non ci sono documenti scritti o narrazioni di questo luogo, quindi la maggior parte dei fatti proviene da stime archeologiche e dal passaparola.
Queste antiche rovine keniote testimoniano quelle che erano quattro case residenziali, quattro moschee e una tomba. Tutti risalgono al XIV secolo e sembrano essere stati un piccolo insediamento rispetto ai più grandi siti scavati. Nessuno sa perché gli abitanti abbiano abbandonato questo piccolo insediamento, figuriamoci perché lo abbiano scelto. Alcuni ipotizzano che fosse la disponibilità di acqua dolce, la fresca brezza e l'ombra degli alberi circostanti. Altri pensano che la difficoltà nell'ancorare grandi navi abbia fornito sicurezza dagli invasori esterni.


Rovine di Gedi
Rovine di Gedi

 

Rovine di Gedi

                                Le rovine di Gedi o Gede nella contea di Kilifi sono probabilmente una delle più celebri rovine del Kenya. Le rovine mostrano che Gedi fosse un insediamento molto civile e indipendente che risale tra la fine dell'XI e l'inizio del XII secolo. È anche il più grande dei primi insediamenti recuperati, insieme alle rovine di Ungwana sul fiume Tana. Secondo il dottor James Kirkman e altre ricerche archeologiche, Gedi è stato un importante centro commerciale per il commercio arabo e asiatico durante la sua esistenza.
Non ci sono, tuttavia, documenti scritti a sostegno di questa affermazione. Gli oggetti scavati da questo sito mostrano che gli abitanti vivevano una vita relativamente avanzata rispetto a quanto dice la storia della vita africana in quel periodo. Oltre all'architettura dettagliata, avevano strade ben definite, progetti e disposizioni di edifici e un chiaro ordine di politica, economia e religione. Avevano persino pozzi, forbici e una scatola di ferro. Queste cose sono solo una frazione delle vaste scoperte che Kirkman e altri ricercatori hanno scoperto da questo sito. Che sia ancora valido fino a questa data è un miracolo, e il motivo per cui i suoi abitanti ne siano fuggiti sarà sempre un mistero.


Rovine di Thimlich Ohinga
Rovine di Thimlich Ohinga

 

Rovine di Thimlich Ohinga

                                Sembra che la maggior parte della storia del Kenya risieda sulla costa. Tuttavia, una delle vecchie rovine del Kenya si trova all'estremità opposta della riva del mare. Thimlich Ohinga è un sito che contiene le rovine di un forte in pietra costruito nel XV secolo. Sfortunatamente, non esistono abbastanza ricerche o prove su chi ha costruito questa magnifica struttura. Alcune persone credono che i responsabili siano i relatori bantu del vicino Ruanda, Burundi e Sudan. Altri credono che la tribù Luo, che sono gli abitanti dominanti della regione, possa essere stata gli architetti del forte.
Thimlich nella lingua Dholuo significa "foresta fitta e spaventosa", mentre Ohinga significa "fortezza o insediamento". Da questi nomi, si può ipotizzare che la gente sperava che il forte tenesse lontani gli aggressori che abitavano in una foresta vicina. All'interno del forte ci sono i resti di quello che era un insediamento con corridoi, aree giochi, zone cottura e persino semplici fabbriche di ceramiche. Gli abitanti tenevano anche bestiame e avevano piccoli giardini, che contrassegnavano con muri di sostegno. Visitare questo sito ti aiuterebbe a vedere che l'Africa e il Kenya non erano così desolati come vorrebbero registrare i libri di storia.
Nel sito preistorico di Thimlich Ohinga, vedrai particolari recinti in pietra a secco del XVI secolo 
e una tradizionale fattoria Luo. Sono simili nella costruzione alle rovine che si vedono nel Grande Zimbabwe. Tali strutture sono diffuse nel Kenya occidentale. Sia i primi (bantu) che i successivi (nilotici) coloni nella regione costruirono nella  tarda età del ferro circa 520 di tali recinti in 139 località nella regione del Lago Vittoria introducendo questa tradizione di costruzione in pietra per soddisfare le loro esigenze di sicurezza sfruttando efficacemente le risorse ambientali date dalle abbondanti rocce sulle zone collinari. Una cosa che ti colpirà sono le mura abilmente costruite senza malta che torreggiano ancora tra 1,2 e 4,2 m nel cielo. Le pietre sono state collocate in un sistema ad incastro che ha migliorato la stabilità complessiva. Le pareti hanno uno spessore compreso tra 1 e 3 metri e abbracciano una serie di fosse di case e recinti per bestiame. Ciò rende il sito preistorico di Thimlich Ohinga un raro esempio di architettura difensiva della savana. Il concetto ha ispirato una tradizione che rimane senza rivali nell'Africa orientale. I suggestivi recinti in pietra incastonati tra gli alberi e gli arbusti di una collina in leggera pendenza e molto più boscosa di quanto non sia oggi, danno l'impressione di una foresta da lontano. L'Euforbia candelabro (Euphorbia candelabrum) che sovrasta tutti gli altri alberi e arbusti completa quell'illusione. Da questo punto di vista, puoi apprezzare perché la collina ha preso il suo strano nome, "Thimlich", che significa appunto "foresta fitta e spaventosa".

Thimlich Ohinga si trova 46 KM a nord-ovest della città di Migori, nella contea omonima - ex provincia di Nyanza, vicino alle miniere di Macalder nel circuito turistico sud-occidentale. Rappresenta una tappa perfetta se sei in viaggio da o verso il vicino Ruma National Game Park , le Gogo Falls o le miniere d'oro di Macalder.


Un senso di identità condivisa nello spazio urbano swahili

Un mondo di mistero a Gedi, Kenya
Un mondo di mistero a Gedi, Kenya

 

Architettura monumentale della tomba della costa swahili

                                Storicamente gli Swahili hanno occupato la stretta striscia di terre costiere che si estende dalle boscaglie della Somalia meridionale alle foreste tropicali del Kenya e della Tanzania, stabilendosi su isole al largo o vicino alle insenature di marea lungo la costa. Durante il tredicesimo, quattordicesimo e quindicesimo secolo, questi insediamenti formarono una catena di città-stato indipendenti, molte delle quali si svilupparono in importanti centri commerciali. Questo fu un periodo di sviluppo architettonico e urbano senza precedenti, di cui oggi sopravvivono solo resti sparsi. Una delle forme architettoniche più distintive ed enigmatiche che si sviluppò durante questo periodo furono le strutture associate alle sepolture.
Le tombe swahili rappresentano una sfida per chiunque cerchi di documentare e classificare le loro forme e significati architettonici specifici. Le città sopravvissute al periodo medievale sono state in gran parte ricostruite nel corso dei secoli, cancellando molte delle antiche strutture con uno sviluppo successivo. Allo stesso modo, lo sviluppo delle regioni costiere per il turismo internazionale ha contribuito alla distruzione di siti e strutture situati al di fuori dei moderni centri urbani. Molti insediamenti medievali sopravvissuti esistono solo come rovine ricoperte di vegetazione, spesso in aree difficili o luoghi remoti con accesso limitato, alcuni accessibili solo da dhow che devono penetrare in strette insenature di mare. Anche la sicurezza può essere una preoccupazione, con la possibilità di incontrare un animale vagante, banditi armati o uno qualsiasi dei numerosi serpenti velenosi che popolano le foreste costiere.
Fortunatamente la loro costruzione con corallo estratto e "coral rag" (pezzi di roccia calcarea composta da materiale antico della barriera corallina) legato insieme con malta di calce e poi ricoperto con un intonaco di calce, ha permesso loro di sopravvivere più a lungo di altre strutture tradizionali trovate lungo la costa costruite con il fango, legname e paglia. A volte, comprendono tutto ciò che resta di un sito swahili medievale un tempo prospero. La prevalenza della loro sopravvivenza può essere in parte il risultato della tradizione islamica popolare che afferma che i materiali utilizzati per una struttura religiosa non possono essere riutilizzati per un altro scopo. Ma la loro continua esistenza può essere correlata anche a concetti tradizionali africani che danno importanza alla presenza eterna degli antenati all'interno delle società africane. La relativa scarsità di queste strutture tombali e le risorse dedicate alla loro costruzione suggeriscono che coloro che vi furono sepolti erano una volta membri di spicco delle comunità swahili locali, governanti o più probabilmente influenti leader religiosi o importanti persone sante.

Tombe a pilastro e altri tipi di tombe con sovrastrutture in pietra sono state utilizzate all'esterno e all'interno degli insediamenti come parte integrante dell'esperienza sensoriale quotidiana dei paesi viventi. Le tombe a pilastro sono caratterizzate da un pilastro di pietra che le rende facilmente visibili quando si trovano all'interno del tessuto urbano delle città swahili e più monumentali in termini di dimensioni, proprietà che potrebbero anche aver consentito il loro potere commemorativo. Tuttavia, il ruolo specifico delle tombe a pilastro swahili come fenomeno di architettura mortuaria che si è diffuso lungo la costa dell'Africa orientale rimane irrisolto. 

La costa swahili si estende all'incirca da Mogadiscio in Somalia, verso sud attraverso il Kenya e la Tanzania fino a Capo Delgado in Mozambico e comprende un certo numero di isole nell'Oceano Indiano, incluso il nord del Madagascar. Il registro mortuario è costituito da tombe che hanno una sovrastruttura in pietra e tombe senza sovrastruttura. Le tombe possono essere trovate in numerosi siti lungo questi 2.500 km di costa. Fanno parte di una più ampia tradizione di costruzioni in pietra, che ha iniziato ad apparire sulla costa verso la fine del primo millennio d.C. e ha contribuito costantemente allo sviluppo della identità urbana swahili.
Le prime strutture in pietra ad essere costruite sulla costa swahili furono moschee che iniziarono ad essere erette intorno al X secolo d.C.

I dati mortuari per i siti urbani swahili sono disponibili dall'XI secolo in poi. Mostrano che i morti venivano sepolti all'interno o all'esterno delle città, a volte in una posizione molto centrale rispetto all'insediamento.
L'occasionale posizionamento centrale delle tombe non è eccezionale nel mondo musulmano. I cimiteri negli insediamenti urbani musulmani, a causa della loro santità, spesso mantengono la loro posizione centrale anche dopo l'espansione della città.
Le tombe sono state costruite isolatamente o in piccoli gruppi (di solito da 2 a 6), all'esterno o all'interno delle aree residenziali. In generale, possiamo dire che quelle tombe situate all'interno degli insediamenti possono essere trovate in associazione con edifici residenziali, accanto o vicino a moschee, su spazi aperti tra gli edifici o nei cortili aperti di edifici più grandi e che possono essere distintamente monumentali. La nuova pratica di costruire tombe deve aver avuto implicazioni sociali ed economiche, oltre a cambiare l'aspetto delle città swahili. È noto che elaborati funerali in Africa aumentano la circolazione del denaro e, pur rappresentando una spesa importante per alcuni, hanno creato opportunità economiche per altri, come muratori e intagliatori di pietre.

La ricerca approfondita di contesti mortuari sui siti swahili è in gran parte assente dall'archeologia dell'Africa sub sahariana. Le prime tombe a pilastro, cioè le tombe in cui la sovrastruttura presenta un pilastro, sono datate al XIII secolo d.C. e la loro realizzazione appare dopo l'inizio della costruzione di moschee in pietra e, in molti siti, è anche successiva all'inizio dell'uso della pietra nella costruzione di case o è approssimativamente coeva con essa. È interessante notare che tutti i primi siti di tombe conosciuti si trovano sulle isole, ma gli scavi non hanno sempre fornito materiale adatto per una datazione attendibile, è possibile quindi che, soprattutto per ricerche più antiche, le date stabilite siano approssimative.
Poiché sono costruite in pietra, in alcuni siti le tombe rappresentano le uniche caratteristiche che sopravvivono in superficie ed appaiono in prossimità spaziale ad altre strutture come componenti di complessi paesaggi urbani in pietra. Al contrario, in alcune sezioni di siti più grandi potrebbero sembrare isolate, forse a causa del fatto che sono stati costruiti tra strutture di canniccio che non sono sopravvissute in superficie.
Considerando il sito archeologico di Shanga (Isola di Pate), che è stato indagato mediante scavi in area aperta su larga scala, si stima che la proporzione della popolazione sepolta a cui sono state date tombe non sia stata superiore al 3% circa dei defunti durante l'intero periodo di occupazione.
I primi studi sono rappresentati al meglio da esempi tratti da Gedi (Gede), Mnarani e Kaole, dove furono condotti i primi scavi sistematici di tombe subito dopo la fine della seconda guerra mondiale. Ulteriori dati sulle tombe a pilastro sono stati portati alla luce mentre la ricerca si è intensificata con il lavoro sui siti in cui sono rappresentate, come Jumba la Mtwana, Kilwa Kisiwani in Tanzania e l'arcipelago di Lamu in Kenya.

Le due tombe a pilastro entro le mura della Moschea di Jumaa a Malindi
Le due tombe a pilastro entro le mura della Moschea di Jumaa a Malindi

 

Risorse costiere dell'Africa orientale: Kenya

                                La costa del Kenya è ricca di siti storici e archeologici, a testimonianza della sua lunga e piena storia che descrive secoli di cultura swahili. Vari resti di moschee e altri edifici riflettono diversi complessi di architettura islamica che utilizzano calce, pietra corallina e legno. Qualunque sia il sito, i resti storici possono comprendere moschee, gruppi di tombe situate all'interno o all'esterno delle mura della città, tumuli e muri delle case che rappresentano le vecchie case della città. Di seguito sono riportate brevi descrizioni dei principali siti archeologici di rilievo lungo la costa del Kenya sulla base di vari rapporti dei Musei Nazionali del Kenya.

Lamu, una delle zone più spettacolari, è stata citata negli scritti di Claudio Tolomeo nel II secolo d.C., da Masudi nel X secolo, Ibin Battuta nel XIV secolo e successivamente da Abu Mahasin. Tra i resti storici della zona ci sono Fort Lamu, Mkomani e Hidabu, molte tombe, case in rovina, oltre a buone collezioni nel Museo di Lamu. Ci sono anche molti edifici con antiche porte tradizionali in legno intagliato e molti lavori in gesso modellato, alcuni risalenti al XVIII secolo.

Pate è il più grande sito della costa. Ha otto moschee in rovina, numerose rovine di case e tombe. Questo è uno dei primi siti sulla costa, insieme a Manda e Shanga e ha un alto potenziale turistico.

Gedi, nella zona di Mida, è una città araba del XV secolo ed è stata dichiarata monumento nazionale. Una grande moschea, sei moschee minori, numerose grandi case, tombe a pilastro, tombe in pietra e le mura della città sono alcuni degli attributi più distintivi di questo magnifico sito. Più a sud c'è Jumba La Mtwana, un altro monumento nazionale con quattro moschee, numerose case e alcune tombe, nonché la casa del padrone di schiavi.

Un altro monumento nazionale è Takwa, sull'Isola di Manda. Questo sito ha un potenziale archeologico molto elevato, ben al di sopra della media a causa del numero di strutture sopravvissute. Questi includono una bella Friday Mosque e altre 148 strutture costruite in corallo, comprese le case, le mura della città con i portali e una tomba a pilastro con un'interessante iscrizione.

Ungwana, alla foce del Fiume Tana, nel settore centrale ha otto moschee tra cui una vecchia e una nuova Jamia e una moschea del Mihrab a cupola. Numerose sono anche le case e le tombe e le mura della città vecchia. Probabilmente, Ungwana è uno dei siti con il maggior potenziale di sviluppo per il turismo.

Le rovine di Malindi includono la Moschea Jemadari ***, le tombe a pilastro, un'antica cappella portoghese, il pilastro di Vasco da Gama (all'estremità meridionale del porto di Malindi data allo sceicco di Malindi, città vassalla del Sultanato di Kilva, in segno di gratitudine per la calorosa accoglienza ricevuta).

L'area di Mombasa ha molti siti e monumenti interessanti. Questi includono gran parte del centro storico di Mombasa, Fort Jesus (costruito dai portoghesi nel XV secolo), Fort St. Joseph, il pilastro di Baraki, il cimitero di Mazrui, le piccole postazioni fortificate dell'attuale campo da golf, le rovine della scuola Allidina Visram e altri piccoli resti di grande interesse turistico. Numerosi sono anche altri siti di potenziale turistico relativamente basso ma di notevole pregio architettonico.

A Siyu sull'Isola di Pate, il Siyu Fort, la città vecchia che comprende quattro moschee, molte case in rovina e tombe sono significative. Questa città è stata probabilmente fondata molto prima di quanto gli archeologi siano stati in grado di dimostrare fino ad oggi.

I resti di Mwana includono una bella cupola moschea, una fatiscente Friday Mosque, una piccola moschea con borchie scolpite e almeno un'altra moschea. Numerose sono anche le case dislocate su una vasta area e nelle vicinanze si trova un gruppo di belle tombe.

Ci sono molti altri siti lungo tutta la costa. Alcuni dei più emozionanti includono Ishakani con due moschee e varie tombe di eccezionale architettura nel sito principale, così come due gruppi di tombe periferiche con alcune delle più belle architetture funerarie sulla costa dell'Africa orientale. Mtwapa ha una grande moschea del venerdì, tombe e resti di oltre sessanta case, spesso ben conservate con raffinati dettagli architettonici. Mwana Mchama ha diverse case, una delle quali ha belle porte e nicchie di corallo tagliato e una moschea con una grande tomba addossata. Omwe ha due moschee molto in rovina e numerose tombe monumentali. Shanga (Isola di Pate), con le sue tre moschee, molte case in rovina e molte tombe, ha un grande potenziale archeologico.

*** La Moschea Jemadari si trova sul lato nord di Malindi, vicino al mare e al Malindi Golf and Country Club. Il design del mihrab è interessante per i suoi ordini di archi multipli altamente troncati; i suoi blocchi di stipiti rivestiti di pannelli, decorati con modanature a motivo di cavi. Sebbene il lato est della moschea sia sepolto e il lato sud sia caduto, la pianta della moschea era probabilmente del tipo a sei stanze: una musalla fiancheggiata su ogni lato da anticamere dietro la quale, sul fianco sud, c'erano tre stanze più piccole.

Siti swahili documentati con tombe lungo la costa dell'Africa orientale. La datazione delle singole tombe è più precisa e attendibile laddove sono stati effettuati scavi ed è più generale o assente laddove sono stati condotti solo rilievi. 

 

Luogo

Nazione

Datazione di tombe in pietra

Tombe a pilastro

Gedi o Gede - (Contea di Kilifi)

Kenya

XIV-XV secolo

(scanalata, esagonale, ottagonale)

Chwaka - (Isola di Pemba)

Tanzania

XV-XVI secolo

Manda (Arcipelago di Lamu)

Kenya

XVII secolo

Sì (distrutta)

Shanga - Isola di Pate (Arcipelago di Lamu)

Kenya

XIII-XIV secolo

(1 con scanalature e ciotola di celadon)

Siyu - Isola di Pate (Arcipelago di Lamu)

Kenya

XV-XVI secolo

Lamu (Arcipelago di Lamu)

Kenya

XIV-XV secolo

Sì (scanalata, dietro la Moschea)

Pate (Arcipelago di Lamu)

Kenya

XIV-XVII secolo

Takwa - Isola di Manda (Arcipelago di Lamu)

Kenya

XVI-XVII secolo

Dondo - (Contea di Lamu)

Kenya

XV-XVI secolo

Shee Jafari - (Contea di Lamu)

Kenya

? Precoloniale

Sì (caduta, ottagonale con ciotole)

Shee Umuro / Shee Omoro - (Contea di Lamu)

Kenya

? Precoloniale

Si, (almeno 2)

Mwindeni

Kenya

? Precoloniale

Sì (su una collina)

Kilepwa - (Contea di Kilifi)

Kenya

XIV-XV secolo

(con nicchie)

Omwe (Mambore) - (Contea di Lamu)

Kenya

XVI-XVII secolo

(almeno 3, con ciotole inserite)

Kiunga (Contea di Lamu)

Kenya

? Precoloniale

Sì, 3?

Ishakani (Contea di Lamu)

Kenya

XVI-XVII secolo

(circa 5)

Kiburugeni - (Contea di Kilifi)

Kenya

XV secolo

No

Mwana Mchama - (Contea di Lamu)

Kenya

XV secolo

Sì, 1

Shaka - (Contea Tana River)

Kenya

? Precoloniale

Sì, 1

Mwana  (Contea Tana River)

Kenya

 

 

Mwana Mariyamu Isola di Manda (Arcipelago di Lamu)

Kenya

? Precoloniale

Sì, 2?

Malindi - (Contea di Kilifi)

Kenya

XV secolo

Sì (vicino alla Moschea, con ciotole e nicchie)

Mambrui - (a nord di Malindi)

Kenya

XVI secolo

Sì (1 caduta, con ciotole in porcellana, 1 lapide a pilastro)

Mnarani - (Contea di Kilifi)

Kenya

XV-XVII secolo

Vanga 

Kenya

XIX secolo

Sì, 1 (pilastro da 1,5 m)

Ungwana - (foce fiume Tana) 

Kenya

XV-XVI secolo

Wasini - Isola di Wasini

Kenya

XIII-XVI secolo

Sì, 1

Shirazi - Kifundi (Contea di Kwale)

Kenya

XIX secolo

?

Munge

Kenya

? Precoloniale

No

Faza

Kenya

XV-XVIII secolo?

Kongo (Tiwi)

Kenya

?

No

Mombasa - (Mbaraki)

Kenya

XV-XVII secolo?

Sì (Mbaraki Pillar)

Jumba La Mtwana - (Mtwapa Creek, Contea di Kilifi)

Kenya

XIV-XV secolo

No

Kinuni

Kenya

XIV-XVI secolo?

Sì (ottagonale)

Ras Kiambone (Chiamboni)

Somalia

XIV-XVI secolo

Sì 4+2 crollate (con porcellana/ceramica)

Hannassa

Somalia

XIV-XVI secolo

Sì, 2

Myaandi

Somalia

XIV-XVI secolo

Sì (caduto, ma alto 6 m)

Ras Bar Balla

Somalia

XIV-XVI secolo

Sì, 1

Veko

Somalia

XIV-XVI secolo

No / forse (un pilastro caduto senza contesto)

Mogadiscio

Somalia

XIII-XIV secolo

 

Songo Mnara

Tanzania

XIV-XVI secolo

Tongoni - (Isola di Zanzibar)

Tanzania

XIV-XV secolo

Sì, ancora)

Kaole - (a sud di Bagamoyo, nei pressi di Dar es Salaam)

Tanzania

XII-XV secolo

Zanzibar

Tanzania

?

No

Kilva - (Kisiwani)

Tanzania

XIII-XVIII secolo

No

Kunduchi

Tanzania

XV-XVII secolo

Sì (con piastre da incasso)

Mzizima - (Dar es Salaam)

Tanzania

XIV-XV secolo

 

Caratteristiche delle tombe sulla costa swahili

                               Le tombe swahili sono tipicamente descritte come monumentali e costruite in pietra; ma entrambe le affermazioni e le loro connotazioni necessitano di un'attenta considerazione. Il materiale utilizzato per la costruzione delle tombe era lo stesso delle moschee e delle case, cioè "pezzi di corallo posti in malta di calce e terra, con superfici intonacate e corallo tagliato utilizzato per bordi fini". L'uso dello stesso materiale ha fatto sì che l'architettura delle tombe fosse quindi interconnessa con il tessuto dell'ambiente urbano vivente della città, colmando il divario tra ciò che oggi potremmo classificare come architettura residenziale e mortuaria. Le tombe potrebbero essere classificate come monumentali in quanto devono essersi distinte nel loro contesto culturale tra la maggior parte delle tombe, e hanno superato la loro funzione "pratica" in scala ed elaborazione, sebbene investire nella costruzione di una tomba avrebbe potuto essere una necessità sociale con implicazioni molto tangibili per i vivi.
Le tombe del XIII-XVII secolo erano generalmente composte da un cenotafio principale fuori terra, sotto il quale era sepolto il defunto. Fin dall'inizio, le sepolture swahili mostrano la conformità con le usanze mortuarie islamiche generali, come il loro orientamento a nord o nord-est, di solito tra 345° e 35° che nell'Africa orientale è la direzione verso la Mecca, e la sepoltura del corpo senza bara sul lato destro, spesso per affrontare la Qibla di una moschea vicina. I beni tombali sono rari, il che è conforme alla più ampia pratica islamica che afferma anche che non dovrebbero esserci segni di tomba. Tuttavia, si sono sviluppate molte tradizioni regionali e varietà nella costruzione di tombe musulmane, specialmente al di fuori del Vicino Oriente, e solo poche usanze islamiche africane sono state conosciute per prendere indicazioni dagli Hadith. È possibile che il panno sia stato utilizzato come tipo di corredo funerario in contesti mortuari, poiché è stato un'importante importazione in Africa orientale dall'India durante l'intera storia documentata, ma nessun tessuto è stato recuperato archeologicamente a causa di fattori di conservazione. Sulla base di studi di casi dell'arcipelago di Lamu e di tradizioni orali registrate, le tombe in pietra probabilmente non erano riservate a individui di un particolare sesso o età.
L'orientamento della tomba potrebbe non rispettare l'orientamento del corpo sepolto, perché le sovrastrutture venivano spesso aggiunte molto tempo dopo che il corpo era stato sepolto. La struttura fuori terra più comune presenta un muretto a quattro lati, generalmente a pianta rettangolare, sebbene ci siano anche alcuni esempi quadrati, ad esempio a Kongo, località nota anche come Tiwi, in Kenya. Una o più pareti della tomba possono essere decorate o rivestite. Uno stile particolarmente comune sono le cosiddette tombe a gradini, che, come suggerisce il nome, hanno i muri di cinta tagliati a gradini. Tutte le pareti potrebbero essere riccamente decorate con intagli e iscrizioni, ad esempio Ishakani in Kenya, ma questo è piuttosto raro. Le iscrizioni tombali, se presenti, comunicano il sesso, lo stato o l'occupazione del defunto; possono rivendicare la proprietà, l'origine e l'etnia. La decorazione più prominente è solitamente riservata al muro principale della tomba, che è generalmente il lato orientale. Questo potrebbe contenere da uno a tre elementi, come nicchie decorative poco profonde, pannelli, iscrizioni, una serie di superfici incassate o nicchie per l'esposizione di porcellane cinesi importate o bruciatori di incenso.

Caratteristiche delle tombe a pilastro.
Le tombe a pilastro potrebbero contenere iscrizioni, ciotole di porcellana, nicchie o intagli sul pilastro stesso. L'uso di ceramiche importate come la porcellana cinese per inserti permanenti che adornano il pilastro era probabilmente la pratica più comune. Alcune tombe a pilastro avevano caratteristiche "simili a camini" che erano probabilmente usate per bruciare l'incenso, ad esempio a Wasini, in Kenya. Il pilastro può essere di varie altezze, ma di solito è alto tra i 3 e gli 8 m. Il pilastro più alto conosciuto (ora crollato) si trovava probabilmente a Mambrui, in Kenya, e poteva essere alto 15 metri. Il pilastro può essere rotondo, quadrato, poligonale o scanalato. È interessante notare che se più di una tomba a pilastro è presente in un singolo sito, allora nessun pilastro sembra avere lo stesso design, ad esempio Gedi e Omwe in Kenya o Ras Kiambone in Somalia.
Le prime tombe a pilastro potrebbero essere state costruite intorno al XIII secolo, 1 o 2 secoli dopo l'apparizione del più ampio fenomeno della costruzione di tombe. Per la costa settentrionale del Kenya, su 75 tombe il 22% presentava un pilastro. È difficile anticipare una periodizzazione riguardante la popolarità di alcuni tipi di elementi decorativi, ma potrebbero esserci state alcune tendenze generali. Tutti i tipi di pilastri erano in uso almeno dal XV secolo, il periodo del XV e XVI secolo rappresentava la più grande varietà e popolarità del loro uso. La porcellana ha sostituito la decorazione intagliata su scala più ampia nel XVII o XVIII secolo, ma anche nel XVI secolo le imitazioni portoghesi della porcellana erano popolari nei contesti mortuari. Si ritiene che l'uso delle tombe a pilastro scomparve su larga scala all'inizio del XVII secolo e ciò viene attribuito alla crescente ortodossia della società. Tuttavia, sulla maggior parte dei siti con tombe la datazione è incerta, perché molti di questi siti sono stati riutilizzati per secoli per offerte rituali e commemorative e registrati archeologicamente solo sulla base del rilevamento della superficie. Quindi, i ritrovamenti in superficie sono per lo più associati a questi periodi successivi, ad esempio a Mwana o Kiunga in Kenya.

Lo scopo e il significato delle tombe a pilastro.
Nel XIII secolo, che è il momento in cui compaiono le tombe a pilastro, la pratica musulmana di onorare le tombe dei santi si diffuse. Tuttavia, in un certo numero di regioni islamiche in tutta l'Africa, dove sono note tombe monumentali, in genere assumono la forma di una struttura a cupola o "kubba". Questi sono stati registrati, ad esempio, tra i Beja in Sudan dal 13° al 14° secolo, in Egitto, nella Valle del Nilo centrale e settentrionale e in Eritrea. Tombe monumentali a cupola si trovano in contesti urbani in altre comunità dell'Africa orientale come tra i Merina dell'entroterra del Madagascar, dove vengono utilizzate per rivendicare la discendenza e la proprietà della terra. Questi erano noti luoghi di pellegrinaggio e commemorazione e in modo simile alle tombe a pilastro swahili, ad esempio a Mbaraki (Mombasa) e Takwa (Isola di Manda), a lungo venerati come luoghi di potere spirituale e fonte di protezione. Sebbene tali pratiche non siano generalmente presenti nell'Islam ortodosso, sono comuni in molte comunità musulmane in tutto il mondo. Sebbene le tombe a cupola fossero note anche in un certo numero di siti sulla costa swahili, potremmo chiederci perché in particolare l'uso dei pilastri divenne più diffuso qui.
Alcuni sostengono che le tombe a pilastro rappresentano i resti di un culto a pilastro preislamico. Nelle comunità geograficamente vicine agli Swahili, potremmo rintracciare l'uso di pilastri in contesti mortuari, ad esempio sui siti islamici in Madagascar come Vohemar, siti yemeniti dell'Arabia meridionale e tra i non musulmani Mijikenda dell'entroterra del Kenya che ha segnato sepolture con pilastrini. Più indietro nel tempo, monoliti di pietra di varie dimensioni sono spesso presenti nei tumuli funerari del Neolitico pastorale e in altre forme di complessi "megalitici" intorno al Lago Turkana e altrove a sud lungo la Rift Valley centrale e ai suoi margini. Sebbene la loro relazione con le pratiche dell'era swahili sia piuttosto tenue, indicano l'esistenza di una tradizione regionale di lunga data che potrebbe aver risuonato con i gruppi pastorali più settentrionali che alcuni ricercatori sostengono abbiano contribuito alla formazione iniziale di un'identità swahili.
Altrove nella regione, negli altopiani del Madagascar, le pietre erette sono state utilizzate come manifestazione dell'ascendenza locale e della storia delle interazioni e delle transazioni sociali. Altri ricercatori hanno tracciato parallelismi con i monumenti fallici del Corno d'Africa, e questi sono noti anche come contesti mortuari, ad esempio a Tutu Fella e Tututi nell'Etiopia meridionale e Aw-Barkhadle nel Somaliland; tuttavia, questi pilastri sono solitamente più piccoli di quelli che si trovano in contesti swahili e più numerosi che si verificano in tutto il cimitero, e non solo utilizzati selettivamente per individui specifici. Inoltre, non si trovano nello stesso tipo di contesto urbano dei siti swahili. Monumentali stele / monoliti scolpiti erano diffusi come segni di sepolture d'élite ad Aksum in Etiopia. Stele commemorative scolpite sono state registrate anche nell'Africa occidentale islamica, in particolare dal XII al XIV secolo a Gao in Mali, che furono importate su lunghe distanze dall'attuale Spagna. Le ispirazioni al di fuori dell'Africa potrebbero aver incluso progetti di pilastri conosciuti dal subcontinente indiano e monumenti dell'India occidentale o tombe persiane con torri. Se il fattore chiave nella costruzione delle prime tombe a pilastro era l'influenza proveniente dall'Africa nord-orientale, dalle aree interne lungo la Rift Valley, dalla più ampia zona del Mar Rosso e/o dall'Oceano Indiano, e considerando il fatto che gli Swahili commerciavano lungo la costa, allora forse potremmo aspettarci che le prime tombe a pilastro si trovassero a nord della costa swahili e in seguito si diffondessero più a sud. Non è così, e poiché le prime tombe a pilastro compaiono più o meno simultaneamente in Kenya e Tanzania, rappresentano più probabilmente uno sviluppo costiero locale che ha rapidamente guadagnato popolarità, forse basandosi sugli sforzi precedenti per ottenere una maggiore monumentalità e visibilità per le strutture mortuarie. Ciò è ulteriormente supportato dal fatto che le prime tombe, come quella di Shanga, sembrano avere sovrastrutture piccole e semplici, che sono diventate gradualmente più grandi e complesse.
Per derivare le origini e lo scopo delle tombe a pilastro, alcuni autori si sono concentrati sulla funzione successiva di questa architettura mortuaria e per lo più hanno concluso che fosse imperniata su pratiche commemorative, rivendicazioni di successione ereditaria, discendenza di un gruppo e proprietà della terra. L'uso di ceramiche importate inserite nei pilastri e l'ornamento generale delle tombe potrebbe essere visto come una variazione sulla visualizzazione della ricchezza e commemorazione degli antenati, che ha anche paralleli con altre società islamiche nell'Africa orientale e nord-orientale, ad esempio sulle Isole Dahlak al largo della costa eritrea dove sono note tombe a cupola con sovrastrutture iscritte, tappeti decorativi e uso di incensieri. Tuttavia, l'inserimento di ceramiche importate sui pilastri potrebbe anche essere visto come un riferimento ai collegamenti con terre straniere. Paralleli possono essere trovati nel modo in cui la ceramica islamica è stata utilizzata, ad esempio, come inserti nelle facciate e nei pulpiti delle chiese cristiane in Italia e in Grecia dall'XI al XV secolo. Si è sostenuto che l'importanza delle tombe come luoghi di venerazione degli antenati si sovrapponga più o meno alle affermazioni di potere e alla tradizione musulmana di adorare luoghi legati a particolari santi e leader sociali. Per iniziare a rispondere al motivo per cui le tombe a pilastro sono apparse più tardi di altre tombe e tuttavia sono diventate così diffuse sulla costa, possiamo almeno dedurre che nel XIII secolo deve essere sorta una necessità sociale per questo tipo di espressione materiale.
Altresì l'idea che la posizione centrale del cimitero nello spazio urbano deve essere stata importante fin dalle prime date. Questo aspetto è supportato da dati etnografici sulle attività dei siti, che associano le tombe a raduni e rituali pubblici e alle storie orali del movimento delle persone lungo la costa. 

Visibilità.
"Visibilità" qui definita come una delle rappresentazioni della monumentalità. L'altezza delle tombe a pilastro è l'aspetto più evidente delle loro dimensioni e il più rilevante in un ambiente urbano dove le rende molto più visibili da una maggiore distanza o oltre i muri degli edifici. Il loro impatto visivo esterno è in qualche modo in contrasto con la guida generale dell'Islam, che promuove umili sepolture. Sebbene in molte culture musulmane la monumentalità sia tollerata per le tombe di santi, martiri e leader, l'accento swahili sulle tombe monumentali direttamente nei contesti urbani supporta l'idea che avesse un significato più complesso oltre a rappresentare un luogo di potere spirituale. Ciò è ulteriormente supportato dal fatto che le sovrastrutture delle tombe potrebbero essere state costruite qualche tempo dopo la sepoltura, e quindi non erano correlate all'evento del funerale, sebbene la futura costruzione di una tomba in un certo luogo doveva essere stato pianificato quando il defunto fu sepolto. È stato suggerito molte volte che lo scopo della monumentalità delle tombe swahili fosse la commemorazione degli antenati, una pratica associata a processioni, eventi pubblici e dimostrazione di fedeltà e potere, simile alla rivisitazione rituale di tombe monumentali in altre comunità musulmane.
Monumentalità nella forma unica delle tombe a pilastro e la loro popolarità dimostrata dal fatto che sulla costa settentrionale del Kenya quasi il 25% delle tombe in pietra registrate sono tombe a pilastro, potrebbe essere spiegato nel contesto dell'ambiente costruito. Poiché le tombe si sono aggiunte ai paesaggi urbani in rapido sviluppo, potrebbe essere stato che solo un pilastro potesse renderle visibili da lontano. Il predominio visivo dell'altezza dei pilastri, che sovrasta le persone e la maggior parte degli edifici, deve aver giocato un ruolo importante. Se consideriamo le tombe a pilastro che erano posizionate direttamente accanto agli edifici e dove l'accesso per le persone oltre agli occupanti avrebbe potuto essere limitato (ad esempio nel complesso del palazzo a Gedi), la visibilità e la consapevolezza della presenza della tomba piuttosto che l'accesso fisico a quel monumento potrebbe aver trasmesso messaggi diversi a seconda del contesto spaziale e situazionale. A volte, le tombe a pilastro potevano essere intese come spazi molto privati per i parenti del defunto.
L'aspetto della visibilità delle tombe a pilastro è già stato evidenziato da alcuni ricercatori, che però lo hanno spiegato come motivato da obiettivi pratici, principalmente la navigazione e l'individuazione di strade. Ci sono un certo numero di siti in cui sono state costruite tombe su un terreno rialzato naturale sopra l'insediamento come a Dondo e Shaka, entrambi in Kenya. È stato suggerito che in alcuni di questi luoghi dove le tombe a pilastro potevano essere visibili dal mare, servivano a scopi di navigazione, come a Ras Kiambone e Myaandi in Somalia. Anche il pilastro dominante di Mbaraki accanto alla moschea Kilindini a Mombasa è associato alle tombe. È alto 14 m ed è l'unico esempio cavo tra i pilastri swahili. Lo scopo per cui è stato costruito rimane piuttosto oscuro, anche se sappiamo che non doveva essere scalato come una torre o un minareto. Nel Kenya meridionale, le tombe erano conosciute come "alama", che significa uno stendardo, possibilmente facendo una dichiarazione chiaramente visibile di fedeltà al gruppo. Più recentemente, è stato sostenuto che alcune parti delle città swahili, dove un cimitero sorgeva vicino a un potenziale approdo o porto, l'accesso diretto agli spazi mortuari dal mare significa che avrebbero potuto essere una loro destinazione.
Tuttavia, le tombe con pilastri nel contesto urbano furono costruite sia sulle colline che nel sottosuolo, in gruppo o in isolamento, e su tutti i tipi di siti con ancoraggio buono, cattivo o assente, come a Gedi e Ishakani in Kenya. Eppure doveva esistere un ruolo culturale generale che spiegasse la tradizione diffusa nella loro possibile collocazione nel contesto urbano e ad alta visibilità, perché erano universalmente riconoscibili lungo tutta la costa, costruiti per essere visti e dovevano essere prontamente interpretati in modo coerente. Le tombe a pilastro possono essere intese come una sorta di marker culturale, che in alcuni luoghi aveva lo scopo di comunicare a un pubblico più ampio e distante, visibile non solo da alcune case o parti della città ma anche dal mare. Potrebbe aver testimoniato le relazioni tra i vivi ei loro antenati sepolti localmente, e quindi di lunga data. Sembra logico, quindi, che la combinazione di un monumento funerario correlato all'ascendenza e una delimitazione del terreno sotto forma di un pilastro possa rappresentare una componente importante nella creazione di luoghi.

Posizionamento all'interno di paesaggi urbani e identità.
I risultati di una serie di studi etnografici dal XIX secolo in poi suggeriscono che l'identità swahili è stata notevolmente fluida, basata su affiliazioni e lealtà personali e di gruppo, che non si basano sul luogo di nascita, ma sulla residenza condivisa, cioè sul fatto che le persone condividono le loro vite come abitanti della costa. Inoltre, la più ampia realtà quotidiana della vita sulla costa, caratterizzata da continui incontri e riferimenti ad altre culture di tutto l'Oceano Indiano, soprattutto a partire dal XIII secolo, quando questi contatti si intensificarono, deve avere un forte bisogno di affermazioni di identità di gruppo, stato sentito da persone che vogliono sottolineare la particolarità delle loro città natale sulla costa. Si può sostenere che l'architettura pubblica di carattere monumentale è uno dei mezzi più efficaci per fornire identità di gruppo contro "la crescente eterogeneità linguistica, etnica, sociale ed economica". Altrove nell'Oceano Indiano nel XIX secolo, si sa che le persone collegavano le tombe con la patria e l'identità. In altre parole, le tombe a pilastro altamente visibili erano rilevanti come sfondo ambientale quotidiano per il movimento e gli incontri che si svolgevano intorno alla città. La grande varietà dell'aspetto esterno e della decorazione delle tombe a pilastro probabilmente ne favorì ulteriormente la memorabilità. Questo spiega perché nei siti in cui furono gradualmente aggiunte più tombe a pilastro, i loro costruttori tendevano a optare per progetti diversi da quelli già presenti nella città. Il posizionamento disperso piuttosto che concentrato di tombe a pilastro all'interno delle città che presentano molteplici esempi di tombe a pilastro potrebbe aver assicurato l'interazione tra parti della società per le quali l'interazione diretta era normalmente rara e strutturalmente irregolare, come i ricchi e i poveri.
Questo concetto di identità e stile di vita, se si estende più indietro nella storia, potrebbe riflettersi nelle usanze di sepoltura del passato, come la divisione delle tombe in gruppi in un cimitero a Shanga che potrebbe aver rappresentato singoli clan o possibile esibizione pubblica associata a successive sepolture aggiuntive nelle tombe a Songo Mnara. Inoltre, in una società intraprendente queste pratiche potrebbero essere utilizzate per "creare" parenti attivamente, o per legare insieme parenti più lontani (che potrebbero provenire da una città diversa) come persone sepolte insieme che ora hanno antenati locali. Diversi legami di patronato e fedeltà sono spesso fatti intorno a eventi funebri in Africa, e in particolare la prominente tomba a pilastro potrebbe aver aggiunto un ricordo materiale permanente di questi. Le tombe a pilastro quindi potrebbero essere servite come un punto di riferimento spaziale molto efficace all'interno dei paesaggi urbani locali su cui costruire relazioni sociali.

La mia ricerca personale conduce unicamente all'interpretazione delle tombe pilastro se non a veri e propri monumenti fallici, quantomeno ad affermazioni di potere che i sultani avevano sui locali, spesso ritenuti e trattati come schiavi. Non a caso a Malindi, Mambrui e Gedi erano luoghi di deportazione del popolo swahili verso i paesi arabi ed in cui questi "pilastri"  ben visibili dal mare erano segnali di sicuro approdo per i commercianti di schiavi.

Rovine di Chwaka
Sull'Isola di Pemba (Tanzania), a circa 1,5 km a sud-est del grande villaggio di Tumbe, distese tra palme e campi di manioca, sorgono le rovine di Chwaka, costituite da due siti separati, le tombe Mazrui risalenti al XVII secolo e il sito principale di Haruni, i resti di una città che esisteva dall'XI al XV secolo.
I sondaggi archeologici mostrano che Chwaka iniziò come un piccolo villaggio e si sviluppò in una grande città densamente popolata. I modelli di popolazione mostrano che mentre Chwaka cresceva, le aree circostanti diventavano meno popolate, suggerendo un movimento di persone dalle campagne alle città.
La città deve il nome a Harun Bin Ali, figlio di Mkame Ndume de Pujini, crudele quanto il padre. Si dice che la struttura colonnata quasi intatta accanto alla Friday Mosque, un eccellente esempio di tomba a pilastro swahili, sia la sua tomba, ma è molto improbabile.
Secondo una leggenda locale Mkame Ndume era un notabile molto crudele che visse nella zona nel XV secolo. Il suo nome significa "il castratore", in riferimento alla premurosa abitudine che aveva di mutilare coloro che non amava. Sembra che i portoghesi lo abbiano ucciso. La moglie di suo figlio aveva fatto costruire una piccola moschea (msikiti ya chiroko) vicino alla loro casa per evitare che suo marito dovesse toccare altre donne andando oltre la preghiera. Aveva poi tagliato le braccia del muratore che l'aveva costruita, in modo che non potesse costruire un'altra moschea altrove, come suo marito aveva appena richiesto. I membri della tribù del muratore, venuti a conoscenza del crudele atto, dal vicino Tanga vennero a Chwaka e massacrarono tutti, da cui il nome Ukuta wa Damu dato a un luogo vicino, che significa "muro di sangue". Sul sito sono state trovate iscrizioni dell'inizio del XIII secolo.
Per raggiungere le rovine, prendere la strada principale che corre lungo la costa orientale tra Konde e Chake Chake, e a circa 3 km a sud di Tumbe, svoltare a est su una strada sterrata. Le tombe Mazrui sono a circa 1 km, e Haruni dopo altri 1,5 km. Le rovine da sole possono attrarre solo gli storici appassionati, ma questo è anche un bel posto per una passeggiata attraverso i campi su una collinetta con vista sulla baia. Qui un tempo sorgeva un forte, da dove i Mazrui di Mombasa (un clan di origine omanita) governavano la zona.

Rovine di Kaole
Kaole è una cittadina della Tanzania, situata sulla costa dell'Oceano Indiano, a sud di Bagamoyo, nei pressi di Dar es Salaam. Il luogo è noto soprattutto per il suo interesse archeologico: vi si trovano le rovine di un complesso di edifici che testimoniano la presenza di una comunità shirazi (islamica) sviluppatasi fra il XIII e il XVI secolo. Tra questi edifici c'è quella che si ritiene essere la più antica moschea dell'Africa orientale. La città, fondata nel XIII secolo, si chiamava originariamente Pumbuji. Nel XVI secolo, con l'arrivo dei Portoghesi, iniziò a declinare, e fu in seguito abbandonata. Le popolazioni Zaramo della zona ribattezzarono successivamente il luogo Kalole, letteralmente "vai a vedere", evidentemente con riferimento allo spettacolo delle rovine. Dopo l'abbandono, gran parte dell'antica città shirazi è andata distrutta dall'umidità o dall'avanzare della fitta vegetazione di mangrovie.
Il complesso archeologico è costituito da due moschee e 30 tombe, datate intorno al XIII secolo; la moschea più antica delle due è considerata la più antica dell'intera Africa orientale. Le tombe sono in pietra corallina, con colonne di pietra; secondo la tradizione sarebbero i sepolcri dei reggenti locali, discendenti di Ali Muhamad al-Hatim al-Barawi. Le rovine furono studiate per la prima volta dall'inglese Neville Chittick intorno al 1958.
Il complesso archeologico comprende anche un piccolo museo dove sono contenuti alcuni manufatti trovati nelle rovine e nei resti delle tombe, come vasellame, lampade ad olio e altri oggetti di uso comune, alcuni provenienti dalla Cina.




poggiante sulla sommità dei gradini a cinque alzate

 

small tombstone - piccola lapide

 

stone tomb - tomba di pietra

 

recesso - cavità a fondo cieco